Mi presento :

Dedicato a chi si avvicina per la prima volta agli strumenti ad arco.
SaR
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 17
Iscritto il: lunedì 25 maggio 2009, 0:00
Località: Torino (Canavese)
Contatta:

Mi presento :

Messaggio da SaR »

Prima di tutto Salve a tutti,

Mi chiamo Antonio e da 3 mesi ho cominciato a interessarmi prima di violino
e necessariamente di musica.

Sin qua tutto normale se non fosse che ho 52 anni.
Lo stesso negoziante di liuteria ha perso un'occasione nel vendermi un violino
dato che sin da subito mi ha scoraggiato invitandomi a dedicarmi a qualcosa di "meno tecnico".

Ovviamente, dopo la mazzata psicologica e dopo una notte pensierosa,
son tornato all'attacco e in altra maniera mi son procurato un violino, di fabbrica,
ma a detta dell'insegnante del corso a cui mi sono iscritto,
giusto nel rapporto qualità/prezzo che è di 130€.

Il corso era giunto alla fine e ho potuto frequentare solo 3 lezioni.
La ripresa sarà in Settembre.
In questo momento son rimasto con gli esercizi sino a pag.8 del
Grande Metodo - Scuola Pratica del Violino - Parte Prima (Nicolas Laoureux)
Più altri esercizi in fotocopia.
Per questo periodo in cui non sarò seguito, mi son procurato anche
il Metodo di Violino Autodidatta (Angela Reitano) che al momento non ho utilizzato.

Antonio
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12202
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio »

Benvenuto e non scoraggiarti!
andante con fuoco
SaR
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 17
Iscritto il: lunedì 25 maggio 2009, 0:00
Località: Torino (Canavese)
Contatta:

Messaggio da SaR »

claudio ha scritto:Benvenuto e non scoraggiarti!
Maledetti temporali ... Black Out improvviso.

Grazie dell'incoraggiamento anche se avrai capito che non cederò facilmente.

Al momento mantengo il passo col programma e le aspettative.
Solo alcune perplessità che in mancanza dell'insegnante non trovano risposta.
Talvolta vado a ruota libera senza seguire gli esercizi che al momento
riguardano l'uso di 2 dita (indice e medio).
Note alla rinfusa con tutte le dita badando solo al suono pulito e uso dell'archetto.
Mi domando: E' contemplato l'uso del mignolo sulla IV corda (sol)? ...
Perché io ho serie difficoltà a raggiungerla. :roll:
Avatar utente
violino7
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 3403
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 »

SaR ha scritto: ...............

Grazie dell'incoraggiamento anche se avrai capito che non cederò facilmente.

Al momento mantengo il passo col programma e le aspettative.
Solo alcune perplessità che in mancanza dell'insegnante non trovano risposta.
Talvolta vado a ruota libera senza seguire gli esercizi che al momento
riguardano l'uso di 2 dita (indice e medio).
Note alla rinfusa con tutte le dita badando solo al suono pulito e uso dell'archetto.
Mi domando: E' contemplato l'uso del mignolo sulla IV corda (sol)? ...
Perché io ho serie difficoltà a raggiungerla. :roll:
Benvenuto! Io ho incominciato su per giù alla tua età e lo stimolo è stato l'ascolto della musica del violino. Era tanto bella che ho voluto cimentarmi e devo dire che da quel momento non mi sono più fermato perchè, lo vedrai, è una scoperta dietro l'altra, tutt'oggi!

Spero che anche tu sia spinto dagli stessi miei orizzonti musicali.

Per i quesiti che poni riguardo il mignolo sulla IV corda ti dico di provare senza indugiare troppo, per il momento fai un passo alla volta.

In questo momento non ci arrivi perchè gradualmente devi realizzare la giusta postura che ti permetterà di posizionare il braccio sinistro con il gomito incuneato in avanti tanto che la mano riesca di conseguenza ad avanzare meglio verso il SOL, ma c'è tempo! L'aiuto del tuo maestro è fondamentale.

Sappi solo che la tua mano e le tue dita possono arrivare ovunque sulla tastiera, ci vuole solo molto esercizio, pazienza, tempo, perseveranza e passione! :lol:

Ciao.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -
SaR
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 17
Iscritto il: lunedì 25 maggio 2009, 0:00
Località: Torino (Canavese)
Contatta:

Messaggio da SaR »

violino7 ha scritto:
[...]
Per i quesiti che poni riguardo il mignolo sulla IV corda ti dico di provare senza indugiare troppo, per il momento fai un passo alla volta.

In questo momento non ci arrivi perchè gradualmente devi realizzare la giusta postura che ti permetterà di posizionare il braccio sinistro con il gomito incuneato in avanti tanto che la mano riesca di conseguenza ad avanzare meglio verso il SOL, ma c'è tempo! L'aiuto del tuo maestro è fondamentale.

Sappi solo che la tua mano e le tue dita possono arrivare ovunque sulla tastiera, ci vuole solo molto esercizio, pazienza, tempo, perseveranza e passione! :lol:

Ciao.
Ciao Violino7,
Il mio ultimo stimolo (a cui non ho potuto resistere) è stato l'essermi imbattuto
nelle esecuzioni della soprano Emma Shapplin.

La tentazione di "buttarmi" c'era stata tante volte anche negli anni passati,
ma per via di impegni, principalmente di lavoro, ho sempre rimandata.
Ora ho maggiore libertà di gestire il tempo libero e da subito ho capito
quanto tempo prezioso ho buttato via.
Anche a me il violino ha sempre attratto ... da sempre.
Ecco il perché della scelta quasi "irragionevole" e che da subito, senza compromessi,
mi ha fatto dire "o questo o niente".

Grazie dell'info riguardo l'uso del mignolo sulla IV corda.
Il sapere che sono problemi noti, affrontati e risolti da altri,
infonde e libera nuove energie.
Un altro problema che mi ha fatto sentire sul bordo del burrone è stato scoprire
che mignolo e anulare sx non erano per niente indipendenti.
Muovere uno voleva dire muovere anche l'altro.
Ho cominciato a farmi una sorta di fisioterapia quasi al limite della distorsione.
Bloccavo un dito e lasciavo l'altro libero di muoversi.
per farla breve, i risultati si vedono e al momento, anche se non completa,
le due dita hanno indipendenza.

.......................................................

PS: Come mai nei miei messaggi non mi compare la Firma "Search&Rescue"?
Avatar utente
violino7
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 3403
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 »

Il tuo prossimo imminente dilemma che dovrai risolvere sarà quello di riuscire a divaricare le dita l'una dall'altra quanto serve a riempire un tono intero.
Te ne faccio una anticipazione per darti un'idea di come il violino sia coinvolgente.

Pensarai che non non ce la farai mai perchè magari hai la mano piccola e non è nella tua costituzione.

Invece è sbagliato! tutti possono articolare le dita nella maniera giusta con l'esercizio dovuto.
Guarda cosa sa fare Perlman con una mano piccola e le dita cicciute.

Riuscire a distanziare bene le dita significa arrivare sempre automaticamente all'intonazione giusta, altrimenti si rimane sempre corti nel suono! Al limite si pareggia poi con il movimento anche della mano, ed alla fine sei comunque diventato bravo perchè a questo punto........ a guidare le dita e la mano è il tuo orecchio!

Comunque sono cose per le quali serve del tempo, quindi...vai piano! :)
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -
_Ale_
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1040
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 0:00
Località: Mantova
Contatta:

Messaggio da _Ale_ »

se si spaventa a vedere un tono tra indice e medio sul violino, immagino che rimarrà sgomento nel vedere la posizione con la mano larga sul violoncello :lol: :lol:
cmq piano piano e con il costante esercizio si riescono a fare passi da gigante :D

contiua cosi!! :D
Vivi la vita come un viaggio ma non dire mai:'' Sono arrivato!''
Avatar utente
OldFossil
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 572
Iscritto il: giovedì 19 marzo 2009, 0:00
Località: Vigevano (PV)
Contatta:

Re: Mi presento :

Messaggio da OldFossil »

SaR ha scritto:Prima di tutto Salve a tutti,

Mi chiamo Antonio e da 3 mesi ho cominciato a interessarmi prima di violino
e necessariamente di musica.

Sin qua tutto normale se non fosse che ho 52 anni.
Lo stesso negoziante di liuteria ha perso un'occasione nel vendermi un violino
dato che sin da subito mi ha scoraggiato invitandomi a dedicarmi a qualcosa di "meno tecnico".

Ovviamente, dopo la mazzata psicologica e dopo una notte pensierosa,
son tornato all'attacco e in altra maniera mi son procurato un violino, di fabbrica,
ma a detta dell'insegnante del corso a cui mi sono iscritto,
giusto nel rapporto qualità/prezzo che è di 130€.

Il corso era giunto alla fine e ho potuto frequentare solo 3 lezioni.
La ripresa sarà in Settembre.
In questo momento son rimasto con gli esercizi sino a pag.8 del
Grande Metodo - Scuola Pratica del Violino - Parte Prima (Nicolas Laoureux)
Più altri esercizi in fotocopia.
Per questo periodo in cui non sarò seguito, mi son procurato anche
il Metodo di Violino Autodidatta (Angela Reitano) che al momento non ho utilizzato.

Antonio
Ciao,
se può esserti d'incoraggiamento, anch'io ho iniziato tardissimo alla tenera età di 40 anni suonati.
Il negoziante, oltre ad aver perso la possibilità di realizzare qualche guadagno, secondo me ha perso anche una grande occasione per tacere.
Il IV dito è effettivamente un problema abbastanza demoralizzante per i primi tempi, ma, come già anticipato da altri, l'esercizio costante e la passione avranno la meglio sulle difficoltà.
Il mio Maestro usa il metodo Curci e personalmente ho trovato di grande utilità acquistare la Guida allo studio del Curci (trovi la recensione nella sezione libri del Sito), alla quale è allegato un utilissimo CD che contiene l'esecuzione di tutti gli esercizi della prima parte della tecnica fondamentale del violino. Così durante il periodo di chiusura estiva della scuola ho la possibilità di ripassare gli esercizi verificando le intonazioni e, cosa secondo me divertentissima, di prodigarmi nei duetti anche senza la presenza fisica del secondo violino!

In bocca al lupo per tutto!
Avatar utente
monachicchio
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 149
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 0:00
Località: Ivrea (TO)
Contatta:

Messaggio da monachicchio »

Caio,sono anche io canavesana!E ho iniziato il violoncello a 55 anni!!!!!!e dopo nemmeno due anni ho le mie piccole soddisfazioni!L'età conta fino a un certo punto...
Dai che ce la fai!!!!!!!!!!!!!!
<img border="0" src="http://www.gifanimategratis.it/immagini ... 57%20a.gif" alt="L'immagine “http://www.gifanimategratis.it/immagini/GIF/an ... 20a.gifâ€￾ non può essere visualizzata poiché contiene degli errori."><strong>Alessandra</strong>
SaR
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 17
Iscritto il: lunedì 25 maggio 2009, 0:00
Località: Torino (Canavese)
Contatta:

Messaggio da SaR »

Grazie a tutti per "Non Mollare".

I crampi all'avambraccio e polso dolorante fanno meno male quando sono condivisi.

Continuerò a fare uso e abbuso del vostro consiglio e degli innumerevoli 3d aperti in questo sito.
A questo punto non vedo l'ora di riprendere le lezioni regolari di settembre e se dipendesse da me abolirei Luglio, Agosto e le vacanze estive per arrivarci prima.
:wink:
Avatar utente
SerJo68
Frequentatore
Frequentatore
Messaggi: 87
Iscritto il: lunedì 26 gennaio 2009, 0:00
Contatta:

Messaggio da SerJo68 »

SaR ha scritto:Grazie a tutti per "Non Mollare".

I crampi all'avambraccio e polso dolorante fanno meno male quando sono condivisi.

Continuerò a fare uso e abbuso del vostro consiglio e degli innumerevoli 3d aperti in questo sito.
A questo punto non vedo l'ora di riprendere le lezioni regolari di settembre e se dipendesse da me abolirei Luglio, Agosto e le vacanze estive per arrivarci prima.
:wink:
Scusa ma se hai i crampi al braccio io farei controllare la mia postura.

Devo dire che non condivido il terrorismo di chi consigli adi andare dal maestro paventando tendiniti o altro. IO ho impostato la mia posizione con l'ausilio di materiale autodidattico e poi il maestro ha confermato e corretto di pochissimo la mia postura.
Per persone come noi il volino e' una passione purtroppo secondaria, a cui dedichiamo circa un ora al giorno ( purtroppo ancora) non sara' mai la nostra ragione di vita. Il rischio corso da Shumann al tendine non sara' mai un nostro problema

IO mi stanco, faccio lo stretching consigiatomi dal maestro e non ho problemi, anche dopo due ore di esercizi. Adoro piu fare esercizi ripetitivi ed arrivare a perfezionare cavata e intonazione, piuttosto che lagnosi studiettiprivi di valore.

Ma se hai crampi vuol dire che stai davvero sbagliando qualcosa, fai male a te stesso e all' apprendimento. Pensaci
SaR
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 17
Iscritto il: lunedì 25 maggio 2009, 0:00
Località: Torino (Canavese)
Contatta:

Messaggio da SaR »

SerJo68 ha scritto: Scusa ma se hai i crampi al braccio io farei controllare la mia postura.

Devo dire che non condivido il terrorismo di chi consigli adi andare dal maestro paventando tendiniti o altro. IO ho impostato la mia posizione con l'ausilio di materiale autodidattico e poi il maestro ha confermato e corretto di pochissimo la mia postura.
Per persone come noi il volino e' una passione purtroppo secondaria, a cui dedichiamo circa un ora al giorno ( purtroppo ancora) non sara' mai la nostra ragione di vita. Il rischio corso da Shumann al tendine non sara' mai un nostro problema

IO mi stanco, faccio lo stretching consigiatomi dal maestro e non ho problemi, anche dopo due ore di esercizi. Adoro piu fare esercizi ripetitivi ed arrivare a perfezionare cavata e intonazione, piuttosto che lagnosi studiettiprivi di valore.

Ma se hai crampi vuol dire che stai davvero sbagliando qualcosa, fai male a te stesso e all' apprendimento. Pensaci
Beh, forse ho esagerato a parlare di veri e propri crampi.
Si tratta comunque di affaticamento e oltre non vado anche perché qui
ho già letto qualcosa a proposito dei guai a cui si va incontro.
Come detto, a 52 anni mi trovo con l'ossatura del braccio e sue giunture
ben assestate e riuscire a posizionare la mano in modo da poter
raggiungere più facilmente la IV corda col mignolo, mi obbliga
a forzature, ma che non vanno al momento oltre certi limiti.
Il tempo che gli dedico è di
15-30min al mattino
15-20min pausa pranzo
30-45min alla sera
I fine settimana riesco anche a raddoppiare i tempi.

L'impostazione me l'ha data la Prof. durante le prime 3 lezioni e a quella
mi attengo anche se talvolta cerco variazioni per trovarne una mia propria.
Anche io faccio stretching sia durante brevi interruzioni sia durante
tutta la giornata.
C'è da dire che se ho un lieve problema , è proprio al braccio dx 10cm
sotto la spalla esterna.
Lieve dolore sotto sforzo quando p.e. da seduto, mi alzo aiutandomi
con il braccio dx appoggiato sulla scrivania.
Ma ancora non ho capito se dipenda dal movimento per guidare
l'archetto o da altro.
A tal proposito faccio esercizi di rotazione della spalla e devo dire
che sin da subito mi han giovato.

OT: A questi problemi spalla/braccio sono particolarmente sensibile
e attento perché 2-3 anni fa (e non centra niente the violin) mi son ritrovato
con la spalla sx quasi completamente bloccata da non poter neanche mettere
il braccio sx dietro la schiena e toccarmi l'orecchio dx con la mano dello stesso braccio.
Probabilmente la causa fu il computer che mi portavo a tracolla in scooter.
Completamente guarito.
SaR
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 17
Iscritto il: lunedì 25 maggio 2009, 0:00
Località: Torino (Canavese)
Contatta:

Messaggio da SaR »

violino7 ha scritto: [...]
Guarda cosa sa fare Perlman con una mano piccola e le dita cicciute.

Riuscire a distanziare bene le dita significa arrivare sempre automaticamente all'intonazione giusta, altrimenti si rimane sempre corti nel suono! Al limite si pareggia poi con il movimento anche della mano, ed alla fine sei comunque diventato bravo perchè a questo punto........ a guidare le dita e la mano è il tuo orecchio!

Comunque sono cose per le quali serve del tempo, quindi...vai piano! :)
Si, ho visto cosa sa fare Perlman ... e mi son demoralizzato. :lol:
A 13 anni era già ben bravo.
_Ale_
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1040
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 0:00
Località: Mantova
Contatta:

Messaggio da _Ale_ »

è normale che il braccio destro faccia un pò male. capitava anche a me ,col violoncello, all'inizio, perchè non si è abituati a tenereil braccio alzato per diversi minuti infatti questo non rientra nei movimenti che si fanno solitamente. Vedrai vhe ti passerà, è solo questione di abitudine :D
Vivi la vita come un viaggio ma non dire mai:'' Sono arrivato!''
Avatar utente
violino7
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 3403
Iscritto il: martedì 9 gennaio 2007, 0:00
Località: Roma

Messaggio da violino7 »

SaR ha scritto: ............................
Si, ho visto cosa sa fare Perlman ... e mi son demoralizzato. :lol:
A 13 anni era già ben bravo.
Quando servono dei punti di riferimento bisogna sempre scegliere gli esempi migliori, per questo ti ho parlato di Itzhak Perlman.

Sono convinto che osservare gli altri aiuta moltissimo nella vita, se non altro, se non per spirito di emulazione (che sarebbe il massimo auspicabile!), quanto meno per l'ammirazione di quanto meglio si possa fare con un violino.

Sarebbe in sintonia con il mio autografo: la ricerca della bellezza! :wink:

Intendo la bellezza in senso molto ampio, se pensi solo che per me suonare il violino è un'attività spirituale, non manuale o meccanica, od almeno dovrebbe tendere ad esserla!

Perlman credo che incarni questo spirito ad ottimi livelli.
.
Ricercare sopra tutto due cose: la verità e la bellezza.

- Lino Santoro -
Rispondi