L'Archetto - La costruzione

Forum dedicato all'archetto e alle sue problematiche.
Rispondi
Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

L'Archetto - La costruzione

Messaggio da Barbamarco » lunedì 5 marzo 2007, 21:18

Ciao a tutti

nella galleria fotografica potete trovare le prime foto che riguardano la presentazione dei materiali, degli attrezzi per costruire l'arco:

Nella foto n.1 potete vedere le tavole grezze di pernambuco di diversa qualità e colorazione.

Immagine


La foto n.2 presenta due sezioni di tronco di legno serpente.

Immagine


Nelle foto 3- 4 possiamo vedere gli strumenti più importanti per un archettaio; le pialle.
La foto 4 mostra le pialle più grosse adatte alla sgrossatura mentre la foto 3 ci fa vedere le pialle più adatte per la rifinitura; quella più grande in legno è a lama quasi diritta e questo è importante perchè non scheggia il legno. Questo attrezzo è autocostruito in quanto non reperibile in commercio.


Immagine

Immagine




Altri attrezzi che non possono mancare cioè gli scalpellini (o bedani) per la lavorazione delle mortase, un coltellino per lavorare parti del nasetto e la punta della bacchetta

Immagine



qui abbiamo raspe di diverse forme e dimensioni indicate per la sgrossatura della punta e parte della bacchetta.

Immagine



materiale importantissimo per un arco; il crine, qui potete vedere due code di crine bianco.
Naturalmente esso verrà montato per ultimo.

Immagine



con l'aiuto di una sega circolare a nastro procediamo ora al taglio di una tavoletta di pernambuco, da cui ricaveremo le varie bacchette.

Immagine




questo è ciò che si ottiene dopo il taglio della tavoletta. Notate che ogni bacchetta presenta un rettangolino di legno che scende verso il basso, detto " bandierina". Esso è la parte di legno dove sorgerà la punta dell'arco.
Siamo ora pronti per cominciare la lavorazione della bacchetta. ma.....per il momento ci fermiamo qui.

Immagine

Grazie a tutti e alle prossime foto.

Marco

Avatar utente
Alfredo
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 1851
Iscritto il: martedì 25 gennaio 2005, 0:00
Località: Italia/Germania
Contatta:

Re: L'Archetto - La costruzione

Messaggio da Alfredo » martedì 6 marzo 2007, 0:43

Molto interessante!!!
Una domanda: ma dalla colorazione si distingue anche la qualità del legno?
E' un argomento molto interessante, grazie e... buon proseguimento.
Alfredo

Avatar utente
edo
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » martedì 6 marzo 2007, 0:51

Molto interessante, questo topic promette molto bene.
Grazie Marco

Per quanto riguarda la pialla autocostruita, funziona quasi come una rasiera?

Se così fosse mi sembra che qualcosa in commercio ci sia, tipo queste:
http://www.lie-nielsen.com/catalog.php?cat=508

http://www.veritastools.com/Products/Page.aspx?p=113

ciao

edo

Avatar utente
MCR
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 311
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 0:00

Messaggio da MCR » martedì 6 marzo 2007, 12:21

Interessantissimo! saresti però così gentile da mettere le dimensioni del legno, del tegalio etc. etc.?

grazie mille perchè è veramente interessante :pray:

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3353
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » martedì 6 marzo 2007, 12:33

Interessantissimo! Anche le foto sono belle e chiare nei particolari!

Ti faccio un'altra domanda. Per sfruttare al meglio il taglio della bacchetta immagino che, a causa della bandiera che porterebbe via molto legno di spreco, il taglio è fatto incrociato, tipo 69 per intenderci.
Quanti archetti al massimo con questo sistema si riescono ad intagliare con un bacchetta? Oppure c'è un sistema diverso?

Grazie per la tua disponibilità!
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » martedì 6 marzo 2007, 19:30

Ciao a tutti e grazie per le vostre visite....

rispondo con ordine....; dalla colorazione del legno non si distingue anche la qualità sono due fattori diversi, in quanto non è detto che da un legno bello esteticamente si possa ricavare un buon arco.

Si, la pialla a lama diritta funziona come una rasiera e non a caso viene anche chiamata rasiera guidata.

Generalmente le tavole variano dai 12 ai 14 mm di spessore e con queste sono adatte per gli archi da violino viola e violoncello. Per gli archi da contrabbasso lo spessore va da 17 a 20 mm. La lunghezza di tutte le tavole varia dal metro al metro e mezzo metre la larghezza parte dai 4 cm ai 10 cm circa...


riguardo al taglio delle tavole quello che dici tu può essere un dei sistemi.....Tutto sta a come si presenta la tavola.. Chiaramente se ci sono nodi o crepe, cosa molto frequente in questo tipo di legno, bisogna fare molta attenzione a lasciarle fuori dalla futura bacchetta.
Se una tavola non presenta crepe o nodi possiamo anche ricavare tre o quattro bacchette.

Spero di essere stato esauriente. Grazie a tutti e alla prossima

Marco

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3353
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » martedì 6 marzo 2007, 20:23

Molto esauriente!

Grazie.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
Giva
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 1275
Iscritto il: martedì 6 settembre 2005, 0:00
Località: prov. Parma

Messaggio da Giva » martedì 6 marzo 2007, 23:18

siccome le pialle piccole costano un patrimonio, tempo fa mi hanno consigliato di costruimele da me.. mi è sembrato un buon consiglio :)
http://guitarbuilding.forumup.it/viewto ... arbuilding
"Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte"

Avatar utente
MCR
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 311
Iscritto il: lunedì 13 novembre 2006, 0:00

Messaggio da MCR » mercoledì 7 marzo 2007, 13:11

Barbamarco ha scritto:Ciao a tutti e grazie per le vostre visite....

rispondo con ordine....; dalla colorazione del legno non si distingue anche la qualità sono due fattori diversi, in quanto non è detto che da un legno bello esteticamente si possa ricavare un buon arco.

Si, la pialla a lama diritta funziona come una rasiera e non a caso viene anche chiamata rasiera guidata.

Generalmente le tavole variano dai 12 ai 14 mm di spessore e con queste sono adatte per gli archi da violino viola e violoncello. Per gli archi da contrabbasso lo spessore va da 17 a 20 mm. La lunghezza di tutte le tavole varia dal metro al metro e mezzo metre la larghezza parte dai 4 cm ai 10 cm circa...


riguardo al taglio delle tavole quello che dici tu può essere un dei sistemi.....Tutto sta a come si presenta la tavola.. Chiaramente se ci sono nodi o crepe, cosa molto frequente in questo tipo di legno, bisogna fare molta attenzione a lasciarle fuori dalla futura bacchetta.
Se una tavola non presenta crepe o nodi possiamo anche ricavare tre o quattro bacchette.

Spero di essere stato esauriente. Grazie a tutti e alla prossima

Marco
Grazie mille! 8O :D

violinobenny
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 268
Iscritto il: venerdì 15 settembre 2006, 0:00
Contatta:

Messaggio da violinobenny » venerdì 9 marzo 2007, 8:48

grazie mille! finalmente ho la soddisfazione di capire come si fa!!
violinobenny
"accadono cose che sono come domande. passa un minuto, oppure anni e poi la vita risponde"

Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » mercoledì 14 marzo 2007, 1:34

Ciao a tutti!

sono tornato... dopo essere stato una settimana col telefono guasto.
Metterò quanto prima le nuove foto, che riguarderanno la lavorazione della bacchetta.
A prestissimo

Marco

Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » domenica 18 marzo 2007, 16:20

Ciao a tutti

proseguiamo il nostro viaggio nella costruzione dell'arco con le foto sulla lavorazione della bacchetta

Piallatura di sgrossamento

Immagine

in questa fase, servendoci della pialla, cominciamo a rendere ottagonale la bacchetta grezza e a praticare quella che viene chiamata rastrematura, cioè la conicità della bacchetta dal tallone alla punta

Raspatura 1-2

Immagine

Immagine


La parte di bacchetta accanto alla bandierina, da cui verrà ricavata la punta, non può essere sgrossata con la pialla più grande in quanto essa non avrebbe possibilità di movimento; ci aiutiamo quindi con la raspa più grande.....


Piallatura di precisione

Immagine

....per poi togliere i segni della raspa e pareggiare la superficie con il pialletto piccolo di precisione. I segni fatti con la matita, che potete vedere, indicano i diversi spessori che la bacchetta deve avere sulla sua lunghezza per ottenere la conicità necessaria. In questa fase vengono lasciati 2-3 millimetri di abbondanza rispetto alla calibratura corretta. Gli spessori vengono poi verificati con un calibro di precisione.

Tornio

Immagine

Terminata la prima sgorssatura dobbiamo eseguire la prima parte del foro che ospiterà la vite. Questa operazione richiede molta attenzione e precisione, in quanto un foro eseguito non correttamente compromette tutta la funzionalità dell'arco. Un grande aiuto deriverà perciò dall'uso di un tornio di precisione...

Punte tornio

Immagine

....su cui verrano usate queste due punte; la punta di destra è una punta molto rigida chiamata " centrino " usata per praticare il cosidetto " invito" alla punta vera e propria cioè quella che vedete a sinistra. Essa è una punta di 3 mm di spessore combinta con una fresa, e servirà per eseguire la prima parte del foro e il capezzolo.

Preforo

Immagine


Dopo aver inserito la bacchetta nel mandrino autocentrante (a sinistra della foto) e il centrino nella contropunta del tornio (a destra della foto) andiamo a eseguire l' "invito"

Foratura

Immagine

Eseguito il preforo fermiamo un attimo il tornio, togliamo il centrino dalla contropunta e inseriamo la punta con fresa per ricavare il foro ed il cosiddetto "capezzolo", ossia il gradino anteriore al foro.

Foro

Immagine


Ed ecco il risultato. Come ho detto prima, il foro che è appena stato eseguito è solo la prima parte e può ospitare solo metà della lunghezza della vite. Nelle fasi successive mostrerò come si esegue anche la seconda.

Ciao a tutti e alle prossime fasi di costruzione

Marco
Ultima modifica di Barbamarco il giovedì 29 maggio 2008, 10:48, modificato 3 volte in totale.
Immagine Immagine

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3353
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » lunedì 19 marzo 2007, 0:35

Bentornato e grazie! :D
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10500
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 19 marzo 2007, 13:55

up!
andante con fuoco

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3353
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » lunedì 19 marzo 2007, 15:55

Marco, una domanda!
Mi sono sempre chiesto se la curvatura dell'arco viene ottenuta in fase di scavo e levigatura, oppure successivamente con la piegatura a caldo?
Da queste prime fasi non si capisce.
Grazie.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Rispondi