Pittura fantastica avente per oggetto il violino

Rispondi
aereo78
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 9 febbraio 2010, 0:00

Pittura fantastica avente per oggetto il violino

Messaggio da aereo78 »

Salve
sono un nuovo utente , porgo i miei saluti a tutti e mi sento orgoglioso di partecipare a questo forum fatto di artisti e di quanti sono affascinati dalla bellezza della buona musica.Sono un pensionato statale con un passato di pittore e violinista, non diplomato di conservatorio ,che ha iniziato lo studio del violino privatamente a 4 anni fino a circa11. Motivi familiari e una diminuzione di interesse mi hanno indotto alla scelta per gli studi liceali e universitari completati invece con soddisfazione. Dal primo giorno di pensione ho pensato di unire questi due hobby dando sfogo alla mia fantasia e creando 13 quadri a olio dove la forma del violino è utilizzata per riprodurre molti oggetti o personaggi della vita quotidiana.Ho voluto dimostrare insomma come la forma del violino abbia qualcosa di magico ,perchè ben si presta alla rappresentazione di situazioni e oggetti prodotti dall'uomo.
Vedrete n° 13 opere numerate in allegato con il commento e la relativa illustrazione del sottoscritto, presentati ad una mostra tenuta a Castellammare di Stabia (NA) nel 2017 e 2018 . Vi consiglio di stampare la seguente illustrazione per meglio comprendere il significato delle opere.
Spero di farvi trascorrere qualche minuto di spensieratezza e di gradita visione delle immagini.
Ciao a tutti


Commento dell’autore
Prefazione
Non avevo ancora compiuto quattro anni quando i miei genitori mi convinsero a intraprendere lo studio del violino con lezioni private a domicilio .Tutti i pomeriggi mi impegnavano dalle 16 alle 20 con faticosi e noiosi esercizi per ambedue le mani (vedi foto” Antonio e il maestro” ).
Con grande sacrificio ,anche perché non mi sentivo certamente un bambino prodigio del calibro di W.A. Mozart , continuai fino all’età di 12 anni quando decisi di smettere sia per motivi di famiglia sia di scuola che diventava sempre più impegnativa .
Ricordo sempre l’impegno di questi studi (lo studio del violino è molto faticoso e solo una grande passione fa superare le sue difficoltà ) e quando mi ritrovo un violino tra le mani ricordo immancabilmente il contatto sotto il mento , l’odore e il colore del vecchio legno d’abete e acero nonchè tutto il tempo trascorso insieme, come se fosse stato un mio piccolo compagno d’infanzia.
Negli anni successivi alla laurea, parallelamente ad occasionali esibizioni al violino, ho sempre sentito una particolare attrazione per la pittura figurativa ,soprattutto paesaggistica, e ho prodotto centinaia di opere riscuotendo riconoscimenti in alcune mostre collettive organizzate in paesi vesuviani.
Oggi, da pensionato, ho ritenuto opportuno abbinare queste due esperienze pensando a questa personale per poter sbizzarrire la mia fantasia su un terreno molto fertile, che solo il violino mi poteva dare.
La sua forma sembra avere qualcosa di magico . Al di là della pregevolezza sonora dello strumento, il violino si presta con fantasia a entrare in molteplici attività dell’uomo.
In molte opere potrete osservare sullo sfondo lo spettro dei colori visibili all’uomo, che vanno dal rosso al viola. E’ una caratteristica delle mie opere che compare solo quando il violino suona .I colori che si estendono a raggiera dallo strumento rappresentano la musica che si propaga in tutte le direzioni .
Qui ogni colore sostituisce una nota, avendo ambedue analoga natura ondulatoria .
Come ogni nota è caratterizzata da una sua frequenza di propagazione di un’onda sonora, così ogni colore ha una sua frequenza di un’onda luminosa.


Illustrazione delle opere
1) Il violino appare aperto con la parte superiore, detta tavola armonica , quella laterale ,detta fasce ,e quella inferiore, detta tavola di fondo. Al centro compare un bastoncino di legno, detto anima, tenuto a pressione, senza incastro o incollaggio, tra le due tavole come elemento di trasmissione delle vibrazioni del suono.
Questi si origina dallo strofinio dell’arco sulle corde , che tramite il ponticello trasmettono le vibrazioni alla tavola armonica facendola oscillare. Grazie poi alla interposizione del l’anima posta all’interno dello strumento le vibrazioni fanno oscillare anche la tavola di fondo .
Le due tavole mettono in movimento l’aria interna del violino producendo onde che si sovrappongono e si amplificano all’interno della cassa originando il suono. Questo fenomeno fisico, detto risonanza, si origina perchè le frequenze di eccitazione delle corde sono pari o multiple delle frequenze proprie di oscillazione del violino.
Se non ci fosse l’anima lo strumento non suonerebbe e sarebbe morto, appunto un corpo senz’anima. E’ il caso di ricordare una frase di Cicerone:” Una vita senza musica è come un corpo senz’anima”
Durante la produzione del suono il violino si comporta come un polmone che inspira ed espira aria attraverso le due aperture a forma di effe della tavola armonica.
Nel quadro la musica è rappresentata con uno spettro di colori .Essa si origina per la presenza dell’anima che è il cuore del violino, perciò i colori fuoriescono come raggi da uno stesso centro ubicato sull’anima.
Da notare che il violino poggia su uno spartito musicale a forma di tappeto volante perché la musica lo porterà in ogni luogo abitato dall’uomo. Sono presenti infine anche altri accessori dello strumento : l’arco, la custodia e il leggio .
2) E’ il Violino Shuttle dove il violino bianco sostituisce la navicella spaziale. I tre serbatoi della navicella sono sostituiti dalla custodia e da due archetti bianchi, mentre la struttura metallica di appoggio è rappresentata dal leggio . Al posto degli astronauti uno spartito musicale entra nel violino che sarà lanciato verso luoghi interplanetari rappresentati dallo squarcio lunare. Sotto il violino 2 pezzi di colofonia in due panni di velluto azzurro sostituiscono gli ugelli della navicella; il tutto poggia sulla piattaforma di lancio , chiaramente ambientata in una base della Nasa.
3) E’ Il Violino Veliero molto simile a una caravella. Gli alberi sono rappresentati da tre archetti bianchi e le vele da spartiti musicali. Da notare che le corde del violino non sono tese in orizzontale ma collegano come sartie gli alberi al veliero. Anche qui la musica trasporterà lo strumento verso nuovi lidi.
4) Qui la musica prende le sembianze di una bella donna che, per uscire dallo strumento, deve sfasciare il contrabbasso . Porta a tracolla la fascia di miss ,segnata da note musicali; non può che essere “Miss Musica”.
5) E’ il Violino Uccello . Il violino è sotto le luci di un palcoscenico e appare come un uccello che sulle ali della musica porterà in aria il suo suono. Dietro al violino sono appena visibili le estremità dell’archetto che rappresentano la testa e le zampe dell’animale.
6) Non poteva mancare l’affondamento del Titanic dove alcuni violini partecipano alla tragedia che si sta consumando. Quella orchestrina d’archi ha suonato fino all’inverosimile per tentare di estraniarsi dalla incombente tragedia e vivere il meno possibile il panico. Gli strumenti , essendo leggeri, sono tra i primi a salire a galla prima di riempirsi d’acqua. Appaiono spaccati e scuri e dall’interno fuoriesce dell’acqua marina che sembra lacrimare partecipando al dolore dell’inevitabile sciagura.
7) E’ ritratto il giovane violinista tedesco David Garrett , attualmente famoso per la sua maestria sia per tecnica sia per le sue originalissime interpretazioni di brani di musica classica e leggera. A lui va il merito di aver saputo avvicinare la musica classica a quella rock calamitando soprattutto l’attenzione di molti giovani d’oggi, in verità poco sensibili al fascino di questo strumento.
E’ ritratto con un immaginario violino elettrico a forma di arco. Lui dirige l’archetto come una freccia verso il suo bersaglio dove appare al centro il cuore di una donna. Infatti le sue interpretazioni melodiche sono così accattivanti da sembrare un vero cupìdo.
8) E’ il grande Niccolò Paganini, violinista famoso per le sue doti tecniche , propiziate anche dalla forma delle sue dita molto allungate e deformi, tali da sembrare zampe di ragno. Potevano muoversi lungo le dodici posizioni della tastiera con una tale forza e velocità da incutere nel pubblico il sospetto che la sua musica nascondesse qualcosa di diabolico. Spesso rompeva le corde e continuava il concerto sulle rimanenti. Qui è ritratto mentre rompe tre corde e continua a suonare sulla quarta. Questa è e sarà per i posteri una grande leggenda .
9) Il violino è suonato da un Vecchio Barbone in compagnia del suo cane che contribuisce a raccogliere l’elemosina. Qui il violino diventa l’unico mezzo di sostentamento contro la miseria.
10) Il Violino Donna dove la forma del violino è molto simile a quella di una donna .Da notare che la tastiera è sostituita da una delle trecce e il riccio da un fermacapelli. Le due effe e il ponticello sono raffigurati sotto forma di tatuaggi, mentre la cordiera è sostituita dallo slippino nero.
11) Il Violino Ferrari F1 ,qui la forma del violino si sposa molto bene con quella di un’auto della Ferrari di formula 1.Il colore è un rosso scuro, tipico di alcuni vecchi violini. Il riccio e i piroli dello strumento sono assimilabili all’avantreno dell’auto dove il pirolo anteriore è uno spoiler e quello posteriore una delle ruote.
La scocca è molto simile alla cassa dello strumento soprattutto per l’allungamento della tastiera. La ruota posteriore con ammortizzatori è simile alla spalliera e la mentoniera allo spoiler posteriore. Il ponticello delle corde sostituisce la barra d’acciaio di protezione del pilota ,che compariva su alcune Ferrari di pochi anni fa.
12) Il Violino Gigante ; è ritratta una chiesa la cui facciata ha la forma facilmente riconoscibile di un violino – alto oltre 37 metri – sormontato da una croce. La chiesa è stata costruita in una città cinese della provincia del Guangdong . La motivazione del reverendo Yu Qing, guida della comunità cristiana, è la seguente:
- “il violino è uno strumento che richiede molto esercizio per suonarlo bene .Lo stesso vale per la vita di una comunità cristiana: abbiamo bisogno di imparare ed esercitarci continuamente”
- “i violini sono un pilastro della moderna musica sinfonica e allora chiediamoci che cosa vuole rappresentare questa chiesa per l’intera società del Guangdong”.
- “un violino è composto da ben 70 sezioni; e settanta è un numero che ci rimanda al 7 della pienezza biblica”
13) Nota Sexy; è il violino messo a nudo come una bella donna .E’ la nota sexy della mostra.
Compare completamente spogliato di tutte le sue parti e accessori. In basso a sinistra è raffigurata la colofonia (pece greca) che si strofina sull’arco prima di ogni esibizione con il duplice scopo di aumentare la sua aderenza sulle corde e di ridurre l’usura dei crini bianchi dell’arco.
14) Esposizione di 2 violini di fabbrica decorati con applicazione di intarsi sorrentini che gli conferiscono effetti cromatici molto particolari e di 1 antichizzato.

E’ il caso di riportare una frase di Platone che riassume molto bene il messaggio pittorico-musicale insito in queste opere:
“La musica è una legge morale: essa dà un’anima all’universo, le ali al pensiero, uno slancio all’immaginazione, un fascino alla tristezza, un impulso alla gaiezza e la vita a tutte le cose”
Allegati
4.JPG
3.JPG
2.JPG
1.JPG

aereo78
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 9 febbraio 2010, 0:00

Re: Pittura fantastica avente per oggetto il violino

Messaggio da aereo78 »

.....continua
Allegati
10.JPG
9.JPG
8.JPG
7.JPG
6.JPG

aereo78
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 9 febbraio 2010, 0:00

Re: Pittura fantastica avente per oggetto il violino

Messaggio da aereo78 »

......fine
Allegati
13.JPG
12.JPG
11.JPG

aereo78
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 9 febbraio 2010, 0:00

Re: Pittura fantastica avente per oggetto il violino

Messaggio da aereo78 »

....
Allegati
5.JPG

Rispondi