Recensione su Guido Rimonda e il suo violino Stradivari "Leclair" 1721

Tutto quello che avreste voluto sapere sulla musica classica e non avete mai osato chiedere.
Rispondi
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10896
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Recensione su Guido Rimonda e il suo violino Stradivari "Leclair" 1721

Messaggio da claudio » lunedì 19 febbraio 2018, 0:10

Mia recensione del concerto del violinista Guido Rimonda che il 17 febbraio ha tenuto a Roma presso l'Aula Magna della Sapienza:
http://www.claudiorampini.com/2018/02/1 ... in-musica/
andante con fuoco

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3398
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: Recensione su Guido Rimonda e il suo violino Stradivari "Leclair" 1721

Messaggio da violino7 » lunedì 19 febbraio 2018, 22:29

Bell'articolo, complimenti! Leggendolo viene il rammarico di aver mancato l'appuntamento :( ,....ad averlo saputo prima ci sarei stato anch'io.
In passato in quell'aula vi ho ascoltato un altro concerto.

Recentemente ho seguito in televisione un interessante servizio (Voyager) sulla storia del Leclair e di riflesso ovviamente hanno anche parlato di Guido Rimonda.

Due domande:
-- mi puoi suggerire un sito od una pubblicazione per tenermi informato sui vari eventi musicali della capitale, sempre se ne sei a conoscenza?
-- riguardo il "Leclair" 1721 hai altre foto da farci vedere? Abbiamo visto il fondo, hai qualcosa anche riguardo la tavola armonica?

Grazie.
Ultima modifica di violino7 il mercoledì 21 febbraio 2018, 14:37, modificato 2 volte in totale.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10896
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Recensione su Guido Rimonda e il suo violino Stradivari "Leclair" 1721

Messaggio da claudio » martedì 20 febbraio 2018, 1:46

Grazie Lino, sarebbe davvero stato un piacere potersi incontrare di nuovo ad un concerto, ma credo che non mancherà occasione in futuro. All'Aula Magna della Sapienza i prossimi concerti saranno tenuti dal Quartetto Borodin, dal Quartetto Guadagnini e, pensa un pò, anche da Jordi Savall. Quindi vai al sito della Sapienza, dai uno sguarda al programma dei concerti e prenota. Lo stesso vale per Santa Cecilia e gli altri teatri romani, ad esempio ad Aprile al Teatro Argentina ci sarà Vengerov, i biglietti sono un po' cari e forse sono già esauriti, ma vale la pena accertarsene.

Ho una foto del Leclair in primo piano, ma purtroppo non la posso pubblicare su richiesta esplicita del violinista, niente toglie però che te la possa girare in privato.
andante con fuoco

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3398
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: Recensione su Guido Rimonda e il suo violino Stradivari "Leclair" 1721

Messaggio da violino7 » martedì 20 febbraio 2018, 21:43

Grazie delle segnalazioni. Per il Leclair va bene così, non ti voglio mettere in difficoltà, tutto sommato era solo una curiosità più o meno interessata a tutto quello che riguarda i violini d'autore.
Speriamo di vederci ad un prossimo concerto, allora!
Ultima modifica di violino7 il martedì 20 febbraio 2018, 22:32, modificato 1 volta in totale.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3398
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: Recensione su Guido Rimonda e il suo violino Stradivari "Leclair" 1721

Messaggio da violino7 » martedì 20 febbraio 2018, 22:28

Riguardo a Guido Rimonda, mi sembra interessante segnalare (cosa documentata dal conduttore Roberto Giacobbo in quella puntata di Voyager in cui si parla del violino nero) che egli sia in possesso di uno spartito originale di una composizione di Giovan Battista Viotti, lasciatogli dal padre, un "Tema e variazioni in do maggiore" del 1781. Questo documento riveste una certa importanza perchè è la musica de "La marsigliese", a sentirla è proprio quella! Solo che il pezzo musicale è di alcuni anni precedente alla datazione ufficiale dell'inno francese, che la Convenzione il 14 luglio 1795 attribuiva a Claude Rouget de Lisle.
Insomma, c'è ancora un dibattito in corso! La marsigliese sarebbe di un italiano: Giovan Battista Viotti nato a Fontanetto Po nel vercellese (ma ci sarebbe anche il contributo di W. A. Mozart).

Qui c'è scritto tutto:

http://eventi.centrostudicampostrini.it ... gliese.pdf

Come già ha accennato Claudio nel suo articolo, Guido Rimonda è un grande appassionato di Giovan Battista Viotti, del quale nel 2013 ha pubblicato l' "Opera omnia". Alla fine di questo lungo articolo si parla più specificatamente del possibile plagio.

Non so la data esatta della trasmissione "Voyager" che tratta tutto questo, ma parliamo di cosa recente, massimo due mesi. Se la rintraccio ve la segnalo.
Ultima modifica di violino7 il martedì 20 febbraio 2018, 22:58, modificato 2 volte in totale.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Avatar utente
violino7
La Liuteria è la sua Religione.
La Liuteria è la sua Religione.
Messaggi: 3398
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Re: Recensione su Guido Rimonda e il suo violino Stradivari "Leclair" 1721

Messaggio da violino7 » martedì 20 febbraio 2018, 22:50

Ho trovato: è la puntata "Voyager" andata in onda su Rai2 lunedì 18 dicembre 2017, rivisitabile su Raireplay.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -

Rispondi