Spessore forma & C.

da Bach a Kodaly, uno strumento di incredibile bellezza.
Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » giovedì 3 settembre 2009, 23:34

Il programma dedicato alla multifunzione HP che ho preso recentemente. Lo scanner che avevo prima (Canon) se scansionavo un A4 e lo salvavo in pdf e poi lo stampavo usciva sempre un A4indipendentemente dalla risoluzione impostata, con questa non ci riesco: scansiono un A4 ed esce un 3x6........metri.

provero domani a studiarci su

ciao

edo

Avatar utente
edomarch
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 500
Iscritto il: venerdì 19 ottobre 2007, 0:00
Località: Cuneo

Messaggio da edomarch » venerdì 4 settembre 2009, 9:21

Atomino ha scritto:Rieccoci.
Sono arrivato alla tracciatura del riccio e della cassa dei piroli. Seguendo il Sacconi ho trovato tutte le misure che mi servono eccetto quelle dello sviluppo totale del riccio. Quelle dedotte dalla fotografia a pag. 131 sembrano corrispondere. Qualcuno le ha mai usate?In alternativa sapreste indicarmele?

Grazie
Ciao Atomino,

se intendi lo sviluppo del dorso del riccio io mi sono ridisegnato quello del "quaderno di liuteria n.3". Certamente ci vorranno degli aggiustamenti per il proprio gusto (mi sembra un po' "rigido") e riportato alle dimensioni per il violoncello ma può essere una valida traccia :wink:

Immagine
Era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti. [Paolo Conte]

Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » venerdì 4 settembre 2009, 10:30

Può essere una traccia ma attento che nel cello finisce diversamente.

ciao

edo

Avatar utente
edomarch
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 500
Iscritto il: venerdì 19 ottobre 2007, 0:00
Località: Cuneo

Messaggio da edomarch » venerdì 4 settembre 2009, 11:53

edo ha scritto:Può essere una traccia ma attento che nel cello finisce diversamente.

ciao

edo
... e differisce ancora da quello citato nel "Quaderno di liuteria n.13" 8O
Era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti. [Paolo Conte]

Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » venerdì 4 settembre 2009, 12:17

mi cito :D

Immagine

ciao

Avatar utente
violino7
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 3403
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » venerdì 4 settembre 2009, 15:55

Bello, complimenti Edo!

Comunque, anche per dare una indicazione ad Edoardo, non ci vedo niente di strano se uno sviluppi un proprio modello, con misure non proprio perfettamente aderenti a quelle dei quaderni di liuteria! (Quelli citati sono per violino ed andrebbero comunque rapportati proporzionalmente alle misure del violoncello, con i dovuti ragguagli!) :?

Secondo me è importante ricercare costantemente una propria forma espressiva, naturalmente ricercando la "bellezza"!
Cosa, che oltre ad essere variabile da persona a persona,.......
potrebbe essere variabile anche nel tempo, per lo stesso individuo!

Concepita in questa maniera la liuteria è una ricchezza inesauribile.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
edomarch
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 500
Iscritto il: venerdì 19 ottobre 2007, 0:00
Località: Cuneo

Messaggio da edomarch » venerdì 4 settembre 2009, 21:08

violino7 ha scritto:Bello, complimenti Edo!

Comunque, anche per dare una indicazione ad Edoardo, non ci vedo niente di strano se uno sviluppi un proprio modello, con misure non proprio perfettamente aderenti a quelle dei quaderni di liuteria! (Quelli citati sono per violino ed andrebbero comunque rapportati proporzionalmente alle misure del violoncello, con i dovuti ragguagli!) :?

Secondo me è importante ricercare costantemente una propria forma espressiva, naturalmente ricercando la "bellezza"!
Cosa, che oltre ad essere variabile da persona a persona,.......
potrebbe essere variabile anche nel tempo, per lo stesso individuo!

Concepita in questa maniera la liuteria è una ricchezza inesauribile.
assolutamente d'accordo!
Era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti. [Paolo Conte]

Avatar utente
edomarch
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 500
Iscritto il: venerdì 19 ottobre 2007, 0:00
Località: Cuneo

Messaggio da edomarch » venerdì 4 settembre 2009, 21:26

x atomino:

qualche tempo fa era stato citato in qualche thread (mi sembra da parte di Edo) il sito di un liutaio che illustra tutte le fasi costruttive del suo violoncello: http://www.jasminedavis.com/cello/gallery/albums.php io l'ho trovato molto interessante.
In una o più foto si intravede il disegno del suo violoncello, un Montagnana, e devo dire che chi glielo ha fornito è stato più generoso di dettagli rispetto al disegno di Morassi. Tu senz'altro hai più spazio per l'inventiva :lol:
Era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti. [Paolo Conte]

Avatar utente
Atomino
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1644
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 0:00
Località: Botticino o Salo', tra Maggini e Gasparo
Contatta:

Messaggio da Atomino » venerdì 4 settembre 2009, 22:33

edomarch ha scritto:........devo dire che chi glielo ha fornito è stato più generoso di dettagli rispetto al disegno di Morassi. Tu senz'altro hai più spazio per l'inventiva :lol:
Grazie Edomarch.
Ho visitato quel sito e, a parte la tecnica costruttiva non proprio stradivariana, ho trovato parecchi spunti interessanti. Il disegno che ha Jasmine Davis è una copia di quello che è in vendita su Orpheus (the Strad).

Immagine

Ma tu sei nato già così grande? (Domanda di mio nipote quando aveva 3 anni).
- Alberto Soccini -

Avatar utente
Atomino
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1644
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 0:00
Località: Botticino o Salo', tra Maggini e Gasparo
Contatta:

Messaggio da Atomino » venerdì 11 settembre 2009, 22:46

Pur ben lontano dai livelli eccelsi di molti di voi, oggi ho finito di intagliare il riccio del mio primo violoncello.

Immagine

Ovviamente manca ancora qualche rifinitura e devo ripassare un'ultima volta la rasiera da qualche parte, ma il più è fatto.

Immagine

Ho fatto tesoro della documentazione messa a disposizione online da molti di voi, professionisti e non, della lettura dei testi che nel tempo ho avuto la fortuna di poter consultare; non ultimi il "Sacconi" e i tutorial di Claudio e Manfio.

Immagine

Sono molto felice del risultato ottenuto :oops:

Immagine

Ciao
- Alberto Soccini -

Avatar utente
Clairdelune
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 316
Iscritto il: domenica 6 gennaio 2008, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Clairdelune » venerdì 11 settembre 2009, 23:19

:chrs:

Però!!


Clair*
In origine, fu la vibrazione.

Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » sabato 12 settembre 2009, 0:20

bene, molto bene.
visto da sopra mi sembra si potrebbe stringere ancora la prima voluta.
provo a spiegarmi meglio, la linea dello smusso che parte dal bottone la vedrei meglio più sinuosa, dovrebbe insomma rientrare di più verso la mezzeria.

se mi rileggo non mi capisco, spero qualcuno interpreti meglio il mio pensiero :D

ciao

edo

Avatar utente
Atomino
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1644
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 0:00
Località: Botticino o Salo', tra Maggini e Gasparo
Contatta:

Messaggio da Atomino » sabato 12 settembre 2009, 0:30

Clairdelune ha scritto::chrs:

Però!!

Clair*
Si Clair*, sono rimasto sorpreso anche io :wink: .
edo ha scritto:bene, molto bene.
visto da sopra mi sembra si potrebbe stringere ancora la prima voluta.
provo a spiegarmi meglio, la linea dello smusso che parte dal bottone la vedrei meglio più sinuosa, dovrebbe insomma rientrare di più verso la mezzeria......
Grazie Edo. Intendi dire che si può esporre di più il bottone abbassando ancora un pò e in maniera più repentina la voluta che parte da esso?
Ultima modifica di Atomino il sabato 12 settembre 2009, 8:44, modificato 1 volta in totale.
- Alberto Soccini -

Avatar utente
edo
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1915
Iscritto il: martedì 21 giugno 2005, 0:00
Località: Schio (VI)
Contatta:

Messaggio da edo » sabato 12 settembre 2009, 0:35

Atomino ha scritto: Grazie Edo. Intendi dire che si può esporre di più il bottone abbassando ancora un pò e in maniera più repentina la voluta che parte da esso?
Sì, il bottone si dovrebbe vedere di più. Prova a mettere il tuo riccio vicino ad una foto del poster, se ce l'hai, e dimmi poi se sei d'accordo o no.

notte

edo

Avatar utente
Atomino
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1644
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 0:00
Località: Botticino o Salo', tra Maggini e Gasparo
Contatta:

Messaggio da Atomino » sabato 12 settembre 2009, 10:09

edo ha scritto: Sì, il bottone si dovrebbe vedere di più. Prova a mettere il tuo riccio vicino ad una foto del poster, se ce l'hai, e dimmi poi se sei d'accordo o no....
Ciao Edo.
Non ho il poster, ma guardando il calco in gesso sul Sacconi a pag. 131 direi che l'intervento che intendi tu sia questo.

Immagine

Di certo il riccio verrebbe più leggero, snello e raffinato. Unico problema sarebbe quello di non alterare il profilo su cui andrà fatto lo smusso del nastrino.

Immagine

Devo meditarci bene prima di intervenire sull' equilibrio che ho disegnato in mente e rischiare di trasformarlo in una pessima copia "stradivariana" :?
- Alberto Soccini -

Rispondi