infeld blu

Suonare e costruire i violini
Rispondi
Avatar utente
ariele
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 122
Iscritto il: lunedì 12 aprile 2010, 0:00
Località: arezzo
Contatta:

infeld blu

Messaggio da ariele » lunedì 12 dicembre 2011, 21:09

dopo aver provato nel tempo dominant, larsen tzigane, infeld rosse con le quali mi sono trovato bene, ho montato le infeld blu con il mi kaplan golden spiral. ho deciso di seguire Claudio che dice che spesso monta queste corde sui suoi strumenti e devo dire che dopo un attimo di paura per il suono che usciva strano, man mano accordando la ricchezza di armonici mi ha impressionato, l'intonazione è chiara, limpida, risuonano nella stanza. l'unica cosa le sento ronzare e questo mi fa stranezza. aspetto che si assestino le ho montate due ore fa ma devo dire che mi sembrano interessanti. riporto la mia esperienza per quelli che come me sono ancora alla ricerca in questo mondo infinito di corde. vi farò sapere le mie impressioni future

Avatar utente
guadagnini91
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 39
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2011, 0:00
Località: Sardegna
Contatta:

Messaggio da guadagnini91 » lunedì 12 dicembre 2011, 23:57

qualcuno sa se il re delle infeld blu ma anche delle infeld rosse è in argento???

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11704
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » martedì 13 dicembre 2011, 0:10

Le Infeld blu per me hanno lo stesso carattere delle Dominant, quindi sono piuttosto "ronzanti", ma hanno un'ottima dinamica e un suono ben definito e preciso.
Non credo che il Re sia in argento.
andante con fuoco

Surreale
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 55
Iscritto il: domenica 21 agosto 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da Surreale » martedì 13 dicembre 2011, 11:46

claudio ha scritto:Le Infeld blu per me hanno lo stesso carattere delle Dominant, quindi sono piuttosto "ronzanti", ma hanno un'ottima dinamica e un suono ben definito e preciso.
Non credo che il Re sia in argento.
Confermo che il re non e' in argento.
Dalla mia esperienza il ronzio tende a diminuire o svanire con la stabilizzazione della corda. Le ho montate piu volte ed ho sempre avuto buoni risultati.

Avatar utente
MarcoSpain
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 134
Iscritto il: sabato 25 aprile 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da MarcoSpain » martedì 13 dicembre 2011, 17:07

Belle corde, le usai durante 2 o 3 anni. Confermo il suono definito e preciso e la buona dinamica, che per me alla fine è la cosa più importante. Personalmente sono convinto che la qualità del suono è sempre meglio darla con il proprio braccio invece che affidarla a una corda "speciale" e costosa. Ripeto, è un'opinione personale e limitata agli strumenti moderni, però per me corde neutre come Dominant, Infeld, o le Vision (da 3-4 anni monto queste ultime, nella loro versione "Titanium Orchestra") oltre a funzionare bene in violini che vanno dal 1700 al 2000, lasciano un sacco di spazio all'interprete di tirar fuori il "proprio" meglio dello strumento, cosa che non apprezzo, personalmente, in altri tipi di corde.

lucailmoro
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 6
Iscritto il: domenica 2 ottobre 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da lucailmoro » martedì 13 dicembre 2011, 17:16

MarcoSpain ha scritto:Personalmente sono convinto che la qualità del suono è sempre meglio darla con il proprio braccio invece che affidarla a una corda "speciale" e costosa.
Dipende anche dallo strumento su cui vanno montate.
Io ho sempre usato le Pirastro Eudoxa e non ho mai cambiato.
Le corde sono un po' come le lamette :lol: Pirastro e Gillette :lol:

Avatar utente
ariele
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 122
Iscritto il: lunedì 12 aprile 2010, 0:00
Località: arezzo
Contatta:

Messaggio da ariele » martedì 13 dicembre 2011, 21:33

l'opportunità di una corda anzichè un'altra secondo me è legata anche al periodo storico personale, essendo studente corde morbide mi hanno dato fino ad ora la possibilità di suonare attenuando un po' quell'asprezza di suono tipica dei pricipianti dandomi piacere, adesso che ho maggior controllo e più margini di azione sullo strumento sposo in pieno quanto ha detto marcospain, tenere corde che suonino bene e pronte a rispondere alle mie intenzioni musicali. e poi per tirar fuori il meglio dallo strumento la cosa migliore è agire su di noi. ... oggi le corde hanno una bella amalgama, sento il suono da lontano (violino suonato da mia figlia ). mi piace. diverso da quello che sento quando suono io. tanta potenza. troppa?!

Rispondi