...A volte sembra che la "Fiamma" si Spenga

Tutto quello che avreste voluto sapere sulla musica classica e non avete mai osato chiedere.
Rispondi
BaroqueHarmonie
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 55
Iscritto il: domenica 5 febbraio 2012, 0:00
Contatta:

...A volte sembra che la "Fiamma" si Spenga

Messaggio da BaroqueHarmonie » martedì 14 febbraio 2012, 20:40

Ragazzi,salve... :? Ma succede solo a me,o anche ad altri violinisti...Mi riferico a quei giorni che proprio non si ha voglia di sentire ne suonare lo strumento, non se ne vuol sentire parlare!!;come se si stesse per spegnere quella "fiamma" della passione, fino ad arrivare al punto di chiedersi con quale idea folle si è scelti di iniziare a studiare uno strumento...Poi ci sono altri giorni invece in cui più suoni e più rimani soddisfatto e fiero di tè stesso e ti senti "un gran violinista" :lol: ... in pratica vi capitano anche a voi giornate "nere" sapendo che si devono imparare 500.000 libri ,studi a memoria, concerti ecc ... e viene lo sconforto ancor prima di accordare :lol:

Avatar utente
LeeVa
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 512
Iscritto il: martedì 15 febbraio 2011, 0:00
Località: Varese

Messaggio da LeeVa » martedì 14 febbraio 2012, 23:35

A me capitava con la bici.. in inverno quando pioveva.. quando suonava la sveglia e ti rendevi conto che tra un'ora dovevi essere al freddo bagnato fradicio pensavi "PREFERISCO MORIRE!" Ma poi per inerzia ci andavi, facevi, tornavi...
Dai, che ti pesa? Suona e via, ti fa solo bene!
Io una volta sono tornato con mani e piedi congelati ed ero in via di ipotermia... ma il violino non ti ammazza mica...
Capitano i momenti di non voglia, per tutto, trova uno stimolo...

Cosa devi imparare adesso??

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 11131
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » mercoledì 15 febbraio 2012, 11:49

A studiare il violino, che tu sia dilettante, studente o professionista, è sempre croce e delizia, quasi a volerti ricordare ogni volta che per ogni gioia c'è un dolore, e ad ogni sconforto segue sempre un altro piccolo successo. Basta studiare bene e darsi i tempi giusti.
andante con fuoco

Avatar utente
Frank1
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 26
Iscritto il: giovedì 14 dicembre 2006, 0:00

Messaggio da Frank1 » venerdì 17 febbraio 2012, 10:48

E' normale e naturale attraversare periodi di crisi (a prescindere dal violino), quello che forse non è scontata è la nostra reazione infatti trovo che le crisi potrebbero essere anche segno di crescita. Quando non ci piace più quello che suoniamo/scriviamo subentra l' "insoddisfazione", questo è il momento per metterci a studiare di più, a cercare nuovi stimoli.

Un giorno ci si sveglia e siamo consapevoli del fatto che... anche se il giorno prima pensavamo di essere dei mezzi genietti...era solo un illusione ;)

O cogliamo l'attimo o restiamo dove siamo

Avatar utente
robinwood
Mago della Sgorbia
Mago della Sgorbia
Messaggi: 346
Iscritto il: mercoledì 19 maggio 2010, 0:00

Messaggio da robinwood » sabato 18 febbraio 2012, 0:27

(...e poi ci sono di quei giorni/periodi in cui lo strumento stesso sembra non volerne più sapere del suo padrone, questo soprattutto quando non di fabbrica e magari un po' antico e con una certa storia. gli alti e bassi li hanno anche loro. anche loro vogliono le loro pause, cambi climatici e umidità a parte, varie volte ho avuto l'impressione fossero senzienti. e poi esiste la musica mediocre e quella elevatissima, come per la letteratura, e per tutte le opere umane, quindi a volte credo ci si contagi un po' inevitabilmente. anche se il bello e la sfida è sempre nell'interpretazione)

p.s.
e poi ci sono le volte che uno vorrebbe proprio staccare la spina...e attaccarne una magari
http://www.youtube.com/watch?v=q6EMAiSyBag :D

BaroqueHarmonie
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 55
Iscritto il: domenica 5 febbraio 2012, 0:00
Contatta:

Messaggio da BaroqueHarmonie » sabato 18 febbraio 2012, 9:32

robinwood ha scritto:(...e poi ci sono di quei giorni/periodi in cui lo strumento stesso sembra non volerne più sapere del suo padrone, questo soprattutto quando non di fabbrica e magari un po' antico e con una certa storia. gli alti e bassi li hanno anche loro. anche loro vogliono le loro pause, cambi climatici e umidità a parte, varie volte ho avuto l'impressione fossero senzienti. e poi esiste la musica mediocre e quella elevatissima, come per la letteratura, e per tutte le opere umane, quindi a volte credo ci si contagi un po' inevitabilmente. anche se il bello e la sfida è sempre nell'interpretazione)

p.s.
e poi ci sono le volte che uno vorrebbe proprio staccare la spina...e attaccarne una magari
http://www.youtube.com/watch?v=q6EMAiSyBag :D
:o Non ne ero certo,ma pensavo fosse solo una mia impressione che anche il violino può modificare il suo modo di suonare con il tempo,a volte inffatti sembra non abbia armonici,altre volte a un suono talmente bello e forte che se usate bene le corde vuote suonano quasi per simpatia ... :lol:

Rispondi