Prova d'ascolto: dite la vostra!

Suonare e costruire i violini
Rispondi
nigel
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 560
Iscritto il: domenica 27 luglio 2008, 0:00
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da nigel » mercoledì 21 marzo 2012, 12:49

la ciaccona di Kremer in questo video proprio non mi piace.

Strano, di solito Kremer, qualsiasi cosa faccia mi piace.

Quello che mi piace di lui, è che in qualunque sala lo vai a sentire, sembra abbia un suono digitale. Pulito, perfetto. Come essere in un salotto e spingere play sul lettore cd. Favoloso.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10516
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » mercoledì 21 marzo 2012, 13:11

nigel ha scritto:
Quello che mi piace di lui, è che in qualunque sala lo vai a sentire, sembra abbia un suono digitale. Pulito, perfetto. Come essere in un salotto e spingere play sul lettore cd. Favoloso.
Questa che dici non è per me una qualità di cui andare fieri, esso rappresenta una sorta di "suono cinese" del quale è sempre più difficile liberarsi. E di cui io almeno da queste parti tento nel mio piccolo ne prendo le distanze a favore di un suono più umano ed "imperfetto". Kremer inoltre è un esecutore che ha praticato molto spesso i repertori moderni e contemporanei, per cui le sue interpretazioni del classico credo che ne risentano almeno in parte. Ma questi sono aspetti che riguardano l'interpretazione, anche io in genere preferisco esecuzioni della Ciaccona meno ruvide e più vibrate, ma non si può negare che quella di Kremer non abbia un carattere di profonda intimità, assolutamente lontana da ogni effetto speciale a buon mercato. In questi casi bisogna cercare di distinguere il suono dello strumento dalla musica e dal tipo di interpretazione, la cosa è difficile ma credo che sia necessario porvi la necessaria attenzione. In chi frequenta le sale da concerto è sicuramente successo, anche non rendendosene conto, di rimanere più colpito dalla musica che dal suono, oppure più dal suono che dall'esecutore. Non di rado se la musica e l'esecuzione non sono di mio gradimento, il suono resta l'ultima risorsa a cui aggrapparmi per non buttare via una serata. :lol:
andante con fuoco

nigel
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 560
Iscritto il: domenica 27 luglio 2008, 0:00
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da nigel » mercoledì 21 marzo 2012, 13:20

oddio, suono cinese...

non so, forse non mi sono spiegato bene... volevo dire che il suono di Kremer è sempre molto pulito (ora sono almeno 6 anni che non lo sento più dal vivo)

ricordo però, che appena potevo andavo in sala verdi a milano a sentirlo proprio perchè mi piaceva ascoltare questo suono meraviglioso e pulito, che di cinese non ha proprio nulla però.

Io quando vado a sentire un concerto, da violinista che sono, ascolto sia musica che suono, per me è impossibile scindere le due cose.

Questa ciaccona non mi piace non per il suono che a volte è un po crudo, ma proprio perchè non mi piace come viene eseguita la ciaccona, tutto qua.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10516
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » mercoledì 21 marzo 2012, 13:38

Capisco, ma se dici che è come essere in salotto e spingere il play sul lettore cd, come minimo un dubbio a me viene, non tanto su Kremer che è un grande, ma su come percepisci il suono e il tipo di musica che ascolti. Un pò perchè il cd è il prototipo della musica riprodotta meccanicamente, e un pò anche perchè spesso liutai e musicisti fanno riferimento alle registrazioni, anzichè viceversa, dovrebbero essere le registrazioni ad ispirarsi alle esecuzioni dal vivo.
Riguardo la distinzione tra interpretazione, musica e suono, non dico niente di nuovo, le differenze non solo ci sono ma dobbiamo anche imparare a percepirle e a distinguerle. I migliori direttori d'orchestra di solito pongono una grande attenzione proprio sull'aspetto del suono, loro lo chiamano "impasto sonoro" che si articola anche nel cosiddetto "fronte sonoro", ossia quelle qualità del suono che solo un'esecuzione dal vivo può restituire nella sua interezza. Nei solisti l'aspetto dell'interpretazione è spesso prevalente a tutto il resto, ma ovviamente non si prescinde mai dal suono. Ovviamente senza perdere di vista musica ed interpretazione.
andante con fuoco

nigel
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 560
Iscritto il: domenica 27 luglio 2008, 0:00
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da nigel » mercoledì 21 marzo 2012, 14:24

si io per 'digitale' intendo la purezza... mi piace ascoltare un esecutore e sentire un suono bellissimo senza imperfezioni.

poi non so, io lavorando in una buca d'orchestra di un teatro magari ho perso la percezione del suono vero, boh.

io ho fiducia nel mio gusto musicale e di come mi piace sentire un concerto... non so dove stia la ragione e se c'è una ragione eventuale.

con digitale io non penso di denigrare un esecutore, anzi. forse perchè sono uno di quelli che il digitale lo ama, e quando sento delle registrazioni fatte bene, ma veramente bene, godo.

Avatar utente
Paul
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 183
Iscritto il: lunedì 12 aprile 2010, 0:00
Contatta:

Messaggio da Paul » venerdì 23 marzo 2012, 10:27

Ecco qua una serie di concerti per violino in HD da gustare:
per citarne alcuni
Tchaikovsky - Joshua bell
Mendelssohn - Anne Sophie Mutter
Beethoven - Frank Peter Zimmermann
Bruch - Zukerman
ecc ecc


http://www.youtube.com/user/HDVideoColl ... n+concerto

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10516
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 23 marzo 2012, 14:48

Paul, forse ne hai proposti un pò troppi per ragionare sul suono di un singolo violino. Tuttavia sono tutte ottime scelte, con l'occasione si abbia la bontà di confrontare la Mutter con la Jansen, sono due mondi completamente diversi rispetto all'interpretazione e al modo di suonare. Io preferisco la Mutter perchè non ha bisongo di effetti speciali, è sempre molto composta nel suonare ma al tempo stesso riesce ad avere un'agilità ed una passione davvero non comuni, per me lei rimane una delle ultime frontiere della "vecchia scuola".
Riguardo il suono, a prescindere dall'esecutore, mi sembra che anche in questo caso la registrazione della Mutter abbia qualcosa in più delle altre. Lo Stradivari monta un Sol e un Re Thomastik, forse Dominant, e sembra di poterlo percepire abbastanza anche nella riproduzione. Per me qui è ben rappresentato l'insieme complessivo delle qualità di un violino antico, il quale non esagera mai in un senso o nell'altro (bassi o acuti super), ma ogni corda ha un suo fascino. Ovviamente dal vivo la percezione della dolcezza e della ricchezza degli armonici è infinitamente superiore, ma come ho già detto precedentemente, siamo qui per farci un'idea.
andante con fuoco

Avatar utente
edo
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » venerdì 23 marzo 2012, 21:11

Peccato la bassa qualità ma quello che si sente è già molto buono a mio avviso:

http://www.youtube.com/watch?v=XCOZPFIx7AU

ciao

edo

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10516
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » domenica 25 marzo 2012, 21:25

Un avviso per Nigel: posso anche capire lo spirito della provocazione, oppure anche la diversità di gusti, ma in questa discussione si sta perseguendo un'idea di suono naturale secondo un concetto "italiano" acquisito nella tradizione. E stiamo cercando di farlo con una certa fatica tentando di ricavarne qualche impressione dalle registrazioni di youtube. Quindi per favore rispetta questa mia volontà "educativa" e di confronto. Grazie.
andante con fuoco

nigel
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 560
Iscritto il: domenica 27 luglio 2008, 0:00
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da nigel » domenica 25 marzo 2012, 23:17

cos'è uno scherzo?

avevo scritto un commento con scritto:

"io preferisco questo" con il relativo link... non ho mica detto "ascoltate questo che voi non ci capite nulla"

mi sembra una gravissima mancanza di rispetto questa nei miei confronti.

io sono un violinista professionista, ho solo detto la mia, pensando di fare cosa gradita.

la cancellazione di un commento specialmente in questa circostanza mi sembra fuori luogo; cosa vuol dire poi: rispetta questa mia volontà educativa?

non sono entrato in questo forum ne per educare ne per essere educato.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10516
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 26 marzo 2012, 0:09

Mi dispiace, ma l'idea di suono "digitale" non rientra in questa discussione e in questo sito. Per il violino elettrico c'è una sezione apposita, qui si parla di violini d'autore italiani, anche se proposti nel suono imperfettissimo delle registrazioni di youtube.
andante con fuoco

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10516
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » sabato 31 marzo 2012, 11:37

Mi sono chiarito con Nigel ed abbiamo appurato che c'è stato un malinteso, il che in una discussione dedicata all'ascolto è tutto dire! Colpa mia, nessun dubbio, ho equivocato le sue intenzioni pensando appunto che si volessero introdurre elementi di provocazione. Ripropongo quindi la registrazione scelta da Nigel, che pure nella resa timbrica non è ottimale, ma credo dia una sufficiente idea di ciò che può essere la dinamica del suono di un violino, ossia la proprietà di uno strumento di passare con disinvoltura da un estremo all'altro nei parametri di emissione senza accusare problemi, e consentendo al violinista una tavolozza di colori sonori ancora più ampia.
andante con fuoco

Avatar utente
robinwood
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 337
Iscritto il: mercoledì 19 maggio 2010, 0:00

Messaggio da robinwood » sabato 31 marzo 2012, 11:41

Il Suono ''aggraziato'' e ''mai 'aggressivo'' dei grandi Violini antichi cui fa spesso cenno il M°Rampini mi ha fatto ricordare come viene rappresentata la Forza nella simbologia dei tarocchi classici. La fanciulla che tiene aperte senza sforzo con le mani nude le fauci del leone che è ai suoi piedi.
E' un Suono che non ''bussa mai con i piedi''. Oggi invece la tendenza mi sembra quella opposta.

artista74
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 28
Iscritto il: lunedì 22 ottobre 2007, 0:00

Messaggio da artista74 » giovedì 19 aprile 2012, 11:28

Faccio una provocazione...che ne dite di questo Groblicz:

http://www.youtube.com/watch?v=UwyPZ7LEQuo

si tratta di un lungo documentario...andate direttamente al minuto 5:00

Avatar utente
robinwood
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 337
Iscritto il: mercoledì 19 maggio 2010, 0:00

Messaggio da robinwood » domenica 6 maggio 2012, 12:48

mi permetto di ricollegarmi al discorso sul sistema hi-fi posseduto per l'ascolto, visto che a distanza di quasi venticinque anni ho scoperto in questi giorni per caso il nome dell'autore del progetto del mio primo e unico, mai più cambiato, sistema di diffusione (di quelli ''autocostruiti'').

http://forum.audioreview.it/VB/showthre ... 289&page=4
''...Posto queste brevissime note copiate dal mio forum personale, che riguardano la rivista che ho avuto l'onore di fondare insieme ad altri sette soci nel 1981, per cercare di aprire un piccolo spiraglio di luce su quello che ha significato per alcuni di noi poter lavorare per la divulgazione e la promozione di un'alta fedeltà dal volto umano che si basasse innanzitutto sulla conoscenza. Scientifica e tecnica, ma anche musicale, volta ad aiutare la comprensione del funzionamento degli oggetti della nostra passione, al fine di vederla diventare sempre più disponibile per qualsiasi fascia di reddito. …''


credo che la liuteria scientifica avrebbe molto o tutto da imparare..

Rispondi