Sulla catena

Suonare e costruire i violini
Avatar utente
rubinoliutaio
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 61
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2016, 0:00
Località: Bressanone ( bz)
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da rubinoliutaio » giovedì 18 ottobre 2018, 21:17

Allego alcuni video che ho fatto in una sala piu grande giusto per sentire una opinione vostra, cosi posso valutare dove migliorare, video sempre fatto con cellulare. Violini nuovi

https://youtu.be/Z6MTNWN9zOc

https://youtu.be/RunVRUj1P74

https://youtu.be/lbDcJIheNRI

https://youtu.be/FgR__BwNWiM

Avatar utente
rubinoliutaio
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 61
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2016, 0:00
Località: Bressanone ( bz)
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da rubinoliutaio » giovedì 18 ottobre 2018, 21:21

Ok grazie della dritta, ho aperto questa discussione perchè sto facendo proprio adesso la catena, farò cambiamenti sull' altezza massima e l'elasticità sul primo e secondo terzo...come altezza massima secondo la tua esperienza quale mi consigli?qualche immagine da allegare come sagomare la catena e prendere spunto?cosi magari provo su questo strumento che sto facendo..

Avatar utente
rubinoliutaio
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 61
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2016, 0:00
Località: Bressanone ( bz)
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da rubinoliutaio » giovedì 18 ottobre 2018, 21:37

Premetto che uso catena larga 5 mm.
Adesso provo alta 12 e larga 5.5 mm e 3mm all' estremità..cosi ho letto in una tua recenzione tempo fa se non sbaglio?

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11129
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da claudio » giovedì 18 ottobre 2018, 21:43

Dipende dagli spessori che usi, io in questi ultimi tempi sto sui 12mm, 5.5mm di larghezza, alte 3mm agli estremi, su tavole piuttoste basse e con spessori attorno ai 2.7/2.6mm. Mi baso sulle forme di Weisshaar, Sacconi e Bissolotti, sono catene in apparenza abbastanza ordinarie ma funzionano benissimo e che danno una certa garanzia che quando saranno da cambiare, anche un liutaio di medie capacità può fare un buon lavoro senza stravolgere troppo lo strumento. Il suono che dovrebbe risultare dovrebbe essere ampio e di buona dinamica dal piano al forte, con la sensazione che l'arco sulla corda sia come un pennello in grado di conferire più sfumature, in poche parole un suono "plastico" e plasmabile a piacimento del musicista.
andante con fuoco

Avatar utente
rubinoliutaio
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 61
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2016, 0:00
Località: Bressanone ( bz)
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da rubinoliutaio » giovedì 18 ottobre 2018, 21:52

Ottimo allora, proverò domattina a fare queste misure..io misuro l' altezza massima dal interno tavola o intendi dalla parte della FF?Grazie

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11129
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da claudio » giovedì 18 ottobre 2018, 22:25

Dall'interno della tavola, questa è la parte che si prende a riferimento quando si stabilisce l'altezza massima. Nella variazione degli spessori cambiali poco per volta rispetto alle misure precedenti, in modo da avvicinarti gradualmente ad un punto ideale senza discostarti troppo dal suono che già prima ti trovava soddisfatto. In questo modo, in 2 o 3 violini puoi capire meglio da quale parte stare secondo le tue esigenze.
andante con fuoco

Avatar utente
rubinoliutaio
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 61
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2016, 0:00
Località: Bressanone ( bz)
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da rubinoliutaio » giovedì 18 ottobre 2018, 22:47

Grazie mille molto utile e prendero spunto sui tuoi consigli..

Arca
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 446
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da Arca » giovedì 6 dicembre 2018, 15:32

Scusate ma se si tensiona la catena, o forse sarebbe meglio dire si tensiona la tavola con la catena, ammesso che dopo la lavorazione questa tensione resti, non si annulla l'effetto che si vuol dare con il dislivello dagli zocchetti delle punte al tassello del manico? Lo vedo un controsenso, a meno che il dislivello di altezza delle fasce non lo si ritenga che puramente estetico.
Alessandro Mattei

Avatar utente
rubinoliutaio
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 61
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2016, 0:00
Località: Bressanone ( bz)
Contatta:

Re: Sulla catena

Messaggio da rubinoliutaio » giovedì 6 dicembre 2018, 16:24

claudio ha scritto:
giovedì 18 ottobre 2018, 22:25
Dall'interno della tavola, questa è la parte che si prende a riferimento quando si stabilisce l'altezza massima. Nella variazione degli spessori cambiali poco per volta rispetto alle misure precedenti, in modo da avvicinarti gradualmente ad un punto ideale senza discostarti troppo dal suono che già prima ti trovava soddisfatto. In questo modo, in 2 o 3 violini puoi capire meglio da quale parte stare secondo le tue esigenze.
Ottimi consigli Claudio, ho fatto secondo le tue esperienze e posso ritenermi soddisfatto in questo violino rende anche moltissimo la terza e quarta corda.. credo che il prossimo cerco di migliorara ancora qual cosa sulla catena e vedere se migliora ancora. Grazie

Rispondi