Mandolino Maraviglia

Rispondi
Avatar utente
Arcale
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 365
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 0:00
Contatta:

Mandolino Maraviglia

Messaggio da Arcale » giovedì 12 settembre 2013, 20:59

Dal rigattiere... un pezzo di storia della liuteria Pistoiese.
Maraviglia fu prolifico costruttore di violini, ma ancor prima realizzò dei mandolini. Nel 1926 aveva 18 anni.
Lo strumento potrebbe essere stato suonato poco o niente, appare ben conservato eccezion fatta per la macchia sulla tavola dovuta a contatto di liquido magari acqua, che comunque non ha compromesso nulla.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finchè non arriva uno sprovveduto che non lo sa... e la inventa! (Albert Einsten)

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10422
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » giovedì 12 settembre 2013, 21:45

Non sapevo che Maraviglia avesse costruito mandolini. Comunque l'etichetta mi pare poco genuina e anche lo strumento ha qualche apparenza di fabbrica, ma ha una bella linea. L'etichetta mi sembra grossolana perchè dopo tanti anni appare di un bianco sospetto e anche la scritta andrebbe verificata, ma sembra fatta con inchiostro abbastanza recente. Per il resto dello strumento di più non posso dire. Ovviamente il tutto espresso con ampia riserva perchè basato solo fu fotografie.
andante con fuoco

Avatar utente
Arcale
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 365
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da Arcale » venerdì 13 settembre 2013, 0:35

Dei mandolini se ne parla qui, a pagina 3 http://www.fondazionecrpt.it/files/set10.pdf
Il quartetto che è citato nell'articolo, ad oggi è stato "scomposto" e gli strumenti vengono suonati anche da giovani studenti.
Altrove ho letto anche che agli inizi Maraviglia accordava pianoforti.
Sull'etichetta i dubbi ci possono stare, comunque appena possibile spero che lo strumento sia visionato da un liutaio contemporaneo che ha frequantato Maraviglia.
Quello che conforta sull'autenticità è piuttosto il "dove" è stato trovato e con quale storia.
Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finchè non arriva uno sprovveduto che non lo sa... e la inventa! (Albert Einsten)

Avatar utente
Arcale
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 365
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da Arcale » venerdì 13 settembre 2013, 9:35

Noto adesso che ingrandendo la scritta che in prima analisi appare sospetta perché molto marcata, si evidenziano alcuni dettagli che sfuggono anche a occhio nudo.
L'inchiostro non sembra un netto tratto di biro ma un tratto meno regolare che termina talvolta appuntito. Poi in moltissimi tratti l'inchiostro non c'è più e si vede al suo posto la carta mancante e dunque il fondo dello strumento. Per esempio nel gambo finale del 9 , nella pancia della P, nella stanghetta sinistra della T.
Sul tipo di carta molto bianco, comunque illuminato dal flash, non saprei. Potrebbe essere un carta di qualità superiore, non grezza. L'aUtore dell'etichetta se è stato Maraviglia appena diciottenne, probabilmente non aveva un suo cartiglio ma ha curato per quanto possibile facendo tutti quei dentini tipo francobollo.
La storia di questo mandolino dice comunque che fu fatto da Maraviglia su commissione, e non si è mai allontanato dall'isolato dove il maestro ha lavorato.
Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finchè non arriva uno sprovveduto che non lo sa... e la inventa! (Albert Einsten)

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10422
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 13 settembre 2013, 11:29

Spesso non ci si pensava nel passato, ma data la vicinanza con il liutaio valeva certo la pena di farsi rilasciare un certificato che attestasse l'autenticità dello strumento.
Per l'etichetta, la mia perplessità nasce principalmente dal fatto che un certo tipo di inchiostri nel '26 nemmeno esistevano. Ma ripeto, è solo frutto di un'impressione.
ps
vedo che vengono postati messaggi doppi, dopo aver scelto "invia" si attenda qualche secondo e non lo si ripeta se il tempo di attesa dovesse prolungarsi.
andante con fuoco

Avatar utente
Arcale
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 365
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da Arcale » venerdì 13 settembre 2013, 14:21

Singolare la sigla P.T. con la doppia puntatura, che ad oggi saprebbe di Poste e Telecomunicazioni. Presumendo che si volesse scrivere PT come sigla della provincia (ma all'epoca quante targhe in circolazione ci saranno state?) vedo però da wikipedia che la provincia di Pistoia è nata nel 1927. Non è un gran divario... Pure io ho iniziato il mio primo violino nel 2011 e l'ho terminato nel 2013 :)
A meno che non volesse significare Pontelungo - Toscana, o che già il comune non avesse quella sigla. Serve un esperto in materia...
Sugli inchiostri ci affidiamo all'esperienza di Claudio.
Mi piacciono queste ricerche :)
Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finchè non arriva uno sprovveduto che non lo sa... e la inventa! (Albert Einsten)

Avatar utente
Arcale
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 365
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da Arcale » sabato 14 settembre 2013, 21:00

Grafologi a me! :)
Singolare il fatto di trovare due due con il riccio in alto ben chiuso.
Direi anche che è una esecuzione fra le più inusuali.


il "2" nell'etichetta del mandolino del 1926 (Maraviglia a 18 anni...?)

Immagine

il "2" nell'etichetta di un violino del 1972 (Maraviglia a 64 anni)

Immagine
Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finchè non arriva uno sprovveduto che non lo sa... e la inventa! (Albert Einsten)

Avatar utente
Arcale
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 365
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da Arcale » domenica 15 settembre 2013, 19:51

Oggi mi sono tolto le perplessità sulla scritta P.T.
Sebbene la provincia sia ufficialmente nata nel 1927, mio cugino essendo impiegato comunale mi ha confermato che documenti di fine 800 riportano quella identica sigla. Un appassionato di filatelia mi ha confermato la stessa cosa.

Ma a questo punto pongo la domanda. Che valore può avere questo strumento?
Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finchè non arriva uno sprovveduto che non lo sa... e la inventa! (Albert Einsten)

Rispondi