I 60 anni di concerti di Uto Ughi

Ieri alla Sapienza di Roma per la stagione organizzata dalla IUC (Istituzione Universitaria dei concerti, il violinista Uto Ughi ha tenuto un concerto che crediamo molto significativo, infatti era il 2 Aprile 1959 e all’età di 15 anni il giovane Ughi si è esibito alla Sapienza per la prima volta.

Ed io ho saputo dell’esistenza di Uto Ughi alla fine degli anni ’70, attraverso la televisione, all’inizio della mia passione per la musica classica. Mi colpirono i suo garbo e il suo modo di approcciare il violino. Ricordo ancora in una intervista quando nello spiegare che gli studi quotidiani li eseguiva su un violino moderno, ne definì “acidino” il suono, paragonato agli strumenti antichi, poi riprese a suonare ed io rimasi affascinato.

Del liutaio che costruì quel violino “acidino” non no ho mai conosciuto il nome, ma il fatto che Ughi mostrasse di non avere timori reverenziali di fronte a nessun strumento, antico o moderno che fosse, me lo rese ancora più gradito.

Leggi tutto “I 60 anni di concerti di Uto Ughi”

Il fuoco di Carolin Widmann

Se c’è un’immagine che posso associare alla figura della violinista Carolin Widmann è quella del fuoco, per la sua irresistibile capacità di coinvolgere il pubblico in quello che ritengo essere stato un concerto straordinario (a cura della IUC, Istituzione Universitaria dei Concerti).

La Widmann ha eseguito sonate per violino e pianoforte di Schumann, Debussy, Veress, accompagnata da Dénes Várjon, suonando un violino di Giovanni Battista Guadagnini del 1782.

Il fuoco, dicevamo, e come potrebbe essere definita altrimenti una violinista dalle eccezionali capacità espressive in grado di interpretare in maniera superba un repertorio tanto impegnativo come quello romantico e moderno?

Leggi tutto “Il fuoco di Carolin Widmann”

Gil Shaham e il concerto per un angelo.

Giovedi scorso si è esibito con l’orchestra di Santa Cecilia il violinista Gil Shaham, che lo ha visto protagonista del concerto per violino di Alban Berg. Un concerto impegnativo sotto tutti i punti di vista, sia per l’interprete, che deve affrontare difficoltà tecniche ed espressive non comuni, sia per il pubblico, che davanti ad opere del pensiero dodecafonico si vede spesso disorientato.

Ma non ho mai creduto che siano le dissonanze e le imperve armonie della dodecafonia a scoraggiare i più dall’ascolto di questo tipo di musica, bensì è il fatto che le persone non sanno quasi mai che quadro rappresentarsi in questi casi. E’ un problema educativo, non di difficoltà di accesso.

Leggi tutto “Gil Shaham e il concerto per un angelo.”

Firenze: a Palazzo Pitti Concerto di Natale e presentazione del CD “From Florence to Europe”

A completare la magia dell’atmosfera natalizia, torna la grande musica tra i cristalli di una delle sale più celebri del patrimonio culturale italiano.
Domani, 14 dicembre, alle ore 16, un doppio evento contribuirà ad illuminare la Sala Bianca di Palazzo Pitti: un concerto di giovani eccellenze sostenute dall’Associazione Culturale Musica con le Ali e la presentazione del CD “From Florence to Europe”. 

Protagonisti del Concerto di Natale – frutto della collaborazione fra la Fondazione Enzo Hruby di Milano, l’Associazione Musica con le Ali, e le Gallerie degli Uffizi-  saranno Giulia Attili, giovane violoncellista sostenuta dall’Associazione Musica con le Ali, e il Quartetto Lyskamm che dal momento della fondazione nel 2008, ha raggiunto in breve la notorietà grazie al talento dei suoi musicisti: Cecilia Ziano (violino), Clara Franziska Schötensack (violino), Francesca Piccioni (viola) e Giorgio Casati (violoncello). In programma il Quartetto per archi in re minore K. 421 di Mozart e il Quintetto per archi in do maggiore op. 163 D. 956 di Schubert.

Il CD “From Florence to Europe” contiene gli estratti dei concerti tenuti lo scorso novembre a Palazzo Pitti: brani di Tchaikovsky, Brahms, Schumann e Janacek eseguiti dai giovani talenti di Musica con le Ali che si sono esibiti durante il Festival: Lucilla Rose Mariotti (violino), MartinaConsonni (pianoforte), Emma Pestugia (pianoforte), Giulia Attili (violoncello), Quartetto WertherEricaPiccotti (violoncello) e Lavinia Bertulli (pianoforte). Con loro anche gli affermati pianisti Roberto Arosio e Filippo Gamba, e l’Orchestra Senzaspine di Bologna diretta da FabioConocchiella.

L’opera è impreziosita dal brano “Concerto Rotondo” di Giovanni Sollima: il violoncellista ha aderito al progetto offrendo l’esecuzione di una sua composizione molto suggestiva, effettuando la registrazione proprio nella Sala Bianca degli Stucchi di Palazzo Pitti.
L’iniziativa è stata realizzata grazie a BartokStudio, a Raffaele Cacciola – Producer e Direttore Artistico per Giovanni Sollima – con la regia di Christian Frattima e la collaborazione di AlbertoChines.
Il CD sarà in vendita in esclusiva nei bookshop delle Gallerie degli Uffizi e degli altri musei di Firenze.
“Dopo il grande successo del Festival “Da Firenze all’Europa – dichiara Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi – sono lieto di annunciare questo emozionante concerto, che al perfetto connubio tra arte e musica che contraddistingue il Festival aggiunge il tocco magico del Natale. Con questo concerto e con questo CD desidero augurare Buone Feste a tutti i numerosi visitatori di Palazzo Pitti”.

“L’incontro tra le opere più straordinarie del nostro patrimonio culturale e la grande musica – dichiara Carlo Hruby, Vice Presidente della Fondazione Enzo Hruby e Presidente dell’Associazione Musica con le Ali – rappresenta un connubio vincente che fa vivere con intensità entrambe le arti, grazie al talento dei giovani interpreti che si esibiscono in questa meravigliosa sala e che contribuiscono a promuovere i nostri beni culturali e il valore della musica classica. Siamo molto soddisfatti di trasmettere questa testimonianza ai visitatori di Palazzo Pitti e di condividere con loro la gioia della festa più bella dell’anno con questo concerto e con questo CD”.

E’ possibile assistere al Concerto di Natale e alla presentazione del CD presentando il regolare biglietto di ingresso a Palazzo Pitti, fino ad esaurimento posti.

Grazia Rondini  http://www.lachiavediviolino.net

Il canto di Anna Tifu

Per il terzo concerto della stagione “Minerva” presso l’Aula Magna della Sapienza (I.U.C. Istituzione Universitaria dei Concerti), ieri sera si è esibita la violinista Anna Tifu con il suo splendido “Marechal Berthier”, uno Stradivari del 1716, con musiche di Prokof’ev, Schumann, Chausson e Ravel (per il programma completo vedere qui), accompagnata dal pianista Julien Quentin.

Anna Tifu è una violinista particolare, non ama il virtuosismo fine a sé stesso, e pur possedendo qualità tecniche che le consentono di affrontare con agilità qualsiasi repertorio, le sue scelte sono spesso dirette su quei brani che le consentono di creare atmosfere di grande intensità lirica.

Cioè a dire che le pur impervie difficoltà tecniche di compositori come Paganini o De Sarasate, a volte servono per nascondere una certa povertà di ispirazione ed il canto che ne risulta è spesso privo di colore.

E se poi si pensasse per assurdo che Prokof’ev e Schumann siano scelte di comodo, solo un folle può arrivare a pensarlo, perché bisogna comunque possedere doti interpretative non comuni.

Per farla breve, far cantare un violino è una delle cose più difficili perché richiede una grande padronanza dell’arco, specialmente pensando ai pur talentuosi violinisti di scuola orientale, a nostro avviso piuttosto noiosi.

Il gesto violinistico di Anna Tifu è apparso sempre sicuro e ben calibrato, la voce del suo “Marechal Berthier” perfetta ed esemplare, ed ancora una volta, semmai servissero ulteriori conferme, essa resta un riferimento per quei liutai che oltre a costruire strumenti, avessero in proposito di perseguire bontà di timbro e ricchezza di armonici.

Alexandre Berthier fu un generale francese che condusse una guerra vittoriosa in Spagna, nel bottino di guerra vi era compreso questo violino di Stradivari costruito nell’anno 1716, costruito per la corte spagnola, e che Napoleone Bonaparte gli donò per compensarlo dei suoi buoni servigi.

Niente di questo violino può essere considerato fuori posto: la sua quarta corda, così ricca e dinamica, che esprime “quel” timbro che ha fatto storia fin da quando lo strumento fu trasformato da barocco in moderno e l’equlibrio tra le quattro corde, che lascia sempre libero il musicista di poter suonare senza fallo qualsiasi musica gli venga in mente di suonare.

Tenuto poi conto che lo strumento veniva suonato, complice il diligente pianismo di Julien Quentin, su uno Steinway gran coda, noto da sempre per l’eccellenza del suo timbro e la generosità dei suoi volumi sonori, Anna Tifu e il suo Stradivari hanno potuto raggiungere ogni angolo della sala senza apparenti difficoltà, anche nel più tenue sussurro.

L’unico appunto che ci sentiamo di fare è sul suono del pianista Julien Quentin, che forse per privilegiare la pur ottima ed eccellente Anna Tifu, è apparso leggermente in penombra rispetto al violino, a scapito di un impasto sonoro che a nostro parere avrebbe potuto essere più colorito e corposo.

Test e fotografie Di Claudio Rampini