"Slant" manico del violoncello.

da Bach a Kodaly, uno strumento di incredibile bellezza.
Rispondi
Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3355
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

"Slant" manico del violoncello.

Messaggio da violino7 » venerdì 28 agosto 2015, 13:21

Lo "slant", cioè il piegamento laterale della base d'appoggio della tastiera sul manico, lato DO, di cui a pag. 173 e seguenti del Weisshaar, secondo voi è indispensabile?

Lo chiedo perchè sul mio primo violoncello, ancora in verniciatura, non ho attuato alcun piegamento, dunque mi viene il dubbio di non aver operato bene! :roll:
Però magari ancora posso compensare con l'allineamento al ponticello ancora da lavorare. Per la vostra esperienza, cosa mi consigliate di fare?
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10517
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » venerdì 28 agosto 2015, 14:50

Avendo provato in diversi modi alla fine ho deciso di non fare più nessuno slant e mi sono trovato benissimo. Sempre che non si stia usando una forma particolare con CC piuttosto larghe tali da impedire una corretta manovra con l'arco.
andante con fuoco

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3355
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » venerdì 28 agosto 2015, 23:10

Mi ricordavo perfettamente che già ti eri espresso su questo tema, ma per il violino, però ho pensato che forse per il cello la questione fosse di diversa rilevanza, visto che il cello viene tenuto stretto tra le gambe in maniera praticamente rigida senza rotazione alcuna, mentre il violino invece può, volendo, essere ruotato sul proprio asse a seconda delle necessità di approccio con l'arco di chi lo suona.

Ho capito nella sostanza le argomentazioni del Weisshaar, ed ho pensato che quella di cui sopra fosse una discriminante importante per l'utilizzo dell'arco nel suonare i due strumenti, visto che tecnicamente la tematica (dislivello tra prima e quarta corda) ovviamente è presente anche sul violino, nel quale per un diverso approccio allo strumento (sostanziale capovolgimento) lo slant passa dalla quarta alla prima corda.

Io mi sono fatto l'idea che poi il disegno della curva superiore del ponticello abbia molta importanza, nel senso che meno arcuato è e meglio sia per l'utilizzo dell'archetto,.....però questo va bene per un cellista esperto.......un principiante ha bisogno invece di una arcatura di appoggio delle corde più accentuata!
Sul disegno del ponticello credo si possa giocare molto in positivo, ma capisco che le varianti da considerare siano molte, prime tra tutte le esigenze di chi il cello lo deve suonare! :?

Comunque quanto mi dici mi rassicura, non modificherò nulla e cercherò di tenermi con il ponticello nella media, per non sbagliare!

Grazie molte! :)
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Rispondi