L'Archetto - La costruzione

Forum dedicato all'archetto e alle sue problematiche.
Rispondi
Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » mercoledì 29 aprile 2009, 12:23

Potresti provare a flettere la bacchetta impugnandola alle estremità.. Più il legno oppone resistenza alle tue flessioni più è nervoso..
Immagine Immagine

Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » mercoledì 29 aprile 2009, 12:29

Dimenticavo...per quanto riguarda la gomma lacca; due mani leggere bastano..sono più che sufficienti...l'arco non richiede una verniciatura... e la gomma lacca deve essere leggera per non chiudere troppo i pori del legno..
Immagine Immagine

giovanni
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 16 febbraio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da giovanni » mercoledì 29 aprile 2009, 13:15

Molte grazie,
penso che la bacchetta che sto lavorando è poco nervosa perchè si flette abbastanza agevolmente.
Ciao, Giovanni.

giovanni
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 16 febbraio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da giovanni » giovedì 30 aprile 2009, 9:52

Un'ultima cosa: l'equilibrio della bacchetta va bene a 24 cm dall'estremità lato nasetto?
Scusami per le troppe domande.
Ciao, Giovanni

Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » giovedì 30 aprile 2009, 12:40

Si...24 cm esculso il bottone..
Immagine Immagine

giovanni
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 16 febbraio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da giovanni » giovedì 30 aprile 2009, 12:55

Scusa, il bottone è la vite che regola i crini?
Grazie, Giovanni

Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » giovedì 30 aprile 2009, 13:39

Si..proprio quella.
Immagine Immagine

giovanni
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 16 febbraio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da giovanni » domenica 3 maggio 2009, 14:04

Grazie Barbamarco.

Nel prosiego del mio lavoro sulla lavorazione della bacchetta non ho avuto molte difficoltà nel dare la curvatura che volevo, grazie alle spiegazioni da te fornite. Ho riscontrato, comunque, che la bacchetta dopo un pò ha perso la curvatura iniziale. Mi domando a questo punto se l'assottigliamento della bacchetta è avvenuta in maniera scorretta.

Inoltre, ho misurato lo spessore del crine degli archetti cinesi da cui ho preso spunto per il lavoro constantando che il diametro misura mm. 2.3 anzichè 10.5 come da te indicato. Una bella differenza! :o

Ciao, Giovanni

Avatar utente
neuma
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 1536
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 0:00
Località: Piemonte
Contatta:

Messaggio da neuma » domenica 3 maggio 2009, 14:15

...Barbamarco è fuori una settimana per lavoro, mi ha pregata di avvisare che se non risponde al topic nel frattempo è solo per indisponibilità di una postazione internet...

giovanni
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 16 febbraio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da giovanni » domenica 10 maggio 2009, 11:11

Ciao, bentornato Barbamarco
Nel lavorare la bacchetta mi sto aiutando con la forma di un archetto cinese perchè lo ritengo uno spunto per iniziare non avendo altre forme cui affidarmi. Cosa ne pensi, è sbagliato?
e poi, ho misurato il diametro dei crini di 3 archetti economici e sono tutti di circa 2.5 mm. molto lontano dai mm. 10.5 da te indicato ..........
Grazie, Giovanni

Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » domenica 10 maggio 2009, 14:00

Scusa non capisco cosa hai misurato...puoi spiegarti meglio che poi ti rispondo di nuovo?...
Immagine Immagine

giovanni
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 16 febbraio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da giovanni » domenica 10 maggio 2009, 17:09

Ho misurato i crini disponendoli in modo da misurarne il diametro di ognuno. La misura che ne ho ricavata per ognuno e di mm. 2.5.
Ciao, Giovanni

Avatar utente
Barbamarco
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 468
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2007, 0:00
Località: prov. Vercelli
Contatta:

Messaggio da Barbamarco » domenica 10 maggio 2009, 17:18

Ma non è possibile.. casomai il diametro di un singolo crine è 2-2.5 decimi di mm perchè se fossero spessi 2.5mm sarebbero spaghetti, non crini. Poi io per 10.5mm intendevo la larghezza del fascio di crine dell'arco da violino non quella di ogni singolo crine.
Immagine Immagine

giovanni
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 16 febbraio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da giovanni » domenica 10 maggio 2009, 20:27

scusami, per la fretta di scrivere ho sbagliato ad esprimermi. Mi volevo riferire al fascio dei crini per ciascuno archetto.
ciao

zappa57
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 120
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2005, 0:00
Località: Catania
Contatta:

Messaggio da zappa57 » mercoledì 26 agosto 2009, 19:11

Barbamarco ha scritto:Una volta raggiunta la giusta curvatura la cera verrà lasciata fino a quando il legno non si sarà raffreddato, poi, per poter proseguire la lavorazione della bacchetta, la cera verrà tolta con una semplice rasiera.
Per quanto concerne la seconda domanda, inizialmente scaldavo la bacchetta con un fornellino ad alcol; il sistema è buono ma occorreva molto tempo perchè il calore generato portasse il legno ad una temperatura accettabile per essere sollecitato. Con la pistola termica (non phon, assolutamente!!) il risultato è decisamente migliore perchè ci permette di raggiungere temperature più alte in minor tempo ed inoltre, generando un semplice getto di aria calda, invece che una fiamma, non si corre il rischio di annerire o bruciare il legno.
Pistola termica a quanta potenza, 350°C o 600°C ? E perchè non phon ?
E qual'è la giusta curvatura? E per ridare la sua curvatura originaria ad un arco vecchio basterebbe incrementare con tale metodica i residui di forma originaria?
L'arco vecchio non avrebbe bisogno di essere inumidito ( per esempio lavorandolo sul vapore acqueo?)
Grazie

Rispondi