dubbi corde violino e resina nera pirastro evah pirazzi

Forum dedicato all'archetto e alle sue problematiche.
Rispondi
phoenix530
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 25
Iscritto il: venerdì 23 maggio 2014, 0:00

dubbi corde violino e resina nera pirastro evah pirazzi

Messaggio da phoenix530 » mercoledì 4 giugno 2014, 1:48

salve a tutti

apro un nuovo topic in cerca di chiarimenti per un dubbio amletico nato in un'altra discussione in cui siamo inesorabilmente andati out topic :)

ho acquistato erroneamente la seguente resina pirastro adatta a violino, viola e violoncello (almeno cosi leggo in giro). il problema e' che sul sito dicono che e' adatta a dei set di corde in budello della stessa ditta che produce la pece in questione.

Immagine

ora io non possiedo le suddette corde sul mio violino cinese, ma delle banalissime corde di metallo. volevo sapere dai piu esperti se mettendo questa resina sul mio archetto cinese (sicuramente con crini sintetici con molta probabilita'), ottengo un buon risultato o meno nel suonare...non vorrei ritrovarmi con problemi simili a quando usavo la resina scadente che c'era in dotazione con il violino o anche peggio...

qualcuno esperto in resine sa dirmi se questa resina morbida possa dare i suoi frutti anche su corde di metallo? personalmente al tatto mi sembra dura come tutte le altre, ma a quanto pare e' tra le piu' soft nello schema sul sito della pirastro.

grazie mille per le delucidazioni :roll:

Avatar utente
talus
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 291
Iscritto il: sabato 26 aprile 2008, 0:00

Messaggio da talus » mercoledì 4 giugno 2014, 18:49

L'acciaio necessità di minor energia,e quindi l'uso di colofonia più secca e dura è consigliabile.Al contrario le corde in budello o sintetico si abbinano a colofonia morbide e grasse.Comunque nel tuo caso il suono dipenderà quasi esclusivamente dalle qualità sia del violino sia dell'Arco oltre che alla tua arte.

phoenix530
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 25
Iscritto il: venerdì 23 maggio 2014, 0:00

Messaggio da phoenix530 » mercoledì 4 giugno 2014, 19:06

grazie della risposta talus

sapevo gia' questa cosa della secchezza o meno....volevo capire solo se posso usare ugualmente questa pece sulle corde in metallo o rischio di avere problemi nel suonare...

SS72
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 21
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2016, 0:00

la prima pece in assoluto

Messaggio da SS72 » venerdì 11 novembre 2016, 18:33

Ciao a tutti,
mi accingo ad ordinare le corde Pirastro tonica e non ho mai suonato il violino, quale colofonia-pece mi consigliate? Non ho capito quale sia la migliore per il primo attacco e le prime arcate in assoluto. Quella chiara è più pastosa e devo "tirare di più"? Quella scura è più scorrevole ma devo "spingere sulla corda"? Non ne so proprio nulla. Gli indirizzi dettagliati mi farebbero davvero comodo. Grazie.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10422
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 11 novembre 2016, 19:24

Le Tonica vanno benone, in quanto alla pece prendine pure una chiara, va bene per l'uso generale. Ma se ne prendi anche una scura non sbagli di certo, l'importante è che sia di buona qualità.
andante con fuoco

SS72
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 21
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2016, 0:00

Messaggio da SS72 » venerdì 11 novembre 2016, 19:46

Grazie, ma a quali differenze vado incontro? Forse un principiante non se ne accorge della differenza?

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10422
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 11 novembre 2016, 20:20

Esatto, un principiante sulle peci non è quasi mai in grado di percepire le differenze. A volte accade anche ai professionisti di confondersi un pò! In generale la pece chiara ha un punto di fusione più alto di quella scura e tende a fare polvere, questo vuol dire che è più dura e cristallina, il che si ripercuote sul suono. Quella scura al contrario, sempre in via del tutto generica, è più morbida e tende ad un suono un pò più dolce. Ovviamente molto dipende dal tipo di crine, dall'arco, da chi suona, dal tipo di corde e dallo strumento che si suona. Con l'esperienza si riescono a mettere insieme tutte queste caratteristiche in modo oculato e possibilmente armonico.
andante con fuoco

SS72
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 21
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2016, 0:00

Messaggio da SS72 » sabato 12 novembre 2016, 15:39

Grazie Claudio,
Hai detto che con la pece scura si ha un suono più dolce ed ora sono propenso verso questa scelta. Poi ho capito che con la pece scura si ha un attrito minore, sbaglio?

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10422
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » sabato 12 novembre 2016, 22:48

L'attrito non è minore.
andante con fuoco

SS72
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 21
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2016, 0:00

Corde violino

Messaggio da SS72 » domenica 11 dicembre 2016, 18:56

Ok le Pirastro Tonica vanno benone, penso anche le Thomastik Alphayue (?), ma quali sono quelle che vanno bene o benino? per risparmiare magari...
Il sito http://www.musicherie.com è affidabile? Voi dove vi rifornite?
ne approfitto: le sordine in metallo pesante a barilotto sono efficaci o è meglio pensare a quelle a pettine?

Rispondi