Ho trovato uno Stradivari!

Suonare e costruire i violini
Rispondi
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11068
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 21 settembre 2012, 0:36

Il principio è valido, purchè non si postino documenti che inducano a confondere l'inclito pubblico. Invito a fare particolare attenzione su questo punto perchè le migliori intenzioni divulgative possono essere completamente annullate, o addirittura finiscono per essere controproducenti rispetto allo scopo che ci si è prefissi, che è quello di informare.

Per questo motivo è bene postare informazioni di cui si possiede almeno una buona documentazione, che sia rintracciabile e consultabile, riguardo agli strumenti classici. L'esempio di violino originale proposto da Robinwood a mio parere non rappresenta un esempio tra i più lampanti per i motivi che ho spiegato precedentemente. Se ad esempio si proponessero esempi come il Cremonese 1715 oppure il Toscano 1690, questi sarebbero strumenti "sicuri".

Inoltre proponendo esempi "sicuri" si dovrebbe anche essere in grado di fornire spiegazioni e delucidazioni sufficienti a far sì che l'informazione sia completa e corretta, non ci si può limitare a postare qualche fotografia e poi lasciare che gli utenti capiscano da sè. Oppure, peggio ancora, che debba essere io ogni volta a tentare di fornire qualche pezza di appoggio agli esempi che si è voluto illustrare. Il che può anche andare bene qualche volta, ma se ciò si dovesse ripetere spesso e per più utenti, sarebbe per me una, e tutti coloro che potrebbero avere qualche numero in più per fornire delucidazioni, una gran faticaccia.

La questione dei violini di fabbrica: molto spesso, per non dire sempre, è sufficiente proporre esempi derivati anche da violini contemporanei per capire le differenze tra strumenti seriali e strumenti d'autore, perchè comunque la mano di un artigiano ha alcune costanti nella realizzazione di uno strumento che non è possibile trovare in quelli di fabbrica.

Quello che si è tentato di fare in questi anni, spesso grazie all'aiuto di utenti appassionati e volenterosi, è stato proprio il delineare alcune linee guida che portano alla comprensione dello strumento d'autore. Lo si è fatto illustrando più volte la costruzione del violino secondo il metodo cremonese/pisano, ma lo si è fatto anche illustrando il lavoro di tanti liutai contemporanei e del passato.

Le informazioni ci sono e sono in gran parte racchiuse in questo forum, liberamente consultabile senza limiti da chiunque. Il problema è che tali informazioni non sono raccolte in modo sistematico, ma sono sparse nel database in modo esclusivamente cronologico e tematico a seconda degli argomenti trattati.

Mi rendo conto che con il passare degli anni, la mole delle informazioni è imponente e complice il fatto che spesso il nuovo utente non sa come usare i motori di ricerca interni, o addirittura ne ignora l'esistenza, ecco che si verifica la necessità di ripetere, chiarire, approfondire o magari rettificare gli argomenti trattati.

Io preferisco una informazione non sistematica, l'utente le risposte le deve trovare da sè non solo perchè "chi cerca trova", ma perchè in un certo senso deve capire che si deve impegnare nella ricerca e per questo deve affrontare una piccola fatica. Ovviamente l'utente non è abbandonato a se stesso e qualora ce ne sia di bisogno è aiutato, ma lo sforzo ce lo deve mettere prima di tutto lui stesso, perchè l'informazione corretta ottenuta con impegno e un pò di fatica è quella che rimane negli anni e non si volatilizza nel giro di un attimo.

Ciò detto auspico che nelle discussioni cosiddette "informative" come la presente, non si indulga in uno stile colloquiale tipo chat e simili perchè ciò contribuisce a diluire la discussione e a rendere ancora più faticoso il compito della ricerca dell'utente.
andante con fuoco

ViolinoMisterioso
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 3
Iscritto il: venerdì 14 settembre 2012, 0:00

Messaggio da ViolinoMisterioso » venerdì 21 settembre 2012, 13:05

claudio ha scritto:Anche in questo ultimo caso si tratta di uno strumento economico di fabbrica probabilmente francese, forse primi '900.
quindi per un valore di vendita a quanto ammonterebbe?


Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11068
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 21 settembre 2012, 13:53

ViolinoMisterioso ha scritto:
claudio ha scritto:Anche in questo ultimo caso si tratta di uno strumento economico di fabbrica probabilmente francese, forse primi '900.
quindi per un valore di vendita a quanto ammonterebbe?
mi spiace ma questo non è un sito commerciale quindi si è deciso di non fare più valutazioni di carattere economico. Comunque è un tipo di strumento molto diffuso, su Ebay se ne trovano moltissimi di simili e quasi tutti allo stesso (economico) prezzo.
andante con fuoco

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3400
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » venerdì 21 settembre 2012, 14:52

Claudio, tutto quello che hai detto è sacrosanto! :)


----------------------

claudio ha scritto: .......................................
Io preferisco una informazione non sistematica, l'utente le risposte le deve trovare da sè non solo perchè "chi cerca trova", ma perchè in un certo senso deve capire che si deve impegnare nella ricerca e per questo deve affrontare una piccola fatica. Ovviamente l'utente non è abbandonato a se stesso e qualora ce ne sia di bisogno è aiutato, ma lo sforzo ce lo deve mettere prima di tutto lui stesso, perchè l'informazione corretta ottenuta con impegno e un pò di fatica è quella che rimane negli anni e non si volatilizza nel giro di un attimo.
Mi piace rimarcare il riquadro qui sopra perchè, nelle poche volte che sono intervenuto in aiuto ai neofiti mi sono prodigato in quel senso, pur cercando di instradarli. Il concetto credo rappresenti una necessità assoluta, una regola da inserire nel regolamento del forum, concetto da me più volte ribadito nelle discussioni. Deve avvenire come in una bottega, il maestro dà le linee guida, poi l'allievo deve dimostrare buona solerzia nel lavoro. Non credo che questo sito possa funzionare come una agenzia di informazioni gratuita dove si distribuisce la pappa già fatta! :?


claudio ha scritto: ......................................
Ciò detto auspico che nelle discussioni cosiddette "informative" come la presente, non si indulga in uno stile colloquiale tipo chat e simili perchè ciò contribuisce a diluire la discussione e a rendere ancora più faticoso il compito della ricerca dell'utente.
Sotto questo aspetto io ho notato una certa involuzione del forum rispetto a qualche anno fa. Una volta nelle discussioni c'era la tendenza a "fare salotto" nel vero senso della parola! Invece oggigiorno questa situazione è radicalmente cambiata, per fortuna, a me sembra!
Poichè io personalmente non sono tipo affatto salottiero ne sono ben contento! Però ogni tanto anche a me qualche semplice battuta, uscita spontaneamente, mi scappa! :) Cercherò di essere più moderato! :wink:

Come in questo caso, supponevo benissimo che quel violino non fosse di proprietà di robinwood, ma poichè tutto era avvolto nell'incertezza, mi è piaciuto stare al gioco, giocando appunto sull'equivoco! Una cosa tutto sommato ingenua e carina! :) Spero che non siano queste cose a portare fuori strada.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -



Acessier
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 73
Iscritto il: venerdì 13 dicembre 2013, 0:00
Contatta:

Messaggio da Acessier » domenica 15 dicembre 2013, 15:06

come sia finita con questo violino? Scusate la curiosità :)

Avatar utente
Gigios
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 3
Iscritto il: domenica 12 agosto 2018, 15:34

Re: Ho trovato uno Stradivari!

Messaggio da Gigios » domenica 12 agosto 2018, 16:51

Salve, sono nuovo del forum, desideravo, se posso, comunicare che anche io mi ritrovo per caso fra le mani un violino con all'interno la scritta: Antonius Stradivarius Cremonensis faciebat anno 1694 ed accanto uno stemmino a forma di piccolo scudo con all'interno tre lettere cSa. L'ho trovato da un rigattiere (il famoso mercato delle pulci di Palermo) fra un ammasso di strumenti vari con una custodia vecchissima nera tipo pelle grippata manico di cuoio in condizione pessime. Mi ha detto che lo ha trovato in una cantina di un vecchio palazzo nobiliare palermitano. Il violino è abbastanza discreto. L'ho portato da un liutaio per controllarlo e farlo restaurare, mi sono accorto dopo della scritta interna e cercando su internet mi sono imbattuto in questo forum e mi sono iscritto assieme a mio figlio che studia violino. Vorrei fare sistemare il ponticello il tendicorde e farlo pulire....ma il liutaio appena lo ha visto, scrutato affondo, girato, rigirato, annusato, guardato all'interno delle fessure, ha fatto di tutto per rendersi conto meglio.... mi ha chiesto dopo mezz'ora che ne volevo fare e se lo volevo vendere. A primo impatto sono rimasto un po sul chi va la poi mi dice e mi offre 15,000 Euro, ho sospeso tutto e ho rimandato il tutto e chiedevo....ai più esperti, da questa semplice descrizione, è o sarà autentico?....Il liutaio palermitato settantenne è molto famoso,....non è un pivellino.....

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11068
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Ho trovato uno Stradivari!

Messaggio da claudio » domenica 12 agosto 2018, 22:03

Gigios, non è uno Stradivari, ma può darsi che sia uno strumento comq di autore di un certo valore. Ma senza foto non si può dire nulla.
andante con fuoco

Rispondi