Forma PG disegnata con Geogebra

Suonare e costruire i violini
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10504
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 25 febbraio 2013, 12:48

Luca, la distanza del diapason è più che corretta perchè infine corrisponde a quello considerato corretto di 195mm. Tuttavia bisogna considerare che spesso e volentieri nei violini stradivariani esso era di uno o due mm più lungo, e questo dovrebbe essere considerato anche nel disegno della forma. Per eventuali confronti e controlli, consiglierei anche di usare il disegno del Sacconi o magari il libro di Stewart Pollens sulle forme.
andante con fuoco

Luca-
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 48
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2013, 0:00

Messaggio da Luca- » lunedì 25 febbraio 2013, 16:13

Nel libro di Sacconi ci sono due disegni della forma interna con la famosa proporzione aurea.

Nel primo disegno vengono identificati i punti interni alla forma A,B,C etc e le distanze polmoni etc.,
Nel secondo disegno vengono invece trovati i punti per determinare il contorno della forma.

Sarei grato al m' Davide Sora, che sapevo aveva il libro di Stewart Pollens, se potesse darmi le misure degli zocchetti superiori ed inferiori, per intendersi le distanze dei punti D-G e F-E, della forma P, per poter fare dei raffronti.
Grazie a tutti!

Luca

Luca
Ultima modifica di Luca- il domenica 17 novembre 2013, 23:36, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10504
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 25 febbraio 2013, 16:26

Il libro di Sacconi va inteso come integrazione e confronto, cmq io a suo tempo mi sono riferito principalmente al secondo disegno. Alla fine del libro nel catalogo dei cimeli stradivariani sono riportate le misure principali delle varie forme originali, comprese le misure di tutti i blocchetti.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1735
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » martedì 26 febbraio 2013, 11:16

Le misure dei modellini originali dei tasselli della forma "P" datata 25 febbraio 1705 misurati sulle foto del libro di Pollens sono 61.3 x 14,5 in centro e 12 scarso ai lati per quello superiore e 48,5 x 13 in centro e 12 scarso ai lati per quello inferiore.
Sacconi riporta 61,5 x 14,5 e 49 x 13.
Le differenze (minime e trascurabili direi, inoltre abbiamo a che fare con pezzi di legno usurati e mooolto vecchi) potrebbero essere dovute al ritiro della carta del libro, alle diverse condizioni di umidità al momento della misurazione o ai diversi strumenti di misura utilizzati (calibro vs righetto).
Misurare i decimi di mm con queste variabili è una faccenda piuttosto effimera, ma non credo che cotanta precisione abbia una qualche utilità pratica, quindi non c'è da preoccuparsi troppo :wink:


Davide

Luca-
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 48
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2013, 0:00

Messaggio da Luca- » martedì 26 febbraio 2013, 14:06

Grazie Davide, e grazie anche a Claudio.

E' vero che le forme sono usurate dal tanto lavoro, grazie a Dio!!

Luca

Luca-
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 48
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2013, 0:00

Messaggio da Luca- » sabato 2 marzo 2013, 16:59

Le differenze (minime e trascurabili direi, inoltre abbiamo a che fare con pezzi di legno usurati e mooolto vecchi) potrebbero essere dovute al ritiro della carta del libro, alle diverse condizioni di umidità al momento della misurazione o ai diversi strumenti di misura utilizzati (calibro vs righetto).
Misurare i decimi di mm con queste variabili è una faccenda piuttosto effimera, ma non credo che cotanta precisione abbia una qualche utilità pratica, quindi non c'è da preoccuparsi troppo :wink:

Nel rifare il disegno son venute fuori inevitabilmente misure che "tornano" e altre che bisogna far tornare, e' un po' come dormire al freddo con una coperta troppo piccola, la si tira di qua e di la ma qualcosa rimane sempre fuori, questo naturalmente nella mia esperienza. Tuttavia disegnare la forma e' un bel esercizio che ti rende piu'consapevole della logica che e' nascosta dietro una forma interna per violino.

Luca.

Luca-
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 48
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2013, 0:00

Messaggio da Luca- » sabato 2 marzo 2013, 17:06

La prima parte del discorso e ' del m'Davide Sora. Ho provato a riportalo ma non ho ancora capito come si fa correttamente. Scusate.

Luca.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10504
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » domenica 15 novembre 2015, 18:18

Ho aggiornato messagio di apertura di questa discussione con la pubblicazione del link al tutorial per il disegno della forma con Geogebra.
andante con fuoco

Avatar utente
Cecchina
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 99
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Forma PG disegnata con Geogebra

Messaggio da Cecchina » lunedì 29 maggio 2017, 16:33

Ecco l'argomento che mi serve ! Grandioso , grazie Claudio
"Credete che pensi a un dannato violino, quando lo Spirito mi parla e scrivo ciò che mi detta?" L.w.Beethowen ....8O

Rispondi