Rigidezza...

da Bach a Kodaly, uno strumento di incredibile bellezza.
Rispondi
nonsosuonare
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 16 luglio 2007, 0:00

Rigidezza...

Messaggio da nonsosuonare »

Buongiorni a tutti,
come spiegato nel topic "Sono de coccio...." :lol: :lol:
sto in un periodo incasinato... ma talmente incasinato che mercoledì scorso quando l'insegannte mi ha fatto "suonare" un'esercizio è rimasta allibita dalla rigidezza che avevo nell'arco e nella mano sinistra e mi ha retrocesso da pagian 41 a pagina 6 del libro!!! :oops: :oops: :oops:
Provando a rifare gli esercizi di pagina 6 (che eran o i primi dell'altr'anno!!!!) ho visto che sto molto + rilassato e comunque riesco a rendermi meglio conto di quello che non và. Allora il mio dubbio è il seguente; non è per caso che mi lascio condizionere troppo dalla difficoltà dei nuovi esercizi di quest'anno e quindi non sono sereno?
(Ovviamente sono difficili x me ma sicuramente se li vedeste direste che sono delle str...!!!). Come si può soperare l'ansia da "esercizio difficile"? L'insegnante mi ha detto che secondo lei sto combattendo una guerra personale con l'esercizio. Vinco io o vince lui? Ovviamente vince SEMPRE lui!!! :? :? Capita anche a voi di suonare, diciamo così, in maniera peggiore rispetto al solito quando avete un brano + difficile? (Questa è una domanda per i non professionisti chiamente, ma possono rispondere tutti! :) )
giulio1103
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 170
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 0:00
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da giulio1103 »

ciao .....................eccoti arrivato dove molto spesso sono anche io.

a me capita di suonare decisamante peggio davanti al mestro che non acasa..............e pensare che non sono uno che non sa afforntare .....anche un platea ..........a volte

in ogni caso sì capita anche a me di arrivare da lui convinto di 'spaccare il mondo ' di 'meravilgiarlo con i famosi effetti speciali' e lui, candidamante dopo le prima note mi dice: "ferma ferma .....non ci siamo. non ci siamo per niente! "
e io ricaso nel mio 'picoclo mondo di apprendista!...........un po' pasticcione e molto stonato ! per non parlare del ritmo .........

credo che sia normale : la lezione è almeno in parte un po' come un esame o una interrogazione , io sono preso dalla volgia di dimostrare il 'tecnicismo' che credo di aver imparato e dimentico il resto ( d'altra parte una cosa alla vota per noi apprendisti !)
nonsosuonare
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 16 luglio 2007, 0:00

Messaggio da nonsosuonare »

giulio1103 ha scritto:a me capita di suonare decisamante peggio davanti al mestro che non acasa..............
Bene (si fa xdire :!: :!: ) Giulio, hai messo la lingua dove il dente duole... anche a me succede che quando sto davanti all'insegnante faccio peggio che a casa!!! Evvaiiiii :!: :!: :!: :!: :) :) :) :) :) Complichiamoci la vita noi apprendisti... tanto il violoncello è semplice da suonare, vero :?: :?: 8O 8O
_Ale_
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1040
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 0:00
Località: Mantova
Contatta:

Messaggio da _Ale_ »

nonsosuonare ha detto:
tanto il violoncello è semplice da suonare, vero

Cosaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!? :twisted: :twisted: :twisted:

ti assicuro che non è affatto così e ripetiamo per l'ennesima volta che non ci sono strumenti facili o difficili, ognino ha le sue difficoltà( e ogni strumento ne ha paaarecchie)

capito?!? :twisted: :lol: :lol:
Vivi la vita come un viaggio ma non dire mai:'' Sono arrivato!''
sumire
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 179
Iscritto il: sabato 13 ottobre 2007, 0:00
Località: Parma (provincia)

Messaggio da sumire »

Ah, queste giovani generazioni che non comprendono le gioie del sarcasmo... :wink:
"The violinist is that peculiarly human phenomenon distilled to a rare potency - half tiger, half poet." - Yehudi Menuhin
Avatar utente
monachicchio
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 149
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 0:00
Località: Ivrea (TO)
Contatta:

Messaggio da monachicchio »

Concordo con Nonsosuonare!!!
Anche io"non so suonare... :lol: " ma comunque vado un poco meglio coi brani che sento + facili,per cui mi sento più sicura,sto + rilassata ecc.mentre se già penso che il brano è difficile...addio!!
Ragazzi ,a volte anche solo se la pro mi dice: bene...subito mi impallo.....figuratevi se dice :male!! :?
<img border="0" src="http://www.gifanimategratis.it/immagini ... 57%20a.gif" alt="L'immagine “http://www.gifanimategratis.it/immagini/GIF/an ... 20a.gifâ€￾ non può essere visualizzata poiché contiene degli errori."><strong>Alessandra</strong>
giulio1103
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 170
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 0:00
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da giulio1103 »

il punto per me è sopratutto quello che io riesco a fare una cosa nuova e diffile alla volta ( una alla volta se non non mi sento sicuro)

una cosa alla volta:
o sto attento alla 'tecnica' del movimento delle dita della mano sx , o al buon movimento dell'arco, o ancora all'intonazione o alle altri mille e mille cosette che occorre tenre presente , non ultimo la 'lettura della spartito!

insomma .............una cosa alla volta !
Avatar utente
pupazza
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 312
Iscritto il: mercoledì 17 gennaio 2007, 0:00
Località: Barletta

Messaggio da pupazza »

Ragazzi è normale che all'inizio dovete tenere a mente troppe cose (intonazione, arco, posizione, tempo...) e questo vi sembra difficile! Con lo studio le cose miglioreranno...e questo è il nodo da sciogliere: studiate una battuta fino alla nausea, fate le scale allo specchio e state calmi a lezione.Anche io prima "me la prendevo a male" - espressione pugliese- se mi ridavano da fare un esercizio, poi ho capito che se nn faccio benissimo determinate cose non potrò fare roba più tosta, e io voglio suonarle certe cose bellissime e difficilissime ! Ci vuole molta tenacia e faccia tosta da vendere!
La meta del musicista deve essere sintesi di estasi e ragione. (cit. nn ricordo di chi...)
_Ale_
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1040
Iscritto il: sabato 5 luglio 2008, 0:00
Località: Mantova
Contatta:

Messaggio da _Ale_ »

sumire ha scritto:Ah, queste giovani generazioni che non comprendono le gioie del sarcasmo... :wink:
ma si, l'avevo capita la battuta :D :D
''a so mia dur'' (risposta in dialetto mantovano (''non sono mica duro'') )
:lol:
Vivi la vita come un viaggio ma non dire mai:'' Sono arrivato!''
giulio1103
Utente Attivo
Utente Attivo
Messaggi: 170
Iscritto il: venerdì 14 marzo 2008, 0:00
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da giulio1103 »

io che sono un superficialotto ( laureato in fisica teorica, ho fatto tante cose differenti, dalla roccia alla vela, dallo scrivere romanzi gialli al tenere lezioni in Bocconi , dal ............al............ e questa multidisciplinarità si porta dietro una certa inevitabile superficialità ) credo di aver capito una cosa dallo studio del nostro strumento, oltre al fatto che adesso quando ascolto un brano lo ascolto con una profondità molto maggiore :
LA MUSICA OCCORRE FARLA AL MASSIMO GRADO DI PRECISIONE ( non si può pensare di suonare un brano , per facile che possa essere, in modo approssimativo) NON FOSS'ALTRO PERCHè L'AUTO RE L'HA SCRITTO IN UN CERTO MODO E SE IO LO VOLGIO SUONARE LO DEVO FARE COME L'AUTORE LO HA SCRITTO............ ( senza inventarmi nulla ......)
ma per fare questo occorre NON essere superficiali
e questo insegnamanto mi sta serevendo ( anche alla mia tenera età) nella vita
e direi che NON è poco....................
Rispondi