esiste un diploma un liuteria?

I liutai: i loro strumenti e le loro biografie.
Rispondi
Avatar utente
andreavezzoli
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 434
Iscritto il: lunedì 5 gennaio 2009, 0:00
Località: Franciacorta
Contatta:

esiste un diploma un liuteria?

Messaggio da andreavezzoli »

Ho provato a cercare l'argomento nel forum ma non mi pare fosse già stato trattato ....

Esiste un riconoscimento ufficiale che certifica che uno è un liutaio?
esiste un albo?
sareste d'accordo nell'istituire la laurea in "teoria e costruzione degli strumenti ad arco"?
Avatar utente
Violinista92
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 18
Iscritto il: lunedì 7 giugno 2010, 0:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Violinista92 »

mmm io sapevo che bisognasse iscriversi all'Albo delle Imprese Artigiane, però non ne so molto :o
eccius
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 95
Iscritto il: martedì 11 novembre 2008, 0:00
Contatta:

Messaggio da eccius »

non esiste alcun albo professionale.
La professione è assolutamente libera.
In ogni caso per questi problemi mi pare interessante il libro fresco di stampa curato dai professori Roberto Calvo e Marco G. Chiavazza, "L'autenticità degli strumenti ad arco", Giappichelli Editore, in cui si affrontano le tematiche legate al commercio degli strumenti ad arco sia sotto il profilo giuridico, sia sotto quello liutario. Il libro è in doppia lingua (ita e ingl).
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12123
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio »

Esistono le scuole di liuteria di Milano, Parma e Cremona, in particolare conosco abbastanza la prima di cui fanno parte i nostri amici Orzo e Gianmaria.
andante con fuoco
Avatar utente
OrzO
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 335
Iscritto il: mercoledì 25 ottobre 2006, 0:00

Messaggio da OrzO »

claudio ha scritto:Esistono le scuole di liuteria di Milano, Parma e Cremona, in particolare conosco abbastanza la prima di cui fanno parte i nostri amici Orzo e Gianmaria.
Io ho frequentato la scuola di liuteria di Parma. A dirla tutta a Parma ce ne sono due, una fa riferimento a Desiderio Quercetani e l'altra a Renato Scrollavezza, ed io ho frequentato questa seconda con sede nella bellissima rocca di Noceto.
Il mio compaesano Gianmaria frequenta la scuola di Milano, che comunque storicamente ha dei legami con quella di Parma visto che ci insegnò anche Scrollavezza nei primi anni '80 e credo contribuì anche alla sua fondazione, successivamente altri suoi allievi insegnarono a Milano.

Però devo dire che l'attestato rilasciato a Parma non credo sia "ufficiale" nel senso in cui intende Andrea, non cioè equiparabile ad un diploma o ad una laurea, è semplicemente un attestato. Non conosco la situazione a Milano, forse Gianmaria ci può illuminare.
Forse la scuola di Cremona in questo senso rilascia un documento più ufficiale credo.
Comunque personalmente mi piace il fatto che un liutaio si debba guadagnare certe credenziali su basi meritocratiche, credo sia giusto così.

Fra le altre visto che parliamo di formazione liutaria cito la scuola di artigianato artistico di centopievese e il bellissimo corso tenuto dai maestri Luca Primon e Dario Michelon con la collaborazione del C.F.P. di Trento.
Avatar utente
andreavezzoli
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 434
Iscritto il: lunedì 5 gennaio 2009, 0:00
Località: Franciacorta
Contatta:

Messaggio da andreavezzoli »

ma queste scuole sono legalmente riconosciute come ogni altra scuola professionale?
musicaclassica
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 35
Iscritto il: sabato 29 maggio 2010, 0:00

Messaggio da musicaclassica »

Ora l' I.P.I.A.L.L. Antonio Stradivari di Cremona e' diventato:


LICEO MUSICALE E COREUTICO


non vi ricorda qualcosa?
Avatar utente
Gianmaria
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 129
Iscritto il: domenica 11 ottobre 2009, 0:00
Località: Trento
Contatta:

Messaggio da Gianmaria »

io ho da poco finito il terzo anno della scuola di Milano, l'anno prossimo -ultimo- è improntato quasi esclusivamente su un tirocinio di 300 ore.
i diplomi (il primo dopo due anni -operatore liutario- ed il secondo alla fine del quarto -liutaio-) fino all'anno scorso avevano riconoscimento regionale, ora pare lo stiano perdendo, o comunque che stiano mantenendo solo il riconoscimento comunale, a causa di rivolgimenti e stravolgimenti di natura burocratica che conosco a malapena e di cui dunque non parlerò per evitare strafalcioni.
la scuola è a mio parere di buon livello, relativamente economica e piuttosto impegnativa, ma è garantito che se presa con il giusto atteggiamento contribuisce fortemente ad alimentare la passione per questo mestiere.
resta il fatto -e credo che Fabio sarà d'accordo con me- che una scuola non basta a formare appieno, che non è fondamentale e non assicura un posto nel mondo della liuteria, ma l'ho trovata determinante nel "primo approccio", nell'infarinatura teorica generale, nell'affrontare ed allenare la propria manualità ed il proprio gusto, soprattutto nell'imparare un corretto (o almeno pare a me) uso degli attrezzi del mestiere.

notte!
Gian
...perché le pupille, abituate a copiare, inventino mondi sui quali guardare...
Avatar utente
giovim
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 431
Iscritto il: domenica 29 agosto 2010, 0:00
Località: roma
Contatta:

Messaggio da giovim »

Gianmaria ha scritto:io ho da poco finito il terzo anno della scuola di Milano, l'anno prossimo -ultimo- è improntato quasi esclusivamente su un tirocinio di 300 ore.
i diplomi (il primo dopo due anni -operatore liutario- ed il secondo alla fine del quarto -liutaio-) fino all'anno scorso avevano riconoscimento regionale, ora pare lo stiano perdendo, o comunque che stiano mantenendo solo il riconoscimento comunale, a causa di rivolgimenti e stravolgimenti di natura burocratica che conosco a malapena e di cui dunque non parlerò per evitare strafalcioni.
la scuola è a mio parere di buon livello, relativamente economica e piuttosto impegnativa, ma è garantito che se presa con il giusto atteggiamento contribuisce fortemente ad alimentare la passione per questo mestiere.
resta il fatto -e credo che Fabio sarà d'accordo con me- che una scuola non basta a formare appieno, che non è fondamentale e non assicura un posto nel mondo della liuteria, ma l'ho trovata determinante nel "primo approccio", nell'infarinatura teorica generale, nell'affrontare ed allenare la propria manualità ed il proprio gusto, soprattutto nell'imparare un corretto (o almeno pare a me) uso degli attrezzi del mestiere.

notte!
Gian
son d'accordo con Gianmaria, io personalmente non ho frequentato una scuola di liuteria, ma mi ha insegnato mio padre che è autodidatta. ovviamente io ho imparato dai suoi errori e quindi sono stato avvantaggiato, diciamo che una scuola t'insegna come si fa, poi sta agli allievi ad imparare a fare e successivamente a entrare nel mondo del mercato dove non basta essere bravi, ma ci vogliono taaaante altre doti
il bello non è arrivare in cima, ma come ci si arriva
gutty
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 670
Iscritto il: giovedì 30 settembre 2010, 0:00
Contatta:

Messaggio da gutty »

giovim ha scritto:...son d'accordo con Gianmaria, io personalmente non ho frequentato una scuola di liuteria, ma mi ha insegnato mio padre che è autodidatta. ovviamente io ho imparato dai suoi errori e quindi sono stato avvantaggiato, diciamo che una scuola t'insegna come si fa, poi sta agli allievi ad imparare a fare e successivamente a entrare nel mondo del mercato dove non basta essere bravi, ma ci vogliono taaaante altre doti
se esiste un albo ufficiale non lo sò, però penso che anche l'autodidatta possa avere la possibilità di praticare la professione se ha le qualità per farlo.
Aggiungo che ci sono professioni che non necessariamente necessitano di un diploma, io faccio il cuoco ed ho frequentato regolari scuole professionali ma molti miei colleghi sono passati di ruolo gradino per gradino fino ad essere cuochi di ottimo livello
fabio1251
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 71
Iscritto il: mercoledì 26 gennaio 2011, 0:00

Re: esiste un diploma un liuteria?

Messaggio da fabio1251 »

andreavezzoli ha scritto: sareste d'accordo nell'istituire la laurea in "teoria e costruzione degli strumenti ad arco"?
No.
Se di laurea si parla, la parola "teoria" include anche il saper manipolare le scienze matematiche fisiche e naturali. :)
Rispondi