Ci provo anche io a fare un violino!

Suonare e costruire i violini
Rispondi
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 2226
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » lunedì 28 luglio 2014, 15:35

famar ha scritto:Anche io mi sono posto il problema di dove andassero a prendere tutto 'sto sole gli antichi liutai della padania. Poi cosa facevano, lavoravano autunno e inverno e verniciavano in primavera estate?
Questo non è da escludere, una delle tante cose che non sapremo mai per certo......

Davide

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11765
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 28 luglio 2014, 20:06

Lo abbiamo scritto tante volte riportando le fonti antiche, comprese le lettere autografe di Stradivari e di Galileo, in cui si accenna sul ruolo del sole per l'essiccazione delle vernici, procedimento che deriva dal mondo della pittura (vedi Cennini e Vasari).

In particolare da Galileo e Stradivari si apprende che il sole fosse importante per l'essiccazione della vernice dei violini, e che "senza il sole lo strumento non avrebbe potuto essere portato a perfezione".

Questo uso del sole sulle vernici ci porta direttamente alla considerazione del fatto che preparando il legno prima della verniciatura vera e propria, l'effetto collaterale è proprio quello di una colorazione aggiuntiva tipica dei raggi UV. Ma il sole rispetto alle nostre lampade moderne ha un'azione più profonda e comunque diversa.

Il fatto è che non bisogna chiedersi se gli antichi usassero il sole in quel modo, è che usando le vernici ad olio, che hanno bisogno del sole per essiccare, si nota facilmente che il legno ne viene influenzato.

E' proprio usando le vernici ad olio che ho notato questa azione dei raggi UV sul legno, e che quindi mi sono sentito di valorizzare, avessi usato altre vernici che non hanno bisogno degli UV per essiccare, non l'avrei mai capito.

Le fonti riportano anche che i violini venivano verniciati durante la buona stagione, diciamo da marzo a ottobre, ma sarebbe sbagliato pensare che gli strumenti venissero esposti ai raggi diretti del sole, infatti i raggi UV naturali sono prodotti anche con il cielo nuvoloso, il fattore discriminante semmai è la temperatura, con il freddo anche oggi non è per niente consigliabile usare qualsiasi vernice naturale.

Quindi mai esporre uno strumento al sole d'agosto (vedi lettera autografa di Stradivari sulle "gran crepate"), piuttosto è bene usare una specie di altana come se ne trovano ancora sulle abitazioni di Cremona, e un pò in tutta Italia, e lasciare lo strumento all'aria, ma all'ombra (nel caso di temperature esterne molto alte).

Esempio di cassa esposta agli UV:

Immagine
andante con fuoco

Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da astromax » martedì 29 luglio 2014, 17:21

Salve a tutti! Interessante la lettera di Stradivari! Certo che non si scrive più così ai clienti! (purtroppo!)
Il violino è si all'aperto ma sempre all'ombra sotto un porticato. Ha assunto una colorazione leggermente biscottata rispetto a prima ma credo che ce ne vorrà ancora un bel po' di sole.
Ho fatto delle prove con la vernice. Non sono molto soddisfatto mi aspettavo una colorazione iniziale più rossa con la robbia. Forse non era abbastanza, ne sto preparando altra.
Ecco le mie prove:

Immagine

La consistenza della vernice mi sembra buona, asciuga relativamente presto, si stende bene ad ha una buona elasticità ma anche sembra rigida al tatto quando asciutta.
Vi faccio una domanda un po' cretina ma dato che ci ho messo 3 ore a trovare la giusta posizione dell'anima ci provo: rischio molto se vernicio il violino con l'anima?
A presto!

famar
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 846
Iscritto il: mercoledì 13 agosto 2008, 0:00
Località: Roma

Messaggio da famar » mercoledì 30 luglio 2014, 10:07

Bei campioncini! Io direi che il terzo e quarto campione sono giusti come punto di colore. Non ti far ingannare dalle superfici piccole, quando avrai verniciato tutto il violino vedrei che quella intensità di colore risulta più carica e, a meno che tu non voglia un tedescone color cassa da morto, direi che ci sei.
In merito al sole in effetti Claudio ha ragione, noi non consideriamo mai la differenza di valore che diamo al tempo. Oggi si corre sempre, allora il tempo non aveva quasi valore, se si doveva aspettare un anno si aspettava....

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11765
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » mercoledì 30 luglio 2014, 12:18

famar ha scritto: In merito al sole in effetti Claudio ha ragione, noi non consideriamo mai la differenza di valore che diamo al tempo. Oggi si corre sempre, allora il tempo non aveva quasi valore, se si doveva aspettare un anno si aspettava....
Non credere che gli antichi il tempo lo buttassero via così facilmente, nelle botteghe di Amati e di Stradivari, in cui presumibilmente vigeva un certo lavoro di squadra, è probabile che si ottimizzassero di tempi in modo abbastanza oculato, un pò come si fa anche in agricoltura. In fondo lavorare in inverno e realizzare un certo numero di strumenti per essere verniciati in un periodo di tempo abbastanza lungo che va da marzo a ottobre, non mi sembra così male. Certamente bisogna anche tenere conto delle annate in cui c'era poco sole. Un pò come per i pomodori di quest'anno :mrgreen:
andante con fuoco

Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Inizio verniciatura

Messaggio da astromax » mercoledì 30 luglio 2014, 20:21

Salve a tutti! Oggi inizio la verniciatura del violino!
Ho già passato il turapori l'altro ieri e ho carteggiato con carta abrasiva 2500.
E' bello lucido!
Dati i risultati ottenuti coi campioncini darò prima due mani di gommalacca colorata con curcuma come base e poi la gommalacca colorata con robbia. Aggiungo un pelo in più di robbia, ma poco.
Speriamo vada tutto per il meglio!
Vi aggiornerò ogni due o tre mani fino al risultato finale.
Il sole è sempre latitante nonostante mi fossi affrettato a finire il violino per verniciare d'estate!!!! :evil: :evil: :evil: :evil: :evil:
Si parte!
A presto!
Un tavolo, una sedia, un cesto di frutta e un violino; di cos'altro necessita un uomo per essere felice? [A. Einstein]<br>

famar
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 846
Iscritto il: mercoledì 13 agosto 2008, 0:00
Località: Roma

Messaggio da famar » giovedì 31 luglio 2014, 11:29

Tranquillo, se come ho capito stai usando una vernice all'alcol non è così fondamentale avere il sole. Io lo esponevo a due lampadine da 75 W ad incandescenza poste a circa 30 cm di distanza e in un paio di giorni ero a posto. Poi con l'aumentare delle mani aumentavo anche il tempo di essiccazione.
Di sicuro Stradivari, che mi sembra al soldino ci teneva, si programmava come suggerisce Claudio. Artigiano.... mica pollo....

Acessier
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 61
Iscritto il: venerdì 13 dicembre 2013, 0:00
Contatta:

Messaggio da Acessier » domenica 3 agosto 2014, 21:01

Domanda banale e, mi sa, sciocca. Ma ve la devo fare.
Non so come siate soliti finire la lisciatura dei vostri strumenti in bianco (carta abrasiva, solo rasriera, o altro). Ma dopo che il violino è finito e pronto per essere verniciato, nel frattempo che lo sottoponete all'abbronzatura, il legno non tende a "drizzare il pelo"? Allora non vi è l'esigenza di carteggiare di nuovo prima di vernicialrlo, facendo sparire la suddetta abbronzatura?
O come detto qui sopra si passa comunque un turapori e si carteggia solo successivamente? Non so se mi sono spiegato...

Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » domenica 3 agosto 2014, 21:54

Il pelo si fa alzare prima dell'abbronzatura, bagnando il legno e rasandolo poi leggerissimamamente per togliere il pelo che si è alzato. Poi si fa abbronzare, alla luce o con le lampade UV e si da il "turapori". a questo punto non ci dovrebbe essere la necessità di ulteriore carteggiatura perchè si perderebbe l'effetto rasiera, se proprio necessario io a questo punto do una passata con l'equiseto così non c'è il richio di togliere niente più dell'eventuale pelo che si potrebbe essere alzato nel frattempo.

ciao

edo

Acessier
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 61
Iscritto il: venerdì 13 dicembre 2013, 0:00
Contatta:

Messaggio da Acessier » lunedì 4 agosto 2014, 6:38

Ignoravo l'equiseto, ora comincio a capire... grazie!
Cito wikipedia: Inoltre queste piante, in quanto provviste superficialmente di granuli di silicio, anticamente venivano usate per levigare (sgrassare e lucidare) superfici anche metalliche (E. hyemale).

Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » lunedì 4 agosto 2014, 8:58

Adesso è anche il momento giusto per raccoglierlo, però io non ne ho mai trovato, qui dalle mie parti, che funzioni bene come quello verde che si trova in commercio. Quello che trovo qui diventa bianco o marrone dopo l'essicamento e ha un potere abrasivo veramente blando, ma comunque usabile più che come abrasivo come "lucidante".

ciao

edo

Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da astromax » lunedì 4 agosto 2014, 16:18

Salve a tutti! La verniciatura procede! Inizialmente il violino aveva assunto un colore abbastanza brutto! Per questo non vi ho ancora postato delle foto! Adesso si inizia a capire come potrebbe venire alla fine. Aspetto di arrivare almeno alle 20 mani prima di postare qualche foto.
A presto!
Un tavolo, una sedia, un cesto di frutta e un violino; di cos'altro necessita un uomo per essere felice? [A. Einstein]<br>

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11765
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 4 agosto 2014, 16:53

direi invece che le fasi iniziali della verniciatura sono importanti per capire eventuali errori. Ma capisco l'esigenza di riservatezza :lol:
andante con fuoco

Acessier
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 61
Iscritto il: venerdì 13 dicembre 2013, 0:00
Contatta:

Messaggio da Acessier » martedì 5 agosto 2014, 1:02

edo ha scritto:Adesso è anche il momento giusto per raccoglierlo, però io non ne ho mai trovato, qui dalle mie parti, che funzioni bene come quello verde che si trova in commercio. Quello che trovo qui diventa bianco o marrone dopo l'essicamento e ha un potere abrasivo veramente blando, ma comunque usabile più che come abrasivo come "lucidante".

ciao

edo
Sarebbe l'asprella citata da sacconi o un equivalente? Tu dove la acquisti?
Grazie.

Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da astromax » martedì 5 agosto 2014, 8:24

claudio ha scritto:direi invece che le fasi iniziali della verniciatura sono importanti per capire eventuali errori. Ma capisco l'esigenza di riservatezza :lol:
Ciao Claudio! Piú che roservatezza è vergogna, ma hai ragione, vi posto alcune foto fatte due mani di GL con robbia sopra il fondo di GL con curcuma. Ecco:
Immagine

Immagine

Immagine
Un tavolo, una sedia, un cesto di frutta e un violino; di cos'altro necessita un uomo per essere felice? [A. Einstein]<br>

Rispondi