primo violino Giuseppe

Suonare e costruire i violini
Arca
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 282
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da Arca » sabato 22 luglio 2017, 0:20

Io penso che tu sia più che soddisfatto, credo che per essere il primo violino tu abbia fatto un eccellente lavoro, complimenti
Alessandro Mattei

Giuseppe45
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 37
Iscritto il: giovedì 4 febbraio 2016, 0:00
Località: Salerno

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da Giuseppe45 » sabato 22 luglio 2017, 9:57

Ti ringrazio Arca, sono soddisfatto, ci sono stati degli errori che riconosco e mi serviranno per fare meglio! ma è anche grazie a voi, con il vostro aiuto, che si fanno progressi e si evitano errori! Un grazie a Davide e Claudio che con la loro competenza ci portano per mano, noi neofiti! Ancora grazie. Cordialità e buone vacanze Giuseppe.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1717
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da davidesora » domenica 23 luglio 2017, 17:10

Il primo è sempre il primo, l'importante è far tesoro degli errori commessi.
Adesso attento a non rovinare tutto con la verniciatura....... :D :wink:

Giuseppe45
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 37
Iscritto il: giovedì 4 febbraio 2016, 0:00
Località: Salerno

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da Giuseppe45 » giovedì 27 luglio 2017, 18:50

Grazie Davide per i tuoi suggerimenti che sono stati utilissimi nella realizzazione di questo mio primo violino. Non smetto mai di rivedere i tuoi filmati che sono esaustivi ed indispensabili a chi, come me, si avvicina al mondo della liuteria!Per quanto riguarda la verniciatura vorrei scegliere quella più semplice, forse quella ad alcool? ho letto un po' di cose , ma tu che cosa mi suggerisci? Grazie.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1717
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da davidesora » giovedì 27 luglio 2017, 21:01

suggerimento difficile, quella ad alcool però è sicuramente più facile e sicuramente meno tossica da fare, a meno che non la comperi già fatta quella ad olio.

Giuseppe45
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 37
Iscritto il: giovedì 4 febbraio 2016, 0:00
Località: Salerno

Re: help me pasta piroli

Messaggio da Giuseppe45 » giovedì 3 agosto 2017, 10:25

Come usare la pasta piroli? visto che impedisce il puntamento del pirolo, potrebbe anche farlo scivolare facendo perdere l'accordatura! Sapone di marsiglia + gesso? Per la preparazione alla verniciatura dello strumento in bianco va bene la vernice bianca di Sacconi? quante mani? Quale vernice è più usata in liuteria: olio o alcool?
Grazie a tutti.
per l'acustica che differenza c'è tra vernice olio e alcool??????

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10468
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da claudio » giovedì 3 agosto 2017, 14:04

La pasta per i piroli va usata con parsimonia, quel tanto che permette al pirolo di girare senza difficoltà La vernice bianca di Sacconi l'ho sempre usata poco perchè non mi ha dato buoni risultati dal punto di vista della stabilità nel tempo, io uso colla animale o chiara d'uovo. Una mano all'interno e un paio all'esterno. Le più usate sono le vernici all'alcool, ma io uso quelle ad olio perchè di gran lunga migliori, ma per chi comincia forse è meglio iniziare ad alcool. Dal punto di vista sonoro io ho avuto ottimi risultati con le vernici ad olio, ma anche con le vernici ad alcool si può fare bene, tutto dipende dallo spessore dello strato verniciante, più è spesso, più si appesantisce lo strumento e più lo si "chiude".
andante con fuoco

Giuseppe45
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 37
Iscritto il: giovedì 4 febbraio 2016, 0:00
Località: Salerno

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da Giuseppe45 » giovedì 3 agosto 2017, 19:39

Grazie Claudio per la sollecita risposta, come sempre esaustivo e professionale. Penso di usare per questa mia prima verniciatura gommalacca rubino e pluriresine. Spero di fare bene!! Grazie ancora.

lorenzo fossati
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 97
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da lorenzo fossati » giovedì 3 agosto 2017, 20:45

Ho sempre sentito dire che le vernici ad alcool sono di più difficile applicazione (a causa del veloce tempo di evaporazione del solvente) e per i principianti è meglio partire con quelle ad olio, io sono partito proprio da quelle ad olio e là son rimasto perchè non mi hanno (quasi) mai dato problemi. l'alcool lo uso solo a tampone per dare o vari sottofondi solubili in alcool o alla fine gommalacca per lucidare la vernice.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10468
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da claudio » giovedì 3 agosto 2017, 21:48

lorenzo fossati ha scritto:
giovedì 3 agosto 2017, 20:45
Ho sempre sentito dire che le vernici ad alcool sono di più difficile applicazione (a causa del veloce tempo di evaporazione del solvente) e per i principianti è meglio partire con quelle ad olio, io sono partito proprio da quelle ad olio e là son rimasto perchè non mi hanno (quasi) mai dato problemi. l'alcool lo uso solo a tampone per dare o vari sottofondi solubili in alcool o alla fine gommalacca per lucidare la vernice.
Infatti la maggioranza dei liutai usa vernici ad olio! :lol:
Solo per capire, tu che genere di vernici ad olio usi? Certamente si può partire dalle vernici ad olio, ma non vale per tutti.
andante con fuoco

lorenzo fossati
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 97
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da lorenzo fossati » giovedì 3 agosto 2017, 23:31

eheh si :)
Quando andavo a scuola il maestro ci faceva usare la vernice oil standard della hammerl, ora uso sempre della hammerl la qualità superiore che si chiama Ia, costa un po' di più ma ha un buonissimo odore di olio di lavanda... stesa a pennello, riesco a completare la verniciatura generalmente in 6-7 mani. ora sono nella fase di sostituzione del colorante con pigmenti naturali, prima o poi proverò a farmela da me seguendo una ricetta ma per ora ho sempre vivida l'immagine di me che tento di spegnere un pentolino di olio di lino e trementina che mi aveva preso fuoco nel bel mezzo del laboratorio, bei momenti :)

Giuseppe45
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 37
Iscritto il: giovedì 4 febbraio 2016, 0:00
Località: Salerno

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da Giuseppe45 » venerdì 4 agosto 2017, 10:58

Grazie Lorenzo per il tuo intervento, Leggevo sul testo di Sacconi " I segreti di Stradivari" che più della vernice è importante la preparazione del legno alla stessa! chiudere per bene tutti i micropori e fare in modo che la vernice sia sul legno e non NEL legno. Quindi usare qualche diavoleria che non penetri profondamente nelle fibre sia essa 'vernice bianca, albumina , colla animale ben diluita oppure silicato di potassio. Sarei curioso di sapere quale vernice usano Claudio e Davide e il procedimento della preparazione. Grazie a tutti.
Ultima modifica di Giuseppe45 il sabato 5 agosto 2017, 9:28, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10468
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: primo violino Giuseppe

Messaggio da claudio » venerdì 4 agosto 2017, 11:26

Quando si inizia con le vernici ad olio è sempre bene usare prodotti "sicuri", ossia acquistare vernici già pronte per farsi un po' di esperienza. Non conosco le vernici Hammerl, ma così a occhio mi sembra che siano vernici di formulazione moderna. In rete ci sono un paio di produttori che fanno vernici con criteri un poco più filologici, tra i quali Oldwood 1700 e Di Munno.

Per le vernici ad olio a base di sandracca o colofonia non è necessario raggiungere alte temperature, quindi il pericolo di combustione è remoto, anche se resta una eventualità.

Attualmente io uso una vernice alla sandracca e olio di lino crudo fatta me che applico sullo strumento dopo averlo preparato con acqua di colla o albumina.
andante con fuoco

Rispondi