Un violino barocco di Claudio Rampini

Strumenti, pensieri e confidenze a lume di candela.
lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da lorenzo fossati » mercoledì 7 giugno 2017, 20:48

molto bello, la verniciatura della tavola quando riesce a mantenere l'increspatura della venatura dà un effetto che a me piace più delle vernici tirate a specchio. curiosità, quanto hai tenuto per la lunghezza di tastiera e diapason?

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11069
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da claudio » mercoledì 7 giugno 2017, 23:53

Con le vernici ad olio è veramente difficile, se non impossibile avere superfici a specchio, fortunatamente. Per la tastiera mi sono tenuto a 260mm e il diapason è uguale al violino moderno. Le dimensioni più vicine ad un assetto barocco sono l'inclinazione del manico per un ponticello di 29/30mm, la catena ridotta in lunghezza, spessore e in altezza (250x4.8x8). E' un assetto tipicamente fine settecentesco, per questo definito "transizionale", ossia che mantiene alcuni caratteri dei violini antichi e alcuni altri dei violini moderni, così come accadeva all'epoca di Mozart. Questo dà modo di affrontare un pò tutti i repertori.
andante con fuoco

Arca
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 428
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da Arca » venerdì 9 giugno 2017, 9:54

Sentito da pc, non sono così esperto da poter dare giudizi, ma a pelle mi piace molto, mi da una bella sensazione di suono d'altri tempi
Alessandro Mattei

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11069
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da claudio » venerdì 9 giugno 2017, 12:55

Grazie Alessandro, la cosa che mi ha fatto capire questo violino è che per far suonare uno strumento non è davvero necessario aumentare la tensione delle corde, così come si fa oggi adottando ponticelli e quindi proiezioni del manico/tastiera sempre più alte, cosa che ha un effetto sempre deleterio sul suono e sulla suonabilità. Anche ai tempi di Sacconi, un suo allievo e collaboratore lamentava questa tendenza e provvedeva a ridare respiro alle tavole armoniche adottando un capotasto reggicordiera di altezza maggiore. Ovviamente non si può pensare oggi di usare un ponticello alto 30mm per un violino moderno, pena una variazione di timbro che renderebbe il suono troppo diverso dai canoni attuali, ma rimanere in un ambito di 32/33mm è senz'altro auspicabile. Dico questo perchè nonostante le misure inferiori adottate per questo strumento barocco, il suono che ne è derivato, sia in termini di volume che di armonici, mi ha molto stupito, per non dire spiazzato!
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da lorenzo fossati » domenica 11 giugno 2017, 16:53

claudio ha scritto:
mercoledì 7 giugno 2017, 23:53
Con le vernici ad olio è veramente difficile, se non impossibile avere superfici a specchio, fortunatamente. Per la tastiera mi sono tenuto a 260mm e il diapason è uguale al violino moderno. Le dimensioni più vicine ad un assetto barocco sono l'inclinazione del manico per un ponticello di 29/30mm, la catena ridotta in lunghezza, spessore e in altezza (250x4.8x8). E' un assetto tipicamente fine settecentesco, per questo definito "transizionale", ossia che mantiene alcuni caratteri dei violini antichi e alcuni altri dei violini moderni, così come accadeva all'epoca di Mozart. Questo dà modo di affrontare un pò tutti i repertori.
sarebbe interessante sapere la differenza nel suono prodotta da un cambio tastiera, mettendo a confronto una tastiera piena in acero come hai usato tu ed un'altra ad esempio con una lastronatura di ebano o palissandro su un'anima di abete, e magari usare diverse lunghezze, da 240 a 270 in incrementi di 10 (8 tastiere in totale :D )

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11069
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da claudio » domenica 11 giugno 2017, 20:32

Il liutaio è un artista, i calcoli statistici fanno male alla salute. Bisogna sempre partire dal concetto che un buon violino non verrà "ucciso" da nessun tipo di tastiera, mentre un violino mediocre resta tale anche con la tastiera più calibrata del mondo.
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da lorenzo fossati » domenica 11 giugno 2017, 21:40

a me non piace tanto le parole arte, artista e simili, comunque a prescindere da questo e senza entrare in campo filosofico, non vedo cosa ci sia di male a sperimentare, in fondo il violino è quello che è proprio grazie a secoli di prove e sperimentazioni, successi ed insuccessi di tantissime persone. Se sperimentavano gli antichi non vedo cosa ci sia di male se anche i contemporanei continuano a farlo, con l'ausilio dei mezzi che sono a disposizione oggi sono sicuro che sia possibile continuare l'otttimizzazione. Poi che un violino mediocre resti tale a prescindere dalla tastiera usata, sono d'accordo. Per me è interessante sapere se un buon violino possa trarre beneficio da una tastiera piuttosto che da un'altra

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11069
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da claudio » domenica 11 giugno 2017, 21:56

E chi ti dice che non si sperimenti? con arte e sensibilità si sperimenta tutto. Scusa, ho scritto la parola che non ti piace! :D
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da lorenzo fossati » domenica 11 giugno 2017, 22:42

Allora faremo della statistica un'arte :)

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11069
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da claudio » domenica 11 giugno 2017, 23:51

La lunghezza della tastiera è dettata da ragioni di ordine pratico dalle quali è difficile sottrarsi, ma che fortunatamente hanno poco o nessun impatto sul suono. Mentre il manico e la forma del piede hanno maggior influenza sul suono, con una pratica sufficiente si è in grado di capire cosa fare, seguendo il proprio gusto e la propria esperienza. Esperire nel senso più ampio.
andante con fuoco

Avatar utente
ViolinoDiFila
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 0:00

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da ViolinoDiFila » mercoledì 2 maggio 2018, 13:44

Non sembra per niente male all'ascolto, soprattutto considerato che si tratta di uno strumento nuovo, "da farsi".
Il re mi sembra a posto, casomai il la non è altrettanto potente e un po' chiuso come suono, ma il fatto che sia nudo (la e mi se ho capito bene) lo giustificherebbe. In ogni caso son finezze, e cose destinate a cambiare con qualche anno in più di età.
Il colore (anche lì, al netto della presa microfonica etc.) mi piace molto.

Personalmente le Oliv non le posso proprio usare... a parte la qualità scadente del la rispetto alle altre (sempre il primo a rompersi, ed è una cosa risaputa tra l'altro, ma qui non è un problema come si diceva) trovo che non si assestino veramente mai, e col sudore perdano l'intonazione in modo catastrofico. Le Eudoxa, per dire, che sono pure di budello rivestito, non mi danno lo stesso problema. Sarà budello di un'altra bestia, o trattato in un altro modo.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11069
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da claudio » mercoledì 2 maggio 2018, 14:57

Grazie, purtroppo la resa di una registrazione non rende mai bene il suono degli strumenti reali, servono comunque a farsi un'idea. Lo strumento ha suonato moltissimo ed è in grado di confrontarsi con strumenti maturi, ho avuto occasione di ascoltarlo diverse volte in concerto e ne sono molto contento.

Le Oliv per me sono le corde migliori in assoluto, essendo in budello tendono ad essere sempre instabili e a risentire delle condizioni ambientali, tuttavia non ho mai notato differenze con le Eudoxa e altre simili da questo punto di vista.
andante con fuoco

Avatar utente
valviolin
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 15
Iscritto il: lunedì 20 marzo 2017, 16:46

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da valviolin » mercoledì 2 maggio 2018, 18:01

Veramente Bello !
I miei complimenti !!
Alessandro

Avatar utente
ViolinoDiFila
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 0:00

Re: Un violino barocco di Claudio Rampini

Messaggio da ViolinoDiFila » sabato 5 maggio 2018, 23:17

claudio ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 14:57
Grazie, purtroppo la resa di una registrazione non rende mai bene il suono degli strumenti reali, servono comunque a farsi un'idea. Lo strumento ha suonato moltissimo ed è in grado di confrontarsi con strumenti maturi, ho avuto occasione di ascoltarlo diverse volte in concerto e ne sono molto contento.

Le Oliv per me sono le corde migliori in assoluto, essendo in budello tendono ad essere sempre instabili e a risentire delle condizioni ambientali, tuttavia non ho mai notato differenze con le Eudoxa e altre simili da questo punto di vista.
Una differenza evidentissima per la mia esperienza... avrò un tipo di sudore particolare! :D
In ogni caso ho rinunciato al budello per le cose che devo fare... dà tantissima soddisfazione nella musica barocca e nei passi cantabili, ma come si prova un passo d'orchestra un po' veloce, magari con un balzato brillante, il transitorio è talmente lento che si sente più attacco che suono.
Poi ovviamente un violino barocco non ha motivo di essere usato per audizioni e concorsi (per fortuna, direi! :D ).
Ancora complimenti, buona serata :chrs:

Rispondi