Ma l'anima non cade mai?

da Bach a Kodaly, uno strumento di incredibile bellezza.
Rispondi
Avatar utente
Crowenstein
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 15
Iscritto il: venerdì 13 novembre 2015, 0:00

Ma l'anima non cade mai?

Messaggio da Crowenstein » mercoledì 18 novembre 2015, 23:51

Ciao! :D

Non dovrei stare in questa sezione, dato che studio violino, ma.. a tutti i musicisti che usano il proprio violoncello quasi come se fosse una batteria, battendo i pugni sul legno anche con forza, non si rischia di fare muovere e quindi far cadere l'anima? 8O

La curiosità mi sta divorando.. :roll:

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3353
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: Ma l'anima non cade mai?

Messaggio da violino7 » giovedì 19 novembre 2015, 15:03

Crowenstein ha scritto:Ciao! :D

Non dovrei stare in questa sezione, dato che studio violino, ma.. a tutti i musicisti che usano il proprio violoncello quasi come se fosse una batteria, battendo i pugni sul legno anche con forza, non si rischia di fare muovere e quindi far cadere l'anima? 8O

La curiosità mi sta divorando.. :roll:

Ciao! A questa domanda posso facilmente rispondere io.

No, decisamente! Non dovrebbe mai cadere, e questo ovviamente vale per tutto il quartetto classico, per due motivi:
- a corde completamente allentate l'anima viene inserita tra la tavola di fondo e la tavola armonica con una leggera pressione, mai deve risultare troppo lenta, e dunque deve reggersi da sola già in questa prima fase;
- nella seconda fase, poi, con la messa in tensione delle corde il ponticello trasmette una pressione consistente sulla tavola armonica, dunque la tenuta aumenta! L'anima è stretta in una bella morsa! :wink:

Bisogna porre mente a quanto dal punto di vista liutario, e dunque nella realtà dei fatti, la prima fase sia fondamentale! :?
Per questo il posizionamento dell'anima è consigliabile venga eseguito da un liutaio appunto perchè l'anima va posizionata in un punto specifico con pochissima tolleranza e se risulta troppo lenta, magari per soli pochi decimi di millimetro, è meglio venga rifatta!
Per questo motivo il rifacimento dell'anima è operazione abbastanza delicata, di grande precisione e competenza. Per farcene un'idea approssimata della difficoltà che si incontra in questa fase, pensiamo solo al fatto che le due superfici dei tondi alle due estremità del bastoncino-anima devono contemporaneamente combaciare perfettamente alle due superfici contrapposte della cassa armonica, che però in quel punto non sono parallele tra di loro, ma traverse a convergere di inclinazione, in maniera tra l'altro differenziata, verso il bordo esterno sul lato della effe di destra.
Il tutto, come ho detto sopra, dovrebbe avvenire su un punto teorico ben preciso!

Se invece, per pura ipotesi, dovesse cadere l'anima!? 8O Chiaramente non va bene! E' successo perchè eravamo (magari senza saperlo e meno male che è successo) sulla patologia, in negativo per lo strumento per tutta una serie di motivi, primo tra tutti quello che riguarda il suono!
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
Crowenstein
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 15
Iscritto il: venerdì 13 novembre 2015, 0:00

Messaggio da Crowenstein » giovedì 19 novembre 2015, 17:20

Risposta assai soddisfacente! Ma se io facessi la stessa cosa sul violino, sicuramente cadrebbe.. sbaglio? Se picchierello sulla tavola armonica.. :?:

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3353
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » giovedì 19 novembre 2015, 20:49

Crowenstein ha scritto:Risposta assai soddisfacente! Ma se io facessi la stessa cosa sul violino, sicuramente cadrebbe.. sbaglio? Se picchierello sulla tavola armonica.. :?:
Perchè mai?

Gli strumenti della famiglia del quartetto classico (violino, viola, violoncello, contrabbasso) hanno tutti la stessa struttura della cassa armonica, con le dovute differenze di grandezza e tutti hanno dunque la loro anima posizionata con la stessa identica metodica! :wink:

Stai tranquillo, batti pure sulla tavola armonica del violino!
Ma se per caso dovesse cadere l'anima, qualcosa non va. Servirebbe da verifica, in positivo!
Ultima modifica di violino7 il giovedì 19 novembre 2015, 21:25, modificato 1 volta in totale.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
Crowenstein
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 15
Iscritto il: venerdì 13 novembre 2015, 0:00

Messaggio da Crowenstein » giovedì 19 novembre 2015, 20:55

Ma pensa.. pensavo fosse così delicato che anche un minimo colpo sarebbe bastato per farla cadere. Capito, grazie mille! 8)

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3353
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 » giovedì 19 novembre 2015, 21:19

Il tuo violino di marca Octon chiaramente è cinese. In passato ho posseduto un mio primo violoncello di questa marca, che mi è stato detto (passando di mano) che suonasse abbastanza bene. Anche tra gli strumenti non di pregio avviene che abbia una riuscita migliore degli altri, magari uno su dieci o anche più.

Ma, a proposito, per quale motivo sul tuo violino dovresti tamburellarci sopra? :(
sarebbe una pratica non usuale di maneggiarlo, e non sarebbe la maniera migliore per aver buona cura della sua vernice. Questo in generale, anche se il tuo non è di grande valore.

Diciamo che, ad esempio, su una chitarra si può fare, alcune volte è proprio previsto in alcuni repertori di battere sulla tavola armonica (sto pensando al flamenco), ma per il violino non ricordo proprio nulla! :roll:
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
Crowenstein
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 15
Iscritto il: venerdì 13 novembre 2015, 0:00

Messaggio da Crowenstein » giovedì 19 novembre 2015, 22:44

No no!

Assolutamente vorrei usare il mio violino, seppur cinesino, come batteria!!

Era solo una curiosità riguardo al violoncello, guardando i 2Cellos, nella loro cover Thunderstruck.. Poi guardando in giro ho visto altri violoncellisti che davano espressività ai loro brani in questo modo.

Il mio violino, del valore di 50 euro, e con (forse) un difetto non da poco dell'anima ( come hanno diagnosticato Claudio e OldFossil), cerco di tenerlo con la massima cura, come se fosse un violino da Milioni di euro.

Rispondi