Tablet e partiture...

Dedicato ai musicisti.
Rispondi
Avatar utente
_ale
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 309
Iscritto il: mercoledì 10 giugno 2009, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Tablet e partiture...

Messaggio da _ale » giovedì 8 novembre 2012, 21:17

non sono contro la tecnologia ma certe volte rimango un pò perplesso:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/me ... 5-tg1.html

il vantaggio è sicuramente la possibilità di non dover più girar pagina concentrandosi solo sulla musica, il rischio maggiore invece è la perdita del documento cartaceo che costituisce ancor oggi una grande parte del patrimonio dell'archivio storico dei teatri e auditori.

cosa ne pensate?

Avatar utente
edo
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » giovedì 8 novembre 2012, 23:28

Finalmente! Almeno quando si suona all'aperto non avremo più bisogno di mollette :D

ciao

edo

Avatar utente
Paul
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 183
Iscritto il: lunedì 12 aprile 2010, 0:00
Contatta:

Re: Tablet e partiture...

Messaggio da Paul » lunedì 12 novembre 2012, 16:21

_ale ha scritto:non sono contro la tecnologia ma certe volte rimango un pò perplesso:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/me ... 5-tg1.html

il vantaggio è sicuramente la possibilità di non dover più girar pagina concentrandosi solo sulla musica, il rischio maggiore invece è la perdita del documento cartaceo che costituisce ancor oggi una grande parte del patrimonio dell'archivio storico dei teatri e auditori.

cosa ne pensate?
il patrimonio cartaceo di certo non scomparirà. Di certo sprecheranno meno carta. Preferirei però un dispositivo non traslucente (e-ink) tipo kindle fire di amazon ad un i pad o similari

Avatar utente
_ale
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 309
Iscritto il: mercoledì 10 giugno 2009, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da _ale » lunedì 12 novembre 2012, 21:29

Vedi Paul, gli archivi dei teatri sono pieni delle partiture delle opere dove i direttori d'orchestra annotavano tagli, modi interpretativi e quant'altro. Sono di fatto documenti che costituiscono il nostro patrimonio culturale musicale. Mi dispiace che tutto questo venga sostituito da un clic...o meglio un touch

Avatar utente
andreavezzoli
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 434
Iscritto il: lunedì 5 gennaio 2009, 0:00
Località: Franciacorta
Contatta:

Messaggio da andreavezzoli » martedì 27 novembre 2012, 10:44

non sono molto d'accordo nell'utilizzo degli spartiti elettronici: come farei a mettere gli appunti in matita?

se va via la corrente non si fa il concerto??
<div>www.andreavezzoli.it<br>la dove nasce la musica...</div><br>

Avatar utente
Paul
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 183
Iscritto il: lunedì 12 aprile 2010, 0:00
Contatta:

Messaggio da Paul » martedì 27 novembre 2012, 11:27

andreavezzoli ha scritto:non sono molto d'accordo nell'utilizzo degli spartiti elettronici: come farei a mettere gli appunti in matita?

se va via la corrente non si fa il concerto??
Sugli appunti sono d'accordo con te, sulla corrente un po' meno:
se il concerto viene fatto di sera e va via la corrente non si vedono nemmeno gli spartiti a luce spenta :)

Avatar utente
andreavezzoli
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 434
Iscritto il: lunedì 5 gennaio 2009, 0:00
Località: Franciacorta
Contatta:

Messaggio da andreavezzoli » giovedì 29 novembre 2012, 14:22

questo non l'avevo pensato

Soluizione: impararsi tutto a memoria :D ....
<div>www.andreavezzoli.it<br>la dove nasce la musica...</div><br>

Rispondi