Il violino non è un quadro

Suonare e costruire i violini
Rispondi
simplicius
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 11
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 0:00

Il violino non è un quadro

Messaggio da simplicius »

Primo post...spero abbiate pazienza a leggere queste mie elucubrazioni e magari a indirizzare meglio le minime nozioni che ho sul violino.

Da assoluto neofita, d ovrei chiedere cosa sia meglio comprare tra questa o quella marca spendendo una cifra a due zeri possibilmente con la prima dispari e inferiore a 5...ma ho gia' capito che, magari, tramite un messaggio privato vi e' chi sapra' dare,instancabile, un piccolo consiglio in merito...

Oso allora chiedere allora questo:

Qual 'è la differenza tra un violino "fatto benino", uno costruito bene ed un capolavoro? Dov'e' questa differenza? Come si riconosce? Col compasso lo spettrografo di massa l'odore il tatto il cartellino del prezzo e poi all'archetto e alla mano in tasca l'ardua sentenza?

O il discrimine riguarda anche un insondabile criterio soggettivo e volubile che ignora del tutto il sapere e la pazienza racchiusi nella voluta minima di un riccio o nella solitudine dell'anima?

Forse dovrebbe essere proibito agli incolti guardare un violino e innamorarsene senza nemmeno averne magari ascoltato la voce o saperlo non dico suonare, ma tenere in mano...

Ho visto qui a Budapest, dove vivo, in negozi -atelier importanti violini nobili e carichi di anni a cui dare del Lei ma che mi hanno lasciato del tutto indifferente, quasi tutti uguali a partire dal color ambrato all'aranciato al marroncin...cacchetta...

Fino a quando non ho trovato sul web la foto di un violino fatto in Romania con un nome posticcio che mi ha stupito alquanto e mi ha condotto, incredibilmente, fino alla foto di un violino italiano che mi ha annichilito per quanto io l'abbia trovato bello...da non violinista quei due strumenti sono come il sole, l'italiano, e il piu' piccolo pianeta lontano della nostra galassia l'altro. Come la Veduta di Deft l'uno, o la Ronda di notte, e un poster l'altro.

E hanno entrambi un colore chiarissimo una luce straordinaria che invita finalmente a cercarli i particolari e a farmi chiedere il come e il quando e il perche' di un violino...e di questi in particolare.

E' un buon inizio per provare a capire qualcosa di questo strumento o schiaccio reset e mi preparo una tisana con le foglie dell'acero campestre?

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 2224
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora »

Purtroppo per un neofita non è possibile afferrare le sfumature che fanno la differenza tra un violino e l'altro acusticamente parlando, a meno che queste differenze non siano così drastiche da apparire tragicamente evidenti.
Ognuno arriva a capire ciò che sa riconoscere, e riconoscere qualità acustiche superiori richiede tecnica e orecchio superiori.
Esteticamente parlando invece queste barriere sono facilmente superabili, in quanto la bellezza sta negli occhi di chi guarda e la soddisfazione e l'emozione personali non hanno prezzo e possono essere drasticamente differenti da soggetto a soggetto.
Quindi, se non devi suonarlo e non devi rivenderlo, affidarti alle tue sensazioni è la strada giusta da percorrere, lasciando ad altri il più difficile compito di acquistare violini che possano funzionare bene ed acquistare valore con il tempo.
In questo caso il "cartellino" del prezzo e la qualità della fattura artigianale sono indicatori da tenere seriamente in considerazione. :wink:

simplicius
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 11
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 0:00

Messaggio da simplicius »

davidesora ha scritto:(...) la bellezza sta negli occhi di chi guarda e la soddisfazione e l'emozione personali non hanno prezzo e possono essere drasticamente differenti da soggetto a soggetto.
Quindi, se non devi suonarlo e non devi rivenderlo, affidarti alle tue sensazioni è la strada giusta da percorrere, lasciando ad altri il più difficile compito di acquistare violini che possano funzionare bene ed acquistare valore con il tempo.
In questo caso il "cartellino" del prezzo e la qualità della fattura artigianale sono indicatori da tenere seriamente in considerazione. :wink:
Gentile Davide...vorrei imparare a suonare il violino, questo il mio obiettivo.

E le foglie di acero campestre rigorosamente solo come tisana...non le mastichero' nè arrotolero' nè le sbriciolero' per altri fumogeni intenti...

Magari comprero'al mercatino delle pulci un violino da poco, provero' a sverniciarlo e poi a...smontarlo per provare a capirci qualcosa pezzetto per pezzetto...

gf104
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 96
Iscritto il: lunedì 4 febbraio 2013, 0:00

Messaggio da gf104 »

se il tuo obiettivo è quello di imparare a suonare il violino, la prima cosa da fare è quella di trovare un maestro

poi andrai al mercatino a comprare e smontare tutto quello che vuoi!

ma almeno lo farai con un minimo di cognizione

Rispondi