[Video] La scelta dell'abete

Strumenti, pensieri e confidenze a lume di candela.
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10877
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da claudio » martedì 16 gennaio 2018, 14:02

Non solo non ha senso, ma può essere perfino dannoso. Nella UV box lo strumento subisce una disidratazione che provoca contrazioni nella struttura della cassa, non so davvero come reagirebbe uno strumento montato in simili condizioni, immagino però che la prima a subirne qualche conseguenza è l'angolazione del manico. Inoltre a strumento montato, la cordiera e il ponticello farebbero "ombra" agli UV, siamo sicuri che quel che vogliamo ottenere siano chiazze di colore più chiaro, rispetto ad una colorazione uniforme?

Nel processo di verniciatura l'esposizione preventiva dello strumento in bianco, non montato, attraverso le contrazioni e le dilatazioni del legno, compie già un primo assestamento. Per questo motivo è bene togliere lo strumento in bianco per qualche ora dalla UVbox, in modo da favorire i movimenti della cassa senza provocare stress.
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 277
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da lorenzo fossati » martedì 16 gennaio 2018, 14:11

Si scusa io intendevo assemblato non montato nel senso della montatura. Ma per quanto riguarda la stabilità dimensionale tenerlo così tanto nella camera UV aiuta?

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10877
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da claudio » martedì 16 gennaio 2018, 16:12

Io lo tengo dalle 2 alle 3 settimane, mi sono trovato bene da tutti i punti di vista.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1921
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da davidesora » sabato 20 gennaio 2018, 17:00

lorenzo fossati ha scritto:
martedì 16 gennaio 2018, 14:11
Si scusa io intendevo assemblato non montato nel senso della montatura. Ma per quanto riguarda la stabilità dimensionale tenerlo così tanto nella camera UV aiuta?
Si, aiuta molto sia per la stabilità dimensionale che per la resa acustica come effetto collaterale.
Tuttavia quello che conta maggiormente non è il tempo di permanenza nella UV box ma i cicli di assorbimento e rilascio dell'umidità che causano il vero movimento e conseguente assestamento del legno e della struttura dello strumento, per cui conviene alternare il tempo di esposizione (perdita di umidità e conseguente restringimento del legno) a periodi di pausa a condizioni ambientali normali (riassorbimento dell'umidità e espansione della struttura).

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 277
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da lorenzo fossati » domenica 21 gennaio 2018, 22:29

Io i cicli li faccio con un essiccatore che in genere utilizzo per essiccare frutta e soprattutto peperoncini, mi ci trovo molto bene e meglio della camera uv che posseggo (una versione modificata di quella che vendono alla dictum, una sola lampada, forse è per quello che "essicca" poco: per fare un esempio, tengo 24h in essiccatore una tavola, il peso mi scende per dire da 75 a 73. la metto in camera uv 24, il peso me lo ritrovo a 74. essicca ma non troppo, forse voi avete camere con lampade multiple)

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1921
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da davidesora » domenica 21 gennaio 2018, 22:56

Una lampada sola è un po' poco, anche se dipende dalla potenza ; io ne utilizzo due da 40W ma solitamente se ne usano almeno 4 una per angolo del box. Ho visto UV box con anche 10 lampade....
L'essiccatore comunque dovrebbe ottenere lo stesso risultato per quanto riguarda l'umidità, ammesso che non sia troppo violento (ma non ho idea di come funzioni).

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 277
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da lorenzo fossati » domenica 21 gennaio 2018, 23:12

Si credo che la mia camera sia pensata per la vernice e non per la riduzione dell'umidità (la temperatura non sale molto oltre i 30 gradi), c'è un motorino rotativo che permette di far girare il violino su se stesso in modo da uniformare l'abbronzatura. L'essiccatore che ho permette di regolare la temperatura, tra mi sembra 40 e 70 o 75 gradi. io mi tengo tra i 45 ed i 50. ci sono diversi ripiani grandi abbastanza per le tavole di violino, ma non credo per quelle da viola... comunque il flusso di aria parte dal basso e permea la cella, i peperoncini li tengo 72 ore (habanero e simili, molto carnosi che richiedono maggior tempo rispetto ai calabresi) le tavole 24 o 48 ore, comunque calcolo la prima volta quando il peso smette di scendere, li tengo 24 ore fuori e riparto, ripetendo il trattamento 4 o 5 volte

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10877
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da claudio » domenica 21 gennaio 2018, 23:46

Io ho un armadietto con 4 lampade UV da 38w l'una, lo strumento esposto lo giro a mano di tanto in tanto e tengo lo sportello semi aperto per regolarne temperatura e umidità (che comunque raggiunge picchi in basso anche del 30% o meno). No motorini o flussi d'aria artificiali, sollevano polvere!
andante con fuoco

Avatar utente
ViolinoDiFila
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 39
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 0:00

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da ViolinoDiFila » mercoledì 31 gennaio 2018, 22:32

claudio ha scritto:
domenica 21 gennaio 2018, 23:46
Io ho un armadietto con 4 lampade UV da 38w l'una, lo strumento esposto lo giro a mano di tanto in tanto e tengo lo sportello semi aperto per regolarne temperatura e umidità (che comunque raggiunge picchi in basso anche del 30% o meno). No motorini o flussi d'aria artificiali, sollevano polvere!
4 * 38 W * 24 h = 3,6 kWh
...avete tutti i pannelli solari sul tetto? :P

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 464
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da piase » mercoledì 31 gennaio 2018, 23:30

4x80 nel mio caso. Una stufa.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10877
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da claudio » mercoledì 31 gennaio 2018, 23:40

3.6 kwh in 24 ore non mi sembrano rappresentare un consumo eccessivo, tanto è vero che le mie bollette non lievitano di molto in occasione di una verniciatura!
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 277
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da lorenzo fossati » giovedì 1 febbraio 2018, 0:52

io ho imparato a tenere spento il condizionatore e lavorare a 10/11 gradi con l'ausilio di caffè obbligatoriamente decaffeinati corretti al rum per patire meno freddo, dopo aver misurato il consumo quotidiano del vampiro (10.5)

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10877
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da claudio » giovedì 1 febbraio 2018, 11:24

Lorenzo, non so se il tuo messaggio è stato scritto nel tono di una battuta d'umorismo, ma non si può lavorare a quelle temperature, specialmente se si sta incollando...
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 277
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da lorenzo fossati » giovedì 1 febbraio 2018, 11:35

:) niente battute, comunque quando incollo lo accendo e porto la temperatura adeguatamente sopra e comunque preferisco incollare in autunno o privamavera quando la temperatura sta nel vivibile di per sè. C'è da considerare che comunque ho il deumidificatore acceso dunque l'umidità relativa mi sta stabile sui 65 (freddo piuttosto asciutto che non penetra nelle ossa), se invece portassi la temperatura sui 18 l'umidità mi scende a 55, che è perfetto, ma con 10 kw al giorno di consumo del condizionatore accetto di buon grado piedi ghiacci e corretti al rum! per il resto che controindicazioni ha lavorare a queste temperature (che poi sono le minime al mattino, già nel pomeriggio si sale sui 12/13)?

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10877
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: [Video] La scelta dell'abete

Messaggio da claudio » giovedì 1 febbraio 2018, 11:55

Ma lavori in una cantina sotto terra? 8O
A questo proposito, se si hanno problemi di temperatura bassa i termosifoni elettrici ad olio hanno una buona inerzia termica e riescono a contenere consumi entro livelli accettabili. Ricordo che per incollare la temperatura ideale è almeno di 20°C, aldisotto anche di poco tutto diventa più difficile.
andante con fuoco

Rispondi