Il Portale del Violino, by Claudio Rampini Liutaio - Lettera aperta del Prof. Nicolini al Sindaco di Cremona
Search
Topics
  Create an account Home  ·  Topics  ·  Downloads  ·  Your Account  ·  Submit News  ·  Top 10  
Menu
  • Home
  • Archivio Articoli
  • Cerca nelle News
  • Content
  • Downloads
  • FAQ
  • Forums
  • Il Tuo Account
  • Links
  • Lista Utenti
  • Messaggi Privati
  • Recensioni
  • Scrivici
  • Segnala ad un Amico
  • Sondaggi
  • Statistics
  • Top 10

  • Links Diretti






    Musicherie.com

    www.musicherie.it


    Info
    Benvenuto, Anonymous
    Nickname
    Password
    (Registrare)
    Iscrizione:
    più tardi: MartaStella
    News di oggi: 0
    News di ieri: 0
    Complessivo: 5029

    Persone Online:
    Visitatori: 42
    Iscritti: 1
    Totale: 43

    Online ora:
    01 : claudio

    Google AdSense

    Lingua



    Statistiche

    42085835
    pagine viste dal Maggio 2004

    Liuteria: Lettera aperta del Prof. Nicolini al Sindaco di Cremona
    Postato il Lunedì, 14 marzo @ 08:03:29 CDT di claudio

    Liuteria Caro sindaco, 
    con grande sincerità ma anche con grande tristezza Le scrivo questa lettera aperta 
    Credo che nessuno possa mettere in dubbio che il sottoscritto dopo essere capitato per caso a Cremona in giovanissima età ed essere approdato altrettanto per caso ad insegnare alla scuola di liuteria abbia voluto spendere gran parte della sua vita per la liuteria. 
    Questa splendida malattia incurabile come mi piace chiamarla, la liuteria appunto, mi ha coinvolto a tal punto da farmi scrivere moltissimi libri in particolare di storia della liuteria , sui liutai, sulla costruzione del violino, ma anche un romanzo su Guarneri del Gesu ecc che oggi senza falsa modestia, molti conoscono a livello internazionale.
    Non ho fatto soldi in questo campo anzi ho indicato la strada ad altri, alcuni dei quali con pubblicazioni di rilievo ma anche notevolmente sovvenzionate, li hanno potuti fare, ma non sono né invidioso né arrabbiato per questo , anzi, mi creda, sono felice che anche il settore delle pubblicazioni liutarie abbia potuto essere determinante per lo sviluppo della liuteria e della conoscenza di Cremona. 
    Ho avuto quasi un migliaio di allievi di tutto il mondo nella scuola, che ora sono liutai e molti dei quali continuano ad essere amici, ho fatto molti viaggi in vari continenti e sono stato presidente di associazioni liutarie quali, Ali, Acisa e quindi Anlai e tutto questo è comunque un fatto per me estremamente positivo. 





    Mi sono dedicato in particolare ai concorsi specie per i giovani e ne ho organizzati una trentina nel corso di circa quarant'anni; ho organizzato anche convegni, mostre, alcune molto importanti, e anche in questo settore non mi sono arricchito anzi ho quasi sempre chiuso i conti in rosso, ma è stato comunque bellissimo.

    Lei sa benissimo che il Comune di Cremona non ha mai sborsato una lira o un euro in mio favore o in favore delle associazioni che ho presieduto e nessuno potrà quindi dire che abbiamo fatto tutto questo per interesse personale. 

    Concludo questa mia lunga premessa sottolineando che nessuno potrà mai dire anche che non abbia sempre agito, magari sbagliando certamente è possibile, secondo quelli che ho ritenuto gli interessi della liuteria italiana e cremonese in particolare e ricordo per brevità in particolare solo le mie continue battaglie per la formazione ( Scuola di Liuteria) e per la qualità della produzione liutaria cremonese.

    Venendo al motivo di questa mia lettera,volevo semplicemente ricordarLe che l' Anlai, che ha sempre ritenuto molto importante l'organizzazione dei concorsi nazionali specie per i giovani, che possono in tali occasioni avere esperienze importanti e determinanti per il loro futuro, dopo tanti anni trascorsi lontano da Cremona perché l'ostracismo arriva da lontano, ( 18 anni a Baveno , 7 a Pisogne ed 1 al Castello del Seprio ) malgrado la presenza di grandi maestri liutai in giuria e personaggi illustri come presidenti, da Rostropovich a Ugo Ughi , a Zakahr Bron e potrei continuare a lungo, era riuscita finalmente grazie all'ex sindaco Perri a poter organizzare a Cremona nel 2014 un concorso nazionale ; l'anno successivo nel 2015 anche Lei sembrò entusiasta nel concedere addirittura il palazzo comunale per questa manifestazione che, ne converrà, ha ottenuto un grande successo .

    Con grande meraviglia abbiamo quindi appreso che quest'anno, ( e per la decima edizione del concorso ) non ci sarebbero stati concessi ne' il patrocinio ne' la collaborazione del Comune e di conseguenza anche che non avremmo potuto contare su nessuna location comunale.

    Probabilmente c'era chi aveva posto il veto alla nostra manifestazione ! E Lei si era giustamente adeguato. La cosa per noi però è inaccettabile e riteniamo non abbia giustificazioni ma il problema è risultato ancora più grave perché lo stessa cosa è accaduta per quasi tutti i progetti che l'anlai ha proposto ritenendoli validi e idonei per una affermazione della liuteria cremonese a Cremona Partecipata.
     
    Otto su dieci progetti infatti non hanno potuto avere il patrocinio e la collaborazione del Comune perché bocciati dalla commissione e sempre con motivazioni a nostro avviso assurde e sebbene quasi tutti non sarebbero costati un euro al Comune.
     
    Lei caro Sindaco ci ha chiaramente detto e mi scusi se sintetizzo : "Non ci interessa un convegno sulle vernici in liuteria perché noi abbiamo i laboratori universitari, non ci interessa una importante manifestazione sulle chitarre classiche perché noi puntiamo sul violino, non ci interessa il concorso nazionale di liuteria perché noi puntiamo sulla triennale, così come non ci interessano quasi tutti gli altri vostri progetti e pertanto anche se non ci chiedete fondi noi non vi concediamo gli spazi ove poterli organizzare; al massimo sarà la governance che potrà decidere diversamente al riguardo perché le cose in questo settore così importante ...... si fanno tutti insieme ".
     
    Solo per chiarezza Le sottolineo che i nostri progetti bocciati dalla commissione non sono mai stati portati in discussione nella governance ed erano quindi ......bocciati senza appello.
    Con una chiusura così totale e con delle motivazioni così assurde ritiene che davvero fosse poi possibile e giusta una nostra collaborazione?
     
    E cosa avremmo dovuto fare secondo Lei? Rinunciare ai nostri progetti perché non graditi ? 
    Abbiamo invece iniziato a realizzarli in città in spazi presi in affitto o ottenuti da altri enti cui sta a cuore la cultura liutaria perche li ritenevamo validi ed il successo di pubblico e di critica ci ha dato ragione e quando, per ragioni di spazio e di visibilità, ci siamo resi conto che la città di Cremona non ci poteva ospitare se non in location di privati e a cifre esorbitanti, ce ne siamo andati ( vedi a Milano al Castello Sforzesco dove siamo stati accolti a braccia aperte da Comune e fondazioni ).
     
    Non so se Lei sia contento; a noi invece dispiace e riteniamo sinceramente che Lei e i suoi amici abbiate sbagliato di brutto per la città e per la liuteria. Ma certamente è una opinione opinabile. 
    Le stesse cose possiamo dire per il concorso internazionale che da anni organizzavamo a Pisogne e che certamente ( non abbiamo dubbi) sarebbe interessato a Lei ancor meno del concorso nazionale visto che Cremona vuole puntare tutto sulla triennale ed anche qui sui costi di questa manifestazione e sulle modalità di esecuzione ci sarebbero tante cose da dire da parte nostra ma non è questa la sede e certamente non ci compete.
     
    Ci è stato richiesto invece di trasferire il nostro concorso a Roma; abbiamo accettato e abbiamo dato la nostra disponibilità a collaborare per far rinascere anche il prestigioso concorso di Santa Cecilia dopo 70'anni di silenzio una manifestazione che riteniamo utile per l'Italia e la liuteria italiana. Anche in questo caso molto probabilmente abbiamo opinioni diverse, ma viva la differenza,Per concludere questo lungo e articolato intervento,veniamo da ultimo a quello che a nostro parere è il problema più grave per Cremona e per il quale, non potrà negarlo, mi batto purtroppo inutilmente da tanti anni: la qualità della produzione liutaria cremonese ora riconosciuta come patrimonio unesco.Non mi potrà dire che non ha seguito alcuni dei miei interventi, letto dei miei articoli, ascoltato delle mie trasmissioni televisive , visto o letto delle mie interviste.

    Come sa, quindi, malgrado il mio impegno, sembra che tutto sia stato sino ad ora inutile perché tutti a Cremona hanno sempre cercato di minimizzare quanto andavo dicendo sui pericoli della diffusione di violini non all'altezza della fama di Cremona e del riconoscimento unesco , sulla mancanza di regole e di controlli e su ciò che questo avrebbe potuto comportare.

    Anche ora quindi che giornali e TV nazionali parlano in maniera scandalistica di quanto scoperchiato sembra che questi fatti non vi abbiano scosso più di tanto. Infatti affermare che la laurea in restauro di 5 privilegiati il cui corso comincerà il prossimo anno, che i passi positivi compiuti dai laboratori universitari e che le tante belle iniziative che si stanno facendo a Cremona siano a favore dei liutai e della qualità ha certamente un senso ma dimostra ancora una volta che siete fuori dalla realtà e che purtroppo non siete in grado di affrontare ancora il problema del controllo e della certificazione che è il problema fondamentale per la liuteria di eccellenza perché nessun passo è stato mai fatto in concreto in questo senso.
     
    Non le sembra che con queste affermazioni siamo ancora una volta un po' fuori tema ? Non pensa che le grandi e costose trasferte per reclamizzare Cremona non rischino di naufragare se non si risolve urgentemente proprio il problema dei controlli e se non si inizia seriamente la lotta ai violini contraffatti ? A noi pare così ma forse ancora una volta sbagliamoRicordiamo da ultimo  anche la nostra richiesta ( ora anche suffragata dalle centinaia di firme di cremonesi richieste), oltre alle tante altre di non cremonesi, per una via o piazza adeguata a Giuseppe Fiorini, mai ringraziato in vita e neppure dopo 150 anni da Cremona per il suo grande dono nel campo della liuteria non è ancora stata minimamente presa in considerazioneSiamo stati sinceramente disponibili a dare tutto il nostro apporto disinteressato e a mettere a disposizione la nostra esperienza ma è evidente che ciò non vi interessa e che sono ritenute inutili e forse anche dannose.

    Auguriamo a Lei dal più profondo del cuore Buona fortuna per quello che potrà fare nel periodo del suo mandato nel settore della liuteria e speriamo di sbagliarci nell'interesse di Cremona e della liuteria riguardo alle nostre perplessità, ma ci consenta, date tutte queste premesse , almeno........il beneficio del dubbio. 

    Distinti saluti
    Gualtiero Nicolini presidente Anlai

    (lettera riportata dal sito dell'ANLAI)

    Associated Topics

    Liuteria

    News
  • Annunci
  • CD/DVD
  • Concerti
  • Concorsi
  • Generale
  • Interviste
  • Libri
  • Liuteria
  • Musica Classica
  • Notizia Importante
  • Scuole di Musica
  • Spartiti

  • Links Vari

    Fondazione Stradivari


    La Chiave di Violino - il blog di Grazia


    Scuola di Musica di Fiesole

    Archivio Articoli
    Lunedì, 21 settembre
    · Fuori Salone (Mondomusica 2015)
    Sabato, 06 giugno
    · Il "Cremonese" a Roma!
    Giovedì, 01 maggio
    · Il Portale del Violino compie 10 anni.
    Lunedì, 08 luglio
    · Cuore e rigore: il Quartetto Guadagnini
    Lunedì, 20 maggio
    · IV Concorso Musicale Internazionale "Euterpe"
    Mercoledì, 01 maggio
    · Il suonatore di ghironda di Anna Serova
    Domenica, 21 aprile
    · Iniziativa per GIUSEPPE FIORINI
    Lunedì, 15 aprile
    · I duetti violinistici di Luigi Rago
    Lunedì, 21 maggio
    · Archi Magazine - Luglio/Agosto
    Lunedì, 07 maggio
    · Pisogne 2012, lavori in corso
    Giovedì, 15 marzo
    · PISOGNE 2012
    Domenica, 11 dicembre
    · Strumenti e dipinti "non autentici" - Convegno a Bolzano
    Sabato, 10 dicembre
    · Giuseppe Fiorini il 150° anniversario (1861-2011)
    Domenica, 28 agosto
    · Nuovi percorsi di formazione della Scuola di Liuteria di Cremona
    Mercoledì, 03 agosto
    · Il violoncello di Silvia Chiesa sul Monte Amiata.
    Giovedì, 23 giugno
    · Uto Ughi e Le Stagioni
    Sabato, 18 giugno
    · Masterclass di Musica Antica "Antiqua Vox" 2011
    Domenica, 08 maggio
    · Masterclass con Sergej Krylov
    Lunedì, 02 maggio
    · Il Quartetto di Cremona, i primi 10 anni di Musica
    Venerdì, 10 dicembre
    · Stradivari a Madrid - Carlo Vettori

    Articoli Vecchi

    Recensioni
    · Antonio Stradivari: his life and work.
    · Il liutaio Cesare Candi e il violino Paganini (1948)
    · The Art of Violin

    Articoli di C. Rampini
    · My Article on "The Strad"
    · Come si sceglie un violino?
    · Riflessioni su una frase di Antonio Stradivari
    · Uno Stradivari in soffitta
    · Il Violino Antico
    · Biografia
    · Antonio Stradivari, Benvenuto Cellini and the Secrets of the Light.
    · Antonio Stradivari, Benvenuto Cellini e i Segreti della Luce.


     



    PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.