Ci provo anche io a fare un violino!

Suonare e costruire i violini
Rispondi
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 2224
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora »

astromax ha scritto: Una cosa che ho notato con non poco stupore è che ricontrollando tutte le misure la distanza della tastiera dalla TA è scesa di un mm esatto! E' normale? Il mio incubo del violino piegato stà diventando realtà? Ho smontato e adesso è 20.1 ma prima era 19.7. controllando l'altezza sul ponticello è rimasta sempre 27.5. Possibile che sia la tavola che si gonfia sotto la tensione delle corde fino ad alzarsi di 1 mm?
Quanto mi piace questo mondo!
A presto e grazie ancora!!!
Abbastanza normale, la tensione causa sempre una deformazione della struttura e il violino deve assestarsi su quella tensione raggiungendo possibilmente un equilibrio.
Se non riesce a stare in equilibrio allora è un problema e i tuoi timori si potrebbero avverare.....
L'abilità del liutaio sta nel contenerla entro valori minimi che durino nel tempo attraverso soluzioni costruttive adeguate.
La variazione della misura della tastiera dalla tavola dipende da un mix di deformazione della tavola che si alza per la compressione e del manico/tallone che si flette/ruota per la trazione delle corde.
L'unico che sta fermo è il ponticello, tutto il resto si muove e cambia forma.

Davide

PS gli schemi delle lampade UV sono sempre interessanti....
Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da astromax »

Ciao Davide! E' da un po' che il violino sta reggendo l'accordatura e l'altezza della tastiera dalla tavola è stabile al centesimo di mm da stamattina.
Spero che continui così!
:)
Per gli schemi della UV box stasera li faccio e li posto, ci sarebbe da integrare anche un motorino per far ruotare il violino. Credo che un motorino da piatto del microonde possa andar bene.
Il timer lo feci con Arduino ma credo non ce ne sia bisogno per una UV box dati i tempi di esposizione. Nei bromografi è importante perchè 30 secondi in più o in meno possono farti venire male il PCB.
Ancora grazie!!! Oggi mi sento un bimbo a natale!
:)
Avatar utente
Ananasso
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 411
Iscritto il: lunedì 28 febbraio 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da Ananasso »

Congratulazioni Astromax! Mi piacerebbe seguire ancora il tuo lavoro, e non solo la verniciatura. La deformazione del violino appena fatto (e nei successivi 4-8 mesi) è un aspetto che mi interessa assai.
Comunque: si gonfia!
Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da astromax »

Ciao Ananasso! Grazie! E si o si gonfia o si piega, in realta a me pare più come se si piegasse il tutto con centro sul ponticello, in effetti l'altezza della proiezione della tastiera sul ponticello è scesa di 0.5 mm mentre l'altezza della tastiera dalla TA è sempre un mm in meno. Sono già due giorni che è accordato e per fortuna sembra stabile.
Oggi lo smonto, finisco la nocetta, ritocco le punte che mi son venute un po' bresciane e poi vi domando:
Il "bagno di sole" lo si fa prima o dopo aver passato il turapori?
Se ho capito bene come turapori va bene il liquido che si forma dopo aver montato a neve i bianchi d'uovo? Anche se poi vernicio a spirito?

Tempo fa avevo una ricetta che usava i seguenti ingredienti:

sandracca
gommagutta in polvere
elemì
copale di manila
e poi la gommalacca decerata, la robbia, la curcuma e l'alcool 99,9%

L'ho persa, qualcuno mi consiglia una vernice a spirito con questi (semmai non tutti) ingredienti?
Grazie mille!!!!!

A presto!
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 2224
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora »

astromax ha scritto: Il "bagno di sole" lo si fa prima o dopo aver passato il turapori?
Principalmente prima per il colore e dopo per colore e asciugatura.
Se ho capito bene come turapori va bene il liquido che si forma dopo aver montato a neve i bianchi d'uovo? Anche se poi vernicio a spirito?
Si
Tempo fa avevo una ricetta che usava i seguenti ingredienti:

sandracca
gommagutta in polvere
elemì
copale di manila
e poi la gommalacca decerata, la robbia, la curcuma e l'alcool 99,9%

L'ho persa, qualcuno mi consiglia una vernice a spirito con questi (semmai non tutti) ingredienti?
Grazie mille!!!!!

A presto!
Di questa lista io uso solo l'alcool e la robbia, del resto non saprei che farmene.... :D quindi non saprei che dosi consigliarti.
Comunque l'elemi è l'unica componente morbida che può dare elasticità al resto delle vetrosissime resine, io l'ho usata i primi anni insieme alla gommalacca seedlac in proporzione 1:5 e funzionava discretamente ma nell'insieme leggermente poco trasparente e prevedeva anche l'uso dell'olio di spigo che non asciuga mai(vernice 1704).
Tutto sommato però una bella vernice.

Davide

PS Con la robbia ci faccio le lacche (pigmenti) per colorare la vernice, piuttosto difficili da usare con vernice ad alcool ma belle.
ZioGiuseppe
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 54
Iscritto il: mercoledì 21 settembre 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da ZioGiuseppe »

Ottimo, mi sento veramente felice per te e il tuo violino, complimenti, e grazie per aver condiviso il lavoro online :)
Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da astromax »

Grazie ZioGiuseppe!
Ho trovato in parte la vernice che avevo visto tempo fa eccola:

Gommalacca grammi 120
Sandracca grammi 15
Copale Manila grammi 5
Elemi grammi 15
Alcol litri 1

Non so perchè comprai anche la gommagutta, la ricetta che vidi tempo fa la portava. Quali sono gli effetti della gommagutta, se aggiunta alla ricetta indicata in cosa migliora/peggiora la vernice?

Sono riuscito ad ottenere un alcool di una forte colorazione rossa seguendo un metodo che consiste nel mettere la robbia polverizzata in proporzione 1:5 con alcool puro (99,9) chiusa in un contenitore ermetico e messa a bagno maria a 55°C per 6 ore circa. Sono più di 12 ore ormai che l'alcool è dello stesso colore con una buona trasparenza.
Il colore è simile a quello di un vino giovane.
qualche goccia di alcool colorato alla curcuma dovrebbe rendere il rosso un po' più vivo?
Domani faccio qualche esperimento con la ricetta che vi ho postato e vediamo che esce.
:)
Gli schemi per la UV box purtroppo non li trovo, non ho trovato i miei ma ho notato che qui sul forum ce ne sono parecchi!
A presto!
famar
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 846
Iscritto il: mercoledì 13 agosto 2008, 0:00
Località: Roma

Messaggio da famar »

Con un po' di curcuma dovrebbe scaldarsi un po' altrimenti è probabile che il rosso sia troppo vivo. Ti ricordo anche di fare un sottostrato colorato con sola curcuma. Migliora la profondità e nel caso volessi anticare un po' basta rimuovere qualche strato superficiale per mettere in evidenza un po' d'oro. Sono contento del tuo entusiasmo, sembri un bambino che scopre le fate e questo è bello.
Buon lavoro.
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 2224
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora »

astromax ha scritto:Grazie ZioGiuseppe!
Ho trovato in parte la vernice che avevo visto tempo fa eccola:

Gommalacca grammi 120
Sandracca grammi 15
Copale Manila grammi 5
Elemi grammi 15
Alcol litri 1

Non so perchè comprai anche la gommagutta, la ricetta che vidi tempo fa la portava. Quali sono gli effetti della gommagutta, se aggiunta alla ricetta indicata in cosa migliora/peggiora la vernice?

Sono riuscito ad ottenere un alcool di una forte colorazione rossa seguendo un metodo che consiste nel mettere la robbia polverizzata in proporzione 1:5 con alcool puro (99,9) chiusa in un contenitore ermetico e messa a bagno maria a 55°C per 6 ore circa. Sono più di 12 ore ormai che l'alcool è dello stesso colore con una buona trasparenza.
Il colore è simile a quello di un vino giovane.
qualche goccia di alcool colorato alla curcuma dovrebbe rendere il rosso un po' più vivo?
Domani faccio qualche esperimento con la ricetta che vi ho postato e vediamo che esce.
:)
Gli schemi per la UV box purtroppo non li trovo, non ho trovato i miei ma ho notato che qui sul forum ce ne sono parecchi!
A presto!
La curcuma è gialla che unita al rosso della robbia lo farà virare verso l'arancio, non so se più vivo.
La gutta è una resina gialla (alcuni dicono giallo oro, a me sembra giallo verde e un po' troppo brillante) abbastanza usata come colorante giallo perchè essendo resina è più stabile degli altri colori estratti in alcool .
Io non la uso da molto tempo, la componente gialla cerco di ottenerla con le resine della vernice senza aggiungere coloranti gialli.

Le strade percorribili però sono moltissime e variegate, non resta che fare prove su campioni prima di mettere qualsiasi cosa sul violino.

Davide

PS la vernice della ricetta secondo me è troppo dura e vetrosa, l'unica resina morbida è l'elimi e in percentuale bassa sulle altre resine.
Se poi usi la gommalacca decerata non hai nemmeno la cera che dà una mano all'elemi per elasticizzare.
La gommagutta non è una resina morbida e andrebbe ad aumentare la percentuale di resine dure peggiorando ulteriormente la vetrosità/durezza.
NB la gommagutta è velenosa.
Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da astromax »

Grazie mille Davide sei stato chiarissimo come sempre!
Sulla gomma gutta non avevo trovato niente di così esplicativo, solo il fatto che fosse velenosa dal teschio con le ossa nella confezione! :)
Vediamo che esce co questa vernice. Purtroppo quella che ho fatto ieri l'ho dovuta buttare perchè un paio di anni fa quando l'ho comprata mi hanno fregato con la gommalacca. Mi è arrivata macinata invece che a scaglie e quando domandai il motivo mi dissero che avevano notato un difficolta nel sciogliersi e cosi si era risolta. Una bella cippa dato che con alcool al 99.9% non si è sciolta diventando una specie di gelatina oleosa e grumosa. Ho provato anche a scaldarla a 60 °C per 4 ore e niente. Ho buttato un sacco di alcool e di resine. ARGGGG :evil: :evil: :evil:
Il violino ora sta facendo il bagno di sole anche se di sole non se ne vede traccia!!! Se non sto attento si fa il bagno e basta!
A presto!
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 2224
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora »

astromax ha scritto:Vediamo che esce co questa vernice. Purtroppo quella che ho fatto ieri l'ho dovuta buttare perchè un paio di anni fa quando l'ho comprata mi hanno fregato con la gommalacca. Mi è arrivata macinata invece che a scaglie e quando domandai il motivo mi dissero che avevano notato un difficolta nel sciogliersi e cosi si era risolta. Una bella cippa dato che con alcool al 99.9% non si è sciolta diventando una specie di gelatina oleosa e grumosa. Ho provato anche a scaldarla a 60 °C per 4 ore e niente. Ho buttato un sacco di alcool e di resine. ARGGGG :evil: :evil: :evil:
Anche a me è capitato e ho dovuto buttare circa un chilo di resina.
Da allora evito la gommalacca in scaglie che è un prodotto industriale trattato con sostanze chimiche per la lavorazione/purificazione e uso solo gommalacca grezza non trattata (seedlac, stocklack, kornerlack) che si scioglie anche dopo trent'anni, posso garantire per esperienza diretta, ed è anche più bella per colore e trasparenza.
Le vernici sono semplici e fatte di pochi ingredienti, l'elevata qualità di questi ultimi è vitale per la buona qualità del risultato finale : un po' come la pizza, insomma :D
Il violino ora sta facendo il bagno di sole anche se di sole non se ne vede traccia!!! Se non sto attento si fa il bagno e basta!
A presto!
:D :D

Davide
Avatar utente
astromax
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 251
Iscritto il: martedì 1 marzo 2011, 0:00
Contatta:

Messaggio da astromax »

Ciao ragazzi, oggi ho salvato il violino per un pelo da un temporalone!!!
Per fortuna alle primissime gocce era già al riparo.
Mi sa che la UV box urge!
Ora mi domando: i più grandi liutai antichi erano lombardi. Io abito in Campania a due passi dal "Paese del sole" e in questi giorni di sole non ne vedo traccia!!! Come facevano gli antichi con un clima così piovoso e senza ovviamente una UV box? Possibile che il bagno di sole gli strumenti antichi se lo siano fatto attraverso la vernice nei secoli di utilizzo?
Sabato scorso mi sono fatto un giro in un colorificio vicino casa mia ed ho trovato la gommalacca! Ho fatto la vernice seguendo la ricetta che vi ho postato prima ma aggiungendo 5 gr in più di elemi. Farò delle prove.
Il colore è tipo il caramello ed è torbido, credevo venisse più trasparente.
Devo far ridurre un po' l'alcool colorato per fare delle prove di colore sul legno.
Vediamo che esce.
A presto!!!
Ultima modifica di astromax il martedì 29 luglio 2014, 2:15, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 2224
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora »

astromax ha scritto: Il colore è tipo il caramello ed è torbido, credevo venisse più trasparente.

Se è presente la parte cerosa della gommalacca è inevitabile, la vernice nel vasetto rimane torbida ma una volta stesa in strati sottili è ragionevolmente trasparente anche se non limpida come il cristallo, requisito non necessariamente indispensabile o gradito.
Se la vuoi più trasparente devi filtrarla con carta filtro ma però perderesti totalmente la cera e probabilmente parte dell'elemi, che ha un comportamento simile alla cera in fase di soluzione.
Per capire meglio queste cose è essenziale sciogliere ogni componente singolarmente per capire bene cosa succede e cosa si scioglie e cosa si perde effettivamente nel filtraggio, pesando accuratamente il residuo ben secco.
Altrimenti non se ne viene a capo....:roll:

Davide
Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 2224
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora »

astromax ha scritto:Ciao ragazzi, oggi ho salvato il violino per un pelo da un temporalone!!!
Per fortuna alle primissime goccie era già al riparo.
Mi sa che la UV box urge!
Ora mi domando: i più grandi liutai antichi erano lombardi. Io abito in Campania a due passi dal "Paese del sole" e in questi giorni di sole non ne vedo traccia!!! Come facevano gli antichi con un clima così piovoso e senza ovviamente una UV box? Possibile che il bagno di sole gli strumenti antichi se lo siano fatto attraverso la vernice nei secoli di utilizzo?
Non è affatto sicuro che i liutai antichi esponessero gli strumenti al sole, qualcuno sostiene che usassero un trattamento chimico e altri sostengono che centinaia di anni di invecchiamento siano stati sufficienti per dare il colore che ha attualmente il legno.
Quandoci si avvicina a studiare il trattamento del legno e a ciò che sta sotto alla vernice la scienza brancola ancora abbastanza nel buio, le certezze sono lontane e i pareri discordi.

Davide
famar
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 846
Iscritto il: mercoledì 13 agosto 2008, 0:00
Località: Roma

Messaggio da famar »

Anche io mi sono posto il problema di dove andassero a prendere tutto 'sto sole gli antichi liutai della padania. Poi cosa facevano, lavoravano autunno e inverno e verniciavano in primavera estate? Per non parlare dell'umidità media.... Secondo il mio parere 200 e più anni hanno lavorato molto bene sui legni e sulle vernici. Chissà un giorno forse anche i nostri..... :lol:
Rispondi