Chiusura della cassa armonica

Davide Sora, Liutaio in Cremona, e i suoi interessanti video sulla costruzione del violino
Rispondi
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1733
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Chiusura della cassa armonica

Messaggio da davidesora » giovedì 21 agosto 2014, 17:51

Due video sul sistema che uso per incollare le tavole alle fasce, nel caso specifico l'incollaggio della tavola per chiudere la cassa.
Anche per incollare il fondo alle fasce il metodo è uguale.
Li ho fatti anche per provare la nuova macchina fotografica in versione video, non vedevo l'ora!! :D

https://www.youtube.com/watch?v=KYGaQ8O ... C9UKnSMD3g

https://www.youtube.com/watch?v=2PUHw9C ... C9UKnSMD3g


Sono in HD, se youtube non li propone così di default bisogna selezionare la qualità 1080p HD nelle impostazioni (icona ingranaggio)
Sono un po' pesanti ma anche a schermo intero la qualità mi sembra ottima, anche se devo ancora padroneggiare meglio l'attrezzo che è molto più esigente della compatta che usavo prima :?

Davide

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3353
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » sabato 23 agosto 2014, 15:56

Video perfetti e tecnica impeccabile! :)

Per quanto mi riguarda la fase di incollaggio mi procura sempre un po' di tensione, per via della colla, ma qui è ben spiegato come procedere in tutta tranquillità senza patemi d'animo! :D

A me manca solo un adeguato termometro, le mie ansie dipendono tutto certamente dalla temperatura della colla che non so se rimane ottimale in tutto l'iter. Da questo punto di vista finora sono andato sempre ad intuito, spengendo il fornello appena l'acqua inizia a bollire, ma capisco che il termometro è fondamentale, vedrò dunque di procurarmene uno prossimamente! :?

Grazie, Davide, ancora una volta! :wink:
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1733
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » domenica 24 agosto 2014, 11:36

violino7 ha scritto: A me manca solo un adeguato termometro, le mie ansie dipendono tutto certamente dalla temperatura della colla che non so se rimane ottimale in tutto l'iter. Da questo punto di vista finora sono andato sempre ad intuito, spengendo il fornello appena l'acqua inizia a bollire, ma capisco che il termometro è fondamentale, vedrò dunque di procurarmene uno prossimamente! :?

Grazie, Davide, ancora una volta! :wink:
Il termometro non è fondamentale ma decisamente molto utile, perchè quando l'acqua bolle la temperatura potrebbe essere già un po' altina per la colla, anche se non drammaticamente compromettente nel caso di colla scaldata per la prima volta.
A me l'acqua non bolle mai e arriva max a circa 80° con la colla a circa 70° ma con fornello e contenitori diversi potrebbe essere diverso.
Io metto il fornello su 8 e quando l'acqua raggiunge i 70° lo abbasso sul 4 e lo lascio così : quando la colla raggiunge i 70° inizio a incollare e si mantiene tra i 68° e i 72° per tutto il tempo.

Grazie a te per i complimenti :)

Davide

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10496
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » domenica 24 agosto 2014, 20:07

Bravo Davide, e complimenti per il nuovo video e la nuova attrezzatura. A questo proposito ti consiglio di fare le riprese con due lampade di uguale potenza, una piazzata per illuminare la scena come hai fatto, un'altra da piazzare dalla parte opposta per schiarire le ombre e creare un effetto di profondità, se ci giochi un pò vedrai che non è difficile e l'effetto è più che positivo.

Io agisco in modo diverso, dopo avere incollato gli zocchetti di testa e di fondo, provvedo ad incollare il resto in un'unica fase, iniziando dalle punte e dalle CC. Il problema della gelatinizzazione della colla dovuta al suo raffreddamento non costituisce un serio ostacolo, poichè la colla destinata alla chiusura della cassa, in special modo quella della tavola armonica è sempre più liquida per consentire future riaperture senza danneggiare il legno.

Nel mio caso posso permettermi di andare abbastanza veloce e di non fare troppo caso alla tensione dei morsetti poichè il bordo è ancora da rifinire, quindi se si crea qualche ammaccatura, questa verrà facilmente rimossa in fase di rifinitura.

Nel caso dei violoncelli è comunque necessario incollare "a zone", magari con l'aiuto di una seconda persona che controlla l'esatto piazzamento del contorno fasce sulle tavole.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1733
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » lunedì 25 agosto 2014, 11:00

claudio ha scritto:Bravo Davide, e complimenti per il nuovo video e la nuova attrezzatura. A questo proposito ti consiglio di fare le riprese con due lampade di uguale potenza, una piazzata per illuminare la scena come hai fatto, un'altra da piazzare dalla parte opposta per schiarire le ombre e creare un effetto di profondità, se ci giochi un pò vedrai che non è difficile e l'effetto è più che positivo.
Ogni tanto lo faccio, ma uso la lampada del banco a fianco che non sempre arriva nel punto ottimale con l'intensità giusta.....
Io agisco in modo diverso, dopo avere incollato gli zocchetti di testa e di fondo, provvedo ad incollare il resto in un'unica fase, iniziando dalle punte e dalle CC. Il problema della gelatinizzazione della colla dovuta al suo raffreddamento non costituisce un serio ostacolo, poichè la colla destinata alla chiusura della cassa, in special modo quella della tavola armonica è sempre più liquida per consentire future riaperture senza danneggiare il legno.
In un'unica fase inteso come prima una metà e poi l'altra?
Nel mio caso posso permettermi di andare abbastanza veloce e di non fare troppo caso alla tensione dei morsetti poichè il bordo è ancora da rifinire, quindi se si crea qualche ammaccatura, questa verrà facilmente rimossa in fase di rifinitura.
Eh si, uno dei vantaggi di fare i bordi a cassa chiusa.
Con i bordi già finiti e filettati io preferisco stare più tranquillo e posizionare bene a secco i morsetti, incollando poi piccole sezioni per volta in modo che il tutto si muova il meno possibile.

Davide

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10496
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 25 agosto 2014, 11:54

Riguardo all'illuminazione, parlavo esattamente delle lampade da tavolo, magari con una fornita di piedistallo la puoi muovere tranquillamente qua e là per controbilanciare l'illuminazione principale.

In principio agivo in una unica fase nel vero senso della parola, colla su tutto il contorno e chiusura rapida dei morsetti, poi ho optato per una metà e poi l'altra.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1733
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » lunedì 25 agosto 2014, 12:49

claudio ha scritto: In principio agivo in una unica fase nel vero senso della parola, colla su tutto il contorno e chiusura rapida dei morsetti, poi ho optato per una metà e poi l'altra.
Anche io ho iniziato incollando tutto in una volta (da insegnamento scolastico/morassiano) mettendo colla e morsetti a velocità supersonica lavorando in due persone per ottimizzare le operazioni, ma la fretta non mi è mai piaciuta e sono passato al sistema che uso oggi appena l'ho scoperto (da restauro).
Il tuo sistema di incollare prima i tasselli sup e inf e poi una metà per volta mi sembra un ottimo compromesso tra efficacia dell'operazione e tempo impiegato, magari qualche volta ci provo.

Per curiosità, metti anche tu tutti i morsetti a secco oppure salti questa fase dovendo ancora finalizzare il contorno dei bordi?
Anche questo sarebbe un risparmio in termini di tempo e si sà, il tempo è denaro...... :wink:

Davide

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10496
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » lunedì 25 agosto 2014, 13:07

Una verifica a secco fondo/contorno fasce la faccio, ma con i morsetti messi solo in alcuni punti principali. Per la tavola invece la verifica a secco la faccio con più attenzione perchè a volte gli scostamenti e le deformazioni rispetto al profilo tracciato sono abbastanza importanti.

Con il metodo che segui tu, il lavoro è sicuramente più lungo, ma appare molto pulito e preciso.
andante con fuoco

Rispondi