Mio articolo su Francesco Bissolotti.

I liutai: i loro strumenti e le loro biografie.
Rispondi
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11400
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Mio articolo su Francesco Bissolotti.

Messaggio da claudio » domenica 24 marzo 2019, 14:13

Mi è sembrato giunto di rendere omaggio al Maestro Francesco Bissolotti e all'arte liutaria a cui ha dedicato instancabilmente tutta la vita:
http://www.claudiorampini.com/2019/03/2 ... issolotti/
andante con fuoco

Arca
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 468
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: Mio articolo su Francesco Bissolotti.

Messaggio da Arca » mercoledì 27 marzo 2019, 18:48

Davvero un bell'articolo, mi dispiace di non averlo conosciuto di persona, ho avuto il piacere di sentirlo telefonicamente per una cosa stupida e ho avuto una bella impressione di disponibilità
Alessandro Mattei

Avatar utente
sullacorda
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 314
Iscritto il: lunedì 17 aprile 2006, 0:00

Re: Mio articolo su Francesco Bissolotti.

Messaggio da sullacorda » sabato 30 marzo 2019, 12:02

Io l'ho incontrato una volta sola nel 2002 quando ho fatto un giro di liutai a Cremona perché volevo acquistare un violino di liuteria: bellissimo laboratorio e figura al quanto particolare. Mi ricordo che mi accolse con un sacchetto di biscotti in mano che mangiò tranquillamente finché mi parlava.
Grazie Claudio per aver condiviso la tua esperienza in questo bell'articolo.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11400
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Mio articolo su Francesco Bissolotti.

Messaggio da claudio » sabato 30 marzo 2019, 13:37

Francesco Bissolotti, nonostante l'apparenza severa, a volte burbera, era un uomo di grande fantasia e dolcezza, da questo punto di vista molto simile ad un bambino. I suoi violini ne riflettono un poco il carattere introverso, per cui sotto l'orecchio non sono proprio un fulmine di guerra, ma l'orecchio attento sa cogliere la luce nascosta del loro suono, che anch'esso si esprime con grande ricchezza e dolcezza. Docili all'arco, non sopportano di essere suonati con violenza, solo allora sono in grado di esprimere tutta la loro grande luminosità.
andante con fuoco

Rispondi