Mi serve un parere...

Suonare e costruire i violini
liryl86

Mi serve un parere...

Messaggio da liryl86 » venerdì 7 novembre 2008, 23:14

Purtroppo per motivi personali non posso suonare per una settimana.
Mi piange il cuore, purtroppo non ho alternativa.
Secondo voi è grave? quando riprenderò lo strumento in mano avrò molte difficoltà?
Lo chiedo perchè non mi è mai successo di stare una settimana intera senza suonare, l'anno scorso mi venne la febbre e con tutto ciò suonai lo stesso un paio di volte nella settimana che sono stata a letto.
Però questa volta non ho scelta, il mio strumento deve restare "a casa", non posso portarlo con me...
chiedo il vostro parere disinteressato.
Grazie in anticipo a tutti/e.

Avatar utente
Manfio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 842
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da Manfio » sabato 8 novembre 2008, 0:07

Puoi aprofitare il suo tempo per leggere un libro legato al violino o alla musica, ci sono tante. Puoi anche ascoltare nuovi concerti o sonate, o guardare qualche DVD. Hai già visto il DVD "The Art of the Violin"?

liryl86

Messaggio da liryl86 » sabato 8 novembre 2008, 7:03

Manfio ha scritto:Puoi aprofitare il suo tempo per leggere un libro legato al violino o alla musica, ci sono tante. Puoi anche ascoltare nuovi concerti o sonate, o guardare qualche DVD. Hai già visto il DVD "The Art of the Violin"?
No, onestamente! E' interessante? Ascoltare la musica e non "farla" può essere comunque valido?

Avatar utente
Alfredo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1851
Iscritto il: martedì 25 gennaio 2005, 0:00
Località: Italia/Germania
Contatta:

Messaggio da Alfredo » sabato 8 novembre 2008, 8:49

In certi casi bisogna obbligarsi a smettere di suonare e il tuo mi sembra uno di questi.
è una problema molto diffuso tra i musicisti e personalmente non lo vedo come un segnale positivo il fatto che ti venga la febbre quando lasci lo strumento per qualche giorno.
Secondo me bisognerebbe lasciare almeno 10 giorni all'anno.
Prendi questa settimana come un esercizio e vedrai che quando torni riprenderai con più slancio.

sumire
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 179
Iscritto il: sabato 13 ottobre 2007, 0:00
Località: Parma (provincia)

Messaggio da sumire » sabato 8 novembre 2008, 11:33

Alfredo ha scritto: è una problema molto diffuso tra i musicisti e personalmente non lo vedo come un segnale positivo il fatto che ti venga la febbre quando lasci lo strumento per qualche giorno.

Non vorrei sbagliarmi, ma credo che Liryl intendesse che pur essendo malata non aveva smesso di suonare, non che dopo aver smesso di suonare qualche giorno le fosse venuta la febbre.
Comunque concordo: ogni tanto una pausa ci vuole. E non vale solo per il violino.
"The violinist is that peculiarly human phenomenon distilled to a rare potency - half tiger, half poet." - Yehudi Menuhin

hsj
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 692
Iscritto il: giovedì 16 agosto 2007, 0:00

Messaggio da hsj » sabato 8 novembre 2008, 11:41

non e grave non suonare per una settimana! Psicologicamente e molto difficile, lo so bene, ma in termini pratici non c e nessun problema. Quello che succede a me quando mi capita di non suonare per cosi tanto tempo e perdere un pochino l intonazione, ma dopo due o tre giorni ritorna tutto normale.

Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » sabato 8 novembre 2008, 14:27

Forse con lo studio del violino non c'entra niente, ma quando studiavo pianoforte e per cause di forza maggiore stavo fermo qualche giorno, quando riprendevo suonavo meglio.

Poi dicci come è andata quando avrai ricominciato.

nigel
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 560
Iscritto il: domenica 27 luglio 2008, 0:00
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da nigel » sabato 8 novembre 2008, 15:37

horowitz diceva:

se non studio per un giorno me ne accorgo solo io..
se non studio per due giorni se ne accorge anche mia moglie..
se non studio per tre giorni se ne accorge tutto il pubblico..

Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » sabato 8 novembre 2008, 16:29

nigelma ha scritto:horowitz diceva:

se non studio per un giorno me ne accorgo solo io..
se non studio per due giorni se ne accorge anche mia moglie..
se non studio per tre giorni se ne accorge tutto il pubblico..
Molto onorato per l'illustre accostamento :D :D

Avatar utente
Alfredo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1851
Iscritto il: martedì 25 gennaio 2005, 0:00
Località: Italia/Germania
Contatta:

Messaggio da Alfredo » sabato 8 novembre 2008, 19:49

sumire ha scritto:
Alfredo ha scritto: è una problema molto diffuso tra i musicisti e personalmente non lo vedo come un segnale positivo il fatto che ti venga la febbre quando lasci lo strumento per qualche giorno.

Non vorrei sbagliarmi, ma credo che Liryl intendesse che pur essendo malata non aveva smesso di suonare, non che dopo aver smesso di suonare qualche giorno le fosse venuta la febbre.
Comunque concordo: ogni tanto una pausa ci vuole. E non vale solo per il violino.

Hai ragione, ho letto troppo velocemente e ho mischiato le idee.

Allora va bene, con la febbre si suona benissimo...

Laura
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 28
Iscritto il: giovedì 19 giugno 2008, 0:00

Messaggio da Laura » sabato 8 novembre 2008, 20:50

Ciao Liryl,
non preoccuparti se per una settimana non puoi studiare! Lo strumento capirà :lol:
Io penso che non sia un problema molto grave; a me è capitato di stare un periodo senza poter studiare e devo dirti che alcune volte è necessario un periodo di pausa, perchè non appena riprendi sei molto più carica e con molta più voglia di studiare.

Avatar utente
Esteban86
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 676
Iscritto il: sabato 23 giugno 2007, 0:00
Località: Basilicata (la regione dimenticata)
Contatta:

Messaggio da Esteban86 » domenica 9 novembre 2008, 10:58

nigelma ha scritto:horowitz diceva:

se non studio per un giorno me ne accorgo solo io..
se non studio per due giorni se ne accorge anche mia moglie..
se non studio per tre giorni se ne accorge tutto il pubblico..

era Heifetz e la frase originale è:

se resto un giorno senza esercitarmi me ne accorgo solo io,
se sono due giorni se ne accorgono i critici,
se arrivo a tre giorni se ne accorge il pubblico.

ma dice anche "ritengo sacro un giorno settimanale di completo riposo" (Intervista a Jasha Heifetz, Violin Mastery a cura di Frederick Martens, Frederik A. Stokes Company, New York, 1919)
"ha solo quattro misere corde, per tutte le meraviglie del suono!! anche l'uomo ha un cuore solo.............eppure gli basta per tutto!!!!"

Avatar utente
solmirela
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 347
Iscritto il: domenica 4 novembre 2007, 0:00
Contatta:

Messaggio da solmirela » domenica 9 novembre 2008, 13:04

Esteban86 ha scritto:
nigelma ha scritto:horowitz diceva:

se non studio per un giorno me ne accorgo solo io..
se non studio per due giorni se ne accorge anche mia moglie..
se non studio per tre giorni se ne accorge tutto il pubblico..

era Heifetz e la frase originale è:

se resto un giorno senza esercitarmi me ne accorgo solo io,
se sono due giorni se ne accorgono i critici,
se arrivo a tre giorni se ne accorge il pubblico.

ma dice anche "ritengo sacro un giorno settimanale di completo riposo" (Intervista a Jasha Heifetz, Violin Mastery a cura di Frederick Martens, Frederik A. Stokes Company, New York, 1919)
Io sapevo:
se resto un giorno senza esercitarmi me ne accorgo solo io,
se sono due giorni se ne accorgono i critici,
se non studio per tre giorni se ne accorgono anche i miei amici.

Il riposo dallo studio fa bene per pulirsi la mente, ricominciare con più carica ecc.. Però, senza voler fare una gerarchia, ritengo che per i pianisti sia più facile permettersi un giorno settimanale di riposo, oppure star senza suonare una settimana; per noi violinisti la situazione è un po' più delicata. le nostre dita devono stare in continuo allenamento per l'intonazione ecc.. Credo che sia molto più facile accorgersi che un violinista non tocca il violino da tre giorni piuttosto che un pianista che non suona da una settimana...

Avatar utente
cryp
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 452
Iscritto il: mercoledì 11 giugno 2008, 0:00

Messaggio da cryp » domenica 9 novembre 2008, 15:20

Ho fatto un casino.... =___='

In questo posto comunque dicevo che col piano si può stare più tempo senza toccarlo e avere meno difficoltà a ripartire, mentre col violino no, OVVIAMENTE senza discriminare alcuno strumento... sono differenti le variabili in gioco...
Ultima modifica di cryp il mercoledì 12 novembre 2008, 9:34, modificato 2 volte in totale.
La musica è intorno a noi, non bisogna fare altro che ascoltarla.. (August Rush)

Avatar utente
solmirela
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 347
Iscritto il: domenica 4 novembre 2007, 0:00
Contatta:

Messaggio da solmirela » domenica 9 novembre 2008, 15:57

cryp ha scritto:
Questo ovviamente ASSOLUTAMENTE non per dire quale strumento è diffiile o meno o migliore... Solo per dire che magari sono diverse le variabili in gioco ecco..

D'altra parte ci metto molto di più a memorizzare un esercizio per il piano invece che uno per il violino... 8)
Ogni strumento ha le suo difficoltà: anche per me memorizzare un esercizio al piano è più difficile perché, non essendo pianista, non mi è automatico leggere le due voci e far andare insieme le due mani. Detto questo: posso stare un anno senza toccare il pianoforte e poi suonare senza grandi difficoltà Clamenti e Bach che ho portato all'esame di pianoforte complementare 4 anni fa!! Ovviamente più le difficoltà tecniche aumentano, più ci vuole allenamento e assiduità, forse con il violino questi problemi cominciano prima rispetto al piano...

Rispondi