Viola CV AG 2015 Triennale

Non solo barzellette sui violisti, please :)
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10422
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » sabato 17 ottobre 2015, 12:51

Aggiungo inoltre che i suddetti 180-200°C per cuocere le resine sono da considerare temperature "sicure", in cui il rischio di combustione e autocombustione è molto basso, questo riguarda anche l'olio di lino, che bolle a circa 300°C.

Personalmente non ho mai avuto bisogno di andare oltre la temperatura di ebollizione dell'olio di lino e fortunatamente non ho mai pirogenato ambra o copali africane (in genere molto dure), tuttavia considerando la disinvoltura di Giovanni a cuocere una resina considerata tra le tenere, come la sandracca, di pirogenarla sui 350°C, mi sento in dovere di avvisare chi volesse accingersi alla cottura di vernice e olii, di evitare temperature così estreme perchè il rischio di farsi del male aumenta in modo esponenziale.

Questo non vuol dire che il procedimento di Giovanni sia sbagliato, tuttaltro, ma non è da tutti gestire temperature (e fumi), a temperature così alte. Inoltre io seguo il criterio della cottura alle temperature più basse possibili poichè un basso calore conserva l'integrità della resina e non altera la viscosità dell'olio.

Allora il procedimento di Giovanni è da ritenere sbagliato?
Rischi a parte, bisogna vedere nel tempo se la resina cotta a temperature così alte possa in qualche modo alterarsi o infragilirsi, allo stato ho visto strumenti verniciati con le vernici di Giovanni e non mi è sembrato di vedere nulla di strano, anzi, erano vernici molto belle.
andante con fuoco

1972pianoman
Liutaio Errante
Liutaio Errante
Messaggi: 609
Iscritto il: sabato 27 febbraio 2010, 0:00
Località: CHIVASSO (TO)

Messaggio da 1972pianoman » sabato 17 ottobre 2015, 13:55

Grazie Claudio per i complimenti e per i consigli.

Rispondi