il violino dei sogni

Suonare e costruire i violini
gustu
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 64
Iscritto il: domenica 12 dicembre 2010, 0:00

Messaggio da gustu » domenica 11 dicembre 2011, 12:11

Il violino è sempre quello?
A me è piaciuta assai.
La violinista lo strumento e anche le orchestre!

Avatar utente
Briel
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 115
Iscritto il: lunedì 20 ottobre 2008, 0:00

Messaggio da Briel » domenica 11 dicembre 2011, 12:32

No, non sono sicuro che sia lo stesso violino...
Comunque è possibile, dato che prima di comprare il Molitor nel 2010 lo aveva suonato per un certo tempo, e varie volte in concerto

Avatar utente
masa
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 480
Iscritto il: giovedì 30 novembre 2006, 0:00
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da masa » lunedì 12 dicembre 2011, 1:49

La mia era una battuta.
La Meyers è sicuramente una bravissima violinista (se anche non mi piace del tutto)
Comunque quella trasmissione non valorizzava ne Meyers ne il Molitor. Sarebbe stato molto meglio qualche altro repertorio.
http://www.youtube.com/watch?v=VNNbtR5R68U

lucailmoro
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 6
Iscritto il: domenica 2 ottobre 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da lucailmoro » lunedì 12 dicembre 2011, 16:25

Forse aveva le mani fredde o era troppo orrendo l'arrangiamento.
Sui violini antichi preferirei sentire prevalentemente musica antica.
Il problema è che quando vanno in Tv vogliono "arruffianarsi" il pubblico.

Avatar utente
MarcoSpain
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 134
Iscritto il: sabato 25 aprile 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da MarcoSpain » lunedì 12 dicembre 2011, 16:35

Esteticamente sono innamorato da sempre di Stradivari, ed acusticamente l'esperienza (unica, fino ad oggi) di provare, anche solo per mezz'ora un vero Strad, è stata incredibile.
Non potendo sapere come sia da suonare il Cremonese (da buon cremasco l'ho visto e rivisto dall'età di 7-8 anni almeno una decina di volte), mi decanto per un violino che ho avuto l'opportunità di suonare un paio d'anni fa insieme a mia moglie, abbiamo fatto da "cavia" suonando il doppio di Bach: un Montagnana e un Landolfi, scambiandoci gli strumenti, le parti, gli archi... alla fine mi innamorai del Landolfi, ricordo un suono bellissimo, chiaro, espressivo e con una emissione abbastanza progressiva, che aiutava a tirar fuori il meglio dello strumento.
Un liutaio che non si sente spesso nominare, ma che in quello strumento in particolare ha raggiunto la qualità timbrica di uno Stradivari o di un Amati.

lucailmoro
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 6
Iscritto il: domenica 2 ottobre 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da lucailmoro » lunedì 12 dicembre 2011, 16:45

Rimanendo su summertime :lol: suonato su strumenti d'epoca,
E' uno stradivari?

http://www.youtube.com/watch?v=rIgbyWaU ... 395980F475

Rispondi