Il violino di Maurizio

Suonare e costruire i violini
Rispondi
Avatar utente
Ananasso
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 374
Iscritto il: lunedì 28 febbraio 2011, 0:00
Contatta:

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da Ananasso » sabato 14 luglio 2018, 20:55

Anch'io toglierei quel decimo che cresce. Perderai 3 grammi e la nota scenderà al Fa# calante.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1968
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da davidesora » domenica 15 luglio 2018, 11:52

Visto che la rigidità è buona (fa#) io alleggerirei il più possibile partendo dai polmoni per arrivare almeno ai 115/116 g senza scendere sotto al fa.

mico
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 156
Iscritto il: mercoledì 17 settembre 2014, 0:00
Località: Roma

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da mico » domenica 15 luglio 2018, 15:57

Eccomi. Ho alleggerito il polmone inferiore soprattutto nelle ali laterali. Anche nella parte centrale sono sceso di un decimo stando attento a non scendere sotto i 4,5 come indicato da Claudio.
Credo di essere arrivato al massimo e potrei anche scendere un altro grammo ma non saprei più dove:
7e216557-7d27-4e79-9914-74857cfbbcf2.jpg
La nota è diventata un Fa# calante ma devo dire che il toc sembra cambiato. E' come se fosse più vivo. Non so bene come spiegarmi ma la tavola ora mi sembra più elastica e risuonante anche quando la sfioro con le mani. Possibile che soli tre grammi cambiano così tanto il comportamento di una tavola? C'è da rimanere stupiti.
Maurizio Basile

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1968
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da davidesora » lunedì 16 luglio 2018, 0:24

Eh si, soprattutto quando sei vicino alla giusta rigidità la vibrazione della tavola diventa più viva, pronta e risonante.
A un certo punto ci sarà un peggioramento della nota emessa e questo vuol dire che hai raggiunto e superato il limite ottimale, il problema è capire quando fermarsi ma con l'esperienza questa sensibilità si può raggiungere e ascoltare le frequenze aiuta a farsi un riferimento orientativo.
Nel tuo caso io scenderei ancora un paio di grammi, poco per volta e verificando spesso fequenza e qualità della nota emessa, visto che sei ancora vicino al fa # c'è ancora un po' di margine credo.
Non c'è bisogno di microfoni, basta un buon orecchio e delle note di riferimento da confrontare.
Col microfono è solo più facile, ma si rischia di non sviluppare mai l'orecchio e le sensazioni:wink:

mico
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 156
Iscritto il: mercoledì 17 settembre 2014, 0:00
Località: Roma

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da mico » lunedì 16 luglio 2018, 19:41

Stavolta ho cercato di "sentire le variazioni di suono più pensare al resto ed ho paragonato il "toc" con i suoni della mia chitarra. Certo era facile: sapevo da che nota partivo. Alla fine sono arrivato ad un Fa# calante (poi però l'ho verificato).
Mi sono fermato quando cominciava a non piacermi il toc. Pensavo di aver scavato tanto ed invece:
de3b3538-b4db-456f-859c-0941f9f8a5fc.jpg
A questo mi fermo qui con il fondo.

Ho poi fatto la giunta della tavola. Prima di tutto ho riaffilato la pialla per bene e poi ho proceduto:
Lato interno:
fb5c7b94-b3d7-4f01-9442-edeb2f8d2e35.jpg
Lato esterno:
44d3985e-cf1e-4325-bdba-fdcc87db62ab.jpg
Stavolta dovrebbe essere venuta bene alla prima :D

Devo dire che purtroppo la tavola è bella pesante: densità di 0,49 gr/cm3. Credo che anche qui non si scenderà molto col peso..... ma arriviamoci.

Una domanda: a questo punto mi conviene attaccare il fondo, staccare la forma interna, mettere le controfasce e poi riportare la silhouette sulla tavola o tracciarla con ancora la forma interna inserita?
Maurizio Basile

Avatar utente
Ananasso
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 374
Iscritto il: lunedì 28 febbraio 2011, 0:00
Contatta:

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da Ananasso » lunedì 16 luglio 2018, 20:49

Da neofita a neofita: incolla il fondo, sfila la forma, incolla le controfasce e poi riporta il profilo sulla tavola.
Il peso specifico di 0.49 mi sembra esagerato. Sicuro di aver misurato bene? Di che anno è la tavola? Ottima giunta, comunque.

mico
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 156
Iscritto il: mercoledì 17 settembre 2014, 0:00
Località: Roma

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da mico » lunedì 16 luglio 2018, 20:57

La densità l’ho misurata più volte purtroppo. Mi viene il dubbio della bilancia starata ma significherebbe aver fatto un fondo leggerissimo 😂😂😂.
Grazie. Era come pensavo.
Maurizio Basile

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 502
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da piase » lunedì 16 luglio 2018, 22:33

Prima di incollare il fondo prova a misurare il modo 2.
Ad occhio dovresti trovarlo un'ottava sotto.
Nella mia esperienza meglio se è calante rispetto all'ottava. (Rapporto #5/#2 intorno a 2.2-2.3).

Un consiglio: cerca un'altra tavola.
Con ogni probabilità dovresti arrivare a spessori molto sottili (se la rigidezza del legno e come è tagliato lo consentono) per farlo suonare.
Avresti un registro dei gravi carente.
Una tavola sui 390kg/m3 la trovi molto più facilmente che non un modo per far suonare questa.

Oppure vai avanti, fai un violino che suona molto bene e così dimostri che sono teorie poco azzeccate ;-)

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1968
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da davidesora » lunedì 16 luglio 2018, 22:49

piase ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 22:33
Prima di incollare il fondo prova a misurare il modo 2.
Ad occhio dovresti trovarlo un'ottava sotto.
Nella mia esperienza meglio se è calante rispetto all'ottava. (Rapporto #5/#2 intorno a 2.2-2.3).

Un consiglio: cerca un'altra tavola.
Con ogni probabilità dovresti arrivare a spessori molto sottili (se la rigidezza del legno e come è tagliato lo consentono) per farlo suonare.
Avresti un registro dei gravi carente.
Una tavola sui 390kg/m3 la trovi molto più facilmente che non un modo per far suonare questa.

Oppure vai avanti, fai un violino che suona molto bene e così dimostri che sono teorie poco azzeccate ;-)
Non che le tavole pesanti siano il mio ideale, però Guadagnini ha usato pezzi di abete fino a 0.47 g/cm3, ma facendo bombature adeguatamente alte. Direi che dipende dall'esperienza del liutaio, se non si hanno le idee chiare è comunque difficile che si realizzi uno Stradivari nei primi tentativi, quindi ci penserei due volte a buttare un pezzo di legno se non presenta altri difetti se non la densità un po' alta.
Anche se io probabilmente lo scarterei per i miei violini e per l'idea di suono che ho in mente.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11129
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da claudio » lunedì 16 luglio 2018, 23:29

Io sono abbastanza fatalista, anche con i miei violini. Una tavola mi deve "parlare" in un certo modo, preferisco come tutti le tavole leggere, ma le pesanti hanno anche loro proprie peculiarità, ossia suono corposo (anche se la maturazione richiede un po' di tempo in più). Ciò detto una tavola del genere come mostrata nelle foto qui sopra non la scarterei mai, ma non per una questione di risparmio. E' vero che il legno più pesante è più difficile da far suonare, ma nei migliori violini antichi si trova di tutto, quindi vuol dire che veramente il liutaio deve saper trarre il meglio da ogni materiale.

Una volta ridotta a spessore la questione della densità rimane abbastanza marginale, proprio per l'esiguità degli spessori (a meno che uno non adotti spessori di tavola dai 3.5mm in su). Del resto ho visto tantissimi violini contemporanei lavorati benissimo e con legni perfetti suonare malissimo. Per questo ho da sempre preferito per quanto possibile rovesciare i parametri, cioè a dire strumenti magari lavorati e verniciati in modo approssimativo, ma con un suono eccellente. Così non daranno la colpa alla pesantezza del legno :mrgreen:

In questo momento sto finendo di lavorare una cassa che senza sguscia e senza filetto pesa circa 280 grammi, è tra le più pesanti. Ho usato un abete di spacco che presi più di 20 anni fa da Gio Batta Morassi, tosto come lui, ma ottimamente lavorabile e che in passato mi ha dato ottimi risultati con violini e viole, nonostante l'alta densità. Tutti sapete che il M° Morassi è venuto a mancare da poco tempo, è stata una coincidenza che mi ha fatto pensare quando una volta scelto il suo legno, non lo usavo da molto tempo, durante la lavorazione di questo suo legno è avvenuta la sua morte.
andante con fuoco

Avatar utente
Cecchina
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 148
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da Cecchina » martedì 17 luglio 2018, 10:54

mico ha scritto:
domenica 15 luglio 2018, 15:57
Eccomi. Ho alleggerito il polmone inferiore soprattutto nelle ali laterali. Anche nella parte centrale sono sceso di un decimo stando attento a non scendere sotto i 4,5 come indicato da Claudio.
Credo di essere arrivato al massimo e potrei anche scendere un altro grammo ma non saprei più dove:

7e216557-7d27-4e79-9914-74857cfbbcf2.jpg

La nota è diventata un Fa# calante ma devo dire che il toc sembra cambiato. E' come se fosse più vivo. Non so bene come spiegarmi ma la tavola ora mi sembra più elastica e risuonante anche quando la sfioro con le mani. Possibile che soli tre grammi cambiano così tanto il comportamento di una tavola? C'è da rimanere stupiti.
Ciao Maurizio
veramente utile questa condivisione grazie! ciao
Sergio

mico
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 156
Iscritto il: mercoledì 17 settembre 2014, 0:00
Località: Roma

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da mico » martedì 17 luglio 2018, 11:48

Francamente non posso che concordare con Claudio e Davide sull'utilizzare la tavola in oggetto. Non che Francesco non abbia le sue ragioni legate al suono ma nel mio caso ci sono due fattori che mi sono imposto sin dall'inizio:
  • il primo è quello di non cercare scorciatoie ed il lavoraccio sulla giunta ne è la riprova: Anche lì avrei potuto prendere una tavola nuova ma non l'ho fatto;
  • il secondo è quello di prendere tutto ciò che capita come sprone per capire ed approfondire.
Per questo ho deciso di andare avanti con questa tavola. Sia chiaro che non è una scelta legata al costo della stessa che è irrisorio rispetto a quanto speso finora per sgorbie, filettatori, pialletti,...

E' una scelta, forse non la migliore dal punto di vista sonoro ma forse la migliore (spero) dal punto di visto didattico.
Se poi consideriamo che la tavola l'ho presa nel negozio che discende da Morassi.... ma come posso sostituirla?
Ultima modifica di mico il martedì 17 luglio 2018, 11:58, modificato 2 volte in totale.
Maurizio Basile

mico
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 156
Iscritto il: mercoledì 17 settembre 2014, 0:00
Località: Roma

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da mico » martedì 17 luglio 2018, 11:48

Ultima cosa che mi verrebbe da dire: ma se con le tavole pesanti ce l'ha fatta pure Guadagnini :D :D :D :D :D :D (scusate l'irriverenza. chiaramente scherzo)
Maurizio Basile

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 502
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da piase » martedì 17 luglio 2018, 13:04

Penso che sia una buona occasione per imparare come cambia il comportamento dello strumento al variare delle proprietà del materiale.
Come sempre è bello vedere che ci sono vari approcci e per fortuna non esiste un pensiero unico.

Caro Mico, considera che una giunta la puoi rifare più di una volta, arrivando anche a giuntare quello che manca nella zona più larga del violino.

Ma le proprietà del material non le puoi cambiare più di tanto (un po' con trattamenti termici o chimici). Una volta che hai scelto un legno, devi adattare bombature e spessori al suo carattere.

Se qualcuno poi cerca legno molto bello e sopra i 400kg/m3 stagionato 9 anni, ne ho ancora un po'.

Davide dove hai trovato quel dato sul guadagnini?

mico
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 156
Iscritto il: mercoledì 17 settembre 2014, 0:00
Località: Roma

Re: Il violino di Maurizio

Messaggio da mico » martedì 17 luglio 2018, 15:39

Francesco è proprio a quello che mi riferivo: Ne approfitterò per "studiare" come adattare spessori e bombature al legno.
Finora ho applicato dei criteri generali, sulla fiducia. Ora è arrivato il momento di approfondire questi aspetti... e magari fare qualche casino.

In ogni caso posso dire di aver trovato in nome al mio violino: invece de "il cannone" lo chiamerò "il mattone" :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Maurizio Basile

Rispondi