Viola CV AG 2015 Triennale

Non solo barzellette sui violisti, please :)
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Viola CV AG 2015 Triennale

Messaggio da davidesora » mercoledì 14 ottobre 2015, 11:51

Mi sembra più appropriato spostare in questa sezione i post relativi alla viola con cui ho partecipato alla XIV Triennale di Cremona, postati inizialmente nella sezione violini nel topic relativo al mio violino premiato ( :D )

La sigla CV AG sta per Contralto Viola - Andrea Guarneri, sigla che contraddistingue la mia forma (interna) su cui è stata costruita.
La dimensione della cassa è 41,5 cm, la corda vibrante è di 376 mm, con il diapason della cassa di 222,5 mm e una lunghezza del manico di 148,3 mm (rapporto 3:2).
Il manico è largo 24 mm al capotasto ed ha uno spessore minimo di 18,6mm e massimo di 20,7 mm prima della curva del tallone.
Pesa 536 g con le corde montate ma senza mentoniera, 577 g con la mentoniera (41 g) montata.
Gli accessori sono in palissandro.
La vernice è a olio (di lino) e colofonia cotta.

E' "nata" il 20 Luglio 2015 alle ore 23,00 (data della prima montatura delle corde)

ImmagineImmagine
Ultima modifica di davidesora il mercoledì 14 ottobre 2015, 12:32, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 14 ottobre 2015, 11:53

Ieri si è conclusa l'esposizione della Triennale e sono andato a riprendermi gli strumenti.
Oltre al violino assurto agli onori della cronaca per i premi ricevuti avevo in concorso anche una viola, che non è stata premiata ma che a mio avviso si è comportata bene e mi ritengo comunque soddisfatto della "prestazione".
Per questo volevo dedicare anche a lei un angolino mediatico , secondo me se lo merita al pari del violino.
Per i più "competitivi" questi sono i numeri :
82 viole ammesse al concorso
17° nella classifica dei liutai
4° nella classifica dei musicisti
6° nella classifica globale
Considerando che i finalisti erano 5, è stata la prima esclusa dalla finale.
C'è mancato poco, ma il fatto che la "colpa" sia stata dei "soliti" liutai e non dei musicisti (che evidentemente non fanno caso al colore della vernice ed altre quisquiglie simili...) mi dà piena soddisfazione 8)

A questo link trovate alcune foto della viola, il formato della cassa è 41,5 cm.

http://imgur.com/a/jpV3A


Immagine

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 14 ottobre 2015, 11:55

Ananasso ha scritto:Ci sono molti spunti in questo thead, al di là dei riconoscimenti a Davide (che mi fanno contento, anche se non lo conosco di persona).
Ho fatto anch'io una viola (405 mm) e mi è sembrato un mondo completamente diverso da quello del violino. Mi piacerebbe che Davide aprisse una discussione sulla SUA viola, magari facendocela ascoltare.
In effetti è un mondo diverso da quello del violino più che altro dal punto di vista timbrico, dove si incontrano opinioni e gusti più variegati.
Viole piccole,grandi,grandissime,bresciane,cremonesi,veneziane ecc. ecc. creano un po' di confusione nell'azzeccare le possibili aspettative del musicista.
Il possibile (e diffuso) uso di corde metalliche come nei violoncelli inserisce altre variabili nella tavolozza timbrica a disposizione.
Però le dinamiche e le problematiche di funzionamento sono le stesse degli altri strumenti ad arco, se si hanno ben presenti i principi di base si possono trasferire tranquillamente da uno strumento all'altro (anche ai violoncelli), anche se indubbiamente questo richiede un certo adattamento alle condizioni statiche e acustiche dei vari strumenti.
Io ho disegnato una forma Andrea Guarneri abbastanza collaudata dal punto di vista acustico (usata da parecchi liutai moderni, ad es. alla triennale la prima e la seconda viola erano entrambe modelli guarneri).
Molto simile nelle curve alle viole Amati ma più larga al centro e nella parte superiore, cosa che a me piace stilisticamente e che credo funzioni meglio acusticamente.
Bombature piuttosto alte e molto sgusciate (non come in quelle originali ma comunque molto più del mio solito) e di conseguenza spessori abbastanza sottili restituiscono un suono vibrante e morbido,ricco di armonici, con timbro scuro ma non eccessivamente nasale (anche se pur sempre da viola, dove un po' di nasalità non guasta affatto).
A me piace molto come suona, soprattutto per la facilità e libertà di emissione.
E' montata con corde Vision sintetiche, non ha una eccessiva potenza ma con corde più "aggressive" e magari con il do in tungsteno probabilmente potrebbe migliorare guadagnando sotto questo aspetto, ma non l'ho ancora provato.
E' la prima viola che costruisco su questa forma e solamente la settima in assoluto, quindi direi che non posso lamentarmi del risultato.
Si è guadagnata il posto di modello di viola ufficiale della ditta. :D (anche se una sua antenata del 1989 si era comportata un po' meglio qualche annetto fa alla Triennale entrando in finale e finendo 4°, ma erano altri tempi....)
E' verniciata con vernice ad olio, anche in questo caso è stata una prima volta per me.
Purtroppo non ho registrazioni da far ascoltare, se mai provvederò sarete i primi a saperlo.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 14 ottobre 2015, 11:56

edo ha scritto:Perchè quando guardo questo ponte mi sembra di vedere un alieno? :D
Edo
Anche questo ti sembra un alieno?

Immagine

é quello della viola, fatto poco dopo quello alieno del violino.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 14 ottobre 2015, 12:19

Queste le bombature, 19 mm di altezza massima per la tavola e 18,4 mm per il fondo.
Ispirate, anche se non esattamente copiate, a quelle della viola 1676 Conte Vitale di Andrea Guarneri.


Immagine

Immagine

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10421
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » mercoledì 14 ottobre 2015, 13:39

Possiamo dire che questa viola è anche il primo strumento di Davide verniciato ad olio? Cmq sia bellissimo strumento, bel contrasto di colori e bella tonalità.
andante con fuoco

fix62
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 27
Iscritto il: sabato 11 ottobre 2014, 0:00

Messaggio da fix62 » mercoledì 14 ottobre 2015, 15:42

che dire Davide, questa viola è bella come una bella donna, anche se privilegi le qualità sonore !!!!! :1: :jud: :D
Ma se come dice Claudio, questo è il tuo primo strumento dipinto a olio,
normalmente usi sempre vernici ad alcool ? E' vero che in fase di restauro
le verniciature a olio, sono molto più difficili da ''ritoccare ?
complimenti ancora

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10421
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » mercoledì 14 ottobre 2015, 15:46

fix62 ha scritto:E' vero che in fase di restauro
le verniciature a olio, sono molto più difficili da ''ritoccare ?
Provato di persona, niente affatto vero che le vernici ad olio siano difficili da ritoccare, l'importante è avere la stessa vernice ad olio, o una molto simile.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 14 ottobre 2015, 15:56

claudio ha scritto:Possiamo dire che questa viola è anche il primo strumento di Davide verniciato ad olio? Cmq sia bellissimo strumento, bel contrasto di colori e bella tonalità.
Grazie Claudio.
Ebbene si, questo è il primo strumento che vernicio ad olio, grazie anche agli stimoli "provocatori" di questo Portale che mi hanno stimolato a passare dai campioni di prova (di cui ho abusato) allo strumento "vero" con tutte le vere problematiche applicative da risolvere.
E' stato divertente e molto istruttivo, credo che ripeterò l'esperienza.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 14 ottobre 2015, 16:27

fix62 ha scritto:che dire Davide, questa viola è bella come una bella donna, anche se privilegi le qualità sonore !!!!! :1: :jud: :D
Ma se come dice Claudio, questo è il tuo primo strumento dipinto a olio,
normalmente usi sempre vernici ad alcool ? E' vero che in fase di restauro
le verniciature a olio, sono molto più difficili da ''ritoccare ?
complimenti ancora
Grazie :D

Normalmente uso una vernice a solvente alcolico ma che contiene anche olio di lino ossidato (linossina).
Il violino premiato è verniciato con questa mia solita vernice ipercollaudata (la uso da circa 25 anni) che funziona benissimo ma è piuttosto lunga e laboriosa da applicare e prevede l'uso di forti quantità di solvente (va usata molto diluita) come tutte le vernici ad alcool.

Il mio interesse verso le vernici ad olio risiede principalmente nelle diverse caratteristiche applicative e specialmente nella possibilità di non utilizzare solventi o di usarli in mimime quantità, di ottenere uno strato colorato uniforme senza dover mai ritoccare e di poter evitare la tamponatura finale per ottenere una superficie più "materica", come direbbe Claudio, che con le vernici con molto solvente è un effetto più difficile ed artificioso da ottenere.

Riguardo al ritocco delle vernici il problema non risiede nel fatto che siano ad olio o ad alcool, ma da come si presenta la distribuzione del colore nello strato di vernice.
A me risulta che le vernici più difficili da ritoccare siano quelle ad alcool con colore molto uniforme e trasparente ottenuto con la stratificazione di molte mani di vernice, piuttosto tedioso da ricostruire in fase di ritocco.

Arca
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 262
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Messaggio da Arca » mercoledì 14 ottobre 2015, 17:10

La perfezione fatta strumento, è bellissima!
poi le toro fatte in questo modo non lasciano niente al caso, si vedrebbe ogni piccolissimo difetto, incredibilmente bella! :o

Una domanda, l'occhio del ponticello più grande sotto il Do incide molto a livello di trasmissione acustica? Sabato scorso ho avuto il piacere di visitare lo studio museo del maestro Vettori, e anche li ho notato che aveva un violino con l'occhio del ponticello del Sol enorme, quasi il doppio di quello del Mi

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 14 ottobre 2015, 17:52

Arca ha scritto:La perfezione fatta strumento, è bellissima!
poi le toro fatte in questo modo non lasciano niente al caso, si vedrebbe ogni piccolissimo difetto, incredibilmente bella! :o

Una domanda, l'occhio del ponticello più grande sotto il Do incide molto a livello di trasmissione acustica? Sabato scorso ho avuto il piacere di visitare lo studio museo del maestro Vettori, e anche li ho notato che aveva un violino con l'occhio del ponticello del Sol enorme, quasi il doppio di quello del Mi
Grazie! :D
Scusa la domanda, ma cosa sono le "toro"?? Mi sfugge il termine....

Le modifiche del ponticello non influiscono "molto" sul suono, ma anche una piccola differenza può essere determinante e significativa, soprattutto con musicisti di un alto livello di sensibilità.
Ad es. diminuire la quantità di legno sotto alle corde (vale per tutte le corde) potrebbe migliorare la risposta, ma esagerare con le asimmetrie non serve se la corona superiore è ben proporzionata.
In caso di dimensioni sbilanciate (ad es un ponticello molto basso sugli acuti e alto sui bassi) allargare l'occhio sotto ai bassi potrebbe essere una buona idea, ma sarebbe meglio risolvere il problema in modo da ottenere una corona superiore più bilanciata intervenendo dove serve (altezza corde, inclinazione laterale manico e tastiera ecc.).
Ultima modifica di davidesora il mercoledì 14 ottobre 2015, 22:01, modificato 1 volta in totale.

Arca
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 262
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Messaggio da Arca » mercoledì 14 ottobre 2015, 18:05

davidesora ha scritto:
Grazie! :D
Scusa la domanda, ma cosa sono le "toro"?? Mi sfugge il termine....
Volevo scrivere Foto e non Toro :lol:

Ho capito è "l'insieme" che fa vibrare al meglio lo strumento

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3344
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » mercoledì 14 ottobre 2015, 22:46

Magnifico strumento! Complimenti!
Davvero belle forme, poi a me piace molto anche la vernice. :)
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1679
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » giovedì 15 ottobre 2015, 0:06

violino7 ha scritto:Magnifico strumento! Complimenti!
Davvero belle forme, poi a me piace molto anche la vernice. :)
Grazie Lino :D

Anche a me piace come è venuto il colore ed essendo il primo tentativo di vernice ad olio il risultato non era poi così scontato....
Forse un po' scuro in luce fioca ma sotto i potenti fari del palcoscenico sicuramente tiene bene senza schiarirsi troppo 8)

Rispondi