Affilatura: Thormek e altre macchine

Strumenti, pensieri e confidenze a lume di candela.
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da davidesora » venerdì 15 dicembre 2017, 1:14

lorenzo fossati ha scritto:
giovedì 14 dicembre 2017, 21:09
per i pialletti ricurvi e rasiere invece è sempre una battaglia
Per le rasiere lima a taglio singolo e pochi passaggi sulle pietre.

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da lorenzo fossati » venerdì 15 dicembre 2017, 11:40

proverò! per ora facevo o l'una o l'altra cosa, speriamo.. potrebbe essere il materiale "non adatto"? il migliore che ho trovato per ora è acciaio armonico in fogli, in genere spessore 0,5 o 0,3 se devo poterle piegare un po' di più. esiste di meglio? magari sono soltanto io che chiedo troppo alla durevolezza del filo ed alla costanza della bavetta (vorrei averla sempre eccellente su entrambi i lati)

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11070
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da claudio » venerdì 15 dicembre 2017, 12:30

lorenzo fossati ha scritto:
venerdì 15 dicembre 2017, 11:40
proverò! per ora facevo o l'una o l'altra cosa, speriamo.. potrebbe essere il materiale "non adatto"? il migliore che ho trovato per ora è acciaio armonico in fogli, in genere spessore 0,5 o 0,3 se devo poterle piegare un po' di più. esiste di meglio? magari sono soltanto io che chiedo troppo alla durevolezza del filo ed alla costanza della bavetta (vorrei averla sempre eccellente su entrambi i lati)
Non è detto che tu riesca a farlo bene come dovrebbe, basta anche cambiare un poco l'angolo dell'acciaino ed ecco che la rasiera può diventare meno efficiente o perdere il filo precocemente. Tutto ciò che è stato affilato è destinato ad essere riaffilato, cioè a dire che anche la più perfetta affilatura è destinata al degrado (spesso complice anche un improprio uso degli attrezzi). L'unica cosa che possiamo fare è prolungare il processo di degrado il più in là possibile.

Le lamine in acciaio armonico usate dai carrozzieri vanno benissimo come rasiere, si affilano velocemente, sono molto elastiche e il filo lo mantengono decentemente. Le uso per rifinire anche le bombature, in genere una buona affilatura è più che sufficiente per rifinire una tavola armonica o un fondo. La cosa importante, cosa che non sempre riesce bene, è che nell'azione di rasatura non vengano lasciati solchi o microsolchi, a meno di non volere imitare le tracce di lavorazione di alcuni liutai antichi.
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da lorenzo fossati » venerdì 15 dicembre 2017, 13:23

Si oggi mi metterò a fare dei tentativi cercando di mantenere costante l'angolatura dell acciarino, può essere che usi anche troppa pressione creando una navetta troppo pronunciata? Ma un'affilatura per bombatura intendi con la pietra o proprio un uso di acciarino ti basta? Io mi trovo a dover riusare l'acciarino ogni 5 minuti

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da lorenzo fossati » venerdì 15 dicembre 2017, 13:24

Accidenti all autocorrezione del telefono, bavetta non navetta! :)

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11070
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da claudio » venerdì 15 dicembre 2017, 13:35

Una volta passata la rasiera sulla pietra io volto la bavetta con l'acciaino, avendo cura di farlo a circa 90° (con un angolo più accentuato la rasiera tende ad impastare e lavora peggio), dopodiché la posso usare sulla bombatura, ed in genere è più che sufficiente per completarla.

Se la rasiera dopo pochi colpi di rasatura perde efficienza (si avverte chiaramente una sensazione di "scivolamento", non produce trucioli ma solo qualcosa di simile ad una polvere), allora può darsi che l'acciaino non sia stato usato al meglio. La bavetta non dovrebbe essere troppo pronunciata, si deve avvertire passandoci sopra con l'unghia, ma non deve essere un vero e proprio scalino altrimenti tende ad impastare e a lasciare solchi (pressione troppo elevata dell'acciaino).

ps
per gli errori di battitura, i messaggi si possono editare, verifica se ciò sia possibile, altrimenti è necessario modificare i permessi del forum.
andante con fuoco

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11070
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da claudio » venerdì 15 dicembre 2017, 17:42

Ho fatto un video in cui spiego alcune cose sull'affilatura e sul mio modo di tenere efficienti gli attrezzi.
Discussione e video qui:
viewtopic.php?f=14&t=6954
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da lorenzo fossati » venerdì 15 dicembre 2017, 20:08

Per ora i miei sforzi di migliorare l'affilatura delle rasiere sono stati vani, provato ad usare l'acciarino a 90 (prima lo usavo un po' più inclinato diciamo 60/65), a moderare la pressione, ad usare prima la lima ad un tagliente e poi la pietra... sempre uguale, di affilature coi fiocchi me ne viene una su 15 e comunque da un lato solo. ma non demordo, diventerò maestro di rasiera!

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11070
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da claudio » venerdì 15 dicembre 2017, 22:13

Che tipo di acciaino usi? il migliore che io conosco è quello ottenuto da una lima a triangolo poi resa liscia con una mola ad acqua (tanto lavoro), e poi levigata fino a farla diventare uno specchio, ovviamente con gli angoli debitamente stondati.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da davidesora » venerdì 15 dicembre 2017, 23:49

Per le rasiere uno spessore da 0.5 o 0.6 va bene per quelle grandi flessibili o per quelle piccole, quella dritta per le fasce deve essere più spessa e rigida, un millimetro o non meno di 0.8 (meglio 1 mm). Quelle da 0.3 per me sono inutili, troppo flessibili, ma è una questione di gusti.
Comunque devono avere una certa rigidità altrimenti sono troppo deformabili e non riescono a fare un taglio preciso.
Per l'affilatura uno degli errori più comuni è di mettere troppa pressione o troppo angolo o fare troppi passaggi con l'acciaino : soprattutto quando è la prima volta dopo l'affilatura con la lima e le pietre bisogna tenerlo praticamente a 90° e applicare una pressione leggerissima e fare un solo passaggio con l'acciaino, verificare con il dito se si è formato il filo (è fondamentale sviluppare questa sensibilità) ed eventualmente effettuare un secondo passaggio fino a che non percepiamo che si è formato il tagliente.
Poi, con il passare del tempo e numerosi giri e rigiri del filo la superficie tenderà ad arrotondarsi e sarà necessario aumentare sia l'angolo che la pressione, quando questi saranno troppo accentuati sarà necessario ripetere l'operazione lima + pietre, ma normalmente una buona rasiera dura molto tempo prima di necessitare di riaffilatura completa.
Eventualmente con una pressione elevata e tenendo l'acciaino esattamente perpendicolare è possibile riappiattire la superfice per rigenerare gli spigoli.
Le lamine da stuccatura (carrozzieri e imbianchini) funzionano ma non sono certo il top, le rasiere da liuteria sono generalmente migliori.
Io consiglierei le Eberle (acciaio svedese) ma solo perchè son quelle che uso io e una volta soddisfatto non mi sono preso la briga di provarne altre, ma sicuramente ne esistono di altrettanto buone (l'acciao giapponese ad esempio).

http://www.eberle-augsburg.de/en/strip- ... ing-steel/

http://www.howardcore.com/cgi-bin/shopp ... crapers%22

https://www.cremonatools.it/acciaio-gia ... steel.html

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da lorenzo fossati » venerdì 15 dicembre 2017, 23:50

uso uno della crown credo, in pratica un tondino in inox (credo 8 mm) col manico

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da lorenzo fossati » venerdì 15 dicembre 2017, 23:58

io in genere uso 0,5 mm eccetto che per quelle per la bombatura lontano dai bordi che preferisco averle più sottili in modo da poterle piegare assecondando le curve del legno. Il giochino di riappiattire la bavetta lo faccio di routine ogni volta prima di riutilizzare l'acciarini, sbaglio?

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11070
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da claudio » sabato 16 dicembre 2017, 0:06

la rasiera, sottile o spessa che sia (elastica o rigida), quando esce dalla pietra dovrebbe avere gli angoli puliti e nitidi, sarà poi l'azione dell'acciaino a rivoltare il filo.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da davidesora » sabato 16 dicembre 2017, 0:07

lorenzo fossati ha scritto:
venerdì 15 dicembre 2017, 23:58
io in genere uso 0,5 mm eccetto che per quelle per la bombatura lontano dai bordi che preferisco averle più sottili in modo da poterle piegare assecondando le curve del legno. Il giochino di riappiattire la bavetta lo faccio di routine ogni volta prima di riutilizzare l'acciarini, sbaglio?
Ogni volta che si riaffila con l'acciaino prima si passa di piatto sulla faccia della rasiera per rigirare il filo (questa volta con una certa pressione ma senza angolo) e poi si rigira con la rasiera in morsa per ripristinare il tagliente (poca pressione e poco angolo).
Il difetto delle rasiere flessibili è che son poco rigide e mantenere la rigidità vicino al tagliente è uno dei requisiti indispensabili per un funzionamento ottimale.
Quando si capisce questo si inizia a capire perchè si può fare a meno della cartavetro.....

Anche la qualità dell'acciaino è determinante, ma se è un tondino di acciaio perfettamente liscio e più duro delle rasiere (non deve assolutamente segnarsi) dovrebbe andare bene, anche il mio è da 8 mm ma la marca non la ricordo.
Ultima modifica di davidesora il sabato 16 dicembre 2017, 0:12, modificato 1 volta in totale.

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Affilatura: Thormek e altre macchine

Messaggio da lorenzo fossati » sabato 16 dicembre 2017, 0:11

dunque se non erro:
1-lima
2-pietra
3-schiacciare la bavetta creata da lima e pietra con l'acciarino portandola parallela alla superficie della rasiera (non sporgente)
4-ricreare la bavetta ad hoc con l'acciarino, passaggio leggero a 90 gradi testando col dito o l'unghia

ripetere le fasi 3 e 4 quando si perde il filo

Rispondi