Evviva la pasta per piroli

Dedicato a chi si avvicina per la prima volta agli strumenti ad arco.
Rispondi
Avatar utente
OldFossil
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 572
Iscritto il: giovedì 19 marzo 2009, 0:00
Località: Vigevano (PV)
Contatta:

Evviva la pasta per piroli

Messaggio da OldFossil »

Approfitto di questo primo post per salutare tutti i membri del Forum e per ringraziarvi dei preziosi consigli che vi si possono trovare.
Grazie alla pasta per piroli sono riuscito a rendere il mio cinesino in grado di mantenere l'accordatura per lungo tempo e renderla anche molto più agevole di prima, avendone eliminato i fastidiosi stacchi improvvisi che impedivano di fatto il tensionamento preciso delle corde.
Inoltre l'esecuzione di questa piccola opera di manutenzione mi ha permesso di prendere un pò di confidenza in più col mio strumento.

Ora posso affrontare le mie prime lezioni con molta più tranquillità!



Ciao a tutti!

PS: consigliereste l'applicazione della pasta ogni volta che si cambiano le corde?
Avatar utente
edi
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 2173
Iscritto il: venerdì 30 novembre 2007, 0:00
Località: Fulginium ac Vacium
Contatta:

Messaggio da edi »

Se è per evitare gli scatti specialmente durante l'accordatura, la pasta va benissimo, ma se il problema è anche quello di mantenere fermo il pirolo, di non farlo scorrere quando non deve, a me sembra funzioni meglio il vecchio metodo con gesso e sapone :)
Avatar utente
OldFossil
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 572
Iscritto il: giovedì 19 marzo 2009, 0:00
Località: Vigevano (PV)
Contatta:

Messaggio da OldFossil »

Anch'io, leggendo i vari interventi sulla pasta avevo inteso che il suo principale beneficio fosse quello di rendere i movimenti del pirolo più fluidi, ma, dopo l'applicazione mi sono reso conto che ne aumentava anche la stabilità in tenuta dell'accordatura. Probabilmente l'uso di sapone e gesso migliora la tenuta in modo più rilevante...ma ipotizzo che questi due ingredienti possano essere presenti nella sua ricetta.

Qualche Liutaio esperto conosce la composizione della pasta per piroli? Oppure è un segreto per adepti?

Ciao!
Avatar utente
edi
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 2173
Iscritto il: venerdì 30 novembre 2007, 0:00
Località: Fulginium ac Vacium
Contatta:

Messaggio da edi »

Si dovrebbe trattare di una miscela di cere.
Avatar utente
violet24
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 0:00

Messaggio da violet24 »

Ciao a tutti!
Ho iniziato a suonare(o meglio a tentare di suonare)il violino da nemmeno una settimana; martedì ho avuto la prima lezione di conoscenza con l'insegnante e poi mi sono comprata un cinesino però ho delle difficoltà ad accordarlo perchè quando raggiungo l'accordatura subito dopo il pirolo fa almeno mezzo giro da solo..Secondo voi questa pasta per piroli potrebbe fare al caso mio?E se si come devo metterla?
Grazie, ciao
Avatar utente
cryp
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 452
Iscritto il: mercoledì 11 giugno 2008, 0:00

Messaggio da cryp »

Il mezzo giro lo fa perché mentre accordi devi spingere con forza il pirolo, in modo da far fare attrito al legno...

all'inizio, specialmente con i cinesini, è meglio accordfare i piroli senza imbracciare lo strumento...

poi con strumenti più degni ci si può permettere di accordare a strumento imbracciato ^^
La musica è intorno a noi, non bisogna fare altro che ascoltarla.. (August Rush)
Avatar utente
neuma
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1536
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 0:00
Località: Piemonte
Contatta:

Messaggio da neuma »

Prima di usare la pasta, prova a spingere più in dentro il pirolo mentre lo ruoti. Essendo conico, questo potrebbe essere sufficiente perchè sia in grado di regegre la trazione della corda.
La pasta va usata solo quando effettivamente necessario (talvolta può risultare utile anche l'uso limitato di grafite, oppure all'opposto polvere di gesso, a seconda del tipo di problema) sfilando la corda dal pirolo, estraendo il pirolo stesso dalla sua sede, passando la pasta sul cono del pirolo e reinserendolo, ruotandolo avanti e indietro più volte per distribuirlo uniformemente.
In ogni caso, sempre meglio fare riferimento al porprio insegnante, quando non si è sicuri in materia
Avatar utente
Porthos
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 1601
Iscritto il: martedì 4 luglio 2006, 0:00
Contatta:

Messaggio da Porthos »

Neuma dice bene. Con l'aggravante che nei cinesini il foro per il pirolo non è (come ogni altra cosa) ben rifinito, quindi c'è bisogno di un po' di tempo perchè la sede si schiacci un po'e, con un po' di fortuna, si renda uniforme. Il pirolo no, perchè è di plastica.
Avatar utente
violet24
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 0:00

Messaggio da violet24 »

Va bene, allora proverò a spingere più in dentro il pirolo(è che avevo paura di romperlo..)ed eventualmente prima di provare con la pasta aspetterò di sentire cosa ne pensa la mia insegnante..Per evitare di far danni dato che sono molto poco sicura in materia.. :lol: :roll: :lol:
Grazie a tutti per le risposte...
Avatar utente
OldFossil
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 572
Iscritto il: giovedì 19 marzo 2009, 0:00
Località: Vigevano (PV)
Contatta:

Messaggio da OldFossil »

violet24 ha scritto:Va bene, allora proverò a spingere più in dentro il pirolo(è che avevo paura di romperlo..)ed eventualmente prima di provare con la pasta aspetterò di sentire cosa ne pensa la mia insegnante..Per evitare di far danni dato che sono molto poco sicura in materia.. :lol: :roll: :lol:
Grazie a tutti per le risposte...
Ciao,
nel mio caso i piroli sono di legno, pur trattandosi di uno strumento cinese, e oltre a procedere come suggerito dai più esperti, ho anche eseguito una minima operazione di carteggiatura delle parti che a causa della compressione e del continuo sfregamento in accordatura avevano acquisito una finitura lucida. Dopo aver ripristinato la finitura opaca con la carta vetrata finissima ho applicato un pò di pasta e la cosa si è rivelata davvero efficace sia per la scorrevolezza che per la tenuta.
Avatar utente
edi
Utente Esperto II
Utente Esperto II
Messaggi: 2173
Iscritto il: venerdì 30 novembre 2007, 0:00
Località: Fulginium ac Vacium
Contatta:

Messaggio da edi »

OldFossil ha scritto: nel mio caso i piroli sono di legno, pur trattandosi di uno strumento cinese, e oltre a procedere come suggerito dai più esperti, ho anche eseguito una minima operazione di carteggiatura delle parti che a causa della compressione e del continuo sfregamento in accordatura avevano acquisito una finitura lucida. Dopo aver ripristinato la finitura opaca con la carta vetrata finissima ho applicato un pò di pasta e la cosa si è rivelata davvero efficace sia per la scorrevolezza che per la tenuta.
Attenzione, questo è meglio lasciarlo fare ad un liutaio molto molto raramente valutandone l'eventuale necessità, altrimentisi rischia di compromettere la funzionalità del pirolo deformandolo ed assottigliandolo.
Avatar utente
OldFossil
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 572
Iscritto il: giovedì 19 marzo 2009, 0:00
Località: Vigevano (PV)
Contatta:

Messaggio da OldFossil »

Anch'io avevo paura delle conseguenze di cui parli, difatti mi sono limitato ad una serie di passate leggerissime, giusto per eliminare la fascia lucida che si era formata a causa di compressione e sfregamento, proprio per non rischiare di deformare il pirolo. D'altra parte ero giunto ad un livello di ingestibilità dell'accordatura che è stato necessario fare questa operazione (che mi è stata suggerita da un liutaio, con tutte le precauzioni del caso).

Grazie per i consigli!
Rispondi