Cordiera ad arpa

Non solo barzellette sui violisti, please :)
Avatar utente
gelido
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 107
Iscritto il: mercoledì 21 dicembre 2016, 0:00

Messaggio da gelido » mercoledì 25 gennaio 2017, 13:37

Piccola domanda/e, Qual'è la misura ideale della distanza tra cordiera e ponticello nel violino? E non ditemi 5 cm. Che nota dovrebbe fare pizzicando la corda tra la cordiera e il ponticello (do,re,mi,fa,sol,la,si,do)?

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10504
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » mercoledì 25 gennaio 2017, 15:57

L'ho già scritto, dovrebbe dare un Mi.
andante con fuoco

meridionale
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 14
Iscritto il: domenica 10 novembre 2013, 0:00

Messaggio da meridionale » mercoledì 25 gennaio 2017, 23:59

Salve a tutti, in realtà sul libro molto dettagliato sulle misure complete degli strumenti ad arco di Strobel, egli parla della distanza vibrante tra ponticello e cordiera del violino di 55mm. Ho montato diversi strumenti con questa distanza su cordiere normali e lo strumento spesso è migliorato di suono. Credo che sia una questione di maggiore risonanza di quella maggiore parte di corda vibrante (55 anziché 50 mm. circa). Ovviamente escludendo il mi che solitamente monta un tiracantino le altre corde suonano variando da una terza a una quarta aumentata - non perfettamente intonate - oltre le due ottave. Ma questo poco conta perché lo strumento si suona facendo vibrare la corda dal ponte al capotasto e non dal ponte alla cordiera. Cosa ne pensate? Avete mai montato strumenti secondo le indicazioni di Strobel?

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1735
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » giovedì 26 gennaio 2017, 0:38

Sui miei violini funziona bene una distanza dai 52 ai 54 mm, con le corde Vision Solo che uso di solito le note danno la parte corta del la accordata in re e la parte corta del re accordata in la, le altre sono fuori accordatura (calanti o crescenti).
Se cambio le corde e metto le Dominant tutte le note delle parti corte cambiano e si scordano, a volte il la dà un mi nella parte corta come dice Claudio, ma il risultato non cambia in modo significativo.
La distanza della cordiera secondo me è più importante dell'accordatura dei segmenti di corda, quella che preferisco è 52,5 mm, quali che siano le corde.
Ma non sempre, a volte un po' più lunga è meglio e apre un po' il suono.
Non ho mai letto il libro di Strobel, ma 55 mm per me sono troppi (sui miei violini, intendo) le volte che l'ho provata sono sempre tornato ad accorciarla almeno a 54 mm.

Per la viola (tanto per rientrare nell'argomento di questo topic) la distanza della mia ultima viola di cui sono piuttosto soddisfatto è di 65 mm tra cordiera e ponticello, parte corta del do accordata a sol calante, parte corta del sol accordata a do# calante, parte corta del re accordata a sol#.
La cassa della viola è su forma Andrea Guarneri e la cordiera in palissandro.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10504
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » giovedì 26 gennaio 2017, 11:46

I primi anni che iniziai a costruire violini trovavo sempre cordiere lunghe 115mm, mentre negli strumenti classici notavo cordiere spesso visibilmente più corte, dai 108 ai 110mm. Decisi di adottarne di simili perchè mi piaceva l'impatto visivo di una corda più "libera", a montaggio effettuato notai buone ripercussioni sul suono. Poi aggiustai meglio il tiro accordando la parte posteriore del La al Mi.

Nelle viole feci un analogo percorso e sono arrivato a montare cordiere di 120mm o meno anche su viole di 42cm, ma non ho mai adottato accordature precise perchè mi sono sempre fidato del mio orecchio, tuttavia il metodo seguito da Davide merita di essere sperimentato.

Sono accordature che mi ricordano la viola d'amore, che ha corde che vibrano per simpatia mediante accordature specifiche, nel caso di un violino, di una viola o di un cello, si sfrutta lo stesso principio per cui la corde vicine vengono in qualche modo sollecitate e produrre armonici anche se non suonate direttamente con l'arco.

Alla fine della Ciaccona in Re min. di Bach la conclusione è lasciata al Re suonato a vuoto che tuttavia vibra e risuona in modo molto più ampio prendendo la stessa nota sulla quarta corda.

Ciò detto, anche il segmento di corda tra ponticello e cordiera è a suo modo vibrante, magari in modo diverso (anche se nel repertorio di musica contemporanea non è raro vedere partiture che prevedono arcate dietro il ponticello), ma vibra, ed influenza l'emissione degli armonici.
andante con fuoco

Avatar utente
gelido
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 107
Iscritto il: mercoledì 21 dicembre 2016, 0:00

Messaggio da gelido » giovedì 26 gennaio 2017, 13:25

Il problema è il reggicordiera. Il sistema "Sacconi" (naylon) è inattuale e inefficente, è in un certo senso 'sbrigativo'. Vorrei trovare un modo veloce per il "nodo del pescatore" sopratutto centrare la misura esatta cordiera ponticello. Bravo "meridionale"!

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10504
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » giovedì 26 gennaio 2017, 15:21

Non sapevo che a Sacconi fosse attribuito un reggicordiera in nylon. Io altri modi più veloci non ne conosco, si può provare con il Kevlar, ma per quel filo così sottile che lascia libera di ruotare la cordiera come vuole non ho mai avuto simpatia, ed inoltre non è sicuramente più veloce del nylon.
andante con fuoco

meridionale
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 14
Iscritto il: domenica 10 novembre 2013, 0:00

Messaggio da meridionale » giovedì 26 gennaio 2017, 22:44

Beh, in realtà quando ho avuto la necessità di regolare la distanza ponticello-cordiera con strumenti dotati di filo in kevlar ho dovuto tagliare quest'ultimo e utilizzarne un nuovo in nylon per una regolazione precisa. Come si fa infatti a regolare al millimetro una cordiera con filo in kevlar?

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1735
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » venerdì 27 gennaio 2017, 0:11

meridionale ha scritto:Beh, in realtà quando ho avuto la necessità di regolare la distanza ponticello-cordiera con strumenti dotati di filo in kevlar ho dovuto tagliare quest'ultimo e utilizzarne un nuovo in nylon per una regolazione precisa. Come si fa infatti a regolare al millimetro una cordiera con filo in kevlar?
é tedioso ma a forza di prove si riesce....punta da segno per allentare i nodi e tanta pazienza, io tendenzialmente mi sono stufato, ma ne ho ancora alcuni che prima o poi utilizzerò ancora, di certo non li butto!!

Questo però potrebbe essere più comodo :

http://www.cremonatools.com/stradpet-ti ... l-gut.html

Ulimamente sono passato a quelli in cavetto metallico che funzionano molto bene, unico difetto è che incidono leggermente il capotasto inferiore e diventa impossibile spostarli lateralmente senza allentare la tensione delle corde, piuttosto fastidioso ma il risultato lo trovo molto soddisfacente.

http://www.cremonatools.com/reggicordie ... lflex.html

Comunque non è assolutamente detto che questi materiali tecnologici funzionino sempre bene, a volte rendono il suono un po' aspro e mettendo quelli in nylon classici il miglioramento è evidente, nonostante Gelido li consideri inattuali ed inefficienti.... :wink:
Se fosse un po' meno ermetico e supportasse le sue affermazioni con argomenti adeguati sarebbe probabilmente più credibile e degno di considerazione :?
Restano comunque i più usati sul numero totale di violini (di qualità) esistenti, ma occorre fare attenzione alla qualità del nylon e delle filettature dei capi con le viti di regolazione altrimenti non tengono (evitare cineserie economiche) Per me quelli più rigidi (metallo, kevlar ecc.) danno una prontezza di risposta maggiore ma su violini di per sè già rigidi spesso peggiorano la situazione.

Avatar utente
gelido
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 107
Iscritto il: mercoledì 21 dicembre 2016, 0:00

Messaggio da gelido » venerdì 27 gennaio 2017, 13:49

Sì, bisogna sempre stare alle costole della novità anche se molti preferiscono e usano, giustamente, come reggicordiera, il budello rosso di una volta. Ma Sacconi, come risaputo, era un fanatico pescatore e l'idea geniale di usare un filo da pesca come reggicordiera fu vincente. Del resto il lavoro di un liutaio soppravvive pari e tanto quanto il suo lavoro viene manipolato nel tempo (restauro, modifiche, innesti ecc.)

ElisaViola
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 3
Iscritto il: giovedì 2 marzo 2017, 11:19

Re: Cordiera ad arpa

Messaggio da ElisaViola » giovedì 2 marzo 2017, 11:23

Davide Sora :

Ha provato il reggicordiera che ha messo nel primo link, in titanio?

Io ho ordinato uno della wittier in acciaio , ma forse L altro era meglio

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1735
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Cordiera ad arpa

Messaggio da davidesora » venerdì 3 marzo 2017, 16:28

ElisaViola ha scritto:
giovedì 2 marzo 2017, 11:23
Davide Sora :

Ha provato il reggicordiera che ha messo nel primo link, in titanio?

Io ho ordinato uno della wittier in acciaio , ma forse L altro era meglio
Non l'ho ancora provato, contavo di farlo sul prossimo violino (che inizio ora a verniciare, quindi non

ElisaViola
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 3
Iscritto il: giovedì 2 marzo 2017, 11:19

Re: Cordiera ad arpa

Messaggio da ElisaViola » lunedì 6 marzo 2017, 0:26

Spostare il reggi cordiera .. non sapevo potesse influenzare il suono.

Sulla mia Viola ho provato :

Cordiera ebano cavetto plastica nylon ... niente di che
Cordiera in pernambuco cavetto in Kevlar non puro ....

Avatar utente
piase
moderatore
Messaggi: 316
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Cordiera ad arpa

Messaggio da piase » lunedì 17 luglio 2017, 20:43


Arca
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 293
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: Cordiera ad arpa

Messaggio da Arca » martedì 18 luglio 2017, 15:09

Bellissimo e pratico esperimento. :-)
Alessandro Mattei

Rispondi