Il violino nuovo.

Suonare e costruire i violini
Rispondi
Avatar utente
sullacorda
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 317
Iscritto il: lunedì 17 aprile 2006, 0:00

Messaggio da sullacorda » domenica 23 dicembre 2007, 19:33

secondo me se ne apprezza l'equilibrio. Il suono sembra un po' asciutto ma penso sia dovuto anche al luogo dove è stato registrato, ben diverso dall'altro ascolto. Il suono sembra comuque anche a me preciso e definito sulla qualità e potenza si fa fatica non sapendo bene come è stato registrato.
Le impressioni di chi lo ha suonato come sono? Come lo sente chi lo suona?

Avatar utente
Annie
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 146
Iscritto il: sabato 19 gennaio 2008, 0:00
Località: Alghero
Contatta:

Messaggio da Annie » mercoledì 23 gennaio 2008, 14:46

mi sto facendo una cultura...salto da un topic all'altro come un grillo sugli arbusti. ho letto tutto il "manuale" su come costruire un violino, è molto interessante e ben fatto. avrei una domanda, il violino, può rimanere del colore naturale del legno? oppure la verniciatura incide in qualche modo sulla qualità dello strumento? perchè a guardarlo, prima della verniciatura mi è piaciuto tantissimo

aldeo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1662
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 0:00
Località: Figline Valdarno (fi)

Messaggio da aldeo » mercoledì 23 gennaio 2008, 15:03

la vernice serve principalmente a proteggere il legno. senza verniciatura il legno deperirebbe in brve tempo con gravi ripercussioni estetiche (diverrebbe un grigiastro sporco) e funzionali (crepe, ecc..).
Se uno desidera un violino del colore del legno (o quasi) chiede al liutaio di verniciarlo con una vernice non colorata (semprechè il liutaio sia d'accordo!!)
dice che l'età porta saggezza; la mia deve averla dimenticata da qualche parte!

Avatar utente
Annie
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 146
Iscritto il: sabato 19 gennaio 2008, 0:00
Località: Alghero
Contatta:

Messaggio da Annie » mercoledì 23 gennaio 2008, 15:07

era quello che intendevo, invece della vernice-colore, la vernice neutra, lo so che la vernice protegge il legno, ho fatto la scuola d'arte...qualche nozione ce l'ho. grazie della risposta però

aldeo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1662
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 0:00
Località: Figline Valdarno (fi)

Messaggio da aldeo » mercoledì 23 gennaio 2008, 21:18

Annie ha scritto:era quello che intendevo, invece della vernice-colore, la vernice neutra, lo so che la vernice protegge il legno, ho fatto la scuola d'arte...qualche nozione ce l'ho. grazie della risposta però


Mi cospargo il capo di cenere :lol: :lol: :lol: :lol:
dice che l'età porta saggezza; la mia deve averla dimenticata da qualche parte!

Avatar utente
Annie
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 146
Iscritto il: sabato 19 gennaio 2008, 0:00
Località: Alghero
Contatta:

Messaggio da Annie » mercoledì 23 gennaio 2008, 22:03

no no no....non volevo essere scortese, scusa

aldeo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1662
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 0:00
Località: Figline Valdarno (fi)

Messaggio da aldeo » mercoledì 23 gennaio 2008, 23:22

scherzo!!!!!!! :lol: :lol: :lol:
dice che l'età porta saggezza; la mia deve averla dimenticata da qualche parte!

turi52
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 287
Iscritto il: venerdì 1 febbraio 2008, 0:00
Località: Acireale CT

violino

Messaggio da turi52 » venerdì 1 febbraio 2008, 21:31

ho visto proprio ora la costruzione dei violino. sono turi52 e circa 26 anni fa ho cotruito tre violini ed ho seguito il metodo di costruzione di antonio bagatella che studiò molto i violini dei fratelli amati.Questi violini suonano bene anzi uno l'ho fatto provare ad Uto Ughi alla fine di un concerto che lo stesso fece a CAtania,il quale sapendo che ero un principiante mi ha fatto i complimenti. adesso con uno ci suona mio figlio che è al quarto anno di liceo musicale. Di lavoro faccio l'ebanista restauratore, suono la chitarra elettrica ed il mandolino,e negli ultimi anni mi sono sbizarrito a costruire chitarre elettriche.Ora vorrei tornare alla costruzione di qualche violino che metodi usare?I legni li ho perchè li ho comprati da un liutaio che ha chiuso e sono stagionati da circa 50 anni. Immagina che ho delle tavole di acero marezzato meraviglioso dove si vedono ancora i colpi di ascia per togliere a corteccia.Aspetto una tua risposta grazie Turi52

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11751
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 1 febbraio 2008, 22:17

Se i tuoi violini suonano bene, perchè cambiare metodo? Magari proverei a dare una guardata al libro di Sacconi, in modo da uniformarsi al metodo costruttivo stradivariano-cremonese. Hai qualche foto dei tuoi strumenti?
Anch'io stimo molto lo studio di Bagatella, il quale ha permesso tra i primi di fare un pò di chiarezza sulla liuteria classica.
andante con fuoco

Avatar utente
valternahar
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 305
Iscritto il: lunedì 26 febbraio 2007, 0:00
Località: Milano

Messaggio da valternahar » sabato 2 febbraio 2008, 14:27

Claudio, in un altro topic hai scritto:
"...e ti diro' di piu': e' proprio da come "canta" il legno che si riesce a capire in che modo il violino "vuole" essere fatto."
Come ho già detto sto cercando di fare la tavola e, dopo vari tentativi andati male, quella che sto lavorando ha la venatura molto regolare ma piuttosto larga. La "nota" che emette sotto la sgorbia è più bassa (relativamente alla velocità della sgorbiata) rispetto alle precedenti con venatura più stretta... devo quindi cercare di ottenere uno spessore un po' più forte dei canonici 2,4 mm?
Credo di capire: venatura stretta , "nota alta", spessore minore - venatura larga, "nota bassa", spessore maggiore. Ho interpretato nel modo giusto le tue indicazioni?
Riuscire poi a metterle in pratica è tutta un'altra storia!

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11751
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » sabato 2 febbraio 2008, 18:03

A mio giudizio la tua interpretazione è ottima. Con un pò d'esperienza vedrai che non è affatto difficile. Confermo: una tavola che "canta" la senti dalla leggerezza e dal rumore che produce toccandola o lavorandola.
andante con fuoco

Avatar utente
valternahar
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 305
Iscritto il: lunedì 26 febbraio 2007, 0:00
Località: Milano

Messaggio da valternahar » domenica 3 febbraio 2008, 0:54

Veramente affascinante! Proseguo nel lavoro... grazie!

Avatar utente
valternahar
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 305
Iscritto il: lunedì 26 febbraio 2007, 0:00
Località: Milano

Messaggio da valternahar » venerdì 7 marzo 2008, 9:22

Nuova tavola... :cry: e nuova domanda :D
Sto lavorando su una nuova tavola (che spero di portare a termine finalmente) però ho notato una caratteristica un po' diversa dalle altre.
La venatura presenta delle striature trasversali sottili ma nette. Come dei piccoli tagli, larghi come una vena o comprendenti più vene. Spero che dalla foto si vedano abbastanza.
E' un difetto del legno che può compromettere il lavoro?
Se è così mi restano due alternative... ricominciare da capo una nuova, ennesima tavola, oppure andare avanti con questa, così potrò sempre dire che il violino suona male per colpa del legno! :D
http://picasaweb.google.it/valternahar/Violino

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11751
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 7 marzo 2008, 10:01

Valter, inizia pure un'altra discussione dedicata al tuo violino, altrimenti non si capirà più se in questa discussione si sta parlando del tuo o del mio violino.
andante con fuoco

fiddlerjack
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 10
Iscritto il: martedì 25 marzo 2008, 0:00
Contatta:

Re: Il violino nuovo.

Messaggio da fiddlerjack » mercoledì 26 marzo 2008, 20:20

claudio ha scritto:Ho pensato che potesse essere un'idea interessante quella di seguire passo passo la costruzione di un nuovo strumento, a partire dal disegno della forma fino al montaggio delle corde dopo l'essicazione dell'ultima mano di vernice.
un'idea imbarazzante: non voglio certo portar via il lavoro ai liutai o incitare al fai-da-te, ma non sarebbe bello se qualcuno facesse un breve VIDEO almeno su come si "setta" correttamente un violino? (avvolgere le corde, posizionare il ponte, i piedini, la cordiera, controllare le misure etc) sono piccoli dettagli importanti che col tempo bisogna risistemare e a volte si potrebbe farlo da soli....
io lo comprerei

Rispondi