Come scegliere un violino

Dedicato a chi suona gli strumenti ad arco.
Rispondi
Lil
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 25
Iscritto il: domenica 4 marzo 2018, 10:42

Come scegliere un violino

Messaggio da Lil » sabato 22 dicembre 2018, 17:42

Un saluto a tutti.
dopo tre anni di studio con uno stentor conservatorie ho deciso di fare un saltino di qualità, visto che ormi questo strumento mi ha completamente conquistata ed ho capito che continuerò a studiare. Perciò ho iniziato a cercare un nuovo violino, sia attraverso inserzioni in internet, sia rivolgendomi a liutai della mia città (Roma. Molti degli strumenti provati avevano un suono che sembrava "rientrare" nel violino e creare una specie di rimbombo, Immagino ch questo debba essere considerato una caratteristica negativa ... O è "normale" e mi sembra strano perché sono abituata al suono più "piatto" di un violino da studio? La maggior parte dei violini provati aveva almeno 50 anni, varia provenienza, ma soprattutto Francia e Germania, tra cui dei violini tedesche di fine '800 con un suono piuttosto caldo però ,molto rovinati (crepe, vernice scura che sembrava riapplicato è nuovamente rovinata) ... Che criteri dovrei seguire nella scelta? Quali caratteristiche, che a me potrebbero sembrare strane, vanno considerate pregi e quali difetti?
Grazie per l'aiuto, visto che ogni venditore non può che decantare i pregi di ciò che offre e non è facile poter disporre di esperti che aiutino nella scelta.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11434
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Come scegliere un violino

Messaggio da claudio » sabato 22 dicembre 2018, 21:07

Io credo che sia necessario prima di tutto avere un'idea del suono di quello che si definisce un "buon violino", a prescindere dal prezzo. Di solito gli allievi formano il proprio suono su quello dell'insegnante, lo vedono e lo ascoltano suonare, questo fa che si formi nel tempo un punto di riferimento. Per questo è importante che un buon insegnante impartisca le lezioni sempre su buoni strumenti, ben montati e curati. Dopodichè l'allievo sceglierà uno strumento in base alla sua esperienza uditiva con il migliore compromesso tra prezzo e qualità. Anche visitare i liutai aiuta molto, io di solito sono disponibile ad incontri di questo genere per dare indicazioni, provare strumenti, sistemare quelli esistenti (a volte non è necessario acquistare un nuovo violino perché quello che si ha già può essere messo in condizioni di funzionare meglio).
andante con fuoco

Rispondi