Piroli on-line

Suonare e costruire i violini
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1772
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Piroli on-line

Messaggio da davidesora » mercoledì 27 dicembre 2017, 17:02

lorenzo fossati ha scritto:
mercoledì 27 dicembre 2017, 16:56

.....gli appunta piroli tradizionali .....

..... gli appuntini normali ......

.......un appuntino ha 3 o 4 diametri disponibili.....

Appuntini.....interessante terminologia......ma chiamate così anche quelli per le matite?

lorenzo fossati
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 174
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Piroli on-line

Messaggio da lorenzo fossati » mercoledì 27 dicembre 2017, 17:13

Si a scuola si diceva sempre mi passi l'appuntino che devo appuntare l'apis? :)

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1772
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Piroli on-line

Messaggio da davidesora » mercoledì 27 dicembre 2017, 17:21

lorenzo fossati ha scritto:
mercoledì 27 dicembre 2017, 17:13
Si a scuola si diceva sempre mi passi l'appuntino che devo appuntare l'apis? :)
Immaginavo.....qui invece va per la maggiore il tempera matite, detto temperino :)

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3377
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: Piroli on-line

Messaggio da violino7 » mercoledì 27 dicembre 2017, 22:13

lorenzo fossati ha scritto:
mercoledì 27 dicembre 2017, 16:56
.........
quello che intendo è che usando gli appuntini normali o arriva a fine corsa (alla corona del pirolo) oppure lascia uno scalino tra diametro precedente e diametro nuovo. ciò per dire che se un appuntino ha 3 o 4 diametri disponibili, esistono comunque piroli di diametri differente. secondo me se uno vuole fare un lavoro preciso senza toccare l'alesatore è necessario l'appuntino con diametri regolabili, oppure lavorare con la carta vetrata che come dicevi risulta ostico e può rovinare la conicità
Infatti non avevo capito per niente che cosa tu volessi intendere! :( Ora che ho capito, ti devo dire onestamente che per me la questione che hai descritto non esiste.
E' chiaro che la zona di cono del pirolo che va dal foro d'entrata fino alla corona, cioè la parte esterna del pirolo, toccata o no dalla lama del comparatore, poi va lavorata, levigata e lucidata a dovere per cui sparisce l'eventuale gradino, come lo chiami tu! Sono sicuro che ciò rientra, da sempre, nella migliore tradizione della liuteria classica :).
Vista la cosa in questa maniera, è chiaro che gli "appuntini con diametri regolabili" di cui parli, e che sinceramente io ho sentito nominare oggi per la prima volta, siano una semplice "invenzione" della tecnologia moderna, sulla cui utilità e su altri parametri ad essa connessi potremmo discutere approfonditamente, se vuoi! Ma io ho imparato che nelle fonti c'è tutto quello che serve e vorrei fermarmi là, con semplicità e senza tante complicazioni di metodo!
Guardiamo la concretezza dei fatti: stiamo parlando di un semplice pezzo di legno tornito, di nient'altro! :( Ma scusa, nel '600 come facevano? :roll:
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1772
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Piroli on-line

Messaggio da davidesora » mercoledì 27 dicembre 2017, 22:56

Sostanzialmente ci sono due approcci diversi ai piroli, quello del costruttore e quello del manutentore (restauratore?).
Il costruttore imposta prima il diametro del pirolo in quanto può scegliere, allarga poi il foro con l'alesatore adattandolo al pirolo.
Il manutentore che deve cambiare i piroli ha già dei fori finiti nella cassetta e quindi deve fare l'inverso, adattare il pirolo al foro esistente andando a infierire ilk meno possibile sulla cassetta piroli "originale". Da qui la necessità dei temperini regolabili su qualsiasi misura, che hanno in effetti scarsa utilità per il liutao costruttore.
Al costruttore serve essenzialmente un temperino della misura finale dell'asta del pirolo che funziona bene accoppiato con l'alesatore che si usa per allargare i buchi.
Il manutentore dovrà invece fare delle prove su bastoncini provvisori per regolare perfettamente il costoso temperino regolabile sulla conicità del foro, e poi finamente temperare il pirolo definitivo.

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3377
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: Piroli on-line

Messaggio da violino7 » mercoledì 27 dicembre 2017, 23:11

davidesora ha scritto:
mercoledì 27 dicembre 2017, 22:56
............
Il manutentore dovrà invece fare delle prove su bastoncini provvisori per regolare perfettamente il costoso temperino regolabile sulla conicità del foro, e poi finamente temperare il pirolo definitivo.
Ma se sappiamo che la conicità è sempre la stessa per vecchio e nuovo pirolo, ad es. 1/30, perchè dobbiamo fare delle prove? .... andiamo a temperare direttamente il pirolo nuovo, no? Come abbiamo sempre fatto. Non capisco perchè il comparatore classico da 1/30 nelle varie grandezze di diametro adesso non vada più bene e debba servire per forza quello regolabile! :(
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
piase
moderatore
Messaggi: 338
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Piroli on-line

Messaggio da piase » giovedì 28 dicembre 2017, 0:19

Nella pratica non esiste una conicità perfetta a 1:30, sia nel caso dei fori che dei piroli.
In passato gli standard degli alesatori e dei temperini non erano rigorosi.
Il tempo ed i cicli di variazione dell'umidità, l'usura ed altri fattori cambiano anche sensibilmente la forma dei fori.
È normale dover adattare un pirolo al foro, per uno strumento "vecchio". Lo si può fare anche con i temperini standard, con qualche trucco (come le strisce di carta vetro da mettere sotto il pirolo, inclinandole per far togliere più in punta o al collare).

Anche negli strumenti nuovi, a seconda di come lavoro con l'alesatore, posso togliere più al foro piccolo o al grande.
Basta un niente per far sì che un pirolo tocchi solo al collare o in testa.

lorenzo fossati
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 174
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Piroli on-line

Messaggio da lorenzo fossati » giovedì 28 dicembre 2017, 1:19

per non parlare dei piroli che non si vogliono appuntare! io ne presi forse 50 dall'india, un ebano che dire schifoso è un complimento.

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3377
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: Piroli on-line

Messaggio da violino7 » giovedì 28 dicembre 2017, 11:11

Sì, perfetto! E tutto in linea con il concetto che voglio esprimere.
Una volta un valido liutaio avrebbe saputo distinguere tra legno buono e legno cattivo e se due pezzi di legno andavano a combaciare bene o no e come doveva fare per aggiustare la situazione, tenendo anche conto che due legni baciati si vanno a compenetrare perfettamente con la reciproca usura. Era esperienza accumulata che suppliva in qualsiasi situazione. Per me quella è la professionalità che serve di base, visto che guardiamo tanto ai classici, senò non saprei di che tipo di liuteria stiamo parlando.
Invece oggi vogliamo comprare a caro prezzo l'illusione che senza doversi tanto sforzare con il lavoro di bottega una calibratura al micron risolve la situazione e ti fa costruire un violino migliore. Ma non è questa la professionalità che serve, questa è solo strumentalizzazione commerciale che va ad attecchire facilmente dove trova terreno fertile, a parer mio.
Senza offesa per nessuno! :(
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
Cecchina
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 104
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Piroli on-line

Messaggio da Cecchina » lunedì 8 gennaio 2018, 11:51

Sempre in argomento piroli e cassetta. Nel caso sia il foro veramente troppo generoso, come si può rimediare? Quelli che si vedono nella foto (presa da the strad) sono degli inserti sui fori della cassetta perche i fori erano troppo grandi? Dalle linee della venatura, sembrano delle aggiunte o forse sono dovute ad altro(tipo: segni del mandrino)?

Grazie buona giornata a tutti
ciao
Allegati
2018_01_08_11_44_55_2018_01_08_11_41_54_In_Focus_The_Strad_Shop.png_IrfanView_Zoom_941_x_921_.jpg
2018_01_08_11_44_55_2018_01_08_11_41_54_In_Focus_The_Strad_Shop.png_IrfanView_Zoom_941_x_921_.jpg (155.81 KiB) Visto 29 volte

Rispondi