Proiezione tastiera viola

Non solo barzellette sui violisti, please :)
Rispondi
Simone Cadamuro
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 12 maggio 2017, 15:33

Proiezione tastiera viola

Messaggio da Simone Cadamuro » venerdì 12 maggio 2017, 16:05

Buona sera,
mi chiamo simone,e avrei da chiedere un consiglio riguardo l'altezza da dare al ponticello su una viola 417mm..premetto che la misura del manico è di 148mm , il diapason dello strumento 224mm, la lunghezza di corda 372mm..Ora in alcuni testi riportano una proiezione della tastiera di 32mm, che però non è conforme alla opinione di alcuni amici musicisti e liutai che dichiarono che l'altezza del ponticello su una viola di 420 mm circa deve essere dai 41 ai 42 mm, che comporterebbe una proiezione della tastiera di 35.5 mm e non 32..essendo la mia prima viola, c'è qualcuno che possa cortesemente chiarirmi il significato dell'altezza del ponticello, non tanto per avere una misura da seguire alla lettera, ma per capire il significato dell'altezza del ponticello e cosa comporta averla più bassa o più alta in relazione al suono e alle tensione delle corde..insomma le conoscenze specifiche che bisogna sapere per aver coscienza di ciò che si fà (nel mio caso specifico per questa viola che mi stà da tempo chiedendo di montargli il manico :D )

inoltre vorrei sapere se c'è una indicazione generale per tracciare la curva del tallone, per avere un riferimento di massima da seguire.

Per quanto riguarda spessori del manico, seguirò le misure indicate in post precedenti dal maestro Davide Sora (che pur non conoscendolo personalmente ringrazio enormemente per la passione e la dedizione al suo lavoro, congratulandomi con lui per un suo Violino visto recentemente a Venezia, in una mostra privata, insieme a una quindicina di altri strumenti di liutai contemporanei cremonesi) e per la larghezza tra la prima e la quarta corda sul capotasto e sul ponticello quelle di Claudio 17mm/36.5mm

Ringrazio anche Claudio Rampini per la possibilità di crescere permettendo a tutti di esporre le proprie difficoltà liutarie e cercare di dare risposte utili e concrete.

Grazie

Simone

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10517
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Proiezione tastiera viola

Messaggio da claudio » venerdì 12 maggio 2017, 18:22

Benvenuto Simone. Tutte le volte che ho avuto occasione di aumentare l'altezza della proiezione della tastiera, e quindi l'altezza del ponticello, ho avuto risultati non esaltanti: strumenti più duri da suonare e perdita di armonici. Io per la viola seguo i canonici 30/32 mm di proiezione della tastiera e mi trovo benissimo. Le indicazioni di Sacconi e di Weisshaar non hanno perso la loro validità.
andante con fuoco

Simone Cadamuro
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 12 maggio 2017, 15:33

Re: Proiezione tastiera viola

Messaggio da Simone Cadamuro » venerdì 12 maggio 2017, 18:29

Claudio, ti ringrazio per il benvenuto e per la risposta.
Le tante opinioni sentite mi hanno fatto un pò di confusione, non avendo pieno dominio della materia per sapere scegliere con consapevolezza, e spinto a domandare a voi che il mestiere lo fate bene.

Seguirò le tue indicazioni, ti ringrazio.

Simone

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1745
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Proiezione tastiera viola

Messaggio da davidesora » martedì 16 maggio 2017, 12:00

Ciao Simone e grazie per i complimenti.

Alla mostra di Venezia ci sono stato il sabato dell'inaugurazione e la domenica successiva, magari ci siamo incrociati.
Riguardo alla proiezione della viola io non andrei oltre i 32/32,5 mm, ma occorre metterla in relazione all'altezza della bombatura e alla larghezza tra le C della tavola : proiezioni più alte possono essere ad esempio contemplate per migliorare la suonabilità di viole molto larghe tra le C e magari con bombature basse, ma normalmente ritengo che avere una proiezione troppo alta porti più svantaggi che vantaggi, soprattutto nelle viole dove si usano spesso anche corde in metallo.
La proiezione in sè però dice poco, quello che determina la pressione sul ponticello è l'angolo delle corde sul ponticello, che può essere uguale anche con proiezioni diverse se cambia ad esempio l'altezza della bombatura.
Anche qui troverai opinioni diverse, io lo faccio sui 157°.

Davide

PS La corda vibrante della tua viola con manico 148 e diapason 224 sarà un po' più lunga della somma dei due, ossia 372 mm, ma credo diventerà sui 376/377 mm.
Ad esempio la mia ultima viola con manico 148,3 e diapason 222,5 ha una corda vibrante di 376 mm (misurata sulla corda La)

Simone Cadamuro
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 12 maggio 2017, 15:33

Re: Proiezione tastiera viola

Messaggio da Simone Cadamuro » mercoledì 17 maggio 2017, 7:23

Davide, grazie per la tua puntuale risposta

un amico violista mi ha raccontato della mostra qui a venezia e lì, tra i tanti, ho visto un tuo violino. Mi sono incuriosito e ho cercato in internet il tuo nome, incontrando il tuo sito e una serie di incredibili video sulla costruzione di un violino che ti saranno costati molto tempo e fatica.
I ringraziamenti sono tutti dovuti perché mi hai aiutato, pur non conoscendoci di persona, a fare decisamente meglio e migliorare il mio approccio mentale alla costruzione di uno strumento. (almeno è quello che cerco di fare)

..sto adesso installando il manico della viola, cercando la corretta proiezione e allineamento della tastiera..Ho ricavato il modello da uno strumento del maestro Lecchi che mi piaceva, misura 417 mm in lunghezza, 195 mm largh.max polmone superiore, 125 mm largh.min. CC, 249mm largh.max polmone inferiore, e non credo siano misure fuori dall'ordinario per una viola.
Per le quinte di curvatura ho adattato al mio modello quelle del Sacconi, quindi 19 mm al centro tavola, 16.5mm al centro del fondo.

Mi sembra di capire che in una viola con CC molto larghe e bombatura bassa implichino un minor o più lento spostamento dell'aria all'interno della cassa e per questo una minor potenza o prontezza di risposta all'arco..da qui la necessità di trasmettere più tensione alla tavola armonica..

oppure perché avendo una larghezza tra le CC più larga, per trasmettere le vibrazioni dal ponticello a tutta la tavola armonica, occorre avere più tensione.

Sono solo tentativi di cercare di capire cosa c'è alla base.

Per quanto riguarda l'angolo delle corde sul ponticello per la corretta tensione da dare alla tavola non l'ho mai preso in considerazione. Ho visto su un tuo video il goniometro e come lavori, cercherò di fare altrettanto.

Per ultimo grazie per la precisazione sulla corda vibrante e la tua disponibilità a condividere queste informazioni.

Un saluto, buona giornata Davide.

Simone

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1745
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Proiezione tastiera viola

Messaggio da davidesora » mercoledì 17 maggio 2017, 10:29

Con le misure della tua viola (abbastanza Stradivariane) non serve fare una proiezione particolarmente alta perchè tra le C è abbastanza stretta e la bombatura è sufficientemente alta per garantire un'azione dell'arco senza troppi problemi con un ponticello "normale" (se mai si può applicare questo termine alla viola....).
L'angolo delle corde poi non dipenderà solo dalla proiezione ma anche dalla sporgenza del tallone dalla tavola e dall'altezza del capotasto inferiore, sebbene in misura minore.
Poi andrebbe considerata l'inclinazione sul piano orizzontale della tastiera, che in caso di viole larghe o con bombature basse potrebbe richiedere un abbassamento dalla parte del Do, ma secondo me se fai un'adeguata sporgenza del tallone puoi anche non fare questa inclinazione.

Simone Cadamuro
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 12 maggio 2017, 15:33

Re: Proiezione tastiera viola

Messaggio da Simone Cadamuro » giovedì 18 maggio 2017, 14:10

Grazie Davide,
mi sembra di capire che un ponticello alto serve , in una viola con bombature basse e cc larghe, serve per impedire che l'arco tocchi i bordi delle cc, non avendo sufficientemente spazio per raggiungere a dovere le corde, nulla a che vedere credo con le mie supposizioni fatte nel post precedente.
Claudio faceva riferimento anche a "strumento duro da suonare con relativa perditi di armonici".

L'inserimento del manico è completato, 7 mm di sporgenza del tallone dal bordo tavola, 32,5, non ho eseguito l'inclinazione orizzontale, riportata anche dal weishaar, per una miglior suonabilità dello strumento..a proposito, cito "..nel violino e nella viola la zona soprano sarà più bassa rispetto alla zona del basso, mentre nel violoncello viene richiesta una pendenza opposta"

In un altro libro sulla costruzione della viola, curato dal maestro Bissolotti, si afferma esattamente il contrario, con consapevolezza visto che prima cita il weisshaar, spiegando che abbassando il lato dei bassi si bilancia meglio la tensione delle corde sul ponticello..

per finire ti ringrazio per il tempo prezioso che mi hai dedicato,

Buona giornata e buon lavoro

Simone

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10517
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Proiezione tastiera viola

Messaggio da claudio » giovedì 18 maggio 2017, 16:58

La questione dell'inclinazione orizzontale del piano tastiera non deve essere considerata una soluzione costruttiva valevole per tutti gli strumenti, ma solo per quelli che hanno caratteristiche di cassa armonica tali da dover ricorrere a correzioni al fine di conservarne la suonabilità. Questo vale soprattutto per i violoncelli e le viole, e a volte anche per i violini.

Quindi le eventuali contraddizioni tra i vari autori sono dettate principalmente dal tipo di strumento che si intende costruire. Il M° Bissolotti, che ha sviluppato un riuscito modello di viola contralto basato sull'esemplare stradivariano del 1672, ha trovato un ottimo compromesso inclinando leggermente il piano tastiera verso il Do.

Con una larghezza alle CC di 125 mm, usando una proiezione della tastiera di 30/32mm non si corrono rischi di uno strumento difficile da suonare sulla corda La, rendendo così possibile usare ponticelli non troppo alti e ottenendo un suono plastico e ricco di armonici.

Tuttavia non conoscendo il modello di viola Lecchi a cui ti riferisci, è sempre bene verificare attraverso appositi disegni e prove di inserimento del manico nella cassa, che la corda La possa essere suonata in modo appropriato (in genere bastano pochi mm di clearance prima che il crine dell'arco tocchi il bordo delle CC), adottando nel caso una leggera inclinazione verso il Do.

Io uso un modello Anrea Guarneri, ho sempre inserito i miei manici senza alcuna inclinazione orizzontale e non ho mai avuto problemi.
andante con fuoco

Simone Cadamuro
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 12 maggio 2017, 15:33

Re: Proiezione tastiera viola

Messaggio da Simone Cadamuro » venerdì 19 maggio 2017, 22:42

Grazie Claudio, tutte queste risposte hanno fatto chiarezza sul perché eseguire certe operazioni e sulle conseguenze che possono avere.

Ho installato il manico, preferendo una proiezione sul ponticello di 32mm, e verificando che l'angolo delle corde dal capitasto al ponticello sia circa 157 gradi, come suggeritomi da Davide.

Spero finalmente di poter fare il ponticello, per poi installare le corde e lasciare che lo strumento si assesti un pò, per poi vedere di quanto siano cambiate proiezione e altezza del ponticello finale.. poi la farò suonare in bianco
prima della verniciatura finale e come sempre sono ansioso di sentire come andrá!

grande spazio il tuo forum, grazie.

simone

Rispondi