Terzo Violino

Suonare e costruire i violini
lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Terzo Violino

Messaggio da lorenzo fossati » lunedì 9 luglio 2018, 12:57

Io ho incollato la pelle ai pialletti, e devo dire che fa! COmunque galle e vesciche sono da mettere nel conto, col tempo si formeranno calli che proteggeranno meglio di qualsiasi guanto :)

mico
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 142
Iscritto il: mercoledì 17 settembre 2014, 0:00
Località: Roma

Re: Terzo Violino

Messaggio da mico » lunedì 9 luglio 2018, 13:57

Io ho lo stesso problema e, pur usando un guanto di quelli che hanno la gomma sul lato interno del palmo, sto avendo i problemi con le vesciche.... ci vorrà un po' di tempo.
Per le fasce invece perché non provi a rimetterle sulla forma interna? Magari senza incollarle ma tenendole strette con dei morsetti in modo da poterci attaccare le controfasce.
Maurizio Basile

Avatar utente
Cecchina
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 149
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Terzo Violino

Messaggio da Cecchina » lunedì 9 luglio 2018, 16:54

Grazie Lorenzo e Maurizio, ho comunque appena comprato dei guanti in cuoio ...un pò ridicoli ma almeno mi permetteranno di lavorare stasera. Per le fasce proverò a "riformare" e incollare le controfasce.

Avatar utente
Cecchina
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 149
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Terzo Violino

Messaggio da Cecchina » lunedì 16 luglio 2018, 16:27

Ecco come sto procedendo. Vi mando un pò di foto storia. La precisione che ho visto qui sul forum è ancora lontana dall arrivare.
Ma aspetto i vostri benvenuti commenti almeno per correggere gli errori più grossi prima di filettare.
Grazie ciao !
Allegati
IMG-20180716-WA0006.jpg
IMG-20180716-WA0005.jpg
IMG-20180716-WA0003.jpg

Avatar utente
Cecchina
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 149
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Terzo Violino

Messaggio da Cecchina » lunedì 16 luglio 2018, 16:29

Ecco le più nuove. Ho segnato con il graffietto lo spessore e forse adesso ho uno spessore costante, non come dovrebbe essere da 4 a 4,5 ma almeno non ondulato come i primi due.
Allegati
IMG-20180716-WA0009.jpg
IMG-20180716-WA0008.jpg
IMG-20180716-WA0007.jpg

Avatar utente
Cecchina
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 149
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Terzo Violino

Messaggio da Cecchina » lunedì 16 luglio 2018, 16:32

Le controfasce ancora le devo incollare e devo rifinire gli zocchetti.

Avatar utente
Ananasso
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 372
Iscritto il: lunedì 28 febbraio 2011, 0:00
Contatta:

Re: Terzo Violino

Messaggio da Ananasso » lunedì 16 luglio 2018, 21:07

No capisco bene il tuo modo di lavorare. Devi incollare le controfasce, almeno lato fondo, assicurandoti in qualche modo che le fasce siano perpendicolari al piano. Solo dopo potrai avere un profilo stabile da riportare sul fondo e sulla tavola. Occhio alla lunghezza delle controfasce.

Avatar utente
Cecchina
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 149
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Terzo Violino

Messaggio da Cecchina » lunedì 16 luglio 2018, 21:19

Ananasso ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 21:07
No capisco bene il tuo modo di lavorare. Devi incollare le controfasce, almeno lato fondo, assicurandoti in qualche modo che le fasce siano perpendicolari al piano. Solo dopo potrai avere un profilo stabile da riportare sul fondo e sulla tavola. Occhio alla lunghezza delle controfasce.
Grazie intanto per la nota. Non ho incollato le controfasce perché avevo paura che non si staccasse la forma e poi comunque sul Sacconi dice che "l'incollatura avverrà successivamente dopo la scultura della tavola e del fondo e a forma tolta", quindi ho preso la palla al balzo e ho segnato fondo e tavola con la forma ancora montata sulle fasce e poi ho sformato senza incollare le controfasce.
Le bombature del fondo come ti sembrano?

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Terzo Violino

Messaggio da davidesora » lunedì 16 luglio 2018, 22:28

Cecchina ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 21:19
Non ho incollato le controfasce perché avevo paura che non si staccasse la forma e poi comunque sul Sacconi dice che "l'incollatura avverrà successivamente dopo la scultura della tavola e del fondo e a forma tolta", quindi ho preso la palla al balzo e ho segnato fondo e tavola con la forma ancora montata sulle fasce e poi ho sformato senza incollare le controfasce.
Questo è uno degli aspetti che non condivido con Sacconi, ma se lo dice lui.....ne sapeva sicuramente più di me.

Avatar utente
Cecchina
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 149
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Terzo Violino

Messaggio da Cecchina » lunedì 16 luglio 2018, 23:06

davidesora ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 22:28


Questo è uno degli aspetti che non condivido con Sacconi, ma se lo dice lui.....ne sapeva sicuramente più di me.
Ciao Davide , trovi che questa scelta possa compromettere il resto del lavoro?
Grazie

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11075
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Terzo Violino

Messaggio da claudio » lunedì 16 luglio 2018, 23:38

Le bombature a me sembrano buone. Per le controfasce anch'io avrei agito diversamente perché l'incollaggio delle controfasce produce deformazioni abbastanza pronunciate nel contorno che poi è difficile far tornare sui riferimenti che si sono presi. Cmq il lavoro non è affatto compromesso.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Terzo Violino

Messaggio da davidesora » martedì 17 luglio 2018, 0:06

Cecchina ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 23:06
davidesora ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 22:28


Questo è uno degli aspetti che non condivido con Sacconi, ma se lo dice lui.....ne sapeva sicuramente più di me.
Ciao Davide , trovi che questa scelta possa compromettere il resto del lavoro?
Grazie
A tutto si rimedia (o quasi).... :)
Questo genere di cose non compromettono il resto del lavoro, lo rendono solo più complicato. Mettere a punto tutti i passaggi della costruzione in modo che ognuno preveda e si incastri perfettamente con il resto richiede tempo (anni). Ognuno poi si crea un sistema sempre leggermente personalizzato imparando dai propri errori.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11075
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Terzo Violino

Messaggio da claudio » martedì 17 luglio 2018, 1:03

Non si tratta di un vero e proprio errore, perché comunque esiste un buon numero di liutai moderni e contemporanei che per rendere più pratica l'estrazione della forma, piegano e applicano nel modo più preciso possibile, senza incollarle, le controfasce alle fasce. Ad estrazione avvenuta, si provvederà poi a rimetterle al loro posto effettuando le necessarie correzioni. Non dovrebbe essere molto difficile poiché il contorno fasce senza l'irrigidimento delle controfasce è sicuramente molto flessibile ed elastico. Del resto c'è anche chi costruisce ottimi violini senza ricorrere alla forma, per cui credo che infine la differenza sia data dal "manico" di chi opera.
andante con fuoco

Avatar utente
Cecchina
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 149
Iscritto il: giovedì 11 maggio 2017, 4:27

Re: Terzo Violino

Messaggio da Cecchina » martedì 17 luglio 2018, 10:26

claudio ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 23:38
Le bombature a me sembrano buone. Per le controfasce anch'io avrei agito diversamente perché l'incollaggio delle controfasce produce deformazioni abbastanza pronunciate nel contorno che poi è difficile far tornare sui riferimenti che si sono presi. Cmq il lavoro non è affatto compromesso.
Grazie Claudio! Non avevo visto questa tua risposta dal cellulare ieri sera.
Visto che le bombature possono andare, oggi comincio a rifinire le punte e a filettare.
Stamattina ho notato una asimmetria sulle punte del fondo: ci sono circa tre millimetri in più a destra rispetto a quelle di sinistra, avendo tracciato il fondo con le fasce attaccate, evidentemente già nel fare gli zocchetti non mi ero reso conto di questa differenza.
Comunque dovrei recuperare mangiando un po delle punte sulle fasce in cui mi ero lasciato molto abbondante nella sovrapposizione delle fasce delle CC e quelle inferiore e superiori.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Terzo Violino

Messaggio da davidesora » martedì 17 luglio 2018, 11:27

claudio ha scritto:
martedì 17 luglio 2018, 1:03
Non si tratta di un vero e proprio errore, perché comunque esiste un buon numero di liutai moderni e contemporanei che per rendere più pratica l'estrazione della forma, piegano e applicano nel modo più preciso possibile, senza incollarle, le controfasce alle fasce. Ad estrazione avvenuta, si provvederà poi a rimetterle al loro posto effettuando le necessarie correzioni. Non dovrebbe essere molto difficile poiché il contorno fasce senza l'irrigidimento delle controfasce è sicuramente molto flessibile ed elastico. Del resto c'è anche chi costruisce ottimi violini senza ricorrere alla forma, per cui credo che infine la differenza sia data dal "manico" di chi opera.
Si, il metodo ha ovviamente la sua importanza, ma concordo con Claudio che quello che fa la vera differenza sono le scelte etico/qualitative del liutaio e le sue capacità intrinseche.
Riguardo alle controfasce, il sistema più utilizzato (quantomeno qui a Cremona, derivante dagli insegnamenti della scuola) è quello di non incollarle dalla parte della tavola per permettere l'estrazione della forma una volta incollato il fondo con le fasce ancora sulla forma, diversamente la forma sarebbe inestraibile.
Il vantaggio è quello di avere una perfetta corrispondenza tra il bordo del fondo e le fasce ancora ben ferme sulla forma, ma poi le deformazioni indotte dal fondo alle fasce una volta separata la forma causeranno inevitabili discrepanze con il contorno della tavola. Inoltre lo scollaggio dei tasselli dalla forma potrebbe essere un po' traumatico e rischioso in questo caso, ma con le dovute accortezze (e un po' di accettazione del rischio :) ) si può fare.
Se si vogliono separare le fasce dalla forma prima di incollare il fondo secondo me è indispensabile incollare subito le controfasce da entrambe le parti per garantire la stabilità del contorno sia del fondo che della tavola.
Il sistema indicato sul Sacconi è una via di mezzo che fa perdere il vantaggio offerto dal primo sistema (fondo incollato con fasce stabili sulla forma) e non offre i vantaggi offerti dal secondo sistema (possibilità di finire in modo definitivo le fasce rese stabili dalle controfasce su entrambi i lati, possibilità di finire perfettamente i piani di incollaggio da entrambi i lati prima di togliere la forma, possibilità di sagomare le controfasce e i tasselli con le fasce libere, ecc. ecc.).
Per questi motivi ho sempre ritenuto che quanto scritto sul Sacconi a questo riguardo fosse quantomeno discutibile, senza nulla togliere all'insostituibile utilità e validità del libro.

Rispondi