pialla o sgorbia?

Moderatore: piase

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 494
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

pialla o sgorbia?

Messaggio da piase » lunedì 27 novembre 2017, 17:50

Eccoci qua.
Mentre sgrossavo un violino mi è venuta questa riflessione.

A scuola (ipiall) ed in giro per il mondo tanti liutai usano le sgorbie per sgrossare le tavole, dentro e fuori.

Sono passato da non molto ad usare le sgorbie solo per il riccio, e per la sguscia ed alcuni raccordi.

Trovo estremamente più veloce e semplice fare una bombatura con le piallette. Grazie a Franco Simeoni che mi ha dato una dritta in questo.

La mia domanda è: secondi voi si riesce a capire se un certo liutaio usava le piallette o le sgorbie? Solo guardando il suo lavoro finito?

Notavo che le pialle portano a fare un certo tipo di curvatura e ad ottenere curve che faccio fatica a realizzare con le sgorbie.

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 281
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da lorenzo fossati » lunedì 27 novembre 2017, 23:55

per me la cosa bella di usare i pialletti ricurvi è che si può dosare la forza di spinta ed ottenere senza bisogno di aggiustare la sporgenza della lama diversi livelli di finitura, dalla sgrossatura più grezza fino ad un buon livello di finitura. il mio preferito anche per il violino è un ibex del 18!

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10946
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da claudio » martedì 28 novembre 2017, 0:23

Io preferisco andare giù di sgorbia piuttosto pesantemente per la sgrossatura, poi con sgorbia semicurva rifinisco il più possibile andandomi a "cercare" le sgusce e perfezionare l'andamento delle curve, quindi vado di pialletto ed infine rasiera. Spesso tra pialletto e rasiera, sempre a luce radente, uso un tampone di carta telata per pianificare al meglio le superfici.

Sgrossare tutto con i pialletti mi sembra un po' arduo e non riesco a capire come possa essere un metodo più veloce della sgorbia, ma forse non ho capito bene la procedura che hai descritto.
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1969
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da davidesora » martedì 28 novembre 2017, 0:29

E' solo questione di abitudine, ma credo che le sgorbie siano sempre state usate almeno per la sgrossatura iniziale perchè permettono un lavoro molto più veloce, e se si usano abbastanza piatte e larghe hanno un'azione simile ai pialletti ma con rischi maggiori di far danni e buchi... :)
Usare solo le pialle mi sembra un po' una forzatura, ma non credo si possa stabilire dal lavoro finito cosa sia stato usato nelle lavorazioni iniziali.
Personalmente credo che le pialle vanno meglio per le curve convesse e le sgorbie per quelle concave permettendo un vero e proprio lavoro di scultura, ma è una mia preferenza personale non necessariamente condivisibile.
Inoltre affilare le sgorbie è più facile e rapido che affilare i pialletti.
Comunque per la forma finale delle bombature le rasiere la fanno da padrone e lo testimoniano anche gli evidenti segni che si trovano sugli strumenti antichi (vedi ad es. la famiglia Guarneri)

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 494
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da piase » martedì 28 novembre 2017, 10:09

Nel cello sgrosso con una pialla di legno con il fondo curvo, andando contro-marezzatura senza problemi.
Lo stesso nei violini-viole: per quanto il pialletto tolga poco alla volta, la frequenza con cui si lavora è molto più elevata che nella sgorbia.
Questo per me vuol dire un quarto del tempo che impiegherei a sgorbia, e niente stigmate sulle mani.

Anche io vado meglio con la sgorbia nelle parti concave, ma trovo più facile affilare un pialletto.
Siam tutti diversi!

Sottinteso l'uso della rasiera direttamente dopo le pialle, sia per impostare le superfici che per finirle.
Con le rasiere rigide si può scavare parecchio.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10946
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da claudio » martedì 28 novembre 2017, 11:43

Per la sgrossatura del violoncello esiste solo questo, che fa la differenza:
https://www.cremonatools.it/arbortech-i ... blade.html
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 281
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da lorenzo fossati » martedì 28 novembre 2017, 12:04

Con un trapano a colonna e punte forstner secondo me si può sgrossare ancora più velocemente, basta impostare lo stop adeguatamente sulle curve di livello

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10946
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da claudio » martedì 28 novembre 2017, 12:19

L'obiettivo per me, innanzitutto, non è fare velocemente perchè un pantografo a questo punto sarebbe ancora più veloce, ma è lavorare con cura e liberamente, quindi preferisco quell'attrezzo che simile ad una sgorbia mi permette di lavorare a mano libera togliendo il legno in tempi accettabili così che l'occhio possa seguire l'andamento della scultura. La fresa della Arbortech permette appunto di poter lavorare in buone condizioni quando si ha molto legno da portare via, come nel caso di un violoncello, e consente di farlo a mano libera.
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 281
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da lorenzo fossati » martedì 28 novembre 2017, 12:32

Per me la rottura grossa soprattutto con l'acero sta nel portare i bordi a livello, un lavoro spaccadita! Una volta fatto quello mi gestisco in tranquillità col mio ibez

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10946
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da claudio » martedì 28 novembre 2017, 12:40

In che senso portare i bordi a livello, stai forse parlando della fase preliminare di formare un piano costante spesso circa 4mm sui bordi delle tavole? Io per quello uso una fresa montata su colonna. Utile ricordare che in qualsiasi caso si ricorra ad uno strumento elettrico per ridurre i tempi della sgrossatura (in specie nel caso di violoncelli e contrabbassi), non rimarranno tracce di questi interventi.
andante con fuoco

lorenzo fossati
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 281
Iscritto il: lunedì 15 maggio 2017, 20:49

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da lorenzo fossati » martedì 28 novembre 2017, 12:54

Si proprio quello! Io vo a mano di sgorbia e rifinisco solo l ultimo mm con una fresetta sul trapano, mi fa troppa paura togliere tanto con le frese e per il legno e per l incolumità personale

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 494
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da piase » martedì 28 novembre 2017, 13:38

Vai di questa: http://www.stewmac.com/Luthier_Tools/Ty ... laner.html
Meglio se togli 0.5-1 mm alla volta.
Segno 6 mm (VO-VA) sul bordo abbondante, sgrosso di pialla e poi passo con questa.
Fai prima a farlo che a descriverlo su un forum! :-)

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10946
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da claudio » martedì 28 novembre 2017, 14:01

lorenzo fossati ha scritto:
martedì 28 novembre 2017, 12:54
Si proprio quello! Io vo a mano di sgorbia e rifinisco solo l ultimo mm con una fresetta sul trapano, mi fa troppa paura togliere tanto con le frese e per il legno e per l incolumità personale
Esattamente, la procedura è proprio quella che hai descritto, l'errore che si fa comunemente, e spesso è fatale, è proprio quello di voler togliere grandi spessori tutti in una volta. Invece le frese vanno usate per togliere spessori di circa 1mm, in questo modo il lavoro viene meglio, è più controllabile e non si rischia di venire "agganciati". :bhd:
andante con fuoco

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1969
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da davidesora » martedì 28 novembre 2017, 16:18

Per me son tutti troppo pericolosi e maledettamente rumorosi.
Sgorbie, pialletti e raspe efficienti restano i miei preferiti e non sono così convinto che il risparmio di tempo che si ottiene con gli utensili elettrici sia poi così determinante sul tempo totale di costruzione dello strumento.

PS anche una CNC o un pantografo non lasceranno segni visibili sul lavoro finale, basta una finitura a rasiera per eliminare qualsiasi traccia, ma non per questo li ritengo mezzi accettabili.

Avatar utente
piase
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 494
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Re: pialla o sgorbia?

Messaggio da piase » martedì 28 novembre 2017, 16:38

Ho provato l'arbortech ma non mi sono trovato bene, tanta segatura che non riesco a bruciare nella cucina economica.
Con il piallone risparmio anche sulla palestra e se sono arrabbiato mi sfogo (così i miei familiari sono più contenti).
Secondo me il vecchio strad ci dava alla grande con le pialle di legno.

La fresa Stew-mac sul trapano a colonna è il miglior compromesso rumore-invasività-velocità che ho trovato.
Per me è utile per dare una veloce spessorata al bordo. Gira a meno di 3000 giri/min, la trovo molto più sicura di una elettrofresa.
L'importante è verificare che il cono morse del portapunte sia bene in sede. Potrebbe cadere..

Nota bene:
MAI montare delle punte da elettrofresa sul trapano a colonna, tipo queste: http://www.cmtutensili.it/show_items.as ... /911~2~1~1
Sono progettate per girare a più di 10000 giri.
Messe su un trapano a colonna rischiano di agganciare la tavola-fondo e tirarsela dietro.
E se ci finisci sotto con le mani... ciao ciao!

Rispondi