I guai del principiante attempato

Dedicato a chi si avvicina per la prima volta agli strumenti ad arco.
Rispondi
Lil
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 18
Iscritto il: domenica 4 marzo 2018, 10:42

I guai del principiante attempato

Messaggio da Lil » mercoledì 6 giugno 2018, 16:00

Ciao a tutti. Da principiante attempate (come recita il titolo ) sto incontrando alcune difficoltà. Le principali sono dovute a rigidità e vizi di postura strutturati nel tempo. La cosa che più mi crea problemi è la gestione dell'arco: la tensione che metto nel suonare mi blocca il braccio e le arcate si snodano con fulcro del movimento prevalentemente alla spalla piuttosto che al gomito ... Con gran disperazione mia e della mia insegnante. È un problema solo mio o capita spesso? ( nel senso: sono negata ed è meglio che cambio "sport" oppure c'è speranza?). Quando le pongo questa domanda la mia maestra glissa e non risponde .... Sarà solo diplomazia? Voi che ne pensate? Ed avete qualche consiglio da darmi?
Vi ringrazio !

teresina
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 73
Iscritto il: mercoledì 19 luglio 2017, 13:37

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da teresina » giovedì 7 giugno 2018, 1:16

Ciao! La mia risposta è: se ti piace suonare, continua! La postura e i movimenti per suonare il violino non sono naturali. Un bambino si adatta più agevolmente (sempre che ne abbia voglia 😉) ma tu hai dalla tua parte la consapevolezza e la maturità che un bambino non ha. Devi usare bene questa maturità per superare eventuali problemi di rigidità che sugli adulti possono presentarsi. Tienici aggiornati dei tuoi progressi!

Avatar utente
directy
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 32
Iscritto il: domenica 3 luglio 2016, 0:00
Località: Lombardia

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da directy » giovedì 7 giugno 2018, 15:35

Ciao.. io ho iniziato quasi due anni fa ed ho tante tensioni, rigidità che mi fanno spesso ‘tremolare’ o suonare male ma con l’esercizio costante piano piano vedo che tutto migliora. Certo.. ora che ho cominciato con la terza posizione mi ritrovo nuovamente super rigido in molti movimenti che ancora non conosco. Ho però la grande convinzione che (almeno per il mio caso) tutto parta dalla mia testa e non dalle mie articolazioni…

Lil
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 18
Iscritto il: domenica 4 marzo 2018, 10:42

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da Lil » venerdì 8 giugno 2018, 16:30

Ciao!
Grazie per l vostre risposte carinissime! Sicuramente la motivazione è forte e non mi lascerò scoraggiare: questo strumento mi ha veramente catturato! Trovo anche molto incoraggiante condividere le esperienze. Per il momento sto cercando di focalizzare il movimento per cercare di correggermi. Gironzolando su internet ho trovato un corso (qualcosa su YouTube e poi dei libri) di una violinista di origine ungherese che si chiama Kato Havas. La sua teoria basata proprio sulla rimozione delle tensioni che bloccano i movimenti sia nei principianti ma talvolta anche nei violinisti più esperti è molto affascinante, soprattutto per me che per lavoro mi occupo proprio di problemi di postura! Ne avete mai sentito parlare?

Avatar utente
directy
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 32
Iscritto il: domenica 3 luglio 2016, 0:00
Località: Lombardia

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da directy » venerdì 8 giugno 2018, 17:20

No, mai sentito ma ora vado a cercarlo su web. Io prima di ogni sessione giornaliera di esercizio faccio almeno 5/10 minuti di corde vuote e cerco di ottenere il suono migliore possibile durante l'arcata ed il cambio di direzione. Questo mi aiuta a slegarmi per bene prima di cominciare con tutto il resto.

teresina
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 73
Iscritto il: mercoledì 19 luglio 2017, 13:37

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da teresina » sabato 9 giugno 2018, 0:01

Ne ho già sentito parlare ma non l'ho mai letto. Credo però che un po' di utenti del forum lo conoscano. Buon lavoro!

Avatar utente
Ananasso
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 372
Iscritto il: lunedì 28 febbraio 2011, 0:00
Contatta:

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da Ananasso » sabato 9 giugno 2018, 0:21

Lil ha scritto:
venerdì 8 giugno 2018, 16:30

Gironzolando su internet ho trovato un corso (qualcosa su YouTube e poi dei libri) di una violinista di origine ungherese che si chiama Kato Havas. La sua teoria basata proprio sulla rimozione delle tensioni che bloccano i movimenti sia nei principianti ma talvolta anche nei violinisti più esperti è molto affascinante, soprattutto per me che per lavoro mi occupo proprio di problemi di postura! Ne avete mai sentito parlare?
L'ho comprato, letto, cercato di applicarne e principi e dimenticato. Io lascerei perdere.

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3400
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da violino7 » domenica 10 giugno 2018, 21:01

Io direi che il "Nuovo approccio al violino" sua fondamentale per capire la meccanica che sovrintende il suonare il violino, questo libro è stato a suo tempo rivoluzionario nella didattica e credo lo sia tuttora.
Io ne ho tratto grande vantaggio e credo sinceramente che debba far parte di quelle letture quasi obbligate per chi è alle prime armi, nel portale ne abbiamo parlato spesso e volentieri!

Andando avanti negli studi, di Kato Havas è importante poi l'altro suo testo "La paura del pubblico", anche questo ritengo che sia fondamentale! Consiglio di andare in "cerca" nel portale e leggervi tutto quello che trovate.

Certo, un giorno non servirà più, ma fin tanto non si è pervenuti all'automatismo nella postura ed alla perfetta padronanza dei movimenti è decisivo capire come correggersi senza perdere tempo inutile nel perseverare negli errori! :? Aspettiamo anche che ce lo dica il maestro, ma per arrivarci coscientemente un testo aiuta tantissimo.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
robinwood
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 345
Iscritto il: mercoledì 19 maggio 2010, 0:00

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da robinwood » lunedì 11 giugno 2018, 1:29

https://www.google.it/search?q=vengerov ... 1&ie=UTF-8

I principianti (e non) volenterosi, giovani e meno giovani di oggi fortunatamente hanno a disposizione video come questi, che non hanno prezzo. Aiutandosi con i sottotitoli e osservando con attenzione tutti gli appunti impeccabili del Maestro e la sua postura, i polsi, i gomiti, le dita, ascoltando il Suono della sua impressionante arcata (paw of leopard...) solo per poche note, si ottengono tutte, o quasi, le risposte, almeno credo.
Il diciannovenne asiatico pur con le sue magie e la sua tecnica mirabile, fa la figura a suo modo del vero principiante al cospetto di Vengerov.
Mai scoraggiarsi troppo insomma.

Avatar utente
robinwood
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 345
Iscritto il: mercoledì 19 maggio 2010, 0:00

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da robinwood » lunedì 11 giugno 2018, 9:08


Lil
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 18
Iscritto il: domenica 4 marzo 2018, 10:42

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da Lil » mercoledì 13 giugno 2018, 19:52

Grazie!! Suggerimenti davvero preziosi! Sto leggendo la nuova versione di " nuovo approccio al violino" e cioè le 12 lezioni e sto cercando di applicarne i concetti. Penso che leggerò anche quello sulla paura del pubblico, che con l'ansia c'entra tanto! Anche perché ho appena iniziato a suonare con un'orchestra amatoriale ( loro sono bravi ... Loro) e il rendimento quando suono in orchestra crolla miseramente ( come dice la mia segnante " a casa mi veniva"). Grazie ancora di cuore!

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3400
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da violino7 » domenica 17 giugno 2018, 22:36

Lil ha scritto:
mercoledì 13 giugno 2018, 19:52
Grazie!! Suggerimenti davvero preziosi! Sto leggendo la nuova versione di " nuovo approccio al violino" e cioè le 12 lezioni e sto cercando di applicarne i concetti. Penso che leggerò anche quello sulla paura del pubblico, che con l'ansia c'entra tanto! Anche perché ho appena iniziato a suonare con un'orchestra amatoriale ( loro sono bravi ... Loro) e il rendimento quando suono in orchestra crolla miseramente ( come dice la mia segnante " a casa mi veniva"). Grazie ancora di cuore!
Vorrei consigliare anche un altro testo che io credo possa interessarti, è un libro a carattere generale su quella che si potrebbe chiamare la "filosofia del violino", riguarda il rapporto interpersonale tra noi e lo strumento, proprio per questo utilissimo! E' intitolato:

"Il violino interiore" di Dominique Hoppenot - Editore Cremonabooks

Fino a qualche anno fa si trovava solo in francese ma per fortuna qualcuno ha pensato a tradurlo! :)
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Lil
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 18
Iscritto il: domenica 4 marzo 2018, 10:42

Re: I guai del principiante attempato

Messaggio da Lil » lunedì 25 giugno 2018, 23:21

Grazie dl suggerimento: lo cercherò. Io sono profondamente convinta, come dicevo altrove, dello stretto rapporto tra noi e il nostro violino, come strumento n grado di metterci meglio in relazione con noi stessi ... Ed una grande spia dei nostri stati d'animo ..

Rispondi