La cordiera

Suonare e costruire i violini
Avatar utente
OldFossil
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 572
Iscritto il: giovedì 19 marzo 2009, 0:00
Località: Vigevano (PV)
Contatta:

La cordiera

Messaggio da OldFossil »

Ciao a tutti,
pensando ai vari modi per cavare da un violino fatto e finito il meglio di sé, dalla scelta delle corde, alla qualità dell'arco, alla sagomatura corretta del ponticello, ecc., vi chiedo lumi su quale sia il contributo della cordiera alla produzione del migliore suono possibile.
Per entrare più nello specifico, stavo meditando sull'opportunità di cambiare la cordiera del mio violino economico (con la ferma convinzione che i miracoli non siano appannaggio delle cordiere :) ).

Ringrazio anticipatamente chiunque vorrà rispondere.

Buona giornata.

yidaki
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 238
Iscritto il: venerdì 23 gennaio 2009, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da yidaki »

A mio modesto avviso il contributo al miglioramento (o peggioramento) del suono sarebbe esiguo....però c'è il fattore estetico. Magari un legno diverso, di colore differente, potrebbe cambiare l'impatto visivo, specie se cambi cordiera, mentoniera e piroli e li sostituisci con altri della medesima essenza.

Avatar utente
and29
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 702
Iscritto il: mercoledì 1 marzo 2006, 0:00
Località: Torino Italia
Contatta:

Messaggio da and29 »

Non sono proprio d'accordo sul fatto che la cordiera non incida sul suono.
Ok, d'accordo! ci sono componentiben piu importanti che determinano il suono di un violino, anima, ponticello, spessori e catena però.... io, sul mio violino ho sostiuito la cordiera insieme ovviamente ai piroli ed al bottone.
Prima, montavo questa in palissandro ed ora ne ho montata una di grande qualità in legno di bosso.
Il risultato non è stato sconvolgente certo, ma di sicuro impatto acustico (ed estetico).
Il suono è diventato piu caldo, piu tondo diciamo insomma.... dolce, gradevole bello!.
So di molti virtuosi che, per il loro strumento, a seconda di stagioni o tipi di concerti da eseguire, cambiano spesso la montatura (cordiera, bottone e piroli).
Il tipo di legno utilizzato andrà ad incidere acusticamente sul violino e ci si accorge di questo senza dubbi, proprio come me ne sono accorto io.
Il consiglio è senza dubbio quello di provare!portando lo strumento dal liutaio e provando le varie cordiere decidendo, in funzione di un buon collaudo, quella che possa andare meglio.
Questo ovviamente è il mio parere personale.
Sbalordito il diavolo rimase... quando comprese quanto osceno fosse il bene.<br>

Avatar utente
Fabio_Chiari_liutaio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 778
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da Fabio_Chiari_liutaio »

Pensare che c'è anche qualcuno che è sicuro che il laccio in carbonio per legare al bottone la cordiera sia "fondamentale" per il suono di uno strumento............a Firenze si dice: Poero pane! 8O
<div>......chi va dietro altrui mai non gli passa innanzi.....(Michelagnolo Bonarroto fiorentino)</div><br>

Avatar utente
Atomino
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1644
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 0:00
Località: Botticino o Salo', tra Maggini e Gasparo
Contatta:

Messaggio da Atomino »

Ciao Fabio.
Il laccio magari non proprio, ma la lunghezza dello stesso, le dimensioni e lo spessore della cordiera, nonchè la distanza dal ponte, penso abbiano il loro peso nell'intonazione dello strumento.
- Alberto Soccini -

Avatar utente
fisher
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 229
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2008, 0:00
Località: Montagnana

Messaggio da fisher »

Io al cinese di mia sorella ho messo lo spago con cui mio padre ex muratore faceva i livelli, avrò quindi sbagliato? :hum: :viol: :mrgreen:

Avatar utente
Fabio_Chiari_liutaio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 778
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da Fabio_Chiari_liutaio »

Alberto Soccini, lei mi sta dicendo un'altra cosa che riguarda la liuteria vera. Penso che bisognerebbe (se davvero si vuole insegnare) sfrondare di tutte le manie, i preconcetti, le idee astruse e peggio di tutto le mode cervellotiche, la mente di chi suona perchè se si perde tempo dietro alle cazzate si rischia di non accorgersi che il violino è perfetto, ma che in realtà non lo sappiamo suonare. Ribadisco un concetto che ritengo mio.....spesso alcuni musicisti dicono di provare gli strumenti e non si accorgono che sono gli strumenti che mettono alla prova loro....... 8O
<div>......chi va dietro altrui mai non gli passa innanzi.....(Michelagnolo Bonarroto fiorentino)</div><br>

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12083
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: La cordiera

Messaggio da claudio »

OldFossil ha scritto:Ciao a tutti,
pensando ai vari modi per cavare da un violino fatto e finito il meglio di sé, dalla scelta delle corde, alla qualità dell'arco, alla sagomatura corretta del ponticello, ecc., vi chiedo lumi su quale sia il contributo della cordiera alla produzione del migliore suono possibile.
Per entrare più nello specifico, stavo meditando sull'opportunità di cambiare la cordiera del mio violino economico (con la ferma convinzione che i miracoli non siano appannaggio delle cordiere :) ).

Ringrazio anticipatamente chiunque vorrà rispondere.

Buona giornata.
Su un violino economico forse è meglio evitare di perdere tempo nelle raffinatezze della messa a punto, ma se si dispone di tempo, passione e qualche soldino ci si può divertire alla grande a fare prove e riprove. Per di più su un violino economico non c'è di solito il timore riverenziale in genere dovuto ai violini d'autore. Io proverei con cordiere dei materiali seguenti: bosso, palissandro, ebano, bois de rose, pernambuco e altri ancora. Certo non trascurerei i fili reggicordiera di vari materiali, budello, nylon, kevlar, carbonio. Tutti questi materiali non servono a far suonare meglio il violino, ma servono sopratutto a farlo suonare nella maniera che il musicista desidera, in quanto ogni variazione produce un effetto diverso sull'emissione degli armonici. C'è chi predilige l'ebano, perchè più pesante e le corde stanno "ferme", al contrario il bosso sarebbe troppo leggero, le corde la fanno vibrare e si dissipa energia, c'è della verità in queste cose, ma ripeto: servono solo a "dirigere" gli armonici in una direzione piuttosto che in un'altra.
andante con fuoco

Alcina
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 75
Iscritto il: domenica 16 agosto 2009, 0:00

Messaggio da Alcina »

Quoto in parte il M° Chiari. A volte mi viene un po' da ridere vedendo tanti violinisti che ancora stanno studiando, che ancora a malapena sanno quant'è vasta la mole di cose che hanno da imparare (e mi metto in prima fila fra questi), perdere tempo ed energie dietro a dettagli che la differenza la fanno, sì, ma a un livello ben più alto. Quando non si sa cavare il massimo del suono dal proprio strumento, per me non ha tanto senso cercare ossessivamente la muta di corde migliore; se uno ha un'ora da dedicare al vl, a questi livelli, è più utile che la dedichi a studiarsi un passo piuttosto che non a cambiare cordiera 13 volte. Per me il suono lo fanno il violino, l'arco, le corde, la cordiera, il laccio della cordiera, il Signore e la Madonna, ma prima di tutto lo fa il violinista.

Avatar utente
MarcoSpain
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 134
Iscritto il: sabato 25 aprile 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da MarcoSpain »

Al di là del fattore estetico, importante su di un buon violino di liuteria, per esperienza consiglio soprattutto di curare la distanza cordiera-ponticello, che dovrebbe essere il più possibile uguale a quella di tastiera-ponticello. Su di un mio violino ha realmente fatto vibrare più facilmente tutto lo strumento.
Vero anche il tipo di laccio, come dice Claudio, anche se come strumentista non ho notato grandi cambiamenti quando mi hanno montato il laccetto in carbonio...
Altro aspetto da non trascurare, il peso della cordiera, troppo pesante può affogare lo strumento.
Poi, come dice Chiari, il manico è quello che conta, soprattutto per uno studente può essere controproducente perdersi dietro a esperimenti, che molte volte ci nascondono i problemi tecnici che abbiamo come violinisti.
Detto questo, devo confessare che sul mio attuale violino, un prezioso Morano del 1982, durante i sermoni dei vari direttori d'orchestra nelle prove perdo il tempo guardando, oltre la bellezza dello strumento, l'incredibile fattura della montatura in palissandro, incredibilmente "accordato" con la marezzatura del violino. Spettacolo! (E io che erano anni che ero innamorato della montatura in bosso del violino di mia moglie...)

Avatar utente
OldFossil
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 572
Iscritto il: giovedì 19 marzo 2009, 0:00
Località: Vigevano (PV)
Contatta:

Messaggio da OldFossil »

Grazie nuovamente a tutti per le numerose risposte!

Ora penso di aver compreso meglio il contributo della cordiera nella produzione del suono e, constatato il livello tecnico richiesto per apprezzare le differenze tra i diversi materiali, non farò alcuna modifica allo strumento.

Buona giornata.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12083
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio »

Una cosa di cui tenere senz'altro conto e che vale un pò per tutti gli strumenti è che la cordiera dovrebbe avere uno standard di lunghezza di 108-110mm, e non, come si vede purtroppo comunemente, di 115mm.
andante con fuoco

Avatar utente
MarcoSpain
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 134
Iscritto il: sabato 25 aprile 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da MarcoSpain »

claudio ha scritto:Una cosa di cui tenere senz'altro conto e che vale un pò per tutti gli strumenti è che la cordiera dovrebbe avere uno standard di lunghezza di 108-110mm, e non, come si vede purtroppo comunemente, di 115mm.
Ri-quoto, di tutte le modifiche che mi hanno fatto in tanti anni, è la cosa che realmente incide di più sul suono dello strumento!

yidaki
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 238
Iscritto il: venerdì 23 gennaio 2009, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da yidaki »

Fabio_Chiari_liutaio ha scritto: Ribadisco un concetto che ritengo mio.....spesso alcuni musicisti dicono di provare gli strumenti e non si accorgono che sono gli strumenti che mettono alla prova loro....... 8O
Grande Fabio.....!!!!

Avatar utente
Atomino
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1644
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 0:00
Località: Botticino o Salo', tra Maggini e Gasparo
Contatta:

Messaggio da Atomino »

claudio ha scritto:Una cosa di cui tenere senz'altro conto e che vale un pò per tutti gli strumenti è che la cordiera dovrebbe avere uno standard di lunghezza di 108-110mm, e non, come si vede purtroppo comunemente, di 115mm.
Ciao Claudio.
A parte acquistarne una di misura inferiore (o costruirne una da zero), c'è un metodo per compensare i 5-7 mm in eccesso?
- Alberto Soccini -

Rispondi