Disegno viola

Non solo barzellette sui violisti, please :)
Rispondi
PaoloT
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 25 giugno 2019, 17:00

Disegno viola

Messaggio da PaoloT »

Buongiorno a tutti,
sono Paolo e, dopo gli anni di studio in Conservatorio, da qualche tempo ho avuto il coraggio di cimentarmi nella costruzione di un violino. La fretta che ho addosso non mi aiuta nel certosino lavoro di liuteria, ma almeno prendo questo mio primo esperimento con il violino come una palestra di manualità in vista di strumenti migliori (o meno peggiori...).
Accingendomi alla conclusione del manico e, quindi della verniciatura, sto pensando al prossimo strumento e mi sto indirizzando (visto il disegno tecnico di The Strad) verso la viola Mahler di Stradivari, del 1672. Vorrei ricavare il disegno per la forma dal contorno delle fasce (disegno tecnico) e, prendendo le misure e approssimando quanto meglio posso, ho cercato di adottare i principi per il disegno contenuti in Sacconi e nel tutorial su questo sito per la realizzazione della forma in geogebra, ma non torna nulla. Chiedo a chi è più esperto di me quali siano i parametri da modificare (ammesso sia possibile, vista la libertà costruttiva della viola) oppure quale sia il metodo più semplice ed efficace per ricavare il contorno per la forma. Mi scuso per la banalità della richiesta, ma è il primo tentativo di riproduzione di un modello da zero (per il violino che sto costruendo ho usato un set "preconfezionato" con sagoma e modelli di quinte, seste e riccio).
Grazie davvero...e intanto continuo ad "abbronzare" la cassa del violino con bevute di thè e caffè...

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11896
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Disegno viola

Messaggio da claudio »

Avendo il poster di The Strad è già qualcosa sui potersi basare. Per quanto riguarda il disegno geometrico con geogebra o altro programma CAD, devi tracciare le linee fondamentali individuando l'asse centrale su cui poi giaceranno i punti delle larghezze max inferiore e superiore, l'altezza degli zocchetti delle punte, l'altezza delle CC (individuata dalle linee interne degli zocchetti). Una volta che hai ottenuto questi riferimenti non resta che armarsi di compasso e provare a vedere quanto del disegno originale della viola Mahler corrisponda alla teoria. E' un lavoro abbastanza impegnativo, ma a mio parere anche molto appassionante.
andante con fuoco

PaoloT
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 25 giugno 2019, 17:00

Re: Disegno viola

Messaggio da PaoloT »

Grazie mille!

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11896
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Disegno viola

Messaggio da claudio »

Con il sistema che ti ho detto ho disegnato tutte le mie viole, per la viola di 41 anch'io ho preso spunto dalla forma della viola Mahler.
andante con fuoco

PaoloT
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 25 giugno 2019, 17:00

Re: Disegno viola

Messaggio da PaoloT »

Sono riuscito a ricavare la forma, scegliendo la metà più "panciuta", sperando che il maggior volume incida positivamente sul suono del futuro strumento. Mi sto ponendo, però, il seguente quesito: rispetto alle misure di riferimento del quaderno di liuteria per la.viola da 41 cm, il poster di The Strad da misure decisamente inferiori sia per l'altezza di fasce e zocchetti (36/34 rispetto a 38/39.5 di Morassi) che per la distanza tra gli occhi superiori delle effe. Da assoluto inesperto di liuteria (questa viola sarebbe il mio secondo strumento), mi chiedo se sia meglio riprendere la forma e le bombature dal poster e mantenere le misure (spessori, altezze, distanze) come da quaderno di liuteria o riprendere in toto le misure dell'originale.
Grazie, come sempre, dei consigli!

PaoloT
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 25 giugno 2019, 17:00

Re: Disegno viola

Messaggio da PaoloT »

Chiedo ancora lumi sulle dimensioni della viola, non avendo avuto ancora risposta al post precedente. L'altezza delle fasce della Mahler è piuttosto bassa (34/36) rispetto alle indicazioni dei quaderni di liuteria per la viola 41. Anche l'altezza di tavola e fondo differisce (17 per entrambi nella strad, 18/17 secondo le indicazioni dei quaderni). Mi chiedo: in ottica acustica, se tenessi quinte e seste dell'originale e alzassi le fasce di quei 4 mm, compenserei la bombatura più bassa della tavola (considerando il volume d'aria complessivo della cassa)? Chiaramente, vista la mia inesperienza, non intendo realizzare una copia, ma solo ispirarmi al modello e sperare che lo strumento suoni dignitosamente...

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11896
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Disegno viola

Messaggio da claudio »

Il mio interesse in questo forum è contribuire alla formazione dei liutai ed evitare l'elargizione "fast food", cioè a dire "mordi e fuggi", poiché non avrebbe senso. E' pur vero che si inizia quasi sempre per divertimento e passatempo la costruzione di uno strumento, ma per quanto si possa perseguire un obiettivo di evasione, anche la costruzione di uno strumento dal mio punto di vista ha le sue regole.

Dato che la maggior parte dei liutai si limita a copiare le forme, non avendo alcuna idea di cosa significhi impararne il disegno, mi sembra evidente che se ad una persona io dico che sia necessario imparare a disegnare le forme, pur ispirandosi a strumenti storici, non lo dico per il mio interesse, ma nell'interesse esclusivo di chi si accinge ad imparare, perché imparando a disegnare si impara tutto, anche a copiare in modo ragionato ed oculato.

Inoltre faccio presente che io seguo ed insegno il cosiddetto metodo a "cassa chiusa", come da indicazioni della scuola di Sacconi e bottega Bissolotti, ho sempre lavorato in questo modo, quindi non sembri strano che possa rifiutarmi di seguire altri metodi, che peraltro conosco poco.

Nel passato mi sono adattato anche a fornire informazioni che divergevano dalla mia esperienza personale, ma mi sono reso conto che è una scelta che a lungo termine non solo non paga in termini di qualità complessiva di stile e sonorità degli strumenti, ma che si vanno a perpetuare pratiche costruttive che pur consolidate, hanno poco o niente a che fare con la la tradizione italiana.

Oltretutto citi le misure delle altezze fasce di Morassi e del poster di The Strad, e Sacconi?
andante con fuoco

PaoloT
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 7
Iscritto il: martedì 25 giugno 2019, 17:00

Re: Disegno viola

Messaggio da PaoloT »

Premetto che sono solo un amatore e, pur desideroso di comprendere il più possibile quanto sta dietro la costruzione di uno strumento (sono strumentista), non ho velleità di realizzare lo strumento perfetto. Ancor prima di pensare a metodi a cassa aperta o cassa chiusa (lavoro comunque su forma interna, che mi risulta essere di tradizione italiana), vista la mia inesperienza mi sono sentito di chiedere un consiglio, ancor prima che procedurale, teorico o concettuale.
Ringrazio comunque per l'attenzione.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11896
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Disegno viola

Messaggio da claudio »

Mi è parso di aver scritto chiaro: anche se si è solo amatori, non si capisce il motivo per cui certe questioni non si debbano approfondire. Il disegno di uno strumento è questione da approfondire.

Lavorare "comunque" con la forma interna non è la garanzia di tradizione italiana, anche a Pechino lavorano con la forma interna, eppure... Senza tenere conto che ci sono molti tipi di forma interna che però hanno poco a che fare con la tradizione antica cremonese.

Le tue sono a tutti gli effetti richieste di puro ordine pratico, di concettuale e di teorico mi sembra ci sia veramente poco, o niente. In questo non c'è niente di male, ma io non sono qui come ufficio informazioni, cosa che è successa in passato e che non succederà più.

Per questo, oltre a consultare il forum, che contiene un'infinità di informazioni (comprese quelle di cui hai bisogno), ti consiglio di studiare e di documentarti (molte informazioni su libri e metodiche le trovi sempre nel forum).
andante con fuoco

Rispondi