Fabbricazione mentoniere

Strumenti, pensieri e confidenze a lume di candela.
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Fabbricazione mentoniere

Messaggio da davidesora » venerdì 7 aprile 2017, 16:48

51 g non sono tanti, direi un peso medio basso.
Riguardo al peso delle meccaniche, curiosamente quelle montate sulle mentoniere più costose che ho usato (Crowson) sono le più pesanti che ho mai trovato (23 g, sembrerebbe una lega ottone e argento).
Parecchi Stradivari le montano e nel complesso queste mentoniere sono piuttosto pesanti (72 g in ebano e 64 g in bosso per il modello Ruggeri, simile al tuo).
Le meccaniche più leggere che ho usato e pesato sono in alluminio, 8 g la coppia.
Non ho mai pesato quelle in titanio, ma quelle in acciaio collegate insieme dalla parte del fondo e con la vite semplice che entra nella mentoniera pesano solo 12 g, non così pesanti.
Forse vado un po' contro corrente, ma la corsa al sempre più leggero non credo vada sempre bene, un aumento di massa in una zona "inerte" come quella del tassello inferiore potrebbe avere i suoi perchè acusticamente.

Avatar utente
ViolinoDiFila
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 0:00

Re: Fabbricazione mentoniere

Messaggio da ViolinoDiFila » venerdì 14 aprile 2017, 22:10

Rieccomi!
Sul discorso del peso sospendo il giudizio... ho visto che la mia seconda (quella della foto) suona meglio della prima che nel frattempo ho alleggerito (e che ho continuato a usare come banco di prova per una serie di esperimenti) - nonostante sia più pesante... secondo me in ogni caso uno Stradivari continuerebbe a suonare meglio dei violini che possiedo, anche se gli attaccassi una morsa da fabbro... :-P

Ho appena finito la mia terza ed è venuta - a mio parere e se posso permettermi (più di) una punta di immodestia - un piccolo capolavoro.
Pesa appena 26g con le viti a L, e 41g con tutte le meccaniche.

ImmagineTerza_1 by Lens Beginner, su Flickr

ImmagineTerza_2 by Lens Beginner, su Flickr

Per renderla così leggera ho scavato il legno e ricavato tre costole con funzione di rinforzo (e, perché no, estetica).

Per l'intaglio mi sono ispirato liberamente al Sunrise e allo Hellier, modificando il disegno e combinandone diverse parti.
Originariamente volevo riempirlo a stucco di legno, ma le mie ricerche di ebano da limare sono state infruttuose.
Dopo qualche test (su scarti di legno) con colla di coniglio e nerofumo (no), colla di coniglio e limatura di ciliegio (ni), e dopo aver passato l'olio di lino sulla mentoniera - cosa che di per sé ha fatto risaltare l'intaglio - ho deciso di lasciar perdere il riempimento e tenere il tutto così com'è.
Dato che volevo lasciare campo libero all'intaglio, ho spostato la firma nell'unico posto dove era rimasto spazio a sufficienza e dove non è poi tanto indiscreta.

Adesso comincio ad essere soddisfatto dei risultati raggiunti, almeno a livello estetico... domani vedrò come suona.

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Fabbricazione mentoniere

Messaggio da davidesora » sabato 15 aprile 2017, 10:35

Belle e originali le tre costole di rinforzo, ma se posso permettermi la qualità dell'intaglio si può migliorare, ha un aspetto un po' rosicchiato....
Forse sono troppo abituato a vedere quello dell'Hellier al MdV, un capolavoro difficile da emulare per nitidezza e armoniosità.....
Devo dire che nelle mentoniere preferisco il design e la semplicità delle linee, a mio avviso intagli e intarsi appesantiscono troppo l'estetica.

Avatar utente
ViolinoDiFila
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 0:00

Re: Fabbricazione mentoniere

Messaggio da ViolinoDiFila » domenica 16 aprile 2017, 20:16

Sì non hai tutti i torti sull'intaglio...
Il problema principale è che l'ho provata e non suona un accidente... un'analisi delle frequenze esalta la 3a e la 5a, che non è buono per il suono, e in complesso il suono è molto ridottp.
Ho rimesso la mia seconda (quella dell'altra foto) e lo strumento è rinato, m'è sembrato di aver tolto una sordina.

Per quanto l'avessi fatta leggera, e stando attento a montarla solo sul bordo e sul filetto, ritorno alla mia idea iniziale: le mentoniere a montaggio laterale sono in generale peggiori di quelle montate sul blocchetto del bottone, e in effetti a pensarci bene il peso non è poi tanto rilevante, quando la forza principale in azione è lo schiacciamento esercitato dalla meccanica.
davidesora ha scritto:
venerdì 7 aprile 2017, 16:48
Forse vado un po' contro corrente, ma la corsa al sempre più leggero non credo vada sempre bene, un aumento di massa in una zona "inerte" come quella del tassello inferiore potrebbe avere i suoi perchè acusticamente.
Questa frase continua a girarmi in testa... hai delle basi sperimentali, acustiche o altro per suffragarla, circostanziarla o completarla? se poi sono segreti di bottega non mi impiccio eh! ;-)

Che poi... a parità di peso meglio rigida, o flessibile? rigida blocca le vibrazioni e flessibile le asseconda, o rigida le sostiene e flessibile le smorza? :-/

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1970
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Re: Fabbricazione mentoniere

Messaggio da davidesora » lunedì 17 aprile 2017, 11:52

Anche per me l'attacco centrale(sul tassello) è statisticamente il migliore, ma a volte succede l'opposto e una mentoniera laterale migliora la risposta. Sinceramente uso sempre quelle con attacco centrale, capita molto raramente che io provi a cambiarle, a meno che non sia una richiesta del musicista.
Riguardo al peso non ho alcuna giustificazione sperimentale/scientifica a supporto, semplicemente partendo da una convinzione di più leggero/suona meglio ho dovuto spesso ricredermi montando su richiesta mentoniere che erano un po' troppo pesanti per i miei standard e che davano risultati migliori soprattutto per quanto riguarda il bilanciamento tra le quattro corde e il timbro del suono.
Recentemente mi è capitato di assistere a delle prove di bottoni (dove si attacca il cavetto della cordiera) fatti in leghe metalliche speciali molto pesanti (anche fino a 15 g contro 1 o 2 g di un normale bottone) che sorprendentemente miglioravano il suono, e la zona è sempre quella dove sta la mentoniera.
Anche nei violoncelli puntali molto pesanti favoriscono spesso la sonorità, anche se qui di mentoniere non ne servono......
La rigidità di qualsiasi mentoniera credo che sia talmente alta da non influenzare più di tanto il suono, in quanto se usi dei materiali naturali (legno) per ottenere differenze significative finiresti per far mentoniere troppo flessibili per essere funzionali o che rischiano di spezzarsi (succede, visto in diretta durante un concerto, quindi occhio con gli alleggerimenti spinti e con le possibili crepe "fantasma" nel legno, ulivo e radiche in particolare....) .

Avatar utente
ViolinoDiFila
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 0:00

Re: Fabbricazione mentoniere

Messaggio da ViolinoDiFila » martedì 18 aprile 2017, 0:18

Grazie per l'interessante excursus.

Per un bottone posso arrivare a immaginarlo... alla fine non è solo una massa, ma un componente strutturale della catena bottone-cordiera-corde-piroli... un bottone più deformabile mi posso immaginare che assecondi troppo le vibrazioni delle corde e sia perciò inefficace... quindi magari lì non è una questione di solo peso, non so...

Riguardo spessori e alleggerimenti sono sempre stato molto prudente... e le uso sempre appoggiandomi sulla parte più spessa e che cade a piombo sul bordo della cassa... le palette le sto riducendo di dimensioni perché tanto a me non servono. In ogni caso grazie per l'avvertimento!, uomo avvisato...

Avatar utente
ViolinoDiFila
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 0:00

Re: Fabbricazione mentoniere

Messaggio da ViolinoDiFila » lunedì 18 settembre 2017, 21:17

Salve a tutti,
sono stato un po' assente, ma non per questo meno attivo.
Nel frattempo mi sono fatto una spalliera su misura (olivo e cuoio, con le slitte "prese in prestito" da una Kun) e sto finendo la mia quarta mentoniera, la prima in ciliegio.

Appena finita posterò le foto, intanto posso dire che con le sole viti a L montate (e ancora senza sugheri) siamo sui 23g... sono proprio curioso di vedere gli effetti sul suono e come mi trovo con la posizione dello strumento.

Avatar utente
ViolinoDiFila
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 0:00

Re: Fabbricazione mentoniere

Messaggio da ViolinoDiFila » domenica 14 gennaio 2018, 18:32

Eccomi di nuovo, dopo varie vicissitudini.

N.4
Ho completato la mia prima mentoniera in ciliegio, ma una modifica che avevo fatto alla forma (dovuta in parte a carenza di legno e in parte alla decisione di provare un posizionamento leggermente diverso) l'ha resa praticamente inutilizzabile - almeno con la spalliera che uso attualmente.
Ogni tentativo di raddrizzare la situazione è andato a vuoto... potrei forse usarla montandola lateralmente (e segando la paletta), ma quelle laterali sul mio strumento non funzionano proprio. Cassata.
Pesi: 19g con viti a "L", 36g montata

N.5
A quel punto ho deciso di provare il legno che avevo in mente da diverso tempo: il falso cipresso (Chamaecyparis sp.).
In questa ho sperimentato sul piedino secondario, dimezzandone in pratica la superficie di appoggio. Purtroppo sono riuscito a schiantarlo (in modo strano tra l'altro, perpendicolare alla fibra) avvitando il supporto a "L", ma in modo superficiale, e una goccia di Attack ha risolto la situazione.
Nonostante questo legno sia molto leggero, la mentoniera che ne è venuta non è tutto questo gran che, principalmente perché il suono decade quasi subito. Come qualità non mi dispiace, forse leggermente più rotondo che con l'olivo, ma il decadimento quasi istantaneo appena si solleva l'archetto me l'ha fatta smontare quasi subito.
Non so se questo sia dovuto alla crepa nel secondo piedino, al fatto che quel particolare legno è molto elastico, o al fatto di aver usato una meccanica unita anziché i due piedini divisi come nelle altre, fatto sta che son dovuto ritornare ancora una volta alla N. 2 in olivo (quella della foto a p. 2 del presente thread).
Pesi: 21g con viti a "L", 31g montata

N.6
Dopo aver montato quasi per caso la N. 4 in ciliegio mi sono reso conto che - cavoli! - suona veramente bene...
A quel punto ho deciso di riassumere tutto quello che avevo imparato con le altre mentoniere (scelta dell'essenza, scelta della montatura, alleggerimenti, estetica, ergonomia, suono etc.) e ho tirato fuori quello che per me è diventato il modello definitivo, la mentoniera che d'ora in avanti terrò sempre montata sul mio strumento.
Le vibrazioni rimangono più a lungo che con la N. 2 (anche se pure la N. 2 non era male), è più leggera (la N. 2 pesava 36g con le viti e 52g montata, ed essendo la differenza di peso all'estremo del braccio di leva, quando tiro su il violino me ne accorgo), è più comoda (anche in virtù di una minore altezza) e, non ultimo, si intona meglio con la vernice del mio violino 8)
Pesi: 27g con viti a "L", 43g montata

ImmagineMentoniera by Lens Beginner, su Flickr

Ora credo che mi dedicherò completamente alle spalliere, alla ricerca di una risposta Made in Italy alla Korfker :D

Rispondi