Il Portale del Violino, by Claudio Rampini Liutaio - Una giornata con il Quartetto Guadagnini
Search
Topics
  Create an account Home  ·  Topics  ·  Downloads  ·  Your Account  ·  Submit News  ·  Top 10  
Menu
  • Home
  • Archivio Articoli
  • Cerca nelle News
  • Content
  • Downloads
  • FAQ
  • Forums
  • Il Tuo Account
  • Links
  • Lista Utenti
  • Messaggi Privati
  • Recensioni
  • Scrivici
  • Segnala ad un Amico
  • Sondaggi
  • Statistics
  • Top 10

  • Links Diretti






    Musicherie.com

    www.musicherie.it


    Info
    Benvenuto, Anonymous
    Nickname
    Password
    (Registrare)
    Iscrizione:
    più tardi: MartaStella
    News di oggi: 0
    News di ieri: 0
    Complessivo: 5029

    Persone Online:
    Visitatori: 42
    Iscritti: 1
    Totale: 43

    Online ora:
    01 : claudio

    Google AdSense

    Lingua



    Statistiche

    42085808
    pagine viste dal Maggio 2004

    Musica Classica: Una giornata con il Quartetto Guadagnini
    Postato il Lunedý, 23 maggio @ 16:06:31 CDT di claudio

    Musica Classica Era da tempo che cercavo la giusta occasione per un incontro con il Quartetto Guadagnini e la loro musica. Non uno dei concerti alla cui straordinaria qualità questi ragazzi ci hanno abituati, ma una di quelle giornate cosiddette “normali”, fuori dai teatri e dal pubblico, in cui nel loro privato i musicisti costruiscono e perfezionano il loro repertorio. L'occasione si è presentata quando Fabrizio Zoffoli, primo violino del quartetto, mi ha riferito di un prossimo concerto (svoltosi lo scorso 8 Maggio 2016 n.d.r.), presso il Museo del Violino a Cremona, a cui per l'evento è stato affidato il bellissimo quartetto di strumenti costruiti da Marino Capicchioni nel 1937, creato appositamente per il bicentenario della morte di Stradivari e con cui il liutaio riminese vinse un meritato premio. Quindi un'occasione da non mancare per il liutaio e lo spassionato amante della musica, anche se con il grave imbarazzo da parte mia di concedere la stessa attenzione all'uno o all'altro aspetto. E' da premettere che il Quartetto Guadagnini è stato già oggetto della nostra attenzione sul Portale del Violino, una specie di intervista al “buio” svoltasi al telefono qualche anno fa, senza che avessi avuto prima opportunità di ascoltarli dal vivo, eccettuato qualche breve video reperibile in rete.




    Tuttavia l'esperienza di quell'incontro è piaciuta ad entrambe, e ci ripromettemmo di trovarci di persona, senza limiti di tempo e di disponibilità da parte nostra. Come liutaio mi ritengo prima di tutto un cacciatore di suoni, quindi approfondire le esperienze di percezione è un compito quotidiano, al tempo stesso la musica prodotta dagli strumenti e dai musicisti e seguirne l'evoluzione, quando possibile, è un completamento dell'esperienza stessa.


      

    Cioè a dire che ancora prima di incontrare il Quartetto Guadagnini, qualche anno prima intervistai Cristiano Gualco, primo violino del Quartetto di Cremona, che ebbi occasione di ascoltare dal vivo in più occasioni. E prima di loro le mie esperienze di ascolto del Quartetto Italiano e gli incontri con Piero Farulli alla Scuola di Musica di Fiesole, dove ebbi occasione di ascoltare tanti musicisti di grande fama e i loro meravigliosi strumenti. 

    Quindi il Quartetto Guadagnini nasce dagli insegnamenti del Quartetto di Cremona, che a sua volta ha fatto propria la lezione del Quartetto Italiano, ossia una tradizione di suono e di musica sicuramente di alto livello, che i successi che continuano a mietere dovunque sembrano aver consacrato. Ma sarebbe sbagliato pretendere di ascoltare nelle note prodotte dal Quartetto Guadagnini o dal Quartetto di Cremona le note inconfondibili del Quartetto Italiano, perchè se da un lato possiamo dire che in Italia abbiamo senza ombra di dubbio una grande scuola di quartetto, dall'altra ci rallegriamo nel constatare che nel rispetto del repertorio e della tradizione, questi giovani musicisti godano di un'autonomia creativa che li libera da qualsiasi forma di suono riprodotto in modo meccanico, pur nella perfezione tecnica, come purtroppo accade spesso di ascoltare in questi ultimi anni. 



    Difatti già subito al mio arrivo l'atmosfera è piuttosto tranquilla e rilassata, cosa niente affatto scontata, tenendo conto che il sottoscritto giunge da intruso a curiosare strumenti e musicisti intenti in una giornata di prove prima di un concerto importante che si sarebbe tenuto solo due giorni dopo, per giunta con strumenti che non erano quelli da loro abitualmente suonati. Due parole sul quartetto di Marino Capicchioni: come è logico aspettarsi gli strumenti sono in perfette condizioni, praticamente poco o niente suonati, la mano del liutaio riminese (Capicchioni è nato a San Marino, ma per un mio habitus mentale continuo a ritenerlo appartenente alla città di Rimini), appare in tutto il suo splendido e vigoroso stile. Capicchioni in questo quartetto ha perseguito linee che potremmo definire stradivariane, sapendo al tempo stesso distanziarsi dal maestro cremonese e fondendo mirabilmente criteri personali. Anche in questo caso lo spirito nazionale italiano sembra trionfare in autonomia nella tradizione, così che nei due violini, ma anche nella viola e nel violoncello, vediamo bombature generose e tese sulle sgusce, quasi squadrate nella zona del ponticello.



    Già a guardarli questi strumenti suggeriscono l'idea di un suono ampio e generoso, così pure la vernice, di un colore marrone con una vena molto discreta di rosso, evidenzia le figure dell'acero e dell'abete senza troppi effetti speciali, in un rigore semplice quanto suggestivo. Una lezione che troviamo spesso nei liutai del 1900, che a mio parere dovremmo tenere sempre presente nella produzione degli strumenti di oggi.
     
    Così pure i ricci di tutti questi strumenti appaiono inconfondibilmente della mano di Capicchioni, in uno stile splendidamente omogeneo, con un “occhio” di dimensioni generose che chiude le volute in modo deciso e spontaneo, senza nulla concedere al superfluo, ma soprattutto senza scimmiottare i maestri classici. 
     
    Direi che Capicchioni, assieme ad altri celebrati liutai del 1900, sembra essere consapevole di appartenere alla sua epoca, e ne è padrone senza ombra di pentimento.
    Ma le osservazioni sugli strumenti lasciano ben presto lo spazio alle note del “Quartettsatz” di Schubert e la stanza si riempie meravigliosamente di note, che pur familiari, sembra di ascoltare sempre per la prima volta.




    Il coordinamento tra i musicisti mi sembra veramente buono e quelle che percepisco sono note “mature”, frutto sicuramente di un lungo lavoro di studio e di una discussione che è, e deve restare aperta. Le interruzioni sono frequenti, come del resto è naturale che sia in sede di prova, si cerca sempre di perfezionare, limare, impastare il suono al meglio che si è capaci di fare.
    Non c'è una predominanza di un componente del quartetto rispetto agli altri, sia Fabrizio, che Giacomo (secondo violino), Matteo (viola) ed Alessandra (violoncello), danno il loro contributo di riflessione e di suono in modo determinato e pacato. 
     
    Fabrizio, che è il primo violino, ascolta attentamente e mi sorprende che non sia quello che più si impone rispetto agli altri, bensì sembra possedere una buona qualità di “ascolto attivo”, cosa che mi sorprende piacevolmente e mi fa sorridere, perchè forse sono male abituato ad immagini mentali di primi violini autoritari che impongono una direzione. 



    Personalmente non ho mai dato troppa importanza alla precisione dell'intonazione, specialmente nelle esecuzioni dal vivo, ritengo che l'interpretazione valga su tutto, anche in quei casi imperfetti di strumenti trascurati o montati male, o di musicisti che hanno studiato poco o male, perchè se l'interpretazione è per me giusta, l'esecuzione mi risulta comunque gradevole.
    Ciò non toglie che nei passaggi di forza e nei complicati fraseggi di Schubert quando le dita dei musicisti passano alle posizioni alte sui registri acuti, io non mi aspetti qualche sbavatura, o qualche ritardo o anticipo rispetto agli altri strumenti.
    Invece in questa occasione, musicisti che per ragioni anagrafiche ti aspetteresti più imperfetti, dimostrano invece ottima capacità nel saper padroneggiare ogni criticità, un po' come quando vedi il funambolo che facendo acrobazie a trenta metri di altezza senza rete, inconsciamente ti aspetti che cada. E qui invece non cade nessuno, quasi una delusione. Ascoltandoli ad appena poco più di qualche metro di distanza, la musica riempie la stanza in modo tale che è impossibile per me non farmi rapire, ed ascolto in silenzio, deliziato, osservando l'ondeggiare del grano verde fuori della finestra, nel campo oltre la strada.
     
    Il tempo passa veloce e arriviamo all'ora di pranzo, vengo amichevolmente invitato a tavola, e senza interruzione tra uno spaghetto e l'altro, parliamo di musica e di strumenti. Mi produco perfino nel racconto di Athanasius Kircher e sulle recenti scoperte alchemiche e simboliche che tanto hanno governato le leggi dell'arte e quindi anche quelle della liuteria. 
     
    Non mi aspetto di essere compreso, anche perchè fresco di studi e quindi ben lontano dalla sintesi, invece non solo non mi prendono per pazzo, ma il discorso si approfondisce e si sviluppa senza incertezze o imbarazzi. In buona sostanza abbiamo formato un quintetto.
    Ne approfitto anche per scattare qualche foto al meraviglioso violino Pressenda suonato da Fabrizio, mi avevano parlato molto bene della vernice di questi strumenti, e in effetti è difficile trovare qualche cosa che non vada in una luminosa e trasparentissima vernice di un colore rosso molto caldo, laddove il legno sottostante sembra vibrare di vita propria in un tripudio di luce dorata. 


    Il tempo scorre e corre senza che me ne accorga, dopo la pausa ancora prove, è la volta del “Quartetto Americano” di Dvorak, una scelta per me particolarmente felice perchè ho riscoperto questa bellissima opera in tempi recenti così come si incontra un vecchio amico e si scorgono in lui nuove qualità che te lo rendono più prezioso. 

    Nelle orecchie ho le note dell'Emerson Quartet e questa non è quasi mai una buona cosa perchè una registrazione è per forza di cose sempre più “pulita” rispetto ad un'esecuzione dal vivo, ma è anche vero che il fronte sonoro di una “imperfetta” esecuzione dal vivo non ha eguali, ed è per questo che io preferisco di gran lunga un quartetto stonato che suona dal vivo, alla più perfetta delle registrazioni del miglior quartetto del mondo. 


    Questo l'ho capito anche ascoltando di persona le varie opere di Bartok, Berg, Schoenberg, laddove il sapore a volte aspro degli archi ti restituisce tutta la loro dimensione metafisica, che sulle registrazioni si fa sempre fatica a percepire.
    Ma sto divagando un po' troppo, e tutto per dire, in poche parole, che sono partito all'ascolto piuttosto prevenuto, anche se molto fiducioso e curioso per l'interpretazione che il Quartetto Guadagnini saprà dare. 

    Partono direttamente con il secondo movimento ed è subito un colpo al cuore: tutta la dolce e struggente malinconia emerge subito prepotente dal primo violino per essere poi ripresa dal violoncello. Alessandra dice di non trovarsi in condizioni ideali con il violoncello, lo strumento avrebbe bisogno di essere “svegliato” e non restituisce tutti quegli armonici che sarebbe in grado di dare con un esercizio continuo.
    Meno male, penso io, figuriamoci cosa avrei potuto ascoltare se avessero suonato con i loro strumenti! 


    Poi si ritorna al primo movimento con l'apertura della viola di Matteo, solo un breve ripasso per ribadire le intese sui tempi, ma mi è parso di non capire bene. E allora oso ciò che non ho mai osato in vita mia: chiedo di ripetere. Forse in altre occasioni sarei stato scacciato in malo modo o perlomeno avrei creato qualche imbarazzo, invece la mia osservazione viene colta senza colpo ferire e il brano viene ripetuto, così che Matteo esprime tutto il suo notevole potenziale sulla formidabile viola di Capicchioni. Altro colpo al cuore. Chi conosce il Quartetto Americano di Dvorak sa bene come quelle note apparentemente facili di apertura della viola al primo movimento costituiscano una vera e propria ipoteca che condizionerà tutto il resto dell'esecuzione, e sono contento di aver potuto ascoltare il brano eseguito su una viola così bella e importante, forse una delle migliori che abbia mai ascoltato. 


    Così pure il violino di Giacomo, gemello identico a quello suonato da Fabrizio, crea un'uniformità di suono che forse non è esattamente corrispondente al ruolo del secondo violino, questo è sempre un rischio che gli strumenti di un quartetto costruito da uno stesso autore devono affrontare, ma Giacomo sembra fare di necessità virtù e riesce ad imporsi.
    Casomai non si fosse capito abbastanza, se un musicista ha qualcosa da dire lo dirà comunque, e questa è per me una interpretazione in positivo della legge di Murphy. 


    Le note continuano a scorrere e non mi rendo conto che la luce del sole proiettata dalla finestra si allunga quasi a vista d'occhio, trascorrono altre due ore veloci e leggere fino al momento del congedo che mi riporterà sui monti dell'appennino abruzzese in direzione Roma.
    Per me è stata un'esperienza bella, profonda e memorabile, sembra che il Quartetto Guadagnini abbia ben tollerato la presenza dell'intruso, tanto che ci ripromettiamo di incontrarci di nuovo, sempre lì e allo stesso modo, durante le prove, al cuore della musica e degli strumenti.



    Nota: Testo e fotografie di Claudio Rampini

    Associated Topics

    Musica Classica

    Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.
    News
  • Annunci
  • CD/DVD
  • Concerti
  • Concorsi
  • Generale
  • Interviste
  • Libri
  • Liuteria
  • Musica Classica
  • Notizia Importante
  • Scuole di Musica
  • Spartiti

  • Links Vari

    Fondazione Stradivari


    La Chiave di Violino - il blog di Grazia


    Scuola di Musica di Fiesole

    Archivio Articoli
    Lunedý, 21 settembre
    · Fuori Salone (Mondomusica 2015)
    Sabato, 06 giugno
    · Il "Cremonese" a Roma!
    Giovedý, 01 maggio
    · Il Portale del Violino compie 10 anni.
    Lunedý, 08 luglio
    · Cuore e rigore: il Quartetto Guadagnini
    Lunedý, 20 maggio
    · IV Concorso Musicale Internazionale "Euterpe"
    Mercoledý, 01 maggio
    · Il suonatore di ghironda di Anna Serova
    Domenica, 21 aprile
    · Iniziativa per GIUSEPPE FIORINI
    Lunedý, 15 aprile
    · I duetti violinistici di Luigi Rago
    Lunedý, 21 maggio
    · Archi Magazine - Luglio/Agosto
    Lunedý, 07 maggio
    · Pisogne 2012, lavori in corso
    Giovedý, 15 marzo
    · PISOGNE 2012
    Domenica, 11 dicembre
    · Strumenti e dipinti "non autentici" - Convegno a Bolzano
    Sabato, 10 dicembre
    · Giuseppe Fiorini il 150° anniversario (1861-2011)
    Domenica, 28 agosto
    · Nuovi percorsi di formazione della Scuola di Liuteria di Cremona
    Mercoledý, 03 agosto
    · Il violoncello di Silvia Chiesa sul Monte Amiata.
    Giovedý, 23 giugno
    · Uto Ughi e Le Stagioni
    Sabato, 18 giugno
    · Masterclass di Musica Antica "Antiqua Vox" 2011
    Domenica, 08 maggio
    · Masterclass con Sergej Krylov
    Lunedý, 02 maggio
    · Il Quartetto di Cremona, i primi 10 anni di Musica
    Venerdý, 10 dicembre
    · Stradivari a Madrid - Carlo Vettori

    Articoli Vecchi

    Recensioni
    · Antonio Stradivari: his life and work.
    · Il liutaio Cesare Candi e il violino Paganini (1948)
    · The Art of Violin

    Articoli di C. Rampini
    · My Article on "The Strad"
    · Come si sceglie un violino?
    · Riflessioni su una frase di Antonio Stradivari
    · Uno Stradivari in soffitta
    · Il Violino Antico
    · Biografia
    · Antonio Stradivari, Benvenuto Cellini and the Secrets of the Light.
    · Antonio Stradivari, Benvenuto Cellini e i Segreti della Luce.


     



    PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.