Straccio pulizia - Tipologia

Dedicato a chi suona gli strumenti ad arco.
Rispondi
EB
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 1
Iscritto il: martedì 24 febbraio 2015, 0:00

Straccio pulizia - Tipologia

Messaggio da EB » martedì 24 febbraio 2015, 13:46

Buongiorno,
vorrei acquistare uno straccio per pulitura (es. con polish hill) e vorrei quindi chiedere un consiglio esperto riguardo il materiale e le caratteristiche che deve avere uno straccio per non causare problemi di graffiature, erosioni (o altri danni) sul violino, dove si potrebbe eventualmente acquistare?
Grazie per l'attenzione e per lo splendido forum.
Un saluto a tutti,

Emanuele

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10421
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » mercoledì 25 febbraio 2015, 14:17

Benvenuto, io non consiglio gli stracci di alcun tipo perchè si sporcano subito, per una pulizia superficiale di accumuli di polvere e colofonia non eccessivi uso ovatta e polish della Hill. Uno straccetto per la pulizia immediata della polvere di colofonia è comunque consigliabile, a patto di cambiarlo frequentemente, o di lavarlo con comune sapone da bucato, in questo caso possono andare bene anche quelli in microfibra o qualunque altra fibra morbida.
andante con fuoco

Avatar utente
Tenshi
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 334
Iscritto il: lunedì 14 giugno 2010, 0:00
Contatta:

Messaggio da Tenshi » lunedì 2 marzo 2015, 16:26

boh io uso questo http://www.solmarket.it/accessori-puliz ... /23855.jpg
no problem a patto di lavarlo dopo un tot visto che la pece è terribile
«Se non studi un giorno, sarai tu ad accorgertene.
Se non studi due giorni, saranno i tuo vicini.
Se non studi una settimana, sarà il pubblico.»

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » lunedì 2 marzo 2015, 23:02

Ma il polish Hill non è un po' troppo aggressivo e "filmogeno" per le vernici?

Io solitamente sconsiglio l'uso di polish, solo panni morbidi in microfibra prima umidi e poi asciutti.

Ultimamente uso questi, li do anche insieme ai miei violini, funzionano benissimo:

http://www.amazon.com/Hospeco-Dupont-So ... B0002ZWVAU

Peccato non li vendano al dettaglio, prima li teneva Cremonatools ma in confezione da 250 pezzi......adesso sembra non ci siano più dal catalogo online, forse sono stato uno dei pochi a comprarli ma non sono pentito, anche perchè li uso anche per altri scopi e sono lavabili e riutilizzabili.

Comunque è difficile che siano gli stracci a graffiare la vernice, sono quasi sempre i cristalli di pece che vi restano attaccati, prima dell'avvento dei panni "tecnologici" usavo la classica vecchia t-shirt bianca che va pur sempre bene.

Davide

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10421
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 2 marzo 2015, 23:49

davidesora ha scritto:Ma il polish Hill non è un po' troppo aggressivo e "filmogeno" per le vernici?
Lo uso da anni, si tratta di una emulsione acqua/cere/essenze di trementina ad azione molto blanda e adatto a qualsiasi tipo di vernice. Malgrado la definizione di "polish", non possiede agenti abrasivi al suo interno, lo trovo ottimo per reidratare vecchie o nuove vernici opacizzate e vernici che abbiano subito azioni di pulizia profonde. Sui violini antichi, che spesso hanno crepe e "allentamenti" dei filetti, è bene non usare alcun tipo di polish, poichè ciò potrebbe compromettere l'esito delle riparazioni e rendere più arduo il restauro.
andante con fuoco

Rispondi