Viola 41, lavori in corso

Non solo barzellette sui violisti, please :)
Rispondi
Arca
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 420
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da Arca » lunedì 23 ottobre 2017, 21:49

Bellissimo! Vedere le frequenze e le varie analisi mi sembra fantascientifico!
Anche la rasiera.. che spessore ha?
Può andar bene dell'acciaio armonico da que millimetri?
Alessandro Mattei

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 502
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da piase » martedì 24 ottobre 2017, 9:26

la mia è di 1.6 mm.
Non ho che durezza abbia il tuo acciaio.
Il riporto in Acciaio Rapido che ho è solo su un lato della rasiera, questa la limita un po'.
Non è possibile girare il bordo con l'acciarino: ha la stessa durezza della rasiera. Si può usare affilandola alla pietra di diamante o alla mola (Blasfemia!!! :-) ) . io di solito la affilo alla pietra, la mia mola a secco va bene per sbavare la ghisa.

Guarda il video che ho postato sopra. Rende molto l'idea, che è la stessa del Sacconi citata da Claudio: lama rigida.
Altre info qui: si parla di "Tool Steel", ovvero acciaio per utensili.
http://www.stewmac.com/Luthier_Tools/Ty ... GwodsYQH_Q

Acciaio per utensili: https://it.wikipedia.org/wiki/Materiali ... _da_taglio

Quello al carbonio a noi va bene, ma solo quello rapido può essere lavorato con disinvoltura alla mola a secco senza perdere durezza.
Da come ne parla al video, credo sia al carbonio (C). Parla di trattamento termico di tempra (riscaldamento in campo austenitico e raffreddamento veloce) e leggero rinvenimento (tempered in inglese, tanto per non farci mancare la confusione..)

Se trovi qualcuno che ti procura dell'acciaio rapido da 2-3 mm mi metto in lista gruppo d'acquisto! :-)

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 502
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da piase » martedì 24 ottobre 2017, 9:35

Ho guardato al volo l'acciaio armonico: https://it.wikipedia.org/wiki/Acciaio_armonico

La durezza è notevolmente inferiore ad un acciao da utensili temprato e rinvenuto a bassa temperatura oppure ad un acciaio rapido.

Cercando si trova qualcosa:
https://it.aliexpress.com/item/Sweden-A ... 29397f75b7

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11000
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da claudio » martedì 24 ottobre 2017, 13:08

Ho esperienza limitata con rasiere rigide, ma gli acciai li conosco abbastanza bene per la mia passione dei rasoi a mano libera. Un acciaio di durezza intorno ai 55HRC è ottimo per qualsiasi uso destinato al taglio, non è così resistente all'usura, ma si affila benissimo. Un acciaio con valore 65HRC, tra i quali i cosiddetti "acciai alle polveri", sono veramente durissimi e rifare il filo in questi casi non è la cosa più semplice del mondo. Bisognerebbe cercare il giusto compromesso e credo che in questo caso un semplice acciaio al carbonio C70 sarebbe adattissimo per i nostri usi, una volta temprato si può arrivare intorno ai 60HRC, che è una durezza ancora maneggiabile e non costa un patrimonio come altri acciai più pregiati.
andante con fuoco

Arca
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 420
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da Arca » martedì 24 ottobre 2017, 14:49

Francesco dai un'occhiata qui, se vedi qualcosa che può essere utile è vicino a casa mia, posso andare a fare qualche domanda
http://www.lccoltelleria.it/index.php?cPath=117_138_159

Hanno anche altri tipi di acciaio, tra cui i damascati

Ti ho postato la pagina del C70 ma ne hanno altri tipi
Alessandro Mattei

Arca
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 420
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da Arca » martedì 24 ottobre 2017, 15:03

Qui ci sono tutti i tipi

http://www.lccoltelleria.it/index.php?cPath=117_138

Sul sito non c'è scritto, ma a voce mi dissero che fanno anche un servizio di tepera, gli dai il manufatto e loro fanno tempra e rinvenimento, se non ricordo male 8 euro a pezzo
Alessandro Mattei

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 502
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da piase » martedì 24 ottobre 2017, 16:25

Grazie Arca!
Bella risorsa.
Da tener presente anche per lame di pialletto.

Sono andato avanti con la viola. Ecco i primi 7 modi dopo aver tagliato le effe.
Come per magia il 5 torna al suo solito posto! :-)
Allegati
Top_effe01.jpg
Top_effe01.jpg (70.98 KiB) Visto 380 volte

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da lorenzo fossati » martedì 24 ottobre 2017, 19:41

domandina da bimbo scemo su m5: una volta tagliate le effe ed ottenuto la chiusura dell'anello, il buon liutaio si appresta a fare la catena. la adatta, la incolla e magicamente m5 scompare nuovamente annientato dalla rigidezza della catena. piano piano modellando quest'ultima l'anello rinizia a chiudersi, ma specie in basso spesse volte a meno di non alleggerire troppo la catena scendendo sotto la nota target, l'anello sfiora il limite inferiore della catena senza rientrare dentro di qualche centimetro come accade altre volte, le volte in cui il liutaio è più soddisfatto. ora sapendo che comunque m5 è una misura molto indicativa in quanto poi chiudendo la cassa armonica e completando il violino m5 diciamo scompare e viene integrato in un sistema dove le risonanze maggiori sono le note a0 b1- e b1+, è corretto fermarsi comunque alla nota anche se m5 sfiora soltanto l'estremità della catena (io faccio così. qualche volta ho rifatto la catena ma se il listello di partenza è simile, se l'anello non chiudeva prima non chiuderà con la seconda catena) o invece è consigliato l'ottenere un anello che intersechi la catena pochi cm dentro?

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da lorenzo fossati » martedì 24 ottobre 2017, 19:42

Arca ha scritto:
martedì 24 ottobre 2017, 15:03
Qui ci sono tutti i tipi

http://www.lccoltelleria.it/index.php?cPath=117_138

Sul sito non c'è scritto, ma a voce mi dissero che fanno anche un servizio di tepera, gli dai il manufatto e loro fanno tempra e rinvenimento, se non ricordo male 8 euro a pezzo
piase ha scritto:
martedì 24 ottobre 2017, 16:25
Grazie Arca!
Bella risorsa.
Da tener presente anche per lame di pialletto.

Sono andato avanti con la viola. Ecco i primi 7 modi dopo aver tagliato le effe.
Come per magia il 5 torna al suo solito posto! :-)
ma usare una vecchia lama a disco di una troncatrice per metalli?

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 502
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da piase » martedì 24 ottobre 2017, 21:52

Mi interessa la frequenza di M5.
Se faccio l'analisi modale è per capire se sto misurando M5 oppure M6, M4.. e poi mi piacciono le figure coi colori.
Perchè M5 mi dice qualcosa di più interessante di M4 ed M6: un'indicazione sulla la rigidezza (in particolare longitudinale) del legno e della struttura.

Tenere traccia delle frequenze dei modi mi aiuta a capire in che direzione sto andando quando faccio gli spessori (e la catena) e ad intuire quando fermarmi.
A cassa chiusa non avrò queste forme, ma altre (A0, CBR, B1- e B1+) che vedremo quando chiudo cassa :-) .

--

[edit: pensavo alle troncatrici da legno.. vale la stessa logica nel caso dei riporti per lame da metalli]
Dipende dall'acciaio della lama. Di solito le lame delle seghe a disco hanno dei riporti brasati (Widia?) per cui il supporto in acciaio deve essere robusto e tenace per evitare rotture e per non deformarsi all'uso.
Non duro e affilabile.
Magari si può trattare termicamente, perchè no?

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da davidesora » mercoledì 25 ottobre 2017, 13:03

piase ha scritto:
martedì 24 ottobre 2017, 21:52
Mi interessa la frequenza di M5.
Se faccio l'analisi modale è per capire se sto misurando M5 oppure M6, M4.. e poi mi piacciono le figure coi colori.
Perchè M5 mi dice qualcosa di più interessante di M4 ed M6: un'indicazione sulla la rigidezza (in particolare longitudinale) del legno e della struttura.

Tenere traccia delle frequenze dei modi mi aiuta a capire in che direzione sto andando quando faccio gli spessori (e la catena) e ad intuire quando fermarmi.
A cassa chiusa non avrò queste forme, ma altre (A0, CBR, B1- e B1+) che vedremo quando chiudo cassa :-) .
Condivido questo atteggiamento, stare a impazzire cercando di ottenere una particolare forma dei modi per me non è utile, anche perchè avranno una loro evoluzione indipendentemente da quello che noi facciamo, e non credo sia una buona idea fare spessori con distribuzioni "strane" solo per ottenere una determinata forma del modo.
Se avessi l'attrezzatura farei anche io le mappe colorate, ma solo perchè anche a me piacciono le figure coi colori.... :D

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 502
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da piase » mercoledì 25 ottobre 2017, 15:36

Si possono fare anche in B/N (per gli amanti dell'analogico): (appena il server me lo consente carico una foto).

Ultime due file di foto: 91 grammi, spessori tra 3.2 e 3.5. Si comincia a ballare.
Allegati
bozza_spessori.jpg
bozza_spessori.jpg (97.14 KiB) Visto 351 volte

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da davidesora » mercoledì 25 ottobre 2017, 18:42

Interessante l'evoluzione dei modi, il m4 e il m5 sembrano convergere su una stessa forma, secondo me i soli 6 hz di differenza (309 - 315) non giustificano l'esistenza di due modi vicini ma allo stesso modo con un'ampiezza di copertura maggiore.
Potrebbe avere un senso?
Il modo 7 comincia a essere un po' complicato, con i miei sistemi "a orecchio" non sono mai riuscito a sentirlo, mi fermo al m6 a volte con difficoltà nel rilevarlo.

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 502
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da piase » mercoledì 25 ottobre 2017, 19:57

Ad esser sincero (anche causa velocità nek fare il tutto), sono sorpreso anche io. Devo verificare #3 e #4 dove son finiti
Nelle viole e nei celli i modi sono meno definiti che nei violini. Andiamo verso dimensioni più grandi con spessori e altezze bombature che nin crescomo in proporzione.

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 287
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: Viola 41, lavori in corso

Messaggio da lorenzo fossati » mercoledì 25 ottobre 2017, 21:30

cosa stanno a significare t01 e t02?

Rispondi